Home » Cinema » Azione & Avventura » [classifica] L’insolita lista dei migliori film del 2016 di uno che per due anni è rimasto lontano dal cinema

[classifica] L’insolita lista dei migliori film del 2016 di uno che per due anni è rimasto lontano dal cinema

28/12/2016 news di Luca Cristino

E' cambiato qualcosa mentre ero via?

“Sono posseduto da una passione inesauribile che finora non ho potuto né voluto frenare. Non riesco a saziarmi di libri film.”

Per quanto la passione verso il Cinema e le Serie TV possa essere forte in una persona, dopo cinque anni passati a vedere ogni film uscito in sala, mi sono trovato in una fase transitoria della mia vita. Le mie collaborazioni nel campo di Costume e Spettacolo avevo preso una direzione differente: passai dal guardarli, allo scriverli.

Il distacco fu netto, ma ciò che mi condusse al traguardo di aver visto oltre mille film (NDR: Shame-Shame-Shame per non aver mai realizzato una lista su IMDB di ciò che ho visto negli anni) si arenò. Messo davanti a un foglio di Word vuoto in cui scrivere le mie storie, calò in me la voglia e il desiderio di vederne altri. Con la lucidità del “poi”, sono convinto che in questo peridio ho riscoperto un aspetto di questa passione che ci accomuna: il poter vedere solo ciò di cui avevo realmente voglia!

Costretto a vedere tutto ciò che l’industria cinematografica proponeva, avevo perso il gusto di poter scegliere. Un gusto che diamo giustamente per scontato, ma che con la trasformazione di una passione in un lavoro, non avevo più assaggiato.

Sono passati due anni da quel momento e, fortunatamente, quella frase scritta da Petrarca oggi la comincio a sentire nuovamente più vicina. Arrivati alla fine dell’anno, si è sempre pronti a fare una classifica di quello che abbiamo visto. Colleghi e amici propongono ciò che ha caratterizzato i loro 12 mesi; nel bene e nel male.

Non mi sento nella posizione di poter valutare tutte le uscite del 2016, mancandomi molti tasselli, ma vorrei spostare il focus su un aspetto più generale: cosa è cambiato in sala nei miei due anni di “assenza”?

Partendo dal cinema nostrano, la sentenza è inclemente: nulla. Purtroppo nel nostro paese non esiste una vera e propria industria cinematografica paragonabile a quella americana. I produttori sanno che in Italia vanno solo due generi di pellicole e sono pochissimi quelli disposti a rischiare qualcosa di azzardato fuori dagli schemi già rodati.

lo chiamavano jeegLa scena è molto scarna se non si è appassionati di commedie di bassa lega, mattoni autorali o drammatici. Anche il tanto acclamato “Lo Chiamavano Jeeg Robot” (NDR: che ci regala un’antagonista fantastico che avrebbe meritato un titolo tutto suo fatto in stile musical dove poteva cantare al karaoke le sue amate hit), andando ad analizzarlo su un piano puramente narrativo, non è altro che una classica storia criminale all’Italiana con una pennellata di fantastico. Un film visivamente impeccabile che giustamente ha vinto tutto, ma che non va osannato come finalmente qualcosa di diverso. È stato un prodotto ottimamente studiato in grado di unire un passato fin troppo radicato, con un accenno a un universo narrativo completamente ignorato nel nostro Bel Paese. Dimentichiamoci di Salvatores per favore.

Il cinema italiano ha il suo “massimo splendore” a Natale, e per quanto possa continuare a mangiarmi il fegato pensando ai titoli della Wildside (NDR: una veloce googlata sulla società di produzione alla quale mi riferisco vi farà capire cosa intendo dire), mi devo inchinare al successo di Fausto Brizzi e Marco Martani. Prendendo i dati dei botteghini italiani relativi alla settimana di uscita di Rogue One – A Star Wars Story, “Poveri Ma Ricchi” si assesta in quarta posizione con quasi un milione di euro di incasso. Persone che di povero hanno solo i contenuti che propongono, ma molto ricche dato che gli italiani hanno deciso di premiarli nuovamente. Arrivati a questo punto, sono da biasimare coloro che propongono un genere di contenuti apprezzati dalle persone o quelle stesse che vanno al cinema a vederlo?

Ci meritiamo film del genere ed è giusto che continuino ad esistere finché ci saranno persone che davanti alla locandina di uno dei migliori Star Wars mai realizzati, preferisce andare a vedere il nuovo film di Aldo, Giovanni e Giacomo scongelati dal freezer dei ricordi da dimenticare.

In un editoriale per il Cineocchio su Cinema e Videogiochi scrivevo: “…l’Ars Gratia Artis è morta secoli fa…” e continuo a sottolinearlo.

