Home » Cinema » Azione & Avventura » Brad Peyton e Dwayne Johnson su Rampage: “Nessun umano ‘mutante’; molti Easter Egg sul videogioco”

Titolo originale: Rampage , uscita: 12-04-2018. Budget: $120,000,000. Regista: Brad Peyton.

Brad Peyton e Dwayne Johnson su Rampage: “Nessun umano ‘mutante’; molti Easter Egg sul videogioco”

10/04/2018 news di Redazione Il Cineocchio

Regista e protagonista dell'adattamento cinematografico ne hanno spiegato cambiamenti e omaggi alla fonte

Nel videogioco arcade di Rampage, il giocatore poteva scegliere di controllare direttamente un gorilla, una lucertola oppure un licantropo giganteschi che distruggevano le città. Come forse ricorderete, quando si perdeva la vita, la creatura scelta ritornava nella sua forma umana e usciva camminando dallo schermo, a meno che ovviamente non si inserisse rapidamente una moneta per poter continuare. L’imminente adattamento cinematografico non ha però preso la strada degli esseri umani mutati, sebbene una versione scartata della sceneggiatura inizialmente avesse considerato l’idea, come ha confermato il regista Brad Peyton in una recente intervista:

C’è stata una prima discussione su quell’idea, ma non è mai andata oltre a una bozza. Penso che fosse solamente difficile per me relazionarmi a quell’idea in termini di cosa volevo davvero. Il tono è molto importante per me. Voglio che questo tipo di film sia divertente. La gente usa la parola ‘assurdo’, ma ritengo anche che sia importante dargli un qualche tipo di leggera credibilità, in modo che alcune delle emozioni possano sentirsi reali. 

Brad Peyton ha quindi completamente cancellato l’idea di umani ‘mutanti’:

Ho trovato duro immergermi in essa. A quel punto staresti girando un film di lupi mannari. E non è così che me lo sono immaginato

Nel film, Dwayne Johnson interpreta Davis Okoye, amico e allenatore del gorilla albino George (animato in performance capture da Jason Liles). Anche l’attore pensa che sia importante che Rampage non finisse per diventare qualcos’altro:

Credo che probabilmente fosse solo questione di essere consapevoli del film che stavamo facendo e di non cercare di essere nient’altro rispetto a ciò che eravamo e a ciò che siamo, ovvero una grande e divertente corsa.

Il regista ha poi parlato degli Easter Egg per i videogiocatori disseminati nel film:

Gli spettatori dovrebbero assolutamente guardare da vicino l’ufficio di Claire e Brett. Ponetevi la domanda: perché l’hanno chiamato Progetto Rampage? Qual è stata l’influenza? Non voglio diventare troppo metafisico o pazzo, ma è stata l’occasione per divertirmi un po’. 

La cattiva Claire Wyden (Malin Akerman) indossa un abito rosso. Ha un aspetto familiare? Dwayne Johnson anticipa un latro indizio.

Questo è stato il nostro grande omaggio al videogioco. Nel videogioco, notoriamente, mentre i mostri procedono con la loro distruzione totale, compare una donna con un vestito rosso. A volte lei se ne va e qualche volta lei viene mangiata. [Lei] è l’omaggio. 

Altri Easter Egg a sorpresa sono invece finiti fuori dal montaggio finale, ma potremo ritrovarli -forse – nelle edizioni home video di Rampage. Brad Peyton ha infatti girato una sequenza post titoli di coda che alla fine è stata tagliata e sta facendo pressioni sulla Warner affinchè venga almeno inclusa nei DVD/Blu-Ray:

Alla fine abbiamo scelto di non inserire un collegamento lampante. Sentivo l’inizio, il centro e la fine del film come un’avventura soddisfacente già così. Se decideremo di girare un sequel o qualcos’altro dopo, è meglio non impostare troppo già adesso con questa sequenza tagliata. Alla fine abbiamo deciso di non farlo. Sono davvero combattuto perché i genitori della mia ragazza erano presenti [nella scena], è stato davvero un bel momento, ma abbiamo stabilito di non dare l’idea che stessimo già gettando le basi per qualche direzione futura.

Di seguito il trailer italiano di Rampage, nei nostri cinema dal 12 aprile:

Fonte: BD