Home » TV » Sci-Fi & Fantasy » [recensione / Il Trono di Spade] 7×04 – The Spoils of War

[recensione / Il Trono di Spade] 7×04 – The Spoils of War

di

A Nord è tempo di sentimentali riunioni fraterne, mentre a Sud finalmente arriva il contrattacco con fanteria e aviazione

SPOILER sull’episodio

Finalmente in lontananza si scorge una gioia, agognata da così tanto tempo ormai che quasi avevamo perso le speranze. No, non è la notizia del giorno della separazione tra Chris Pratt e Anna Faris, bensì che dopo oltre un anno e tre episodi di chiacchiere vediamo un drago in tutta la sua gloriosa azione! Come quando si corteggia una bella donna bisogna avere pazienza e perseveranza, così lo spettatore di Il Trono di Spade (Game of Thrones) se la deve sudare la scena di guerra come la vuole lui.

trono di spade gotDopo tre settimane di calma piatta, l’ECG del fan medio della serie HBO rileva così qualche extrasistole e una fibrillazione atriale negli ultimi quindici minuti dell’episodio 7×04, The Spoils of War. Prima però va analizzata la sospirata reunion dei cuccioli di casa Stark: Arya torna a casa e mentre ci si aspetterebbe di commuoversi al punto di diventare azionisti di maggioranza della kleenex, ecco che lo show non più tratto dai libri di George RR Martin ci ricorda che dobbiamo soffrire. Non è più come nella prima puntata, tutti e tre – ad attenderla ci sono già Sansa e Bran – ne hanno viste troppe e sono pertanto inevitabilmente cambiati. Ritrovando la coerenza sopita, gli sceneggiatori ci ricordano che ognuno ha ormai preso la sua strada e per quanto quella si possa chiamare casa – e lo sia effettivamente stata in passato -, adesso è solo un cimitero di ricordi persi nel tempo. Non a caso la più piccola e Sansa si ritrovano nella cripta davanti alla statua del padre. I destini dei tre sono completamente differenti, ma rispecchiano le loro caratteristiche individuali. Arya non è mai stata attratta dalla vita di donna sposata con figli, ha compiuto un viaggio in luoghi lontani per capire chi fosse veramente e si è lasciata forse troppo logorare dall’odio e dalla sete di vendetta. Non sembra a suo agio neanche tra le mura di Grande Inverno in compagnia dei suoi fratelli e dà subito prova delle sue qualità di piccola ninja assassina facendo la sborona addirittura con Brienne, affrontandola a duello nel cortile di casa per dimostrare che la valchiria bionda non è l’unica a portare i pantaloni a Westeros. Sansa invece desiderava solo essere una Lady e sposare un principe, tuttavia un promesso sposo psicopatico e due mariti improponibili dopo le hanno fatto capire che il karma a volte è davvero un gran bastardo. Anche la sorella infatti le ricorda beffardamente quanto fosse superficiale, chiedendole se adesso debba appellarsi a lei come “Lady Stark“. Come per dire, hai voluto la bicicletta e adesso … anche se trascinata dagli eventi, riesce a sopravvivere come avrebbe fatto una Rossella O’Hara in versione fantasy.

trono di spade gotBran invece, ha fatto cambio di posto con Jamie, diventando insensibile – altero ? – e distaccato, mentre il secondo ha ritrovato tutta la sua umanità. Tanto simpatico che vien quasi voglia di ributtarlo giù dalla torre … Torna in gioco anche il pugnale di acciaio valyriano che ha scatenato la guerra dei Sette Regni e che era stato usato per cercare di uccidere Bran. Ditocorto infatti glielo regala sondando in realtà cosa effettivamente il ragazzo sappia sulla verità dietro al suo attentato. Ricordate chi era il reale proprietario dell’arma? L’affilata lama inoltre viene regalata ad Arya e visto che l’acciaio di Valyria è in grado di annientare i non morti, sarebbe plausibile pensare che il fratello – in una sorta di chiaroveggenza – sappia che la sorella minore combatterà con Jon contro gli Estranei e avrà quindi bisogno dell’arma prima o poi. A Sud invece Jamie sta tornando vittorioso dalla difficilissima battaglia con cui ha conquistato Alto Giardino, quando improvvisamente viene attaccato dagli indiani … pardon, dai Dothraki. Il paesaggio sembra quello delle praterie dello Utah e dell’Arizona e l’esercito dei Lannister una fila di cowboy e carovane che viene attaccata dai selvaggi nativi americani urlanti, in pieno stile western e con inquadrature alla Sergio Leone. Poco importa, visto che quando appare Daenerys in groppa al fidato Drogon l’hype vola talmente tanto che si perdonano anche i quattro minuti di pitali sudici della 7×01. Sei euforico per quel Dracarys, come quando l’hai sentito pronunciare per la prima volta nei confronti dello schiavista che voleva comprare il giovane drago, che accendi contemporaneamente tutti i fornelli in cucina e gli accendini che trovi in giro per casa. Tralasciando i cavalieri Dothraki ignifughi, speri contemporaneamente che non muoiano né Bronn né Drogon, in un tripudio di sensazioni che culmina con Jamie che va a picco per salvarsi dal letale alito di fuoco vicino alla riva di quello che sembra un fiume (o un lago?) ma che a quanto pare è più profondo della fossa delle Marianne.

