Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione da Sitges 49] 31 di Rob Zombie

5/10 su 405 voti. Titolo originale: 31, uscita: 15-09-2016. Budget: $1,500,000. Regista: Rob Zombie.

[recensione da Sitges 49] 31 di Rob Zombie

19/10/2016 recensione film di Alessandro Gamma

La nuova opera del regista è una summa sciapa del suo immaginario, senza guizzi e senz'anima

Come regista, Rob Zombie ha un tocco fenomenale nel rendere un’aggressione come una violazione palpabile. L’estetica del regista fonde il montaggio subliminale dei suoi videoclip musicali con la teatralità totemica dei suoi concerti, per arrivare a un’estetica in cui la volontà dei suoi personaggi è del tutto esplicita attraverso l’iconografia pop. Questi ultimi sono allora astratti in Zombie a figure achetipiche dei film horror – lo sbandato, il tipo vendicativo, il redneck folle, il pagliaccio killer – imbevuti di un’azione esageratamente primordiale che è alternativamente esaltante e faticosa. Quello che Zombie evoca, con una forza che dovrebbe essere l’invidia di molti altri registi horror americani contemporanei, è una dose di completo nichilismo di un’America che si autodivora per egoismo.

31 zombie posterQuesti doni sono inizialmente in mostra in 31, suggerendo un possibile superamento, almeno per un po’, dell’ovvietà delle sue numerose fonti di ispirazione con la sola forza di volontà stilistica. Il film si apre in bianco e nero in un anonimo corridoio lurido, con una silhouette che si stacca dall’ingresso luminoso sullo sfondo per venirci incontro. Quest’ombra si assottiglia momentaneamente mentre si avvicina, simile al classico alieno dalla testa gigante e il corpo esile. L’eccellente montaggio sonoro accentua il rumore dei passi, mentre l’acqua gocciola in lontananza e Call It a Day di Peter Mendoza suona nelle casse, garantendo un alone sfacciatamente minaccioso.

La sagoma finalmente emerge davanti a noi in un primissimo piano, rivelandosi per quello che è davvero, uno psicopatico sanguinario chiamato Doom-Head (Richard Brake), che ricorda un emaciato Nick Cave e che si accende un sigaro, iniziando un monologo diretto al pubblico, elaborato in un polposo pentametro che è intimamente familiare a chi conosce l’opera di Zombie. Doom-Head sta per uccidere, ma prima deve mettere in piedi uno spettacolo. Questa overture è un racconto illustrato della strana attrazione del cinema di Zombie, così schietto e consapevolmente sopra le righe nel suo ripetersi in loop – film dopo film – tra ovvietà e assurdo, da raggiungere un peso agghiacciantemente allegro.

Il film sposta poi la sua attenzione verso i buoni, che sono quasi ostentatamente definiti come tali sin dalla superficie tanto quanto i cattivi. Il regista mette in scena una conversazione piuttosto estesa tra un gruppo di artisti hippy, destinati ovviamente a un macabro destino, all’interno di una furgoncino , una sequenza così smaccatamente tratta dagli horror anni ’70 – e dai loro imitatori – che si dipana come una forma di kabuki. Eppure Zombie le dà forma attraverso una certa volatilità propulsiva, godendo in uno stato di tensione inespressa che è sia sessuale che violenta, antipodi che sono un tutt’uno nel cinema del regista.

31 rob zombie 5Zombie filma i suoi personaggi sconcertantemente da vicino, passando attraverso i loro volti e i loro bric-à-brac da cinema di genere (parrucche, maschere, tatuaggi, cappelli da cowboy, giocattoli; persino il furgoncino è dotato di corna di toro…); strizza rozza poesia da individui caratterizzati in maniera piatta che attraversano l’Inferno. Dove molti registi ci annoierebbero tramite banali espedienti da thriller, Zombie ci immerge da capo a piedi nel suo immaginario, evocando un mondo sotterraneo kitsch uscito dagli anni ’70 e insieme la violenza degli anni 2000, che è distintamente sua personale, suggerendo più un collisione arbitraria tra forze che una trama in fase di evoluzione.

