Home » TV » Horror & Thriller » The Bastard Executioner cancellata dopo una stagione. Il lungo addio di Kurt Sutter

The Bastard Executioner cancellata dopo una stagione. Il lungo addio di Kurt Sutter

di Redazione Il Cineocchio

L'autore ringrazia a cuore aperto e senza rimpianti i collaboratori e la produzione per il grande lavoro svolto

FX ha deciso di non rinnovare il drama The Bastard ExecutionerKurt Sutter, creatore della serie e showrunner, ha voluto salutare e ringraziare per il duro lavoro chi ha lavorato nello show, riconoscendo suo malgrado che i rating non sono stati abbastanza forti da giustificare un rinnovo.

Per l’autore, la drammatica serie sulle lotte dei cavalieri nel Galles del 12° secolo ha dimostrato di essere “apprezzata”. E “The Bastard” è stata prodotta con un budget molto più che medievale. “Non ci siamo trattenuti dal mostrare la brutalità della vita nel Galles del 1325” ha proseguito Sutter.

A quanto pare, Sutter e il CEO di FX Networks John Landgraf si sono recentemente confrontati con serenità, arrivando alle decisione di chiudere lo show. “Semplicemente i numeri non possono sostenere i costi della serie“, ha detto Sutter. “Alla fine è tutta questione di conti. Non siamo riusciti a individuare lo zoccolo duro di pubblico che avrebbe permesso di intuire il paradigma pubblicitario, anche se lo show si è dimostrato abbordabile”.

Sutter ha inoltre ringraziato il cast di The Bastard e la crew per il duro lavoro svolto. “Sono stato sopraffatto dal talento e dall’impegno di questo cast e dalla troupe. Il pubblico ha parlato e purtroppo hanno detto ‘meh.’ Quindi, con il dovuto rispetto, mettiamo la parola fine alla nostra mitologia.”

Sutter ha anche aggiunto che l’esperienza di lavoro lontano da Hollywood per produrre una dramma storico in una parte remota di Inghilterra è stata eccezionale, illuminante e infine, un po’ emotiva. “Amo così tanto questo cast e la troupe. Si tratta principalmente di attori britannici. Hanno una mentalità diversa sul lavoro. Non guardano i numeri o sono preoccupati da cose come ‘Ho un lavoro?’ Sono abituati a comportarsi da operai. Erano lì per fare il lavoro. Alla fine tutto il cast e la troupe si erano legati e tutti erano così entusiasti di questo show e della mitologia. E a quel tempo già sapevo che non saremmo tornati. Per me è stato straziante.”

La pressione e le aspettative su Sutter sono state da subito molto alte, visto che The Bastard è stato il suo primo lavoro dopo la conclusione dell’acclamata Sons of Anarchy.

The Bastard Executioner ha esordito con ascolti modesti, perdendo poi spettatori ad ogni episodio, passando da 4 milioni di spettatori del primo episodio agli 1.9 milioni de sesto.

Sutter ha inoltre ringraziato Landgraf per essere stato “così gentile” da permettergli di staccare la spina allo show a modo suo. Pochi showrunner hanno il coraggio di riconoscere pubblicamente la sconfitta. “Ho amato questo cxxzo di show. E lo studio e il network l’hanno amato. Landgraf è probabilmente più deluso di me. Ognuno ha dato tutto quello che aveva. Lo studio non ha mai detto ‘no’ a me. Tutti mi ha concesso gli strumenti di cui avevo bisogno per fare questo lavoro. Io non volevo lasciarlo scomparire senza riconoscere lo sforzo che tutti ci hanno messo.”

Il processo di produzione è stato duro Sutter e sua moglie, la co-protagonista Katey Sagal, in quanto ha richiesto un lungo periodo di separazione dalla loro figlia di 8 anni, che stava a Los Angeles. La coppia ha cercato di tornare a casa ogni due settimane durante le riprese dei 10 episodi. “Scricchiolavo un po’ verso la fine. Questa serie mi ha quasi ucciso cxxzo”.

Per quanto riguarda il futuro, Sutter sta pensando ad uno spin-off di Sons of Anarchy che ruoterebbe intorno all’altro gruppo di motociclisti, i Mayans. Questo progetto però è ancora alla ricerca di uno sceneggiatore, in quanto Sutter vorrebbe apparire solo come un produttore.

