Home » Cinema » Horror & Thriller » Diane Johnson su Shining: “Pensammo ad alcuni finali alternativi più cupi, ma non li girammo”

Titolo originale: The Shining , uscita: 23-05-1980. Budget: $19,000,000. Regista: Stanley Kubrick.

Diane Johnson su Shining: “Pensammo ad alcuni finali alternativi più cupi, ma non li girammo”

31/03/2017 news di Redazione Il Cineocchio

Stanley Kubrick aveva pensato a una sorte ben diversa per gli occupanti dell'Overlook Hotel

Stephen King non ha mai fatto mistero del suo scarso apprezzamento per l’adattamento a opera di Stanley Kubrick del suo Shining, che per lo scrittore si sarebbe discostato un po’ troppo dal romanzo. Al contrario, la miniserie del 1997, nata essenzialmente in risposta diretta dalle remore dell’autore, è stata più fedele.

Comunque sia, i più concordano sul fatto che il film del 1980 sia uno dei migliori horror di tutti i tempi, nonostante i cambiamenti, uno dei più rilevanti apportati dal regista riguarda proprio il finale. Nelle pagine kinghiane, l’Overlook Hotel brucia fino alle fondamenta, con Jack Torrance (Jack Nicholson) al suo interno, mentre Wendy, Danny e Dick Hallorann riescono a fuggire sani e salvi. Al cinema invece, Jack uccide Dick e alla fine muore ibernato nel giardino all’esterno. Per quanto riguarda l’Overlook, questo non brucia affatto, ma rimane lì in attesa del prossimo custode …

Shining finaleTuttavia, tale epilogo non è affatto l’unico che Stanley Kubrick abbia preso in considerazione. Esistono infatti diversi finali alternativi che la co-sceneggiatrice Diane Johnson e il produttore Jan Harlan hanno rivelato in una recente intervista e che sono stati poi esclusi nel processo di stesura del copione. Un’idea era quella che Wendy uccidesse Jack e si era pensato perfino di mettere in scena un epilogo ancora più duro, con Jack che uccideva il piccolo Danny.

La Johnson ha spiegato perché Stanley Kubrick decise di discostarsi dall’originale cartaceo:

Il finale è stato cambiato quasi interamente perché Kubrick trovava il limitarsi a far bruciare tutto un cliché. Ha pensato che ci sarebbe potuto essere un’altra opzione metaforicamente e visivamente più interessante. Nel libro, nessuno viene ucciso, tranne Jack. Mentre Kubrick davvero pensò che qualcuno avrebbe dovuto essere ucciso – perché era un film dell’orrore. Così abbiamo preso in esame le possibilità drammatiche di uccidere vari personaggi e abbiamo stilato diversi trattamenti. Abbiamo concretamente parlato nel dettaglio della possibilità che fossero uccise diverse persone.

Ha proseguito:

Il rapporto di Danny con il padre era l’aspetto che più interessava Kubrick. Era emotivamente coinvolto con il punto di vista di un bambino che aveva paura del padre. Ricordo che Kubrick diceva che visivamente si poteva immaginare una piccola sagoma disegnata con il gessetto giallo sul pavimento, simile a quelle che tratteggiano i profili dei corpi delle vittime. E a Kubrick piaceva quell’immagine. Ma era troppo tenero di cuore per quella finale e ha pensato che sarebbe stato troppo terribile da realizzare.

La sceneggiatrice ha anche rivelato che ad un certo punto circolò l’idea che Dick Hallorann sopravvivesse, ma anche lui venisse posseduto da qualche entità maligna dell’Overlook, trasformandolo in un “surrogato di Jack.” Insomma le versioni sono state davvero le più varie e disparate, chissà se viste sul grande schermo uno di esse avrebbe sortito un maggior effetto di quello poi concretamente girato …

Per chi volesse approfondire, Diane Johnson e Jan Harlan hanno anche svelato il significato della della fotografia finale e della pallina da tennis nel film.

Di seguito la scena finale di Shining:

Fonte: EW

Altre notizie su The Shining:

the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi
the banishing film 2020 horror
Horror & Thriller

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

Leggi
12 hour shift angela bettis film
Horror & Thriller

12 Hour Shift | La recensione del film horror di Brea Grant (Sitges 53)

di William Maga

Angela Bettis e David Arquette sono i protagonisti di una dark comedy dell'assurdo spruzzata di sangue e maldestrità

Leggi
fatman film mel gibson 2020
Horror & Thriller

Trailer per Fatman: Mel Gibson è Babbo Natale, ma avvezzo ad armi e violenza

di Redazione Il Cineocchio

I registi Eshom e Ian Nelms trasformano l'attore in una figura ben poco paciosa nella action comedy R-Rated ambientata nell'innevata Alaska

Leggi
the owners film horror maisei williams 2020
Horror & Thriller

The Owners | La recensione del film horror di Julius Berg (Sitges 53)

di William Maga

Maisie Williams è la protagonista di un 'home invasion andato storto' che non fa dell'originalità il suo punto di forza

Leggi