Home » Cinema » Horror & Thriller » Rivisti Oggi | Crash di David Cronenberg

6/10 su 415 voti. Titolo originale: Crash, uscita: 17-07-1996. Budget: $10,000,000. Regista: David Cronenberg.

Rivisti Oggi | Crash di David Cronenberg

31/01/2018 recensione film di Valeria Patti

Pulsione di morte e pulsione di vita, un'eterna lotta che esplode nel capolavoro del 1996

Le strade. Traffico. Motori. Cinture di sicurezza. Sedili. Parcheggi. Sono tutti dettagli e posti che ci riportano in un unico luogo allegorico e non, motivo tornante e ritornante di un glossario visivo-emotivo che si associa nell’insieme dei dettagli: l’automobile. Una storia d’amore, una coppia che si presenta a noi, delineando le sue “ambigue” abitudini contornate da ossessioni e desideri. Ossessioni che causano ogni movimento, ogni dettaglio, ogni parola e dialogo tra questi personaggi alienati che compongono la pochezza del vuoto che circonda ogni elemento in uno spaccato di realtà quasi del tutto assente. Una storia d’amore. Non banale, non classica.

Capiamo sin da subito che la coppia composta da James Ballard (James Spader) e Catherine Ballard (Deborah Kara Unger) vive il matrimonio in modo aperto. Entrambi hanno storie di sesso con colleghi del proprio contesto lavorativo. Tutto scorre, forse con un po’ di indifferenza, noia e pochezza di spirito; questo scorrere inesorabile del tempo ci dà la sensazione che tale relazione sia un continuo ripetersi con gli stessi eventi occasionali, contornati da domande di rito come “sei venuto?”, domande e risposte inserite in una quotidianità in continua ripetizione. La routine sulla routine. Necessario qualcosa di estremo e violento per dare una scossa al grigiore apatico. Così, improvvisamente, il signor Ballard ha un incidente d’auto piuttosto violento: lui sopravvive e il secondo interessato muore post incidente, ma in ospedale rimane incuriosito dalla vedova dell’uomo, una certa Dott.ssa Helen (Holly Hunter).

I due si sentono quasi immediatamente attratti uno dall’altra, instaurando un rapporto che non dà troppo spazio alle presentazioni. Helen prenderà per mano James fino a fargli conoscere un gruppo di individui (una specie di setta), capitanati da un personaggio ambiguo e inquietante che risponde al nome di Vaughan (Elias Koteas), un fotografo ossessionato dagli incidenti stradali e dalla gestione del traffico computerizzata, reduce da un brutto incidente che lo ha segnato e che vive quell’esperienza come una sorta di rinascita, le cui cicatrici sono diventate parte della sua persona. Le vive, le enfatizza e quindi le accetta. Queste cicatrici lo identificano divenendo un biglietto da visita e presentando loro, presenta se stesso rendendo omaggio a tutto ciò che lui stesso rappresenta.

Vaughan vive la sua vita in una macchina e spesso è preso a interpretare senza finzione incidenti stradali rimasti impressi nella storia come ad esempio quello di James Dean: noi stessi ne siamo spettatori e come il pubblico pagante coinvolto all’interno della sequenza, diveniamo noi stessi parte dello spettacolo. L’incidente e gli incontri con queste persone porteranno nella coppia una spasmodica ricerca ossessiva tra sesso e pericolo, piacere e rischio, dove il corpo può trovare l’apoteosi dell’estasi sessuale attraverso il rischio di morte. Un connubio tra macchina e corpo dove è possibile, o almeno i personaggi lo auspicano, fondersi, fino a cedere il controllo alle pulsioni primordiali legate però a uno strumento moderno che tangibilmente fa parte della vita di tutti.