Sfortunatamente, 31 crolla presto nella ripetizione e nell’autoparodia non voluta, in quanto è privo del sottotesto e dell’audacia empatica che spingeva altre opere come La casa del diavolo, Halloween II e Le Streghe di Salem. La narrazione si rivela essere una miscela di elementi, da Fuga da New York a L’Implacabile, seguendo un furgone di lavoratori di circo mentre vengono rapiti e intrappolati in un labirintico magazzino e costretti a giocare a “31”, in cui devono farsi largo con qualsiasi mezzo – omicidio incluso – per uscire dalla loro gabbia, solo per il divertimento di alcuni riccastri schizzati fan della cabala.

immagine 31 rob zombieLa storia non è affatto sorprendente e tanto meno la regia di Zombie, che offre un pacchetto ‘stile greatest hits’ che si dipana letteralmente prevedibile: clown psicotici, hillbillies pelose, southern rock, ornamenti  anni ’70, Sheri Moon Zombie come protagonista, Malcolm McDowell nei panni di un altezzoso vegliardo di sangue blu e una colonna sonora dal retrogusto gusto metal sorprendente. Persino le scene di omicidio ricordano sequenze specifiche già viste, in particolare da La casa dei 1000 Corpi e La casa del Diavolo. Eppure non c’è niente in 31 che possa competere con quel momento in The Devil’s Rejects in cui uno dei killer prende in giro la sua preda, implorando Dio chiedendo di essere ucciso all’istante con un fulmine per mettere alla prova la fede del malcapitato e urlando rivolto verso un cielo blu senza pietà; nemmeno assistiamo a sequenze allucinate come quelle insensatamente malefiche di Halloween II in cui uno sperduto Michael Myers rivive una fantasia della madre morta e un cavallo bianco.

Vale a dire che non c’è un intreccio emotivo in 31. Con l’eccezione di Brake, che non si vede molto, c’è molto poco della feroce personalità attoriale espressa dai – di solito – abituali Sid Haig e Bill Moseley, e l’ambientazione limitata del magazzino lega le mani di Zombie, solitamente bramose di spazi aperti e paesaggi, costringendolo a ricorrere a cliché visivi piuttosto tipici e monotoni. Il gioco stesso di “31” zoppica come trigger per un thriller, con i protagonisti che svogliatamente marciano da uno scenario di morte al successivo, esibendo ben poca conflittualità interiore. 31 è scoraggiante perché ci mostra lo Zombie che i suoi detrattori dipingono da anni, che lo hanno miopemente tacciato di essere una bufala, un ciarlatano fanatico.

Di seguito il trailer originale:

Sheri Moon Zombie
Malcolm McDowell
Richard Brake
Meg Foster
Lawrence Hilton-Jacobs
Jeff Daniel Phillips
Jane Carr
Kevin Jackson
Judy Geeson
Pancho Moler
David Ury
Lew Temple
Torsten Voges
Elizabeth Daily
Tracey Walter
Ginger Lynn Allen
Daniel Roebuck
Andrea Dora
Michael 'Red Bone' Alcott
Esperanza America
Devin Sidell
Gabriel Pimentel
Jermain Hollman
W.F. Bell
Butch Von Dreaux
Caleb West
Alyssa Perper
Megan Albertus
Kara Gibson
Sandra Rosko
Shawn Rougeron
Jermain Hollman
sono solo fantasmi film 2019
Horror & Thriller

Sono Solo Fantasmi | Recensione del film di – e con – Christian De Sica

di Alessandro Gamma

Carlo Buccirosso e Gianmarco Tognazzi sono i comprimari di un'opera che sotto il becero velo del fu cinepanettone nasconde un inaspettato omaggio alla figura paterna di Vittorio De Sica

Leggi
buffy l'urlo
Horror & Thriller

Sarah Michelle Gellar su Buffy: “Vi rivelo i miei 3 episodi favoriti della serie”

di Redazione Il Cineocchio

L'interprete della 'cacciatrice' nell'amato show di Joss Whedon ha ricordato anche i momenti più complicati del lavoro sul set

Leggi
Horror & Thriller

Recensione libro + Intervista | L’occhio del testimone – Il cinema di Lucio Fulci di Michele Romagnoli

di Alessandro Gamma

Un volume che ripercorre i retroscena di oltre 30 anni di cinema italiano popolare raccontati con onestà e disillusione dal 'terrorista di generi' che li ha affrontati e plasmati in modo indelebile coi suoi film

Leggi
stomach castle freak abrakadabra dvd
Horror & Thriller

Recensione DVD | Stomach + Castle Freak + Abrakadabra

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni italiane del viscerale horror di Alex Visani, del film di Stuart Gordon del 1995 e dell'omaggio al giallo anni '70 di Luciano e Nicolás Onetti

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Fantasy Island: la magica Fantasilandia trasforma i desideri in incubi di morte

di Redazione Il Cineocchio

Il film di Jeff Wadlow prodotto dalla Blumhouse stravolge l'assunto alla base della serie anni '80 con Ricardo Montalbán, portando Maggie Q, Lucy Hale e Michael Rooker su un'isola piena di trappole letali

Leggi
lake bodom film 2016 slasher
Horror & Thriller

Lake Bodom | Recensione del film horror finlandese di Taneli Mustonen

di Francesco Chello

Il giovane regista rilegge le regole classiche dello slasher, giocando con lo spettatore e togliendogli i punti di riferimento

