Home » Cinema » Horror & Thriller » Wes Craven nel 1985: “Nightmare ispirato da L’ultima casa a sinistra” | Tra le pieghe del tempo

Titolo originale: A Nightmare on Elm Street , uscita: 14-11-1984. Budget: $1,800,000. Regista: Wes Craven.

Wes Craven nel 1985: “Nightmare ispirato da L’ultima casa a sinistra” | Tra le pieghe del tempo

08/01/2018 news di Redazione Il Cineocchio

Il regista di quello che sarebbe divenuto un classico del cinema horror anni '80 non faceva mistero di una connessione diretta con la controversa pellicola del 1972, poi mai più accennata

Dopo Lamberto Bava e Dario Argento, stavolta siamo andati indietro nel tempo fino al 1985 per ripescare un’interessante intervista pubblicata su La Stampa del 28 giugno e realizzata da Fulvia Caprara, che raccolse le dichiarazioni di Wes Craven, giunto a Roma per presentare al pubblico italiano Nightmare – Dal profondo della Notte (A Nightmare on Elm Sreet), che sarebbe uscito nelle sale alla fine di agosto.

Questa la trama ufficiale dell’horror:

L’adolescente Nancy (Heather Langenkamp) sogna macabri incubi, dove qualcosa di mostruoso e terrificante mostra la volontà di ucciderla senza pietà. Il problema è che i danni inferti nel sogno sembrano inspiegabilmente ripercuotersi nella realtà. Nel frattempo, i suoi compagni di classe, le cui notti sono infestate dagli stessi incubi, vengono trucidati nel sonno dall’orribile demone che popola i loro sogni. Nancy sembra essere l’unica a rendersi conto di quanto stia succedendo, ma la polizia ignora i suoi appelli. La ragazza resterà sola ad affrontare l’assassino nell’oscuro territorio degli incubi.

Venendo alle parole di Craven, sorprende la sua prima considerazione registrata sul film che avrebbe di lì a poco consacrato nell’Olimpo dei boogeyman più noti e prolifici Robert Englund e il suo Freddy Krueger:

L’idea di Nightmare mi è venuta ripensando a una scena di un altro mio film, L’ultima casa a sinistra [1972]. Era una scena che rendeva bene l’impressione della forza e della pregnanza che alcune immagini oniriche riescono talvolta ad avere.

Ora, se non andiamo errati, questa affermazione non è mai stata ribadita altrove, forse per evitare di associare un film che stava raccogliendo molti dollari al box office (alla fine incassò oltre 25 milioni di dollari nei soli Stati Uniti a fronte di un budget inferiore ai 2 milioni) e che avrebbe dato vita a uno dei franchise horror più redditizi degli anni ’80 con il rape & revenge ‘maledetto’ e violentissimo diretto da Craven nel 1972 censurato in moltissimi paesi del mondo. Effettivamente però Englund, nel corso dell’intervista esclusiva che ci ha rilasciato all’ultimo Festival di Sitges, aveva sottolineato come nel primo Nightmare fossero ben presenti delle ‘fantasie di stupro’.

In ogni caso, il regista – scomparso prematuramente nel 2015 – poi proseguiva, sottolineando aspetti assai meno controversi e facilmente intuibili:

Il film può essere inteso come il risultato finale di una seduta psicanalitica. La serie di vicende spaventose che la giovane protagonista è costretta ad affrontare somiglia al difficile percorso delle sedute di analisi. Alla fine il risultato è lo stesso: Nancy impara ad affrontare la vita, trova il modo di superare le sue paure, si libera dal rapporto di dipendenza infantile con i genitori.

Un’esperienza formativa insomma, nonostante preveda la morte di numerose persone care e l’incontro con un terribile demone degli incubi!

Di seguito il trailer di Nightmare – Dal profondo della notte:

Fonte: La Stampa

LEGGI LA RECENSIONE

Altre notizie su A Nightmare on Elm Street:

The toll main
Horror & Thriller

The Toll | La recensione del film horror di Michael Nader (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Jordan Hayes e Max Topplin sono i protagonisti di un'opera che gioca con gli stereotipi del genere, divertendosi a spiazzare con le aspettative del pubblico

Leggi
Post Mortem-3
Horror & Thriller

Post Mortem | La recensione del film horror di Péter Bergendy (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Un'ambientazione ungherese primo novecentesca molto suggestiva viene sprecata da una regia che opta per effetti speciali bizzarri e da una sceneggiatura troppo vaga

Leggi
lockdown all'italiana film ezio greggio 2020
Azione & Avventura

Lockdown all’italiana | La recensione del film (poco comico) di Enrico Vanzina

di Giovanni Mottola

Il regista, qui all'esordio dietro alla mdp, rivendica giustamente il diritto alla commedia, ma non ne assolve al dovere, realizzando un'opera che non fa ridere mai

Leggi
the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi
the banishing film 2020 horror
Horror & Thriller

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

Leggi