Hateful-Eight-quentin setIl cinema è ormai puro intrattenimento. La stragrande maggioranza delle pellicole non ha più quel valore culturale e autorale che molti critici cercano a tutti costi. Persone che ne sanno veramente di questi argomenti, dovrebbero capire che il meteorite li ha colpiti da tempo e per quanto in alcuni campi i dinosauri siano duri ad estinguersi, rimane per loro solo un nome creatosi in un passato di duro lavoro. Massimo rispetto nei loro confronti, ma come può non rimanere un sorriso amaro quando ci si deve confrontare su temi tratti da fumetti e videogames? O, per citare un avvenimento del 2016, quando un’eminenza grigia sentenzia Quentin Tarantino? Sarebbe come chiedere a Dr. Dre di analizzare il requiem di Mozart dopo che ha passato del tempo a perfezionare il suo beat mentre continuava ad amare la strada. Still…

Questa distanza creatasi tra “cosa piace al pubblico” e il parere espresso da chi di “cinema ne capisce” continua a crescere nel corso degli anni.

Sotto il vestito del critico, in alcuni casi, c’è ancora una persona in grado di sentirsi “comune” che cerca la risposta alla domanda che tutti ci poniamo usciti da una sala: ‘Ci siamo divertiti?

Se la risposta è sì, possiamo anche aver visto un’ora e mezza di scoregge e gag banali e magicamente il parere del pubblico sarà sempre diverso da quello di un critico (NDR: magari l’augurio di estinzione si potrebbe estendere anche a una fetta di pubblico nostrano, ma non siate maliziosi; il Male non lo si augura, lo si fa).

La situazione attuale vede quindi una stagnazione della creatività, dovuta a un maggior interesse nel ritorno degli investimenti in terreni più congeniali, e una frizione tra pubblico e critica che continuerà a deteriorasi con il passare del tempo.

Sul fronte estero, americano principalmente, voglio partire dalla lista promulgata da IMDB relativa ai film più cliccati del 2016:

  • Suicide Squad
  • Captain America: Civil War
  • Batman v Superman: Dawn of Justice
  • Deadpool
  • X-Men: Apocalisse
  • Il Libro della Giungla
  • I Mangifici Sette
  • Ghostbusters
  • Warcraft – L’inizio
  • The Legend of Tarzan

Cinque film tratti da graphic novel, 4 remake e uno tratto dai videogiochi. Da notare che la lista riassume le pagine relative ai film più cliccati, non i più votati dal pubblico.

captainamericacivilwarA due anni di distanza, anche la situazione estera non ha visto particolari modifiche.

Non è una novità che stiamo vivendo gli anni d’oro dei cinecomics. I blockbuster di Hollywood hanno una direzione chiara e, dato il grande successo di pubblico riscosso, continuano ad aumentare le case di produzione che puntano su questo genere. Quello che ho notato negli ultimi due anni è una ricerca a tappeto di tutti i titoli meno conosciuti nel vasto mondo della nona arte.

Da grande appassionato non posso che esserne felice e, per quanto siano passati gli anni in cui ero fin troppo suscettibile allo stupro intellettuale quando vedevo una dissonanza tra ciò che conoscevo e ciò che veniva reso, sono arrivato a una conclusione che molti condivideranno.

I fumetti sul grande schermo hanno una vita loro. Alcuni di noi sono cresciuti leggendo quelle tavole su i mezzi pubblici, quando ancora la gente ti guardava storto se durante l’adolescenza ti piacevano ancora quelle cose da bambini, e per quanto possiamo esserne affezionati, i cinecomics hanno raggiunto una dimensione tutta loro.

Se una decina di anni fa un costume diverso da quello che conoscevamo ci faceva imbufalire, ora quello che importa è una storia coerente e un personaggio verosimile.

Perché un personaggio secondario come Iron Man della Marvel ha avuto così tanto successo al cinema (NDR: dimentichiamoci Iron Man 3 e qualche pezzo del 2)?

Il successo deriva da una perfetta alchimia tra l’interpretazione dell’attore selezionato per il ruolo, una storia accattivante e una presentazione che non ha fatto storcere il naso quasi a nessuno.

Questo è quello che chiediamo ai fumetti resi film.

suicide squad spot tv harleyVedere una compagine di antagonisti che fanno i supereroi, costretti a ripetere per buona parte della pellicola che sono “cattivi” con lo scopo di farci passare il concetto, non penso sia una direzione corretta (NDR: per non parlare della storia d’amore tra Harley Queen e il Joker/Leto…). L’idea iniziale avrebbe potuto avere possibilità enormi se solo avessero effettuato scelte più coerenti dei personaggi e se solo avessero creato una trama con meno voragini.

Ci riproveranno nonostante tutto? Indubbiamente le grazie di Margot Robbie intenta a raccogliere oggetti per terra aiuteranno nel trascinare persone in sala, ma rimane un fattore imbarazzante che l’unico personaggio in grado di brillare tra quella accozzaglia suicida sia solo lei.

