Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Arnold Schwarzenegger su Terminator 6: “Via i personaggi inutili e la timeline ingarbugliata”

Arnold Schwarzenegger su Terminator 6: “Via i personaggi inutili e la timeline ingarbugliata”

25/10/2017 news di Redazione Il Cineocchio

Il seguito ancora senza titolo diretto da Tim Miller e prodotto da James Cameron riporterà anche il T-800 agli antichi splendori

A quanto pare, Arnold Schwarzenegger, apparso in tutti i film della saga di Terminator, sa come risolvere i non pochi problemi della saga in vista del nuovo capitolo, ancora senza titolo, che sarà diretto da Tim Miller (Deadpool) e vedrà come produttore il suo ideatore James Cameron.

TerminatorSecondo la star, il franchise è diventato infatti eccessivamente complicato. Il piano con il prossimo titolo è invece quello di ignorare tutti sequel successivi a Terminator 2 – Il giorno del giudizio, rimuovendo quegli aspetti confusi che hanno allontanato la saga dai primi due film.

Come ha rivelato:

Penso che Cameron e Miller se ne siano usciti con un concept in cui possono continuare a usare il T-800, realizzando [al contempo] un film del tutto nuovo. Quello che stanno facendo ora con questo [capitolo] è fondamentalmente prendere solo alcuni personaggi chiave, come il personaggio di Linda Hamilton [anche lei di ritorno] e il mio, ed eliminare tutto il resto. Si allontaneranno semplicemente da tutte le regole dettata dalla timeline e dagli altri personaggi.

Tuttavia non si tratta solo di semplificare la storia. Schwarzenegger ha detto che i seguiti hanno totalmente snaturato Terminator stesso, che da un certo punto in poi è diventato “un individuo ordinario che viene riattivato all’improvviso”, e l’hanno reso troppo umano, ignorandone l’originaria natura.

james cameron terminator setHa infatti spiegato:

Penso che il modello T-800 sia un personaggio davvero interessante. È una macchina, può essere distruttiva, può fare cose che gli esseri umani non possono fare, ma allo stesso tempo, quando arriva una tecnologia più recente, egli diviene improvvisamente vulnerabile, il che lo rende ancora più interessante.

In attesa dunque di saperne di più, è davvero avvincente scoprire via via quali discorsi siano condotti dietro alle quinte a porte chiuse. E’ chiaro infine che Cameron e Miller abbiano già individuato alcuni seri problemi all’interno del franchise (come quello relativo all’invecchiamento dell’attore) e sperino che, eliminandoli completamente, sia possibile tornare agli originari fasti dei primi due storici film. Anche noi d’altra parte speriamo che abbiano ragione e trovino la giusta ricetta (e abbiamo dato qualche tempo fa anche i nostri suggerimenti per evitare gli sbagli del passato)!

Fonte: Business Insider UK

The Head serie amazon 2020
Sci-Fi & Fantasy

The Head: trailer e data di uscita (su Amazon) per la serie fanta-horror ambientata al Polo Sud

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono i fratelli Àlex e David Pastor dietro alla sceneggiatura della co-produzione tra Spagna e Giappone. che vede tra i protagonisti John Lynch

Leggi
ritorno al futuro 1985 doc
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Ritorno al Futuro (1985): scopriamo la prima sceneggiatura del film, diversissima da quella vista al cinema

di Redazione Il Cineocchio

I clamorosi dettagli dello script sono stati rivelati dall'attore Jon Cryer, che nel 1984 partecipò ai provini per il ruolo di Marty McFly

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

High Life: trailer italiano e data di uscita per il film sci-fi con Robert Pattinson e Mia Goth

di Redazione Il Cineocchio

Nel film di fantascienza - e primo in lingua inglese - della regista Claire Denis c'è anche Juliette Binoche

Leggi
the witcher serie netflix geralt
Sci-Fi & Fantasy

The Witcher: Blood Origin, trama e dettagli per la miniserie prequel (su Netflix)

di Redazione Il Cineocchio

Lo scrittore Andrzej Sapkowski è direttamente coinvolto nella realizzazione dello show, che espanderà l'universo collegato a Geralt di Rivia

Leggi
japan sinks 2020 serie netflix anime
Sci-Fi & Fantasy

Japan Sinks: 2020 | La recensione della serie animata di Masaaki Yuasa (su Netflix)

di William Maga

C'è il regista di Devilman Crybaby dietro alla trasposizione - aggiornata - del romanzo catastrofico Sakyo Komatsu pubblicato nel 1973, un'opera quanto mai attuale, in grado di far riflettere e commuovere

Leggi