Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » James Cameron su Avatar 2: “Un artista deve osare; se i sequel andranno male, pazienza”

Titolo originale: Avatar 2 , uscita: 15-12-2021. Budget: $387,000,000. Regista: James Cameron.

James Cameron su Avatar 2: “Un artista deve osare; se i sequel andranno male, pazienza”

16/01/2018 news di Redazione Il Cineocchio

Il regista è tornato a parlare del suo mastodontico progetto e degli eventuali problemi al botteghino

Dopo le dichiarazioni dello scorso novembreJames Cameron è tornato a parlare dei chiacchieratissimi sequel del suo Avatar (2009), stuzzicato circa la possibilità di vedere un’implementazione della narrazione (punto debole del film originale a detta di molti) oltre che, naturalmente, della tecnologia impiegata:

Queste le sue parole:

Non penso che si possano fare passi avanti nella narrazione, sapete. Voglio dire, penso che la narrazione riguardi sempre le basi. Si tratta di persone. E penso che la lezione che ho appreso dal primo film e che ho applicato ai nuovi capitoli sia che più l’immaginario visivo è fantastico, più diviene ultraterreno e che più ci si spinge ai limiti di ciò che è possibile portare sul grande schermo in termini di immagini fantasiose, più bisogna rimanere radicati nelle relazioni, nella verità e nel cuore. E quindi spero di riuscire a farlo in abbondanza nei nuovi film. Ho a disposizione un cast incredibile. Ho lavorato davvero, davvero – sono sempre molto consapevole del casting. Ho lavorato molto duramente per metterlo insieme, per trovare nuovi, giovani attori che hanno un cuore incredibile e che sono semplicemente fantastici.

Questi volti freschi sono molto probabilmente quelli di Bailey Bass, Duane Evans Jr., Britain Dalton, Jack Champion, Filip Geljo, Jamie Flatters e Trinity Bliss (nell’immagine qui sotto).

Ha poi continuato:

E, sapete, non importa quanto li vesti con grandi valori di produzione e grandi effetti speciali visivi. Se la storia non funziona, se non ti connetti ai personaggi, semplicemente non funzionerà. Certo, non possiamo permetterci che non funzionino [al botteghino], visto il livello di budget con cui abbiamo a che fare. Ma, naturalmente, devi sempre darti il ​​permesso in quanto artista di fallire, non importa quale sia la posta in gioco. Devi provare a fare cose. La cosa meno sicura che puoi fare è cercare di giocare sul sicuro.

Parole sante, anche se è prudente pensare che la 20th Century Fox (e la Disney?) non sarebbero tanto contente dell’eventuale insuccesso commerciale delle pellicole …

In ogni caso, il primo dei sequel Avatar – che vede tra le star protagoniste Kate Winslet, Zoe Saldana, Sam Worthington e Sigourney Weaver – arriverà nei cinema il 18 dicembre 2020.

Fonte: Collider

Altre notizie su Avatar 2:

eva green 300 - L'alba di un impero (2014)
Sci-Fi & Fantasy

30 cose da sapere sull’attrice Eva Green

di Redazione Il Cineocchio

Tutto ciò che dovete conoscere sull'interprete di origini francesi

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Damon Lindelof su Lost: “Previste 3 stagioni; le ABC fece di testa sua. Vi racconto come andarono le cose”

di Redazione Il Cineocchio

Lo sceneggiatore racconta i contrasti coi vertici della rete e i motivi per i quali la popolare serie peggiorò a vista d'occhio dopo il terzo ciclo di episodi

Leggi
navigator film 1986 disney
Sci-Fi & Fantasy

Riflessione | Navigator di Randal Kleiser: viaggiando nello spaziotempo dei sentimenti

di William Maga

Nel 1986 il giovane Joey Cramer era il protagonista di un'avventura sci-fi poco apprezzata al tempo, ma capace di diventare un classico

Leggi
cursed serie netflix 2020
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Cursed (serie Netflix): Nimue sovverte i ruoli del ciclo arturiano

di Redazione Il Cineocchio

Katherine Langford è la futura Dama del Lago nella trasposizione del romanzo fantasy di Tom Wheeler e Frank Miller

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Metropolis (2001): la città retrofuturista e la I.A. secondo Tezuka e Ōtomo

di Sabrina Crivelli

I creatori di Akira e di Astro Boy riscrivevano il capolavoro espressionista di Fritz Lang del 1927 rendendone alla perfezione la visionaria configurazione urbana e trasformandola in una distonia robotica per la regia di Rintaro

Leggi