Home » Cinema » Horror & Thriller » William Friedkin su L’Esorcista: “Solo un evento inspiegabile sul set. Scritturai Linda Blair dopo aver parlato di masturbazione”

Titolo originale: The Exorcist , uscita: 31-05-1973. Budget: $8,000,000. Regista: William Friedkin.

William Friedkin su L’Esorcista: “Solo un evento inspiegabile sul set. Scritturai Linda Blair dopo aver parlato di masturbazione”

17/10/2017 news di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha risposto in merito ai rumor sulla sua pellicola 'maledetta' del 1973 e su come il dio dei film lo aiutò a trovare la giovane protagonista

Ospite all’ultimo Festival di Sitges, in Spagna, William Friedkin ha aperto il cassetto dei ricordi sui film più importanti della sua carriera. Uno di questi è senz’altro L’Esorcista (The Exorcist), seminale horror del 1973 tratto dall’omonimo romanzo di William Peter Blatty, che ha reso indimenticabile il personaggio di Linda Blair.

L_esorcista

Rispondendo a una domanda sulla verità dei rumor che circolano in rete circa il verificarsi di strani fenomeni sul set, il regista ha risposto:

Tutti i rumor che si leggono in Internet a proposito di eventi soprannaturali o demoniaci successi durante le riprese di L’Esorcista sono stronzate complete! Non ho la minima idea di come siano iniziati … Il mio interesse in L’Esorcista era di trovare un modo di raccontare il soprannaturale da una prospettiva realistica, non da qualcosa di campato per aria. 

Vi voglio raccontare un fatto fuori dall’ordinario che successo un giorno però. Un giorno, mentre stavamo girando una scena nella camera da letto di Linda Blair, ricevetti una telefonata dal mio production manager, alle 4.00 della mattina, che mi disse: ‘Non preoccuparti di venire al lavoro oggi’. Io, allarmato, gli chiesi allora se fossi stato licenziato. Lui però rispose: ‘No, è perché l’intero set è andato bruciato e non sappiamo come sia successo‘. La stanza da letto di Regan era un set costruito in uno studio, c’erano quattro grandi condizionatori piazzati sopra il set, capaci di raffreddare moltissime abitazioni. Un giorno, l’intero set venne però avvolto dalle fiamme e nessuno fino ad oggi è riuscito a capirne la causa. Era vuoto e non c’era dentro nessuno, ma una guardia, da fuori, vide del fumo uscire da sotto una porta e una volta apertala vide il fuoco ovunque. La compagnia di assicurazione si preoccupò, perché era uno studio molto vecchio e c’erano molti piccioni che temevano avrebbero potuto volare dentro a una delle luci di scena … In ogni caso non so … Questa è l’unica cosa che ricordo. Ci sono persone che sono morte in seguito alle riprese? Beh, la gente muore ogni giorno!

l'esorcistaPenso però che il dio dei film sia stato favorevole a L’Esorcista, perché per quasi un anno cercammo una ragazzina di 12 anni che potesse interpretare quella parte. Facemmo migliaia di provini, dal vivo o via video, con ragazzine di tutte le parti degli Stati Uniti, e non riuscivamo a trovarne una. Cominciai quindi a fare provini a 14, 15 e 16enni che sembrassero più giovani per capire se queste fossero adatte, ma non ne trovai nessuna in grado di uscire indenne da un’esperienza del genere. Un giorno, ero seduto nel mio ufficio alla Warner Bros a New York, al 666 della 5th Evenue – che poco tempo dopo cambiò nome … -, me lo ricordo come se fosse ieri, disperato, pensando che non saremmo riusciti a girare il film. Entrò la mia assistente, dicendo che fuori c’era una donna di nome Elinor Blair, che aveva portato sua figlia di 12 anni pur senza avere un appuntamento, chiedendomi se avrei voluto vederla ugualmente. Acconsentii e così entrò questa bambina incantevole e nel momento in cui la vidi seppi che era lei quella giusta.

William Friedkin ha quindi approfondito:

Non aveva mai recitato prima, solo fatto la modella per alcune pubblicità. Si sedette e le chiesi se sapeva qualcosa sull’Esorcista e di cosa parlasse. Linda rispose che aveva letto il romanzo di Blatty e che trattava di una brava ragazzina posseduta dal Demonio che fa molte cose brutte, come picchiare sua madre, spingere un uomo fuori dalla finestra della sua camera e masturbarsi con un crocifisso. Erano poche le cose che potevano scioccarmi, quindi le chiesi se sapesse cosa significasse masturbarsi. Guardai la madre, che fece un sorriso, e Linda mi disse: ‘Certo, significa toccarsi’. Al che le chiesi se lo avesse mai fatto. E lei: ‘Si, e tu?’. Le ho subito fatto firmare il contratto. Sapevo che era intelligente e che non si sarebbe spaventata facilmente. E la sua performance fu straordinaria. Il motivo per cui ancora oggi la gente guarda L’Esorcista è perché lei è così brava e fu un regalo dal dio dei film, mandato quando avevo perso le speranze.

Di seguito il trailer italiano:

Altre notizie su The Exorcist:

The toll main
Horror & Thriller

The Toll | La recensione del film horror di Michael Nader (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Jordan Hayes e Max Topplin sono i protagonisti di un'opera che gioca con gli stereotipi del genere, divertendosi a spiazzare con le aspettative del pubblico

Leggi
Post Mortem-3
Horror & Thriller

Post Mortem | La recensione del film horror di Péter Bergendy (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Un'ambientazione ungherese primo novecentesca molto suggestiva viene sprecata da una regia che opta per effetti speciali bizzarri e da una sceneggiatura troppo vaga

Leggi
lockdown all'italiana film ezio greggio 2020
Azione & Avventura

Lockdown all’italiana | La recensione del film (poco comico) di Enrico Vanzina

di Giovanni Mottola

Il regista, qui all'esordio dietro alla mdp, rivendica giustamente il diritto alla commedia, ma non ne assolve al dovere, realizzando un'opera che non fa ridere mai

Leggi
the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi
the banishing film 2020 horror
Horror & Thriller

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

Leggi