Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Recensione story | Zardoz di John Boorman

5/10 su 169 voti. Titolo originale: Zardoz, uscita: 06-02-1974. Regista: John Boorman.

Recensione story | Zardoz di John Boorman

14/12/2017 recensione di Sabrina Crivelli

Un inedito Sean Connery sterminatore seminudo e con tanto di lunga treccia è protagonista del film del 1974 intriso di insolito misticismo e filosofia

Continua il nostro percorso attraverso cult folli e controversi e, dopo Flash Gordon di Mike Hodgese Stati di Allucinazione di Ken Russell, è ora giunto il turno di un film di fantascienza che ai suoi tempi aveva suscitato parecchio interesse, per poi purtroppo essere dai più dimenticato: Zardoz, diretto, sceneggiato e prodotto da John Boorman. Proiettato in un’atarassica società distopica del 2293, protagonista è nientemeno che Sean Connery, il quale, abbandonato lo smoking vestito per interpretare il celebre agente 007, dopo Riflessi in uno specchio scuro (1974) approda lo stesso anno all’arditissima ed ermetica pellicola del regista inglese, che si dedicò al progetto dopo che naufragò il tentativo di adattare il tolkeniano Il Signore degli Anelli (The Lord of the Rings). L’attore, d’altra parte, dopo aver incarnato un così iconico personaggio, ai quei tempi faticava a trovare un ingaggio, motivo per cui fu possibile assoldarlo per una cifra più che ragionevole, ovvero 200 mila dollari.

Tornando invece a Zardoz, complessissimo e a tratti decisamente sibillino, è ambientato come detto in un surreale avvenire, in cui la terra è regredita a uno stato ferino e un gruppo di spietati Sterminatori dai singolari costumi e dalle pesanti maschere bifronti uccidono a cavallo gli indifesi e macilenti superstiti di un’umanità inferinita. Una misteriosa e sanguinaria divinità, Zardoz per l’appunto, palesatasi quale enorme testa di pietra fluttuante di richiamo classicheggiante e la quale richiede in cambio di armi offerte in grano, che gli schiavi, mortali come i carnefici, coltivano. Un giorno Zed, uno degli Sterminatori spinto da sete di avventura e verità, si nasconde nelle granaglie e riesce ad approdare nel “Vortex”, passaggio che conduce ad un’altra dimensione dove un gruppo di eletti vivono isolati dalla realtà in un’idilliaca bolla spazio-temporale.

Si tratta degli Immortali, i ricchi, i potenti e gli intelligenti, che per mezzo del massimo ottenibile dal progresso scientifico e tecnologico, hanno costituito questa oasi dove la morte non può toccarli e in cui vivono accanto agli Apatici (senza più sentimenti) e i Rinnegati (incoerenti condannati a perenne vecchiaia). Arrivato dunque nella dimensione degli immortali , Zed uccidendo Arthur Frayn, che gestisce il passaggio verso l’esterno, scuotendo la coscienza di Amico, suscitando fremiti sessuali in May (Sara Kestelman) e Consuela (Charlotte Rampling), dispensando la morte al Vecchio e alla sua corte, infine infrangendo un cristallo dai misteriosi poteri chiamato il Tabernacolo distrugge l’illusione e dà inizio nuovamente alla vita umana secondo le leggi della natura.

Molteplici sono i riferimenti in questa congerie di spunti visivi e filosofici, rimanendo purtroppo nel complesso parecchio confuso proprio per tale eccesso di suggestioni che travolge lo spettatore e che è lasciato in una vaghezza rapsodicheggiante. Eppure esiste una certa coerenza interna, ogni elemento e in particolare i dialoghi sono strettamente connessi in una struttura composita, ma coesa. Il problema d’altronde non sta nello sguardo d’insieme, ma nella complessività delle singole parti: la somma di frasi profetiche e immagini surreali non può che essere altrettanto sibillina. Tuttavia non si tratta solo del frutto della pura invenzione di Boorman, ma risente dell’influsso anzitutto del romanzo di fantascienza del 1956 La città e le stelle (The City and the Stars) di Arthur C. Clarke, di cui sono notevole le affinità con la futuristica città di Diaspar: anch’essa isolata dal mondo esterno come in Zardoz, è controllata da un computer centrale e i suoi abitanti si reincarnano eternamente (un po’ come in Aeon Flux); il protagonista, Alvin, unico ad aver vissuto solo una volta, condivide la smania di esplorare all’esterno.

Viene richiamato in maniera diretta anche Il Mago di Oz, di cui viene ripresa la figura del mago che parla con voce contraffatta dietro a una maschera, che ispira il titolo stesso, Zardoz, ossia la crasi di The Wizard of Oz, infine che compare direttamente in una sequenza, quella in cui Zed viene introdotto alla lettura. Non solo, tra la vasta gamma di fonti libresche è presente, a detta stessa del regista, anche Dopo molte estati (After Many a Summer) di Aldous Huxley del 1939. A ciò si sommano alcune libere reminescenze classicheggianti, oltre alla testa volante che ricorda parecchio la romana Bocca della verità, anche gli Immortali stessi rimandano a un singolare Olimpo in veste Seventies. In ultimo anche l’algida Regina Antinea (Brigitte Helm) protagonista di L’Atlantide (Die Herrin von Atlantis, 1932) di Georg Wilhelm Pabst (tratto a sua volta dall’omonimo romanzo di Pierre Benoît) è parte della vasta gamma di riferimenti. Infine c’è l’estetica e la scelta dei costumi, che non solo sono indimenticabili, quanto tanto kitsch da essere geniali, ma riescono a regalarci un memorabile Connery/Zed lo Sterminatore con una sorta di mutandone rosso e annessa cartucciera incorporata a mo’ di bretelle, nonché stivali di pelle nera alla coscia; tocco finale sono poi una lunga treccia e un paio di baffoni che fanno somigliare l’ex James Bond a Zapata!

