Home » Cinema » Horror & Thriller » I produttori del nuovo Venerdì 13 parlano della storia, della location e della data d’inizio delle riprese

I produttori del nuovo Venerdì 13 parlano della storia, della location e della data d’inizio delle riprese

26/10/2016 news di Redazione Il Cineocchio

Confermato ufficialmente anche Breck Eisner alla regia

Jason Voorhees è in procinto di prendere Atlanta! Lo affermano i produttori della Platinum Dunes Brad Fuller e Andrew Form, che parlando di Venerdì 13 hanno rivelato – dopo quelli pubblicati di ieri – ulteriori dettagli sul nuovo attesissimo e travagliato capitolo, che inizierà la produzione nel mese di dicembre, mentre le riprese cominceranno ad Atlanta all’inizio della primavera.

Questo ciò che hanno detto:

In termini di realizzazione, [il film del 2009] è stato davvero divertente. Il cast è stato grande, c’era un’ottima atmosfera, tutti andavano d’accordo. Ci siamo divertiti moltissimo a girare quel film e abbiamo sempre voluto tornare a Crystal Lake e farne un altro. C’erano così tanti ostacoli da superare per arrivare dove siamo oggi. Non ho intenzione di annoiarvi parlandovene, ma per un lungo lasso di tempo, c’è stato un problema di diritti tra Paramount e Warner Bros. Poi c’è stato un problema tipologico. A un certo punto, lo studio voleva realizzare una versione found-footage del film, fatto per noi decisamente profondamente perché ritenevamo che non sarebbe stata resa la pellicola nel modo giusto, se si trattava di un found-footage.

Crystal Lake jason venerdìNo, Jason è un film in POV. Così, è stato molto difficile confrontarsi su come poter realizzare un Venerdì 13 in versione found-footage, sapendo che abbiamo realmente bisogno del punto di vista di Jason. Non volevamo distaccarci dal DNA di tale aspetto. Abbiamo anche discusso: facciamo un sequel dell’originale? Dobbiamo riprendere da dove avevamo lasciato con Jared e Amanda alla fine del film? In qualche modo, [tale concept] non ha trovato una [giusta] dimora. Così, sono passati otto anni. Saranno otto anni da quando abbiamo girato l’ultimo. Sono qui [però] per dire che abbiamo trovato la location. Abbiamo trovato il lago, abbiamo trovato il campo estivo. Abbiamo trovato uno script fantastico di Aaron Guzikowski. Breck Eisner è il regista del film. Le riprese del film cominceranno all’inizio della primavera.

Dunque, le riprese saranno ad Atlanta (che si trova proprio dietro a dove hanno girato il sesto capitolo, Jason Vive), in un campo estivo vero e proprio ed è stato confermato che sarà “un pezzo d’epoca“, anche se non è stato specificato di che periodo stiamo parlando, forse negli anni ’80? Dovremmo attendere di vedere quello che hanno in serbo per noi Guzikowski e Eisner, intanto abbiamo una pianificazione ufficiale dei lavori, finalmente!

Nel caso vogliate approfondire, eccovi l’intervista video completa:

Please enable Javascript to watch this video

Fonte: Collider

My Heart Can't Beat Unless You Tell It To film
Horror & Thriller

My Heart Can’t Beat Unless You Tell It To | La recensione del film horror di Jonathan Cuartas (Sitges 53)

di Redazione Il Cineocchio

SOno Patrick Fugit e Ingrid Sophie Schram i protagonisti di un dramma vampiresco da camera, una straziante meditazione sulla famiglia

Leggi
notturno film amazon 2020 horror
Horror & Thriller

Notturno | La recensione del film horror di Zu Quirke (per Amazon Prime)

di Marco Tedesco

Sydney Sweeney è la malignamente competitiva protagonista del migliore dei primi 4 capitoli del progetto Welcome To The Blumhouse

Leggi
impetigore film horror 2020
Horror & Thriller

Impetigore | La recensione del film horror indonesiano di Joko Anwar (Sitges 53)

di William Maga

Il regista torna sulle scene con una fiaba dark tinta di sangue, che ci sprofonda nel folklore locale tra marionette e antiche maledizioni

Leggi
The toll main
Horror & Thriller

The Toll | La recensione del film horror di Michael Nader (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Jordan Hayes e Max Topplin sono i protagonisti di un'opera che gioca con gli stereotipi del genere, divertendosi a spiazzare con le aspettative del pubblico

Leggi
Post Mortem-3
Horror & Thriller

Post Mortem | La recensione del film horror di Péter Bergendy (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Un'ambientazione ungherese primo novecentesca molto suggestiva viene sprecata da una regia che opta per effetti speciali bizzarri e da una sceneggiatura troppo vaga

Leggi