Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » David Lynch nel 1984 su Dune: “Abissale differenza filosofica con Star Wars; De Laurentiis collaborativo” | Tra le pieghe del tempo

Titolo originale: Dune, uscita: 14-12-1984. Budget: $40,000,000. Regista: David Lynch.

David Lynch nel 1984 su Dune: “Abissale differenza filosofica con Star Wars; De Laurentiis collaborativo” | Tra le pieghe del tempo

27/02/2019 news di Redazione Il Cineocchio

Il regista dell'adattamento del libro di Frank Herbert parlava anche di come la città di Venezia fosse stata di grandissima ispirazione per la costruzione dei set del film

david lynch dune set

Se il prossimo anno vedremo nei cinema il nuovo adattamento cinematografico del romanzo di Frank Herbert infarcito di star diretto da Denis Villeneuve, moltissimi fan della fantascienza ricordano – nel bene o nel male – la prima versione firmata David Lynch di Dune, datata 1984, dalla sfarzosa ed estenuante lavorazione, ma dal riscontro di critica e pubblico misero.

david lynch set dune 1984Questa la trama ufficiale:

Nell’anno 10191, sul desertico pianeta Dune si scatena una lotta tra potenti per acquisire il controllo della spezia, una sostanza che conferisce enormi poteri. Da una parte c’è il popolo dei Fremen, guidato da Paul Atreides (Kyle MacLachlan), e dall’altro gli avidi Harkonnen.

Se lo stesso regista di Missoula, all’epoca 38enne e reduce dal sorprendente successo di The elephant man (1980), ha poi quasi subito ampiamente preso le distanze dall’opera – pesantemente rimaneggiata al montaggio dal produttore Dino De Laurentiis – pretendendo il final cut su tutti i suoi successi lavori, sorprendono abbastanza le sue dichiarazioni a un giornalista italiano de L’Unità durante il giro promozionale a ridosso dell’uscita di Dune nelle sale del nostro paese.

Queste le parole di David Lynch:

È andato tutto bene. Ho avuto da Dino tutta la libertà che volevo. Che era poi la libertà di non tradire il senso del romanzo. Inizialmente ero andato all’incontro per curiosità. Dopo i primi cinque minuti, capii che De Laurentiis era una persona sensibile, che amava il cinema, che sapeva tirar fuori tante di quelle idee da incantare. Lo so, qualche volta prende posizioni sbagliate, ma è comunque un uomo che cerca di venire incontro, non di distruggere.

Il regista rivelava poi come fosse stato ispirato da Venezia:

dune 1984 david lynchNon lo dico perché sono in Italia, ma è stata Venezia, con i suoi giochi di luci, con i suoi angoli, con i suoi colori, a ispirare il décor di molti dei settantacinque set realizzati negli Studios Churubusco a Città del Messico.

Ricordando di aver poco tempo prima rifiutato la regia di Il Ritorno dello Jedi, David Lynch prendeva le distanze dall’approccio ‘popolare’ di George Lucas:

Mettendomi sulla sceneggiatura di Dune mi sono preoccupato di non fare un’operazione alla George Lucas. Dune può piacere più o meno, ma non è Guerre Stellari, non riduce nella parola Forza la complessità filosofica della pagina scritta, non cerca la complicità infantile. Non dimenticate, in proposito, le parole di Frank Herbert: “Dune è un libro sull’Impulso messianico della società, un apologo sulla tendenza della natura umana a seguire leaders carismatici senza sapere chi siano veramente”.

Infine, alla contestazione che i protagonisti di Dune fossero ‘banali’, Davi Lynch sorprendentemente rispondeva:

Sì, forse per i personaggi ha ragione. Sono troppi, spesso “bigger than life” e invadenti, ma mi sembra di essere riuscito a conservare la struttura circolare del racconto.

Dichiarazioni che lasciano piuttosto sorpresi, abituati come siamo oggi al David Lynch schivo e assai meno propenso a dare spazio a ciò che ha per la testa.

Di seguito il trailer originale di Dune:

Fonte: L'Unità

profondo Giuliano Giacomelli film
Sci-Fi & Fantasy

Profondo | La recensione del film scritto e diretto da Giuliano Giacomelli

di Francesco Chello

L’autore fa il suo esordio in solitaria con un'opera che, partendo da un presupposto di natura fantastica, racconta una interessante storia di riscatto e di introspezione

Leggi
wall-e pixar film 2008
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | WALL•E di Andrew Stanton: quando il silenzio è d’oro (per un po’ almeno)

di William Maga

Nel 2008 la Pixar portava nei cinema un film per metà quasi completamente muto, spingendo ogni oltre confine sperimentato prima la narrazione per sole immagini

Leggi
japan sinks 2020 serie anime netflix yuasa
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Japan Sinks: 2020, catastrofica serie anime di Masaaki Yuasa per Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Il regista di Devilman Crybaby torna sulle scene con l'adattamento del romanzo sci-fi di Sakyo Komatsu pubblicato nel 1973

Leggi
paranoia agent 2004 serie satoshi kon
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Paranoia Agent di Satoshi Kon: risvegliarsi dall’incubo della modernità

di William Maga

Nel 2004, il regista giapponese dirigeva un'opera attualissima e in anticipo sui tempi, capace di riflettere sulle paure della società

Leggi
upgrade film 2018
Sci-Fi & Fantasy

Upgrade diventa una serie TV: trama e dettagli del progetto Blumhouse

di Redazione Il Cineocchio

Lo studio di Jason Blum ha deciso di espandere l'universo presentato nel film sci-fi del 2018 diretto da Leigh Whannell

Leggi