Con queste premesse troviamo uno dei concetti più importanti di Sigmund Freud, messi in atto da David Cronenberg con vigile attenzione al dettaglio: Eros e Thanatos. La pulsione di vita e la pulsione di morte. Nella prima troviamo la libido e la pulsione di autoconservazione, la tendenza armoniosa a costruire un ruolo nella comunità; nella seconda tendenze distruttive il cui senso principale è l’odio e il disfacimento del tutto. Una profonda lotta che costituisce l’essere umano e che in Crash entra in collisione continuamente. Uno scontro che implode nella sua massima esposizione con gli incidenti brutali, negli scontri frontali che lasciano spazio solo al continuo distruggere. Non esiste altro.

Legato a tutto questo è inevitabile associare il concetto di sublimazione: quel meccanismo per cui spostiamo su un altro oggetto la pulsione per qualcosa che ci sfugge (in tal caso le macchine), da cui si può collegare la continua insoddisfazione esistenziale che attanaglia ognuno di loro, anche se per motivi diversi non importa, ciò che spinge questi esseri sono moti silenziosi insiti nella psiche. I personaggi che si delineano con lo scorrere della storia sono schiavi di loro stessi. Essi si muovono nell’illusione di essere vivi solo attraverso la pulsione e il desiderio riflesso nelle loro fantasie, le stesse che li nutrono fino a farli logorare.

Il film  del 1996 – ispirato all’omonimo romanzo di James Graham Ballard del 1973 – è sicuramente un’esperienza visivo-emotiva estremamente forte, l’intensità che smuove i personaggi è palpabile fin fuori dallo schermo. Hanno un’esistenza dualistica che li divide, ma nulla è parallelo, sono due direzioni che inevitabilmente si uniscono alla fine del percorso. Da una parte combattono contro una realtà che da quel che si evince essere quasi assente, non vediamo mai cosa c’è intorno, esistono solo le strade, le luci e le macchine, mentre dall’altra la voglia degli stessi di abbattere tale dimensione conducendo in prima persona senza remore gli obiettivi per la spasmodica ricerca del piacere e da tutto ciò che ne concerne. Un’unione tra sesso e tecnologia. Non rimaniamo sconvolti dalla brutalità degli eventi, dalla violenza e dal sesso, rimaniamo sconvolti per ciò che ci racconta a riguardo.

Un coraggio raro che David Cronenberg usa conducendo l’intera storia con freddezza, aiutato da una fotografia il cui tono dominante è il blu. Non gli interessa mettere in scena i sentimenti o le dinamiche dei rapporti, gli interessa ciò che lega i personaggi. Incastrati da nodi impossibili da slegare, stretti da un unico filo conduttore, narcotizzati, riescono a connettersi solo col desiderio. Perché l’ossessione e il sesso sono le uniche cose che li rende illusionisticamente liberi, perso il contatto con una realtà che ci appare standard ma che potrebbe essere ambientata in un futuro prossimo dove le persone ambiscono a fondersi con le macchine, trovando in esse l’appagamento finale.

E’ importante capire che nonostante tutto, ciò che rimane fondamentale ai fini della storia è la psicologia dei personaggi, seppur complessa e spesso respingente, ed è necessario rendersi conto che sono loro il fulcro della vicenda e non le macchine. Sono i meccanismi psicologici che li spingono in ogni loro azione. Le macchine sono il mezzo, lo strumento che viene usato, aderito con un’eccellenza sporca e mutabile verso il continuo degenerare di ognuno di loro. Gli incidenti raccontati sono brutali. Mai romanzati, non esiste una sola sequenza del film che ne ritrae l’impatto in rallenty, sono diretti, veloci.

Non perde tempo a raccontare il dramma dell’incidente, usa la velocità allo scontro per poi dare spazio alle reazione emotive che da esso ne possono scaturire. Lo stesso fa con i rapporti sessuali, quasi mai i personaggi si guardano in faccia, sono più coinvolti dall’atto e da ciò che ne rappresenta, non è importante chi fa cosa e con chi, ma il perché e come. E’ difficile comprendere il discorso che David Cronenberg riesce a fare; è difficile, ma soprattutto non immediato. Noi stessi ci troviamo divisi tra la morbosità e il dovere etico di respingere il connubio tra violenza e sesso. Arriviamo però a un punto in cui non ci interessa più giudicare ‘eticamente’ quel che vediamo, arriviamo a un punto in cui ci interessa principalmente capire fin dove queste persone riusciranno a spingersi.

