Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Intervista ad Amat Escalante, Leone d’Argento per La Región Salvaje

Intervista ad Amat Escalante, Leone d’Argento per La Región Salvaje

12/09/2016 news di Alessandro Gamma

Qualche gionro prima che venisse premiato dalla Giuria di Venezia 73 abbiamo fatto una chiacchierata con il regista messicano, autore di uno dei film più controversi della Mostra di quest'anno

Ben prima che venisse premiato nel corso dell’ultima serata con il Leone d’Argento per la Miglior Regia all’ultima Mostra del Cinema di Venezia, noi conoscevamo già le potenzialità di Amat Escalante, cineasta messicano classe 1979 già vincitore del Prix de la mise en scène al Festival di Cannes 2013 per Heli.

Il suo La Región Salvaje (Untamed), presentato in Concorso in anteprima mondiale a Venezia 73 appunto, ha spaccato la critica e soprattutto sdegnato gran parte del pubblico, specie di sesso femminile, sorprendentemente non tanto per i temi trattati – piuttosto forti – come l’omosessualità, la violenza o l’eutanasia, quanto per la presenza di una creatura tentacolare aliena (nell’accezione di ignota) fonte sconcertante e scandalosa di piacere per le protagoniste.

region-salvaje-locandinaQuesta la sinossi ufficiale dell’opera, che vede protagonisti Ruth Ramos, Simone Bucio, Jesús Meza ed Edén Villavicencio:

Alejandra, giovane madre lavoratrice, cresce due figli insieme al marito, Ángel, in una piccola città messicana. Suo fratello Fabian è infermiere nell’ospedale del luogo. La loro vita di provincia è sconvolta dall’arrivo della misteriosa Veronica. Sesso e amore possono essere molto fragili in talune regioni in cui esistono forti valori familiari, ipocrisia, omofobia e maschilismo. Veronica convince queste persone che nel vicino bosco, in una capanna isolata, c’è qualcosa che non appartiene al mondo terrestre e che potrebbe essere la risposta ai loro problemi. Qualcosa alla cui forza essi non sanno resistere e che devono subire per non scatenarne l’ira.

Questo che segue è il resoconto completo della chiacchierata che abbiamo fatto con Escalante sulla spiaggia dell’hotel Excelsior al Lido.

Puoi dirci qualcosa sul perchè è ambientato proprio in questa città? Ha un significato particolare per te questa regione del Messico, che appare molto cattolica e conservatrice?

Sono cresciuto in questa città, ma avrebbe potuto essere qualsiasi altro posto, magari non Città del Messico o Parigi o qualche altra grande città del mondo, ma per me aveva senso ambientare le tematiche della storia in quei luoghi, perchè sono molto conservatori e molto religiosi e c’è molta violenza verso le donne e le persone che hanno gusti sessuali differenti, ma una storia del genere avrebbe davvero potuto essere ambientata in moltissimi altri posti nel mondo. Ho voluto ambientarlo lì perchè sono cresciuto da quelle parti, ho familiarità con l’ambiente, le persone lì mi conoscono ed è più facile girare e fa ancora clamore vedere che un film viene girato lì.

region-salvaje-veneziaHai dedicato il film ad Andrzej Żuławski. Potresti dirci qualcosa in più su come ti ha ispirato in particolare il suo Possession?

Possession mi è stato nominato la prima volta da mio padre quando ero piccolo. Un giorno mi disse che aveva visto un film che lo aveva convinto a non vedere qualsiasi altro film per un anno. Anni dopo ho recuperato Possession, perchè ero curioso, e ne sono rimasto colpito e mi ha toccato, e forse questa creatura presente in La Region Salvaje avrebbe potuto ‘recitare’ anche nel suo film. E’ una sorta di resurrezione in un certo senso. A parte questo, dovrei scavare un po’ più a fondo ed essere un po’ più intellettuale per trovare altre somiglianze. Fondamentalmente avrei comunque messo una creatura in questo film anche se là non fosse esistita, ma non lo sapremo mai perchè in effetti c’è [ride]. Ma si, è sicuramente una sorta di omaggio a questa cosa che esiste in questo mondo.

A questo proposito, c’è stato un momento in cui hai pensato di non mostrare la creatura?

Non io, ma altre persone lo hanno pensato. E’ dal mio primissimo film che intendo mostrare e non far distogliere lo sguardo. Mi piace mostrare cose che forse non dovrebbero essere mostrate o che avrebbero dovuto essere tagliate. Mi piace quella sensazione. Penso che ci siano già troppi film in cui ad esempio gli attori devono muoversi in un certo modo così che non debbano mostrare i genitali. Non mi piace quando succede. E lo stesso è avvenuto per il modo in cui ho deciso di mostrare la creatura: se avessi optato per gestirla in un modo più convenzionale del tipo ‘non mostriamola perchè è più economico’, l’immaginazione del pubblico avrebbe potuto creare una creatura più interessante e magari avrebbe potuto funzionare, ma non era questa la mia prima opzione. Non è il mio stile.

region-salvaje-castPossiamo quindi legare questo aspetto – il non distogliere lo sguardo – anche a qualcosa di politico?

