Home » Speciali » 45 cose da sapere su Warcraft – L’Inizio di Duncan Jones

45 cose da sapere su Warcraft – L’Inizio di Duncan Jones

di

Il regista porta sul grande schermo uno dei videogiochi fantasy più amati e di successo di sempre. Siete pronti per incontrare umani e orchi in un emozionante viaggio su Azeroth?

Con l’adattamento cinematografico dell popolare videogioco World of Warcraft finalmente in procinto di arrivare nelle nostre sale dall’1 giugno, sono senza dubbio molte le domande sull’adattamento di questo MMORPG. Il regista di Moon e Source Code Duncan Jones ha co-scritto e diretto Warcraft – L’inizio, che si propone di raccontare una storia in cui non vi è una netta separazione tra buoni e cattivi. Piuttosto, il film si concentra allo stesso modo su gli esseri umani e sugli orchi, con una tecnologia all’avanguardia che porta in vita questi ultimi grazie a una motion capture strabiliante.

La storia è ambientata nel pacifico regno di Azeroth, dove vivono gli esseri umani. Quando i guerrieri orchi fuggono dal loro mondo morente alla ricerca di una nuova colonia, arrivando quivi attraverso un portale, scoppia un conflitto che deciderà il destino di entrambe le parti in modo spettacolare.

Di seguito le 45 cose da sapere prima di vedere Warcraft – L’inizio:

  1. warcraft l'inizio locandinaIn termini di tono e VFX, il film può essere descritto come un incontro tra Avatar e Il Trono di Spade.
  2. Le armature erano così pesanti che gli attori hanno dovuto ricorrere a delle scale per salire sui loro cavalli.
  3. Del cast principale, Rob Kazinsky è l’unico che aveva giocato a World of Warcraft.
  4. Jones ha riempito il film di Easter Eggs per i fan, tra cui uno per Sam Raimi, che inizialmente era stato indicato per la regia.
  5. Quando è subentrato Jones alla direzione del film, si è ritrovato uno script già esistente di Charles Levitt, ma ha comunque voluto aggiungere un twist: voleva che la storia rimanesse perfettamente bilanciata tra orchi e umani e non fosse solo umano-centrica.
  6. warcraft film 3Il designer della Blizzard Chris Metzen è stato consultato per il film, e ha offerto il suo contributo per le scenografie. Alcuni dei concept artist della Blizzard hanno lavorato insieme ai loro omologhi della pellicola per la creazione dei mondi fantastici. Hanno anche aiutato a progettare le armi.
  7. Tutti loro hanno dovuto far coesistere, in un difficile equilibrio, l’essere fedeli ai fan del gioco e di essere accessibili alle persone che invece non sanno nulla di World of Warcraft.
  8. warcraft 4Quando Rob Kazinsky è entrato la prima volta nella sala del trono, si è commosso.
  9. Kazinsky ha oltre 400 giorni di gioco tra i suoi vari personaggi e ha più volte chiesto alla Blizzard di ottenere degli oggetti di gioco. Le sue richieste sono sempre state rifiutate.
  10. Per il team che ha girato il film, non si è mai trattato di realizzare un videogioco su pellicola, ma di creare un buon film che si reggesse da solo in quanto tale.
  11. Affronta tematiche come il nazionalismo, in quanto gli orchi lasciano la loro terra morente di Draenor e si spingono verso Azeroth – luogo dove vivono gli esseri umani – in cerca di una nuova casa.
  12. warcraft 5Per tutta la durata dl film, assistiamo a un conflitto tra Medivh, Lothar e Re Llane.
  13. Sono presenti i nani.
  14. Lothar ha un animale domestico e un figlio;
  15. E’ stato creato un programma chiamato Haircraft per affrontare la difficilifficilissima realizzazione delle acconciature digitali degli orchi.
  16. Non è presente un un personaggio centrale o preponderante dei Murloc.
  17. Il film permette al pubblico di relazionarsi allo stesso modo sia a Lothar che a Durotan;
  18. warcraft-movie-image1-600x249Inizialmente hanno cercato di trovare luoghi realmente esistenti per i boschi e i campi, ma poi si è deciso che il mondo di Warcraft avesse un elemento iper-reale che poteva essere catturato soltanto in un teatro di posa attraverso un mix di Practical Effects e CGI. Sono stati impiegati solo 2 giorni di riprese in location reali in tutta la produzione.
  19. Una delle idee iniziali di Jones e del produttore Stuart Fenegan era che gli orchi dovessero essere creati in CGI, per poter competere con opere come Il Pianeta delle Scimmie e Il Signore degli Anelli.
  20. Toby Kebbell ha assimilato la motion-capture al giocare al videogame Titanfall.
  21. warcraft-garona-paula-patton-600x249L’Ogrim di Kazinsky e il Durotan di Kebbell sono paragonabili a Butch Cassidy e Sundance Kid e sono stati migliori amici fin da quando erano bambini.
  22. Alcune sequenze mostrano la Woodforest, il Lion’s Pride, Karazhan e la Blackrock Mountain.
  23. Quello della Elwynn Forest è stato uno dei set più grandi e meticolosamente rifiniti dell’intera produzione, alto oltre 60 metri e grande 30. Ogni singola foglia è stata dipinta a mano.
  24. Il reparto di progettazione comprendeva persone dedicate a setacciare il videogioco per raccogliere elementi da includere nel film.
  25. warcraft 9Ogni set è un omaggio al videogioco.
  26. Sono stati impiegati svariati cavalli veri, guidati davvero al galoppo nel set della Elywnn Forest.
  27. Kazinsky ha dichiarato che, qualora il film avesse successo e ottenesse un sequel, la storia è già scritta, perché sarà tutta nella tradizione del gioco.
  28. Un personaggio del film – un golem – è stato realmente progettato da un artista in Slovenia. Duncan Jones ha visto la sua progettazione on-line, l’ha scelto e lo ha utilizzato nella pellicola.
  29. Il Doomhammer è per la maggior parte del tempo in CGI, ma moltissime delle armi sia degli esseri umani che degli orchi sono vere.
  30. warcraft inizioLa Weta ha ideato armi e armature, che spaziano dalle pistole per i Nani ai martelli giganti.
  31. I costumi degli orchi sono stati realizzati interamente dal vero, prima di essere sottoposto alla scansione al computer.
  32. Il set dell’armeria è stato riutilizzato per quello della prigione, usando solo 8 giorni per il processo.
  33. Data la grande quantità di cavalli sul set e che alcuni animali venivano spaventati dai rumori forti, per mantenere un certo ordine, sono stati utilizzati tamponi come tappi per le orecchie.
  34. warcraft 12I cavalli sono stati poi digitalizzati in modo che potessero avere armature progettate su misura.
  35. Le scene di battaglia hanno un sapore alla Salvate il soldato Ryan. Non sono state stilizzati, ma girate come se fossero reali.
  36. Hanno cercato di mantenere l’anatomia delle razze del gioco, cercando poi di trovare il modo di visualizzare come avrebbero potuto apparire i personaggi, se fossero stati reali.
  37. Gli attori hanno avuto un “motion coach” per conoscere le proporzioni dei loro corpi. Hanno costruito dei set enormi con porte gigantesche per gli orchi.
  38. Poichè sono stati in grado di realizzare in mo-cap i volti, hanno dovuto animare altre cose come il movimento delle zanne, le pieghe del collo, la respirazione, ecc…
  39. warcraft l'inizioJones ha affermato che è presente la spettacolarità di uno spaghetti western: “C’è molto [Sergio] Leone nascosto“.
  40. Il regista ha lavorato su questo film per tre anni e mezzo.
  41. Alcuni degli attori/orchi hanno indossato apparecchi dentali invisiline per poter rendere realistici i movimenti di una bocca contenente zanne giganti.
  42. Sono stati creati oltre 100 diversi orchi.
  43. warcraft 16Draka (Anna Galvin) è stato l’orco più impegnativo perché è la più vicina all’essere umano ed è molto empatica.
  44. Ci sono 4 clan degli orchi: Bleeding Hollow, Laughing Skull, Frostwolf e Blackrock e ognuno hai suoi colori e vessilli.
  45. Jones ha progettato la veste di Gul’Dan e ha scherzato sul fatto che è stata la prima e l’ultima volta che si è occupato di costume design.

