Home » TV » Sci-Fi & Fantasy » Riflessione | Il Trono di Spade: il potere e un finale dove tutto cambia, ma niente cambia a Westeros

Titolo originale: Game of Thrones, uscita: 17-04-2011. Stagioni: 9.

Riflessione | Il Trono di Spade: il potere e un finale dove tutto cambia, ma niente cambia a Westeros

21/05/2019 di Redazione Il Cineocchio

L'analisi di uno dei temi cardine della serie HBO fin dal primo episodio ci spinge a domandarci se quella che abbiamo visto sia una conclusione dolce oppure piuttosto amara

Il-Trono-di-Spade-8x06-The-Iron-Throne

In fin dei conti, Il Trono di Spade (Game of Thrones) si è rivelata una storia epica raccontata senza prendersi troppi rischi. Il finale visto nella 8×06 (la nostra recensione) è stato tutto sommato piuttosto soddisfacente per quella parte di fan che aveva investito tempo e speranze nei giovani Stark e che desideravano un qualche tipo di lieto fine per loro, ma si è anche rivelato un punto di arrivo che ha disatteso la promessa iniziale di coronare in altro modo la serie più popolare del decennio, ovvero di stupire gli spettatori sovvertendo uno dei più classici cliché del genere fantasy, ovvero che l’eroe deve sopravvivere per risolvere la situazione.

Come abbiamo visto, l’Eroe è sopravvissuto e ha portato a casa il risultato. Avremo pur perso Ned Stark già nel finale della stagione 1, ma il Trono di Spade nelle sue 8 stagioni su HBO ha potuto contare su un certo numero di altri potenziali beniamini. In questo senso, Jon Snow (Kit Harington), come successore di colui che lo ha cresciuto nel modo che più sarebbe stato importante, è stato la seconda possibilità di raddrizzare i Sette Regni che Ned Stark non ha mai avuto. Sfortunatamente, quello nello show è descritto come “raddrizzare il regno” assomiglia molto a quanto di più tradizionale la storia potesse raccontarci – e indubbiamente è stata un po’ una delusione, anche se non è stato qualcosa di particolarmente sorprendente, visto quanto era stato tradizionale GoT finora .

Il Trono di Spade 8x06 - The Iron Throne (11)La serie termina con Bran (Isaac Hempstead-Wright) non seduto sul fu trono di spade e Tyrion Lannister (Peter Dinklage) come suo Primo Cavaliere, alla guida un gruppo di alcuni tra i personaggi più amati nelle vesti di mgliori consulenti di Westeros. È un finale confortevole, che finge soltanto di “spezzare la ruota”, come Daenerys  (Emilia Clarke) aspirava di riuscire (molto inefficacemente …), ma che invece non fa proprio nulla del genere. L’oligarchia, una forma di governo in cui tutto il potere risiede nelle mani di poche persone o di una classe o un gruppo dominante all’interno della società, rimane viva e vegeta nei Sei Regni (oltre a Winterfell).

Gli showrunner David Benioff e D.B. Weiss presentano questo nuovo assetto politico come qualcosa di audace, sovversivo e pieno di speranza, quando, in realtà, è molto simile alla situazione ‘politica’ precedente, solo con a capo quei personaggi che ci è stato detto siano in qualche modo ‘i migliori’ per quei ruoli. Mentre Westeros non può avere una monarchia assoluta, nel senso che Bran non passerà ‘di diritto’ il potere a suo figlio o figlia, è implicito che, quando il giovane Stark morirà, la classe dominante al potere deciderà di nuovo chi sarà più adatto a governare tutti. E, se il series finale di Il Trono di Spade può dirci qualcosa a proposito, si tratterà di una conversazione decisamente veloce. Non dimenticando la grassa risata che tutti quanti si fanno alla proposta di Samwell (John Bradley) di dar voce alla plebe.

Lasciamo Westeros con un ragazzo adolescente e preveggente come responsabile di un intero regno, eletto in gran parte da persone della sua stessa famiglia e da altri membri appartenenti alla sua ristretta cerchia sociale di una classe superiore. Tyrion fa notare che Bran non avrà figli assetati di potere che possano in futuro causare problemi, ma che ne sarà della progenie degli altri? Chi può dire con certezza che uno degli altri membri del ristretto consiglio di potere non avrà un figlio o una figlia che vorrà di più del già immenso privilegio in cui nascerà?