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Grand Isle: Nicolas Cage nasconde oscuri segreti familiari

di Redazione Il Cineocchio

L'attivissimo attore è affiancato da Kelsey Grammer nel thriller morboso diretto da Stephen S. Campanelli

Leggi
michael gross tremors
Horror & Thriller

Tremors – Island Fury: trama e cast del settimo film; c’è anche Jon Heder

di Redazione Il Cineocchio

La longeva saga dei Graboid prosegue, col nuovo capitolo diretto ancora una volta da Don Michael Paul e capitanato dall'inossidabile Michael Gross

Leggi
The Haunting of Bly Manor serie netflix
Horror & Thriller

Bly Manor: cast e dettagli per il sequel di Hill House; Mike Flanagan in regia della serie antologica

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 'La casa degli invasati', il regista adatterà il romanzo horror 'Il Giro di Vite' - e non solo - di Henry James

Leggi
evil bong + rubber + killer sofa
Horror & Thriller

Dossier | 10 film horror in cui il Male si manifesta in modi insoliti e bizzarri

di Sabrina Crivelli

Da Evil Bong a Rubber, passando per L'Ascensore e Brivido, i pericoli letali non sempre arrivano da boogeyman o serial killer dalle sembianze umane

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Dogs Don’t Wear Pants: una dominatrix è la via per la salvezza emotiva

di Redazione Il Cineocchio

Il finlandese J-P Valkeapää è tornato dietro alla mdp per un film che mescola dark humor e BDSM

Leggi
scars of xavier + blood bags film
Horror & Thriller

Gli horror Blood Bags e Scars of Xavier in esclusiva su CG Digital

di Redazione Il Cineocchio

I film d'esordio dell'italiano Emiliano Ranzani e del tedesco Kai E. Bogatzki approdano sul neonato servizio di streaming

Leggi
zombieland doppio colpo film 2019
Horror & Thriller

Zombieland – Doppio Colpo | La recensione del film di Ruben Fleischer

di William Maga

A 10 anni dal primo capitolo, torniamo tra i morti viventi a seguire l'evoluzione dell'improbabile famiglia composta da Woody Harrelson, Emma Stone, Jesse Eisenberg e Abigail Breslin; stessa formula, risultato tutto sommato piacevole

Leggi
Horror & Thriller

Scream: in preparazione un nuovo film; forse ‘canonico’, forse remake

di Redazione Il Cineocchio

A 8 anni dal quarto capitolo, Ghostface e il suo coltellaccio sarebbero pronti a tornare a far danni sul grande schermo

Leggi
l'uomo invisibile reboot film 2020
Horror & Thriller

Trailer per L’uomo Invisibile: Elisabeth Moss ossessionata da una presenza impalpabile nel reboot

di Redazione Il Cineocchio

Nel film diretto da Leigh Whannell e prodotto da Blumhouse e Universal troveremo anche Oliver Jackson-Cohen e Storm Reid

Leggi
Sono solo fantasmi

Sono solo fantasmi

14-11-2019

RECENSIONE

Countdown

Countdown

14-11-2019

Gamberetti per tutti

Gamberetti per tutti

14-11-2019

The Bra - Il reggipetto

The Bra - Il reggipetto

14-11-2019

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

14-11-2019

Pupazzi alla riscossa - UglyDolls

Pupazzi alla riscossa - UglyDolls

14-11-2019

Le Mans '66 - La grande sfida

Le Mans '66 - La grande sfida

14-11-2019

Zombieland - Doppio colpo

Zombieland - Doppio colpo

14-11-2019

RECENSIONE

Gli uomini d'oro

Gli uomini d'oro

07-11-2019

La belle époque

La belle époque

07-11-2019

Le ragazze di Wall Street - Business Is Business

Le ragazze di Wall Street - Business Is Business

07-11-2019

La famosa invasione degli orsi in Sicilia

La famosa invasione degli orsi in Sicilia

07-11-2019

Attraverso i miei occhi

Attraverso i miei occhi

07-11-2019

Motherless Brooklyn - I segreti di una città

Motherless Brooklyn - I segreti di una città

07-11-2019

Parasite

Parasite

07-11-2019

RECENSIONE

Una canzone per mio padre

Una canzone per mio padre

07-11-2019

Light of My Life

Light of My Life

07-11-2019

RECENSIONE

Deep - Un'avventura in fondo al mare

Deep - Un'avventura in fondo al mare

07-11-2019

Escher - Viaggio nell'Infinito

Escher - Viaggio nell'Infinito

05-11-2019

The Irishman

The Irishman

04-11-2019

RECENSIONE