Horror & Thriller

[recensione BIFFF 35] Bluebeard di Lee Soo-Youn

di

La regista coreana torna sulle scene dopo una lunghissima assenza con un thriller interessante ma zavorrato da una sceneggiatura troppo densa

Il thriller psicologico coreano Bluebeard (che ha ben poco in comune con la favola di Barbablù trascritta da Charles Perrault e che in effetti in patria è intitolato Melting Ice) contiene sufficienti trama, sterzate improvvise, colpi di scena e false piste da riempire molto più di un singolo film, ma ce ne sono così tanti che l’effetto finale è in definitiva quello di anestetizzare lo spettatore. Tecnicamente, una volta che tutto viene più o meno svelato, ogni tassello acquista un senso, ma la faticaccia sostenuta per arrivarci (stiamo parlando di un lungometraggio di 2 ore) – con conseguente dispersione di energie mentali lungo la via – non viene affatto ripagata e anzi ci si potrebbe sentire anche presi un po’ in giro (impossibile per ovvie ragioni citare pellicole con gli stessi twist già viste in passato).

Bluebeard poster filmIl Dott. Byun Seung-hoon (Cho Jin-Woong, efficace in una performance non semplice) è a pezzi, fisicamente ed emotivamente. Riesce a malapena a dormire a causa della separazione dalla ex-moglie – che si è tenuta il figlio – trauma che sembra incapace di superare. Ha perso il suo comodo lavoro nel distretto di Gangnam e ora si ritrova a lavorare nella provinciale e middle class Hwaseong, gestendo una clinica dove esegue colonscopie tutto il giorno. Con il ricordo di una vita agiata alla spalle, ora vive in un angusto loft traboccante di libri di medicina situato sopra a una macelleria. Un giorno, durante una normale visita all’anziano padre del suo padrone di casa (Shin Goo), sedato per l’occasione e un po’ rimbambito, il Dott. Byun ascolta quella che crede essere la confessione di un terribile omicidio. Tale dichiarazione potrebbe essere legata alla recente notizia del ritrovamento di parti di cadaveri fatti a pezzi e riemersi dal fiume Han in seguito al disgelo primaverile, ma riflettendoci, si convince inizialmente che faccia parte delle strane uscite che i pazienti gli confidano quotidianamente in tale situazione (a quanto pare è una cosa piuttosto comune …). Non convinto del tutto, il Dott. Byun inizia però ben presto a sospettare che il vecchio e suo figlio (Kim Dae-Myung) siano davvero due serial killer e inizia a indagare per suo conto, trovando quella che sembrerebbe una prova schiacciante a supporto della sua teoria, ossia una testa umana mozzata avvolta in un sacchetto all’interno della macelleria. Ma forse la verità sta da un’altra parte …

Bluebeard è il primo lungometraggio della sceneggiatrice e regista Lee Soo-youn dal suo debutto con l’ottimo The Uninvited del lontano 2003, e al suo interno si percepisce quell’ansia da prestazione di chi è preoccupato che potrebbe non lavorare per altri 15 anni. Facendo affidamento praticamente a ogni ‘trucco’ presente sul manuale cinematografico scritto da Alfred Hitchcock, la regista coreana insinua dubbi in ogni sequenza, cercando di portare lo spettatore a provare le stesse sensazioni di disagio, curiosità e pericolo provate dal protagonista. Per i primi 80 minuti del film è difficile dire se ciò che si vede sullo schermo sia reale o invece si tratti di un sogno. Potrebbe infatti essere tutto un ‘viaggio mentale’ del troppo sensibile – o instabile – Dott. Byun, la cui situazione familiare si sta manifestando sotto forma di incubi lucidi. Questo è avvalorato dalla mezza dozzina di ‘salti sulla sedia’ improvvisi col dottore che si risveglia all’improvviso in preda al panico (si assiste a così tanti momenti “era solo un sogno” che Freddy Krueger stesso ne rimarrebbe sorpreso).

Bluebeard film coreaLa pellicola intende però raccontare un’elaborata vicenda di serial killer e una parabola di collasso mentale attraverso una miriade di sottotesti diversi, che vengono introdotti ma mai esplorati fino in fondo. In diversi momenti la regista esce infatti dai binari, inserendo divagazioni su rapporti tra classi sociali, il bullismo, il razzismo, l’assistenza sanitaria, l’eccessiva intrusività della videosorveglianza, il riscaldamento globale, l’uguaglianza sessuale, la tossicodipendenza e il consumismo. La trama di Bluebeard è così densa che queste tematiche – a quanto pare sentite – vengono a malapena accennate, distraendo tuttavia dalle azioni di un personaggio principale che richiederebbe già il 100% dell’attenzione del pubblico. E’ molto, troppo, per non parlare delle trame secondarie che coinvolgono la volontà del Dott. Byun di dover guadagnare abbastanza soldi per mandare il figlio a un campo estivo in Canada o quella che coinvolge una bella infermiera che lavora per lui (Lee Chung-Ah) e che ruba farmaci dalla clinica per rivenderli sul mercato nero e comprarsi borse firmate.