Spesso il cinema del regista canadese è fatto di immagini forti che sollecitano le fantasie insite in ogni essere umano, utilizza il torbido proibito per raccontare spaccati di realtà imperfette giocando con alterazioni visive, portando all’estremo i concetti instaurando un rapporto particolare con lo spettatore. Lo mette alla prova. Superare tutto ciò significa essergli complice e quindi arrendersi a un cinema affascinante, intelligente, ed esistenziale. Astrazioni angoscianti con tematiche nichiliste e spesso surreali. La relazione tra i concetti latenti e le immagini forti entrano in collisione, il non detto si completa con quel che vediamo, perché spesso nelle sue storie la forma visiva diviene più di impatto, rispetto alle tematiche che non sono mai semplici.

E’ un cinema fatto di contenuti silenziosi, non immediati, che ci lasciano frastornati ed estraniati. Il body horror che esplora il terrore e lo sgomento umano attraverso la mutazione fisica del corpo, dando spazio a elementi psicologici contrastanti. Anche in Crash è presente seppur in forma meno “spettacolare”: usa i dettagli, le forme, le cicatrici (la cosa più esplicitamente cronenberghiana è la ferita vaginoforme di Rosanna Arquette che interpreta Gabrielle, una donna che compone il gruppo-setta), i respiri affannati dinanzi a un auto, che imperfetta e ammaccata regala in loro tumulti ancor maggiori, perché lesa, distrutta e quindi vissuta. Non è un corpo meccanico indistruttibile.

La macchina come massima proiezione della psiche, che altro non è che il fittizio e la fragilità dell’essere.

Di seguito il trailer originale di Crash:

James Spader
Deborah Kara Unger
Holly Hunter
Elias Koteas
Rosanna Arquette
Peter MacNeill
Cheryl Swarts
Yolande Julian
Nicky Guadagni
Ronn Sarosiak
Boyd Banks
Judah Katz
Horror & Thriller

Light of My Life | La recensione del film di – e con – Casey Affleck

di William Maga

L'attore 44enne torna dietro alla mdp per un'opera intimista, che sfrutta uno scenario post apocalittico per approfondire sentitamente il rapporto tra un padre solo e una figlia giovanissima che deve crescere molto in fretta

Leggi
Horror & Thriller

Revenge | La recensione del film di vendetta di Coralie Fargeat (Sitges 50)

di Sabrina Crivelli

La regista francese gioca con gli stereotipi di un genere controverso e inonda di sangue il suo primo, riuscitissimo, lungometraggio, che vede protagonista Matilda Lutz

Leggi
Judy and Punch film Mia Wasikowska
Horror & Thriller

Judy and Punch | La recensione del film di Mirrah Foulkes con Mia Wasikowska (Sitges 52)

di Sabrina Crivelli

La regista australiana rilegge in chiave revenge femminista il tradizionale spettacolo di marionette britannico del 16° secolo, avvalendosi di interpretazioni sostanziose e di un dark humor che funziona benissimo

Leggi
dario argento sitges 2019
l'immortale ciro di marzio marco d'amore film
Horror & Thriller

Teaser e data di uscita per L’immortale, film spin-off di Gomorra su Ciro Di Marzio

di Redazione Il Cineocchio

Questa volta Marco D'Amore ha fatto tutto da solo, scrivendo la sceneggiatura, recitando e firmando la sua prima regia

Leggi
Horror & Thriller

Full trailer per Light of My Life: Casey Affleck vaga per un mondo senza donne con la figlia

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 9 anni, l'attore torna alla regia per un film post-apocalittico in cui troviamo anche Elisabeth Moss

Leggi
maniac cop 1988 film
Horror & Thriller

Nicolas Winding Refn su Maniac Cop: “Luce verde da HBO per la serie TV remake”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista danese e John Hyams si alterneranno alla regia degli episodi che aggiorneranno e amplieranno il mondo creato nel 1988 da William Lustig