Vale la pena recuperare Zardoz, se non l’avete mai visto, oppure rivederlo più volte, in caso non ne siate digiuni, se non altro per addentrarsi maggiormente nell’oscuro labirinto di segni e simboli che lo pervade.

Di seguito il trailer originale:

Sean Connery
Charlotte Rampling
Sara Kestelman
John Alderton
Sally Anne Newton
Niall Buggy
Bosco Hogan
Jessica Swift
nicholas hoult Tolkien (2019) film
Sci-Fi & Fantasy

Tolkien | La recensione del biopic con Nicholas Hoult sull’autore de Il Signore degli Anelli

di William Maga

Dome Karukoski racconta gli anni della giovinezza dello scrittore britannico non andando oltre il semplice compitino, aiutato tuttavia da interpretazioni convincenti

Leggi
il grande mazinga e capitan harlock dvd blu-ray
Sci-Fi & Fantasy

Recensione home video | Il Grande Mazinga (box 1 e 2) + Capitan Harlock (completa)

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane dell'anime coi 'robottoni' creato da Gō Nagai e del classico dello spazio di Leiji Matsumoto

Leggi
matrix reloaded neo film
Sci-Fi & Fantasy

Lana Wachowski: “Giro Matrix 4, con Keanu Reeves e Carrie-Anne Moss”

di Redazione Il Cineocchio

A oltre 15 anni da Revolutions, la regista e sceneggiatrice ha sganciato la clamorosa bomba, spegnendo i rumor pregressi di un reboot

Leggi
museo hr giger Gruyères [Matthias Belz] (2)
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | In visita al Museo e al Bar di H. R. Giger a Gruyères

di Alessandro Gamma

Un viaggio sensoriale tra le opere e gli ambienti attentamente creati dal geniale artista svizzero

Leggi
jar jar binks episodio I star wars
Sci-Fi & Fantasy

Riflessione | Star Wars: che fine ha fatto Jar Jar Binks dopo la trilogia prequel?

di Redazione Il Cineocchio

"Mi comincia giurno maxi okeyday, con buena pappa a colassione, poi bum! Maxi parura, e addosso a me Jedi, e pah! Mi aqui. Ah, mi maxi, maxi parura, mmmh!"

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Kin | Recensione del pasticciato film sci-fi con James Franco e Dennis Quaid

di William Maga

I fratelli australiani Jonathan e Josh Baker debuttano al cinema con la versione lunga di un precedente cortometraggio, mescolando toni e intuizioni poco felici

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Nezha, the devil is coming, film animato cinese col record di incassi in patria

di Redazione Il Cineocchio

C'è l'esordiente Yu Yang dietro al clamoroso successo dell'opera, ispirata a un romanzo che parla del folklore locale

Leggi
Sul globo d'argento 1988 film
Sci-Fi & Fantasy

Recensione story | Sul globo d’argento di Andrzej Zulawski

di Pietro Russo

Riscopriamo il complesso film di fantascienza censurato dal regime polacco e quasi completamente distrutto che ha visto la luce solo nel 1988

Leggi
The Dark Crystal Age of Resistance (2)
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per la serie Dark Crystal: la Resistenza, solo una debole speranza per il mondo di Thra

di Redazione Il Cineocchio

C'è Netflix dietro al prequel originale del rivoluzionario fantasy di Frank Oz e Jim Henson del 1982, che potrà contare su un cast di doppiatori all star

Leggi
robocop 1987 film
Sci-Fi & Fantasy

Neill Blomkamp: “Ho chiuso con RoboCop Returns; faccio un horror”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista sudafricano a sorpresa si tira fuori dall'ambizioso progetto, spiegandone i motivi con un tweet

Leggi
nel fantastico mondo di oz 1985 film fairuza balk
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Nel fantastico mondo di OZ: quando la Disney sfornava cupe fiabe live action

di Sabrina Crivelli

Nel 1985 usciva il sequel apocrifo diretto da Walter Murch al classico del 1939, un insuccesso al botteghino che ha saputo guadagnarsi in VHS lo status di cult, regalando bellissimi incubi a una generazione di ragazzini

Leggi
carnival row serie amazon 2019
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Carnival Row: Orlando Bloom e Cara Delevingne legati da un amore pericoloso nella serie fantasy

di Redazione Il Cineocchio

Dopo anni di tira e molla e rinvii, lo show originale dai toni dark degli Amazon Studios ambientato in epoca vittoriana è finalmente pronto a debuttare

Leggi
stay puft man ghostbusters
Sci-Fi & Fantasy

Ghostbusters 3: le foto dal set anticipano il ritorno dello Stay Puft Man?

di Redazione Il Cineocchio

Nelle immagini del nuovo film diretto da Jason Reitman intravvediamo anche Paul Rudd e un'ammaccatissima Ecto-1

Leggi
ultraman
Sci-Fi & Fantasy

Shin Ultraman: Hideaki Anno e Shinji Higuchi insieme per un film sul supereroe

di Redazione Il Cineocchio

I due registi di Shin Godzilla tornano a collaborare per il nuovo film live action dedicato al celebre paladino giapponese

Leggi
Il Trono di Spade 8x06 - The Iron Throne
Sci-Fi & Fantasy

Il Trono di Spade? Solo un “muto spettatore” dell’ira di Drogon, che vuole bruciare il mondo

di Redazione Il Cineocchio

Il copione recentemente diffuso online mette in nuova luce uno dei passaggi più intensi del finale della serie HBO

Leggi