Alla fine comunque ogni pezzo va al suo posto, grazie soprattutto a una climax di 20 minuti in cui gli investigatori della polizia (che stanno effettivamente investigando sui cadaveri senza testa ripescati) spiegano al Dott. Byun – e agli spettatori – tutto ciò che è realmente accaduto in precedenza (anche se a pensarci bene, i più smaliziati potrebbero a questo punto aver già capito tutto da un bel pezzo). Questo eccesso di accumulo di indizi – ingannevoli o meno – non può che portare a chiedersi se una maggiore ambiguità e molte meno pagine di sceneggiatura non avrebbero contribuito a rendere il film molto più intrigante e inquietante … Il finale è grossomodo rapportabile alla spiegazione conclusiva di Psycho, soltanto portata a estremi decisamente più borderline. Bluebeard possiede stile, interpretazioni di buon livello e un’idea centrale dal buon potenziale, ma non riesce mai a giustificare le sue eccessive elucubrazioni.

Piccola nota a margine, ma molto importante: se volete vedere Bluebeard, non guardate prima il poster internazionale (qui sopra vi abbiamo inserito appositamente la versione coreana). In una singola frase viene infatti svelato il colpo di scena principale. Avvisati.

Di seguito il trailer originale:

Horror & Thriller

38 cose da sapere su Suspiria di Dario Argento

di
Sabrina Crivelli

In attesa della versione di Luca Guadagnino, riscopriamo curiosità e indiscrezioni sulla lavorazione del classico del 1977 con Jessica Harper

Leggi
Horror & Thriller

Efferati omicidi, fiamme e ragazzi ‘speciali’ nel trailer di Boarding School

di
Redazione Il Cineocchio

Il piccolo Luke Prael confinato in un collegio senza via di fuga e in balìa degli instabili educatori Bill Patton e Tammy Blanchard

Leggi
Horror & Thriller

Recensione | The Night Eats the World di Dominique Rocher

di
Sabrina Crivelli

Il regista francese esordisce con uno zombie movie ambizioso che vuole omaggiare Richard Matheson, ma senza verve e senza orrore

Leggi
Horror & Thriller

Un veglione di capodanno a colpi di mannaia nel trailer di Minutes to Midnight

di
Redazione Il Cineocchio

Ci sono William Baldwin, Bill Moseley e Dominique Swain nel cast dello slasher diretto da Christopher Olen-Ray 'ispirato' a The Strangers

Leggi
Horror & Thriller

Gary Dauberman su The Nun: “Ispirato da Castlevania, I Predatori dell’Arca Perduta e Il Nome della Rosa”

di
Redazione Il Cineocchio

Lo sceneggiatore dell'horror di Corin Hardy incentrato sulla demoniaca suora già vista in 'The Conjuring 2' ha parlato degli scambi di idee con James Wan

Leggi
Horror & Thriller

Conosciamo meglio Bonnie Aarons, ovvero Valak, il demone suora di The Nun

di
Redazione Il Cineocchio

Abbiamo imparato a temerla in 'The Conjuring - Il caso Enfield', ma non è la prima volta che l'attrice terrorizza il pubblico sul grande schermo

Leggi
Horror & Thriller

Recensione (serie completa, ep. 1-6) | Picnic ad Hanging Rock (2018)

di
Sabrina Crivelli

Natalie Dormer è la protagonista di un adattamento per la TV nel complesso riuscito, ma decisamente meno suggestivo del romanzo mistery di Joan Lindsay

Leggi
Horror & Thriller

Recensione | Obbligo o Verità di Jeff Wadlow

di
Sabrina Crivelli

Blumhouse porta nelle sale una versione risibile e priva di brividi del noto gioco adolescenziale, con Lucy Hale e Tyler Posey spaesati protagonisti

Leggi
Horror & Thriller

Jamie Lee Curtis su Halloween – 20 Anni Dopo: “Lo girai solo per i soldi”

di
Redazione Il Cineocchio

Se non ricorda con troppo affetto lo slasher del 1998, l'attrice dà invece credito a Jake Gyllenhaal per averla convinta a tornare nella saga nel nuovo film

Leggi
Titolo Data Regista

Carrie - Lo Sguardo Di Satana (1976) - Limited Edition (3 Blu-Ray+Booklet)

01/06

Brian De Palma

Tokyo Ghoul - Il Film (Blu-Ray)

01/06

Kentarô Hagiwara

The Antithesis (Blu-Ray)

01/06

Francesco Mirabelli

Sangue Misto (Blu-Ray)

01/06

Davide Scovazzo, Paolo Del Fiol, Ricky Caruso, Edo Tagliavini, Lorenzo Lepori, Raffaele Pastrello, Isabella Noseda, Raffaele Picchio

Maze Runner - La Rivelazione (Blu-Ray)

07/06

Wes Ball

Colossal (Blu-Ray)

07/06

Nacho Vigalondo

La Vedova Winchester (Blu-Ray)

07/06

Michael Spierig, Peter Spierig

Il Ragazzo Invisibile - Seconda Generazione (Blu-Ray)

07/06

Gabriele Salvatores

I Primitivi - Tutta Un'Altra Preistoria (Blu-Ray)

07/06

Nick Park