Il Trono di Spade 8x06 - The Iron Throne (3)Se Bran finisse per rivelarsi un governante tutt’altro che ideale, mettiamo caso tra quattro o cinque decenni, non ci saranno sul piatto altro opzioni se non le solite (cioè l’assassinio a mezzo ‘bacio della morte’). La precipitosa nomina di Bran, promossa principalmente da Tyrion – che si era dimostrato ben poco accorto nella scelta dei leader da seguire -, privilegia la conoscenza sull’empatia (perché Bran, come Corvo con tre occhi ha mostrato pochissima empatia, anche per le persone che un tempo amava), gli uomini sulle donne (ci sarebbe una perfetto Sansa seduta proprio lì accanto), e gli Stark sopra ogni altra cosa.

Il montaggio finale dell’episodio – dal titolo The Iron Throne – show suggerisce che il mondo sia adesso in mani più sicure, perché è nelle mani della famiglia Stark, la più nobile delle casate dei Sette Regni, ma questa “soluzione” vede ancora una famiglia detenere – praticamente da sola – un’incredibile quantità di potere. In quanto gentili, buoni e con buone intenzioni, come spesso sono stati gli Stark, sono una famiglia con simili valori, esperienze di vita iniziali e interessi. Non dovrebbero maneggiare così tanto potere nella Regione precedentemente nota come i Sette Regni.

Questo è il momento in cui, inevitabilmente, qualcuno salterà in piedi per dire qualcosa sull’accuratezza storica e su come non sia realistico che la democrazia – o qualcosa di ancora più radicale – venga lontanamente preso in considerazione in una serie fantasy. Si potrebbe, visto che spesso segue una contro-argomentazione, sottolineare che nel mondo di Il Trono di Spade si siano visti zombi, draghi e risurrezioni miracolose. Tuttavia, la convinzione critica da queste parti è che ogni storia raccontata riguarda il preciso momento in cui viene raccontata tanto quanto, se non di più, il tempo reale o immaginario in cui è ambientata. Questo show può fare tutto ciò che vuole. Non deve per forza seguire lo status quo, che dice che gli uomini dovrebbero governare e che il potere dovrebbe risiedere nelle mani dei ricchi, potenti e incestuosi, piuttosto che in quelle del popolo.

Viviamo in un mondo in cui il potere, che è ampiamente definito dalla ricchezza, è nelle mani di un numero sempre più ristretto di individui. Il Trono di Spade non è mai stato uno spettacolo televisivo a cui importasse davvero chi non ha già accesso al potere. Gli “sfavoriti” della serie, gli Stark, sono una delle famiglie dominanti dei Sette Regni.

Il Trono di Spade 8x06 - The Iron Throne (5)David Benioff e D.B. Weiss si preoccupano della gente comune solamente quando sono vittime, come si vede nella Battaglia di Approdo del Re, in cui veniva ‘usata’ la vita di poveracci innocenti come modo per sostenere l’ “eroismo” di personaggi come Tyrion o Jon Snow che, ricordiamolo, sono stati strumentali nel rendere possibile quel massacro.

Quando è il momento di portare Tyrion o Jon Snow davanti alla giustizia però, nessuno dei due viene sottoposto a processo per i rispettivi ruoli avuti nella suddetta carneficina, ma per aver tradito e ucciso la loro regina. Il Trono di Spade tiene conto soltanto dei crimini commessi contro personaggi ‘di prestigio’. Tyrion e Jon Snow hanno entrambi dimostrato di essere poverissimi giudici di persone e scarsi utilizzatori del loro potere, ma sono ricompensati con ancora più potere.

In questa stagione conclusiva, ci sono state molte discussioni su come questo show abbia deluso il pubblico in merito a trame e sviluppo dei personaggi, ma, forse, la più grande debolezza arriva dal suo fallimento nell’esplorare correttamente uno dei suoi temi portanti: il potere. È un problema dal punto di vista narrativo quando il personaggio che è stato più articolato nelle sue critiche alla monarchia ‘d’ufficio’ e all’influenza corruttrice del potere sia un drago.

In conclusione, cosa ha da dire davvero questa serie in merito al potere? Che va bene che solo poche persone lo amministrino, purché siano prevalentemente maschi, prevalentemente bianchi, e che siano sul lato “giusto” di un storia ben raccontata. In altre parole: nulla di nuovo.