Sutter è abbastanza imparziale nel citare le ragioni per ci The Bastard non è riuscito a colpire il pubblico. “Si trattava di una mitologia densa. Era storicamente fondata e per questo credo sia stata più difficile collegarsi. Serve più tempo alle persone per apprezzare quel tipo di show ed avere l’energia per sedersi e guardarli… La mia sensazione è che ad un anno da oggi, quando le persone avranno tempo ed energie, guarderanno la tv e alcuni si chiederanno: ‘Che cosa è successo?’ ”

Sutter giura di non aver rimpianti. “Non avrei fatto nulla di diverso“, ha detto. “Amo questa storia.”

Fonte: Variety

Horror & Thriller

Tra le pieghe del tempo | Tinto Brass nel 1990: “Giro un film sui Borgia; voglio Gene Hackman e Sean Penn e sarà storicamente accurato”

di
Redazione Il Cineocchio

Il chiacchierato regista annunciava i dettagli e addirittura il cast dell'ambizioso progetto, di cui erano già stati fissati il budget e i produttori, che tuttavia sfumò prima ancora di partire

Leggi
Horror & Thriller

Riflessione | Riscopriamo il Dracula di Ken Russell mai realizzato

di
Redazione Il Cineocchio

Sul finire degli anni '70, il provocatorio regista di I Diavoli aveva immaginato un adattamento del romanzo di Bram Stoker diverso da quanto si era visto fino ad allora, ma il progetto non andò mai oltre la sceneggiatura

Leggi
Horror & Thriller

Recensione | Puppet Master: The Littlest Reich di Sonny Laguna e Tommy Wiklund

di
William Maga

Udo Kier e Barbara Crampton sono gli ospiti d'eccezione del dodicesimo film della saga horror, che offre marionette killer scatenate e splatter abbacinante, ma nulla più nonostante le discrete premesse

Leggi
Horror & Thriller

Recensione | Dark Hall di Rodrigo Cortés

di
William Maga

Il regista spagnolo torna dietro alla mdp dopo 6 anni, sperperando i talenti a disposizione - tra cui Uma Thurman - per una ghost story dallo schema abusato e che non sfrutta nemmeno a dovere l'interessante rivelazione finale

Leggi
Horror & Thriller

Recensione | What Still Remains di Josh Mendoza

di
Sabrina Crivelli

Lulu Antariksa e Colin O'Donoghue sono i protagonisti dell'ennesimo prodotto indie-survivalista tutto cliché e con gore ai minimi che lascia confusi anche i pochi spunti interessanti

Leggi
Horror & Thriller

Poster, trama e immagini per Hold the Dark, thriller di Jeremy Saulnier per Netflix

di
Redazione Il Cineocchio

Nell'adattamento dell'omonimo romanzo di William Giraldi troveremo Jeffrey Wright, Riley Keough e Alexander Skarsgard

Leggi
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Downrange di Ryuhei Kitamura

di
Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino l'edizione del thriller con un sadico cecchino che segna il ritorno sugli scaffali italiani di un film del regista giapponese a 10 anni esatti da Prossima fermata: l'inferno

Leggi
Horror & Thriller

Recensione | Boar di Chris Sun

di
William Maga

John Jarrath e Bill Moseley sono alle prese con un feroce e gigantesco cinghiale selvatico nell'entroterra australiano in un creature film che non si prende sul serio e diverte, centrando l'obiettivo nonostante alcuni problemi dovuti al budget

Leggi
Horror & Thriller

Jason Blum: “Ci sono ottime possibilità che ottenga i diritti di questi franchise horror”

di
Redazione Il Cineocchio

Il capo della Blumhouse ha risposto per tutta la notte alle domande dei fan, rivelando progetti scartati e sogni nel cassetto

Leggi
Titolo Data Regista

Guardians Of The Tomb (Blu-Ray)

02/08

Kimble Rendall

I Segreti Di Wind River (Blu-Ray)

02/08

Taylor Sheridan

Virtual Revolution (Blu-Ray)

02/08

Guy-Roger Duvert

A Quiet Place - Un Posto Tranquillo (Blu-Ray)

10/08

John Krasinski

The Scythian - I Lupi Di Ares (Blu-Ray

10/08

Rustam Mosafir

Bunker Of The Dead (Blu-Ray)

10/08

Matthias Olof Eich

Dead Within (Blu-Ray)

10/08

Ben Wagner

Dementia (Blu-Ray)

10/08

Mike Testin

Don'T Grow Up (Blu-Ray)

10/08

Thierry Poiraud

Downrange - (Limited Edition) (Blu-Ray + Booklet)

10/08

Ryûhei Kitamura

Wax - Il Museo Delle Cere (Blu-Ray)

10/08

Víctor Matellano