Leggi
dario argento guanto nero
Horror & Thriller

Dario Argento torna in TV con Longinus, serie esoterica ambientata tra Francia e Italia

di Redazione Il Cineocchio

A 7 anni da Dracula 3D, il regista 79enne sceglie il piccolo schermo per terrorizzare di nuovo i suoi fan

Leggi
shining edizione estesa 2019 jack nicholson
Horror & Thriller

Shining: trailer per la versione estesa e 4K, nei cinema italiani solo per 2 giorni

di Redazione Il Cineocchio

Per i fan del film di Stanley Kubrick del 1980 con Jack Nicholson anche una sorpresa collegata a Doctor Sleep

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per The Turning: Mackenzie Davis tata nella magione degli orrori (produce Spielberg)

di Redazione Il Cineocchio

C'è anche Finn Wolfhard nel nuovo adattamento della regista Floria Sigismondi che aggiorna agli anni '90 il romanzo Il Giro di Vite

Leggi
the room film Christian Volckman 2019
Horror & Thriller

The Room | La recensione del thriller sci-fi da camera con Olga Kurylenko (Sitges 52)

di Sabrina Crivelli

Il secondo film del francese Christian Volckman tradisce le intriganti premesse, non sfruttando come avrebbe dovuto l'idea stessa della magica 'stanza' del titolo

Leggi
leprechaun film jennifer aniston 1993
Horror & Thriller

Jennifer Aniston su Leprechaun: “Pensai che fosse l’apice della mia carriera; ma di recente l’ho rivisto …”

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice oggi 50 anni ha ripensato al suo primo ruolo da protagonista nel film di Mark Jones del 1993, rivelando sentimenti contrastanti

Leggi
the last heroes d'antona film
Horror & Thriller

Trailer e data di uscita per The Last Heroes – Gli ultimi eroi, fanta-horror di Roberto D’Antona

di Redazione Il Cineocchio

Dopo Fino all'Inferno, il prolifico regista - e attore - torna sulle scene con un nuovo film, ispirato ai classici di Joe Dante e Stephen King

Leggi
fractured film netflix 2019
Horror & Thriller

Fractured | Recensione del film di Brad Anderson con Sam Worthington (per Netflix)

di William Maga

Il regista dirige col consueto mestiere un thriller psicologico non troppo originale, che può comunque contare su una prova convincente del suo disperato protagonista

Leggi
Metallica & San Francisco Symphony: S&M2

Metallica & San Francisco Symphony: S&M2

18-10-2019

The Panama Papers

The Panama Papers

18-10-2019

Se mi vuoi bene

Se mi vuoi bene

17-10-2019

Il Mio Profilo Migliore

Il Mio Profilo Migliore

17-10-2019

Yuli

Yuli

17-10-2019

Grazie a dio

Grazie a dio

17-10-2019

The Kill Team

The Kill Team

17-10-2019

A proposito di Rose

A proposito di Rose

17-10-2019

Il cardellino

Il cardellino

17-10-2019

The Informer - Tre secondi per sopravvivere

The Informer - Tre secondi per sopravvivere

17-10-2019

Jesus Rolls - Quintana è tornato!

Jesus Rolls - Quintana è tornato!

17-10-2019

Maleficent: Signora del male

Maleficent: Signora del male

17-10-2019

Brave ragazze

Brave ragazze

10-10-2019

Searching Eva

Searching Eva

10-10-2019

La scomparsa di mia madre

La scomparsa di mia madre

10-10-2019

Le verità

Le verità

10-10-2019

RECENSIONE

Hole - L'abisso

Hole - L'abisso

10-10-2019

RECENSIONE

Non succede, ma se succede...

Non succede, ma se succede...

10-10-2019

Gemini Man

Gemini Man

10-10-2019

RECENSIONE

A spasso col panda

A spasso col panda

10-10-2019

L'uomo che volle vivere 120 anni

L'uomo che volle vivere 120 anni

08-10-2019

Roger Waters. Us + Them

Roger Waters. Us + Them

07-10-2019