Home » Cinema » Horror & Thriller » Shining: sceneggiatrice e produttore svelano il significato della fotografia finale e della pallina da tennis

Titolo originale: The Shining , uscita: 23-05-1980. Budget: $19,000,000. Regista: Stanley Kubrick.

Shining: sceneggiatrice e produttore svelano il significato della fotografia finale e della pallina da tennis

05/04/2017 news di Redazione Il Cineocchio

Diane Johnson e Jan Harlan e hanno deciso di fare un po' di chiarezza su alcune sequenze chiave e su come le aveva intese Stanley Kubrick

Recentemente abbiamo condiviso alcune informazioni interessanti per quanto riguarda i finali mai girati di Shining cui aveva pensato in un primo momento Stanley Kubrick nel 1980. La scena conclusiva che è rimasta però nel film è ricordata per la misteriosa e inspiegabile fotografia in bianco e nero sulla parete in cui vediamo Jack Nicholson / Jack Torrance celebrare una festa per il 4 luglio (del 1921).

La sceneggiatrice della pellicola Diane Johnson nel corso della lunga intervista ha aggiunto che la “foto è sempre stata presente nel finale.” Allora, qual è la spiegazione della sua presenza alla fine e del perché vi è raffigurato il protagonista?

Ora abbiamo la soluzione:

C’è una spiegazione per la foto, anche se è un po’ strana e paradossale perché è reale e irreale – l’idea che Jack fosse sempre stato nell’hotel, in qualche precedente incarnazione. Jack era in qualche modo stato la ‘creatura’ della struttura attraverso la reincarnazione. Allo stesso tempo, siamo destinati a viverlo “in questo preciso momento.” Non c’è soluzione, è destinato a essere magico.

Shining finaleCi sono comunque molte cose in Shining che in realtà non hanno senso e che sollevano svariate domande, anche se la soluzione a tutte sembra essere che il film racconta una storia soprannaturale con elementi magici e come tale va preso quello che compare sullo schermo. Il produttore Jan Harlan ha dichiarato:

Per la pallina da tennis è la stessa cosa, come per la fotografia – è inspiegabile. Rende Stuart Ullman un altro elemento ‘fantasma’. Era lui il fantasma all’inizio? Il film è abbastanza complesso, perché nulla viene spiegato. Questa volontà di non spiegare è ciò che ha reso le cose difficili per il film inizialmente. Non fu un enorme successo.

Ora tutti pensano che sia il miglior film horror mai girato o qualcosa del genere. Ma quando uscì il pubblico si aspettava un film horror con una soluzione, con una spiegazione. Il fatto che gli spettatori rimanessero perplessi era esattamente ciò che Stanley Kubrick voleva … Ma Stanley era in realtà molto triste per aver ‘letto’ erroneamente il pubblico, pensando che potessero convivere coi rompicapo e senza risposte …

Il produttore aggiunge che molte di queste domande e preoccupazioni erano state sollevate durante le riprese dai membri del cast:

shining tennisMolto spesso i membri della troupe gli chiedevano: ‘Puoi spiegarmelo?’, ma lui rispondeva: ‘Non ho mai spiegato niente. Non lo capisco nemmeno io stesso. E’ un film di fantasmi!‘ … Non è un film con un messaggio serioso. So che molte persone pensano che sia impossibile che Stanley Kubrick abbia girato un film che non contenesse grandi messaggi e così una quantità enorme di [teorie sono state] inventate. Mentre era in vita tutto ciò era rimasto relativamente tranquillo. Dopo la sua morte, queste [teorie] spuntarono fuori, alcune erano divertenti, e in parte offensive.

La più offensiva è l’idea che Shining sia un film sull’Olocausto. Questo è oltraggioso. Questo è un insulto a Stanley Kubrick, che avrebbe trattato il crimine più grave nella storia dell’umanità in modo così leggero, e anche un insulto alle vittime dell’Olocausto. Le altre idee sono molto più innocue, dove viene attribuito un profondo significato agli errori di continuità.

Stanley Kubrick, ovviamente, utilizzò un metodo di lavoro piuttosto peculiare mentre stava realizzando Shining, e funzionò. Shining è considerato uno dei più grandi horror psicologici mai realizzati e sicuramente il non dare risposte di alcun tipo, lasciando gli spettatori nel dubbio, ha contribuito a renderlo immortale.

Discorso diverso per chi ha letto l’omonimo romanzo di Stephen King da cui il film prende il titolo, che invece offre ai lettori un quadro più chiaro e qualche risposta in più già in partenza.

Di seguito un raro filmato tratto dal dietro le quinte di Shining:

Fonte: EW

Altre notizie su The Shining:

Post Mortem-3
Horror & Thriller

Post Mortem | La recensione del film horror di Péter Bergendy (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Un'ambientazione ungherese primo novecentesca molto suggestiva viene sprecata da una regia che opta per effetti speciali bizzarri e da una sceneggiatura troppo vaga

Leggi
lockdown all'italiana film ezio greggio 2020
Azione & Avventura

Lockdown all’italiana | La recensione del film (poco comico) di Enrico Vanzina

di Giovanni Mottola

Il regista, qui all'esordio dietro alla mdp, rivendica giustamente il diritto alla commedia, ma non ne assolve al dovere, realizzando un'opera che non fa ridere mai

Leggi
the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi
the banishing film 2020 horror
Horror & Thriller

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

Leggi
12 hour shift angela bettis film
Horror & Thriller

12 Hour Shift | La recensione del film horror di Brea Grant (Sitges 53)

di William Maga

Angela Bettis e David Arquette sono i protagonisti di una dark comedy dell'assurdo spruzzata di sangue e maldestrità

Leggi