Di seguito trovate la storica sigla di Il Trono di Spade gorgheggiata dagli attori protagonisti e più sotto il video di commiato:

Jason Momoa
Mark Addy
Nikolaj Coster-Waldau
Michelle Fairley
Lena Headey
Emilia Clarke
Iain Glen
Aidan Gillen
Harry Lloyd
Kit Harington
Richard Madden
Alfie Allen
Isaac Hempstead-Wright
Jack Gleeson
Rory McCann
Peter Dinklage
Conleth Hill
James Cosmo
Charles Dance
Maisie Williams
Sophie Turner
Natalia Tena
Julian Glover
Joe Dempsie
Finn Jones
Sibel Kekilli
Joseph Mawle
Eugene Simon
Kristian Nairn
Dominic Carter
John Bradley
Art Parkinson
Ian Gelder
Brian Fortune
Lino Facioli
Ian Beattie
Mark Stanley
Josef Altin
Conan Stevens
Ian Whyte
Miltos Yerolemou
Francis Magee
Wilko Johnson
Amrita Acharia
Roxanne McKee
Susan Brown
Owen Teale
Jamie Sives
Dar Salim
Roger Allam
Ben Hawkey
Luke Barnes
Aimee Richardson
Callum Wharry
Peter Vaughan
David Bradley
Dermot Keaney
Joshua Mikel
Sean Bean
Elyes Gabel
Donald Sumpter
Ron Donachie
Esmé Bianco
Bronson Webb
John Standing
Rob Ostlere
Rania Zouari
Sarita Piotrowski
Rhodri Hosking
Lalor Roddy
Conor Delaney
Ian McElhinney
Gethin Anthony
Margaret John
Robert Sterne
Portelli Paul
Nikovich Sammut
Seamus Kelly
Emily Diamond
Emun Elliott
Jefferson Hall
Andrew Wilde
Kevin Keenan
Patrick Ryan
Susie Kelly
Kate Dickie
Ciaran Bermingham
Brendan McCormack
Alan Paris
Antonia Christopher
Amira Ghazalla
Niall Cusack
Stephen Don
Paddy Rocks
Barrington Cullen
Barry John O'Connor
David Michael Scott
Simon Lowe
Sahara Knite
Graham Charles
Jeffrey O'Brien
Dennis McKeever
Phil Dixon
Tristan Mercieca
Mark Lewis Jones
Mia Soteriou
Simon Stewart
Matthew Scurfield
Frank O'Sullivan
Tobias Winter
Clive Mantle
Colin Carnegie
Bryan McCaugherty
Kelly Long
Vinnie McCabe
Eros Vlahos
Steven Blount
Gerry O'Brien
Ryan McKenna
Jason Momoa
Sci-Fi & Fantasy

Teaser trailer (leak) per Monster Hunter: Diablos e Rathalos vs. Tony Jaa e Milla Jovovich

di Redazione Il Cineocchio

Emerge in rete il filmato rubato allo Shanghai International Film Festival del film live action diretto da Paul W.S. Anderson

Leggi
Jodorowsky's Dune (2013) giger film
Sci-Fi & Fantasy

Tra le pieghe del tempo | Alejandro Jodorowsky nel 1975 su Dune: “Ho licenziato Salvador Dalì; vi spiego il motivo”

di Redazione Il Cineocchio

Durante la fase di pre-produzione, il regista cileno rivelava a sorpresa di aver rinunciato alla presenza del noto pittore spagnolo nel cast del suo adattamento, spinto da gravi ragioni molto precise

Leggi
ALEJANDRO JODOROWSKY
Sci-Fi & Fantasy

Riscopriamo Anno 4000 museo Terra, il film perduto di Alejandro Jodorowsky

di Redazione Il Cineocchio

Proviamo a far luce sul misterioso progetto, presentato in pompa magna a Milano nell'aprile del 1978 dal regista cileno in persona, le cui riprese - apparentemente imminenti - mai partirono

Leggi
KIPO AND THE AGE OF WONDERBEASTS serie netflix
Sci-Fi & Fantasy

Kipo And The Age of Wonderbeasts: trailer per la serie animata fanta-apocalittica della DreamWorks (per Netflix)

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice Karen Fukuhara ha prestato la voce alla protagonista, una ragazza a spasso per un pianeta in cui ogni animale 'puccioso' è in realtà una seria minaccia alla sua vita

Leggi
shanghai fortress film
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Shanghai Fortress: la Cina brucia sotto l’attacco degli alieni

di Redazione Il Cineocchio

Shu Qi e Lu Han sono i protagonisti dell'adattamento dell'omonimo romanzo sci-fi diretto dal regista Teng Huatao

Leggi
ghostbusters 1984 scena eliminata birra
Sci-Fi & Fantasy

Ghostbusters 1984: guardate le 4 scene alternative e cancellate mai mostrate in pubblico

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Jason Reitman ha fatto un grande regalo agli appassionati accorsi per la Ghostbusters Fan Fest, mostrando alcuni ciak inediti che coinvolgono Bill Murray, Sigourney Weaver, Dan Aykroyd, Harold Ramis, Rick Moranis e Annie Potts