Qui sotto il trailer ufficiale italiano di Warcraft – L’inizio:

Speciale

Dossier | Oltre il Tempo: i molti futuri del 1982 fantascientifico (parte 2)

di
Giorgio Paolo Campi

Si conclude il nostro viaggio in quello che è probabilmente l'anno tra i più significativi e sottovalutati della storia recente del cinema sci-fi, quello in cui arrivarono nelle sale Blade Runner e La Cosa, innescando una reazione a catena la cui eredità è ancora oggi pesantissima

Leggi
Speciale

Dossier | Chi sorveglia i vigilantes? La vendetta dell’uomo comune al cinema (parte 2)

di
Redazione Il Cineocchio

Prosegue e si conclude l'analisi sul sottogenere, che può contare su esponenti di spicco del calibro di Taxi Driver e che ha trovato in qualche modo un omologo nel poliziottesco dei commissari 'di ferro' nostrano

Leggi
Speciale

Dossier | Chi sorveglia i vigilantes? La vendetta dell’uomo comune al cinema (parte 1)

di
Sabrina Crivelli

Da Ispettore Callaghan: il caso Scorpio è tuo! a Il giustiziere della notte, ripercorriamo la nascita, le caratteristiche e le motivazioni di uno dei sottogeneri più controversi e chiacchierati

Leggi
Speciale

Dossier | Oltre il Tempo: i molti futuri del 1982 fantascientifico (parte 1)

di
Giorgio Paolo Campi

Ripercorriamo un anno fondamentale nella storia della sci-fi su celluloide, con l'uscita di La Cosa di John Carpenter e Blade Runner di Ridley Scott (e non solo), cercando di capire i motivi del loro flop all'epoca e il fondamentale lascito per il cinema a venire

Leggi
Speciale

60 cose da sapere su Black Panther di Ryan Coogler

di
Redazione Il Cineocchio

Tutto ciò che dovete conoscere sul nuovo film della Marvel che ci porta nel misterioso regno di Wakanda insieme al protagonista Chadwick Boseman

Leggi
Speciale

Riflessione | Esplorando la fascinazione di David Bowie per la fantascienza

di
William Maga

Il rapporto della star scomparsa nel 2016 con la sci-fi non si ferma alla partecipazione al film L'uomo che cadde sulla Terra, ma si spinge molto oltre, come si può capire dai testi delle sue canzoni

Leggi
Speciale

Dossier | Rosso Natale: il cinema horror delle feste, dagli anni ’70 a oggi (parte 5)

di
Jayenne

Il decennio ancora in corso ci presente un sottogenere ancora florido, con titoli dalla qualità più che discreta

Leggi
Speciale

Dossier | Rosso Natale: il cinema horror delle feste, dagli anni ’70 a oggi (parte 4)

di
Jayenne

Nei 2000 il numero di pellicole a tema torna a salire, regalando anche qualche perla da tramandare

Leggi
Speciale

Dossier | Rosso Natale: il cinema horror delle feste, dagli anni ’70 a oggi (parte 3)

di
Jayenne

Un decennio quello dei 90s che tira il freno sulle produzioni a tema, limitandosi soltanto a tre titoli nemmeno passati dai cinema

Leggi
Titolo Data Regista

Guardians Of The Tomb (Blu-Ray)

02/08

Kimble Rendall

I Segreti Di Wind River (Blu-Ray)

02/08

Taylor Sheridan

Virtual Revolution (Blu-Ray)

02/08

Guy-Roger Duvert

A Quiet Place - Un Posto Tranquillo (Blu-Ray)

10/08

John Krasinski

The Scythian - I Lupi Di Ares (Blu-Ray

10/08

Rustam Mosafir

Bunker Of The Dead (Blu-Ray)

10/08

Matthias Olof Eich

Dead Within (Blu-Ray)

10/08

Ben Wagner

Dementia (Blu-Ray)

10/08

Mike Testin

Don'T Grow Up (Blu-Ray)

10/08

Thierry Poiraud

Downrange - (Limited Edition) (Blu-Ray + Booklet)

10/08

Ryûhei Kitamura

Wax - Il Museo Delle Cere (Blu-Ray)

10/08

Víctor Matellano