Il regista dell’episodio, Matt Shakman, regala inquadrature aeree di Drogon e Danaerys contrapposte a Bronn che schiva i Dothraki per arrivare alla balestra gigante, in modo simile a quando Jon veniva ripreso in mezzo ai cadaveri nella Battaglia dei Bastardi, così che lo spettatore si ritrova nel fulcro dell’azione e rendendo l’idea della confusione e della devastazione portate su campo di battaglia dallo scontro. Menzioni a margine vanno a Re del Nord, che ha la fissa di portare le donne che gli piacciono nelle caverne (con la bruta Ygritte gli era andata bene, quindi non si sa mai che repetita iuvant, magari con l’aiuto del luccichio del Vetro di Drago …), e a Theon, che vince a mani basse il titolo di più “amato” dei Sette Regni, anche se sappiamo che la vera piaga è in realtà il subdolo Ditocorto. Dopo questo primo assaggio non vediamo l’ora di assistere allo scontro tra draghi ed Estranei, anticipato – forse – dal trailer dell’episodio 7×05Eastwatch, di seguito assieme alla featurette sulla preparazione della battaglia e un video del dietro le quinte di The Spoils of War:

Sci-Fi & Fantasy

Nel full trailer di The Last Sharknado si viaggia nel tempo tra T-Rex e saloon del vecchio West

di
Redazione Il Cineocchio

Ian Ziering e Tara Reid insieme un'ultima volta per l'avventura che li porterà a chiudere per sempre la saga iniziata 5 anni fa

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Riflessione | Return of The Thing, il sequel TV di La Cosa di John Carpenter preparato e mai realizzato

di
Redazione Il Cineocchio

Nel 2005 SyFy aveva pensato di continuare la storia di MacReady e Childs, ampliandola. Andiamo a riscoprirne i dettagli, la trama e gli sketch preparatori

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Michael Caine: “Vi spiego il finale di Inception, in accordo con Christopher Nolan”

di
Redazione Il Cineocchio

Il protagonista del thriller onirico del 2010 ha candidamente messo fine ad anni di elucubrazioni dei fan, rivelando che lui per primo chiese spiegazioni all'epoca

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Recensione | Upgrade di Leigh Whannell

di
William Maga

Logan Marshall Green è al centro di un revenge movie fantascientifico prodotto dalla Blumhouse che pesca a piene mani da innumerevoli classici e punta sull'azione violenta e su un insolito fatalismo

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Il trailer di The Dawnseeker ci presenta un cacciatore alieno parente ‘povero’ del Predator

di
Redazione Il Cineocchio

Justin Price scrive e dirige in economia una sorta di rip-off, trasportando alcuni mercenari su un pianeta alieno e gettandoli in pasto a una creatura bellicosa

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Jordan Peele su Ai Confini della Realtà: “La mia serie rifletterà sui nostri tempi”

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista e sceneggiatore ha parlato del gravoso compito che lo attende con il reboot e dell'eredità pesante di Rod Serling

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Neill Blomkamp su RoboCop Returns: “Voglio Peter Weller nel mio film”

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista ha stuzzicato i fan facendo il nome dello storico interprete del poliziotto cyborg come possibile protagonista del nuovo film della saga

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Richard Stanley rivela i primi dettagli di Malware, neo-noir tra dark web e Inferno di Dante

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista sudafricano torna dietro alla mdp dopo ben 24 anni per un progetto che intende riflettere sulla società attuale e le sue più profonde paure e derive

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Riflessione | Il sequel mancato di Arma Non Convenzionale, cosa sappiamo e perchè non si è fatto

di
Redazione Il Cineocchio

Ci sono stati diversi tentativi di dare un seguito al piccolo cult sci-fi del 1990 con Dolph Lundgren e Matthias Hues, ma qualcosa non ha funzionato

Leggi
Titolo Data Regista

Guardians Of The Tomb (Blu-Ray)

02/08

Kimble Rendall

I Segreti Di Wind River (Blu-Ray)

02/08

Taylor Sheridan

Virtual Revolution (Blu-Ray)

02/08

Guy-Roger Duvert

A Quiet Place - Un Posto Tranquillo (Blu-Ray)

10/08

John Krasinski

The Scythian - I Lupi Di Ares (Blu-Ray

10/08

Rustam Mosafir

Bunker Of The Dead (Blu-Ray)

10/08

Matthias Olof Eich

Dead Within (Blu-Ray)

10/08

Ben Wagner

Dementia (Blu-Ray)

10/08

Mike Testin

Don'T Grow Up (Blu-Ray)

10/08

Thierry Poiraud

Downrange - (Limited Edition) (Blu-Ray + Booklet)

10/08

Ryûhei Kitamura

Wax - Il Museo Delle Cere (Blu-Ray)

10/08

Víctor Matellano