Leggi
Siân Phillips in Dune (1984) film
Sci-Fi & Fantasy

Dune: The Sisterhood, si fa la serie sulle Bene Gesserit. Denis Villeneuve per il pilot

di Redazione Il Cineocchio

Il regista canadese sovraintenderà, assieme allo sceneggiatore Jon Spaihts, lo spin-off per il piccolo schermo ispirato al romanzo di Frank Herbert

Leggi
i am mother film netflix Clara Rugaard
Sci-Fi & Fantasy

I Am Mother: interpretazione del finale e di ciò che accade nel film con Hilary Swank

di Redazione Il Cineocchio

Cerchiamo di far luce su alcuni punti salienti del thriller di fantascienza distribuito da Netflix diretto da Grant Sputore e scritto da Michael Lloyd Green

Leggi
I Am Mother (2019) film netflix
Sci-Fi & Fantasy

I Am Mother | La recensione del film con Hilary Swank, dove maternità e I.A. si incontrano

di William Maga

Il regista Grant Sputore debutta - distribuito da Netflix - con un'intelligente analisi del comportamento umano che è anche un thriller squisitamente inquietante

Leggi
Colin Farrell in Minority Report (2002)
Sci-Fi & Fantasy

Colin Farrell su Minority Report: “Dovetti ripetere una scena 56 volte, fui un disastro”

di Redazione Il Cineocchio

L'attore ha ricordato il terribile giorno in cui mise a dura prova la pazienza del regista Steven Spielberg a causa di una sua richiesta non accolta dalla produzione del film

Leggi
mirai hosoda blu-ray
Sci-Fi & Fantasy

Recensione Blu-ray | Mirai di Mamoru Hosoda

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino l'edizione italiana del film giapponese che ha concorso ai premi Oscar 2019 per la Miglior opera d'animazione

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Black Mirror stagione 5 | La recensione dei tre nuovi episodi della serie Netflix

di William Maga

È lo 'specchio nero' di Charlie Brooker a essersi fatto più luminoso oppure è il mondo reale che è diventato più cupo?

Leggi
mothra 2019 hd
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | La storia cinematografica di Mothra: lunga vita alla Regina dei mostri

di Redazione Il Cineocchio

Ripercorriamo i film dedicati a uno tra i kaiju della Toho più amati dal pubblico, portavoce di Madre Natura e spesso nemica di Godzilla

Leggi
brad pitt ad astra film
Sci-Fi & Fantasy

Teaser trailer per Ad Astra: Brad Pitt vola in orbita per salvare la Terra

di Redazione Il Cineocchio

Nuova data di uscita per il film di fantascienza scritto e diretto da James Gray, in cui troveremo anche Liv Tyler e Tommy Lee Jones

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Joe e Anthony Russo: “Lavoriamo alla serie animata di Magic: l’Adunanza per Netflix”

di Redazione Il Cineocchio

I due fratelli registi collaboreranno con lo Studio Octopie per portare in vita il popolarissimo gioco di carte collezionabili fantasy ideato da Richard Garfield nel lontano 1993. C'è già qualche indizio su uno dei personaggi chiave.

Leggi
Ma

Ma

27-06-2019

Lucania - Terra Sangue e Magia

Lucania - Terra Sangue e Magia

20-06-2019

Sir - Cenerentola a Mumbai

Sir - Cenerentola a Mumbai

20-06-2019

La prima vacanza non si scorda mai

La prima vacanza non si scorda mai

20-06-2019

Anna

Anna

20-06-2019

Arrivederci professore

Arrivederci professore

20-06-2019

Rapina a Stoccolma

Rapina a Stoccolma

20-06-2019

RECENSIONE

The Elevator

The Elevator

20-06-2019

La bambola assassina

La bambola assassina

19-06-2019

RECENSIONE

Christo - Walking on water

Christo - Walking on water

16-06-2019

Shelter: Addio all'Eden

Shelter: Addio all'Eden

14-06-2019

Il grande salto

Il grande salto

13-06-2019

Soledad

Soledad

13-06-2019

I morti non muoiono

I morti non muoiono

13-06-2019

RECENSIONE

Climax

Climax

13-06-2019

RECENSIONE

Blue My Mind - Il segreto dei miei anni

Blue My Mind - Il segreto dei miei anni

13-06-2019

Beautiful Boy

Beautiful Boy

13-06-2019

Dicktatorship - Fallo e basta!

Dicktatorship - Fallo e basta!

10-06-2019