Home » Cinema » Azione & Avventura » David Harbour: “Il reboot di Hellboy ricorda Indiana Jones. Il mio Red sarà diverso da quello di Ron Perlman”

David Harbour: “Il reboot di Hellboy ricorda Indiana Jones. Il mio Red sarà diverso da quello di Ron Perlman”

22/08/2017 news di Redazione Il Cineocchio

Il protagonista del film diretto da Neil Marshall ha spiegato i suoi piani per il personaggio e la difficile eredità

Quando il reboot di Hellboy diretto da Neil Marshall (The Descent) arriverà al cinema, non ci ritroveremo in territori molto familiari.

Il film, precedentemente intitolato Hellboy: Rise of the Blood Queen e ora divenuto semplicemente Hellboy, sta muovendo i suoi passi verso l’inizio delle riprese, e dopo l’annuncio di David Harbour (Stranger Things) nel ruolo del rosso protagonista creato da Mike Mignola e l’aggiunta di Ian McShaneMilla Jovovich e Ed Skrein al suo cast, c’è grande interesse intorno alla vicenda intorno a cui ruoterà la pellicola. Durante un recente podcast, Harbour ha ora rivelato alcuni dettagli, confermando che il film non sarà interamente una storia delle origini del mezzo demone del titolo, ma prenderà piuttosto spunto da I predatori dell’Arca Perduta:

hellboy 2017C’è qualcosa [delle sue origini], ma non è esattamente un film delle origini. Stiamo più o meno affrontando il film come se stessimo correndo e sparando. Avremo un po’ di momenti in cui mostriamo qualcosa, ma è davvero soltanto una storia in cui si viene gettati al fianco di questo tizio. In un certo senso, mi ricorda Indiana Jones. Cominci con lui che ruba l’idolo, ma poi torni all’università e capisci che è un archeologo, ma questo è solamente un tipo che va in giro a rubare idoli e a combatte i nazisti e che vuole rubare l’Arca dell’Alleanza. Ma non si torna mai indietro a quando è un ragazzino e pensi “Com’è diventato Indiana Jones?”. No, accettiamo che sia Indiana Jones e penso che anche la nostra storia sia così. Accetti che c’è questo mezzo demone che va in giro per il mondo, che è un investigatore del paranormale e che risolve crimini e affronta contemporaneamente anche i suoi problemi.

Se la storia delle origini di Indy è stata alla fine raccontata in Indiana Jones e L’Ultima Crociata, il punto di Harbour è che il film del 1989 non spiega mai perchè sia diventato quello che è, ma piuttosto di concentra sulla buona narrazione e sulla performance degli attori.

Hellboy offre tuttavia un’altra sfida non da poco, in quanto come sappiamo esistono già ben due lungometraggi dedicati al personaggio e piuttosto recenti, che hanno potuto contare su un Ron Perlman perfetto nel ruolo. Harbour ha ammesso che la situazione non è delle più semplici, ma ha parlato anche di come intende reinterpretare Red:

hellboy pearlmanÈ unico e strano. Ci sono cose che farò che saranno diverse. Hellboy è lo stesso personaggio dei fumetti e rispetto a quello che ha fatto Ron, ci sono alcune cose che saranno uguali, ma penso che – non lo so, ci sarà un approccio diverso, perché io intendo mettere in evidenza cose diverse, che, credo, Ron non ha esplorato. Si può dire che Ron abbracciasse questo machismo in sé stesso e in Hellboy, e mi piace molto ed è super divertente ed è una performance super divertente, ma credo che Hellboy abbia una certa dinamica psicologica dove occasionalmente deve dimostrare di essere il leone, deve ruggire, e credo che combatta contro la propria mascolinità. Ma non penso che ne abbia bisogno come forse in quegli altri film. La vedo un po’ diversamente per quanto concerne l’uso delle sue capacità o sulla spigliatezza. Ritengo che per me sia un po’ meno qualificato a costruirsi quel tipo di personaggio.

Come detto, questo nuovo Hellboy – che sarà R-Rated, sta avanzando a larghi passi, quindi probabilmente non dovremo aspettare a lungo per vedere le prime immagini e i video della performance di Harbour.

Fonte: HSC

dunkirk film 2017 nolan
Azione & Avventura

Dunkirk | La recensione del film di guerra di Christopher Nolan

di Alessandro Gamma

Un assalto frontale ai sensi dello spettatore, un film di guerra che cerca l'ordine in mezzo al caos capace di issarsi tra le pietre miliari del genere

Leggi
Zachary Levi in Shazam! (2019)
Azione & Avventura

Shazam! | Recensione del film di David F. Sandberg col supereroe Zachary Levi

di William Maga

Il regista abbandona le atmosfere cupe dei suoi horror precedenti per raccontare con (troppa) leggerezza la storia delle origini dell'eroe alter ego di un adolescente, con risultati alterni

Leggi
Pomi d'ottone e manici di scopa (1971) lansbury film
Azione & Avventura

Dossier | Pomi d’ottone e manici di scopa di Robert Stevenson: la fine dell’epoca d’oro dei musical

di William Maga

Nel 1971, Angela Lansbury e David Tomlinson erano i protagonisti di un film Disney a tecnica mista 'gemello diverso' di Mary Poppins, arrivato a chiusura di un ciclo irripetibile

Leggi
regine disney alice malefica
Azione & Avventura

Riflessione | La sete di sangue delle regine dei classici Disney (parte II): Alice e la Bella Addormentata

di Sabrina Crivelli

Esaminiamo le motivazioni e le figure della Sovrana del paese delle meraviglie e di Malefica dei film animati 1951 e 1959, approfondendone gli aspetti più dark

Leggi
fury film 2014
Azione & Avventura

Fury | La recensione del film di guerra di David Ayer

di William Maga

Nel 2014, Brad Pitt e Shia LaBeouf erano i protagonisti di un war movie senza fronzoli, che ci immerge fino ai gomiti nel fango degli ultimi duri giorni della Seconda Guerra Mondiale

Leggi