La notizia più interessante da questo universo sul grande schermo viene da Deadpool. L’enorme successo della pellicola ha finalmente dimostrato che una pellicola Rated R (NDR: la scaletta di censura americana che vieta l’ingresso in sala a una porzione del pubblico) può funzionare e incassare di più del tanto odiato PG13.

Il secondo film sul giudice di strada Dredd ne fu un precursore in questo. Per quanto la pellicola non sia riuscita ad incassare molto, sfido chiunque l’abbia visto e letto il fumetto a non esserne uscito entusiasta!

Aspetto con curiosità il capitolo conclusivo di Wolverine-Jackson; nonostante le speranze siano ben poche dato quanto amo Old Logan (NDR: un film su Hulk-redneck-cannibale-incestuoso era troppo da chiedere).

Eviterò la solita retorica sul problema reboot-remake. Sono anni che Hollywood preferisce puntare su delle rivisitazioni di alcuni classici. Si sono spese fin troppe battiture a riguardo e non c’è nulla che possiamo fare. In un mercato dove conta il profitto, riportare in sala “vecchi clienti” avrà sempre la meglio su i nuovi progetti.

sausage-party-filmSu questo argomento sono molto felice del successo riscosso da Seth Rogen ed Evan Goldberg. Mi stupirono dai tempi di Suxbad e ho sempre seguito con piacere le loro proposte. Considero il loro apice in “Facciamola Finita” e l’idea di aver realizzato “Sausage Party” è qualcosa che ancora mi lascia a bocca aperta.

Loro due, insieme a James Franco, sono una costellazione in grado di produrre tutto quello che gli passa per la testa e non vedo l’ora di vedere come continueranno “Preacher” dopo il lungo preambolo della prima stagione.

I want to believe…

Questo ci porta alle “buone intenzioni per l’anno nuovo”.

I miei buoni propositi vedono l’avvicinarsi sempre di più di una vecchia passione che si legherà a una esistente: i manga sul grande schermo occidentale.

Il trailer di “Ghost in the Shell” ha aperto uno spiraglio in questo e se da un lato i fumetti americani hanno reso così tanto, c’era da aspettarsi che l’attenzione si sarebbe spostata su quelli orientali facendo approdare ad Hollywood un genere di nicchia molto florido nei paesi orientali.

alita battle angelC’è un progetto, discusso ormai da molti anni, che vede James Cameron occupato nella realizzazione di un live action tratto da Alita: Battle Angel. Il progetto vede Robert Rodriguez alla regia di un cast interessante nel quale svetta un Christoph Waltz nel ruolo del “padre adottivo” di Alita.

Come riuscirà a legarsi la quadrata produzione occidentale alla sensibilità orientale per evitare brutture in stile “Oldboy” di Spike Lee?

Una domanda alla quale non ho risposta, ma molte speranze. Se queste pellicole avranno un’ottima accoglienza, potremmo vedere nel prossimo futuro un fiorire di progetti che ci faranno dimenticare gli errori del passato (coff… coff.. Dragon Ball del 2009).

“All I really want from Christmas this year…” è vedervi in sala nel 2017, magari uno di fianco all’altro senza conoscersi.

Buone feste e un felice anno nuovo a tutti i lettori del Cineocchio!

michael jackson ghosts
Azione & Avventura

X-Men (2000): quella volta in cui Michael Jackson si offrì per il ruolo del Prof. Xavier nel film

di Redazione Il Cineocchio

Nel 1999 la pop star si presentò all'improvviso alla porta del regista Bryan Singer, fiducioso di poter ottenere la parte

Leggi
x-men film 2000
Azione & Avventura

Dossier | X-Men: la lunga e travagliata strada verso il primo film per il cinema

di Redazione Il Cineocchio

Tra riscritture e ritardi, ripercorriamo la storia dell'arrivo sul grande schermo delle avventure dei mutanti, iniziata nel 1985 e conclusasi solo nel 2000 con il cinecomic firmato da Bryan Singer

Leggi
Transformers War for Cybertron (2020) serie netflix
Azione & Avventura

Transformers: War For Cybertron Trilogy – L’assedio | Recensione della serie Netflix

di William Maga

Il primo capitolo di una nuova trilogia ci porta alle origini della saga di Autobot e Decepticon, esplorano il duro conflitto sul loro pianeta natale in un modo tanto maturo quanto imperfetto

Leggi
Honest Thief film liam neeson 2020
Azione & Avventura

Trailer per Honest Thief: Liam Neeson ladro imprendibile in cerca di redenzione

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Kate Walsh e Robert Patrick nell'action thriller scritto e diretto da Mark Williams

Leggi