 Potrebbe. Sono abituato – e l’ho mostrato anche in altri film – che alcune delle mie ispirazioni sono molto ‘visive’, anche le news mostrano molto. Le notizie che vendono di più sono quelle che mostrano persone morte sulla copertina. Crescendo in Messico ti abitui a vedere cose che non dovrebbero essere viste. Forse non c’è una ragione per vedere certe cose… forse è una questione culturale, non so. Ma penso sia più legato all’aspetto visivo. Mio padre è nel film, interpreta il Signor Vega, l’anziano che vive nella baita, ed è un pittore e i suoi dipinti possono ricordare un po’ i miei film, perchè contengono nudità, violenza ecc. Non posso quindi dire se questo mio modo di girare derivi dalla società. In Messico ad esempio non riguarda il mostrare o il non mostrare qualcosa. Non è che la gente volti la testa, ma è più il vedere e non fare niente, come nei confronti della corruzione o delle ingiustizie. Sono cose talmente alla luce del sole… è così frustrante… e può darsi che si rifletta anche nel film. Alcuni anni fa, 43 studenti che stavano andando a protestare contro il Governatore sono scomparsi in Messico. Più tardi sono stati ritrovati bruciati, probabilmente dall’esercito. Questo sarebbe stato uno scandalo enorme in molti altri posti, mentre qui è stato si uno scandalo grosso ma non ci sono state conseguenze. Quindi quando non ci sono conseguenze per una cosa del genere o per nient’altro ci si ritrova in una sorta di anarchia. Lo spunto di partenza del mio film è la notizia vera apparsa su un giornale in prima pagina che un gay era stato ritrovato annegato, ma lo dicevano in un modo molto degradante e le persone hanno semplicemente accettato il titolo così com’era. La Region Salvaje è in qualche modo una reazione a quel modo di pensare e verso la violenza che si scatena contro le persone di diverso orientamento sessuale e anche contro le donne in Messico e in molte altre parti del mondo.

La creatura può essere considerata oscena?

La creatura può essere considerata grottesca e sconcia e non piacevole da guardare perchè è questo il modo in cui molte persone vedono il sesso. Per questo forse in qualche modo se ne viene attratti, non lo so. La creatura riflette le pulsioni dei personaggi, cresciuti con preconcetti inculcati dalla chiesa, dalla società ecc. Per questo forse ha finito per essere realizzata così.

la-region-salvajeE’ stato difficile spiegare all’attrice come interagire con la creatura, specie nelle scene più spinte?

E’ stato molto complicato soprattutto dal punto di vista fisico, perchè lei non è una ballerina, e a dire il vero non è nemmeno un’attrice, visto che è il suo primo film. La parte difficile è stata essere nudi sul set, è una cosa un po’ scomoda anche per me interagire con persone nude, quindi abbiamo girato la scena nel modo più facile e discreto possibile. Ovviamente abbiamo girato il film senza alcun tipo di creatura [ride], ma ha richiesto molto lavoro far capire cosa stesse succedendo. Non ci sono stati comunque problemi con le attrici riguardo a nulla, sul piano morale o altro, sono state aperte, senza contare che non stavano davvero facendo nulla per davvero. Naturalmente ho dovuto spiegare cosa fosse e dove fosse, che sarebbe stato strano e così via, ma sono state contente di essere nel film.

Hai lavorato con attori e attrici non professionisti. Perchè questa scelta?

Ho fatto dei casting per molti mesi, circa 8, in diversi posti in Messico, cercando anche attori professionisti, ma nessuno di loro mi ha ispirato. Di solito non sono molto sicuro di quello che sto cercando, per questo ci metto molto tempo, ma quando li trovo lo so. Il personaggio di Veronica [Simone Bucio] ad esempio l’ho trovato cercando su Facebook, non era un’amica o altro e peraltro non stava cercando di fare un film o voler fare l’attrice, al contrario degli altri tre protagonisti, che sono attori alle prime armi. Di solito parlo con gli attori dello script e delle varie difficoltà, e se sono d’accordo e capisco, iniziamo a girare.

region-salvaje-amatIncontrare la creatura per i personaggi è in qualche modo liberatorio ma anche pericoloso. Perchè questa duplice natura?

E’ come la vita: è bella ma finisce, spesso molto male, quindi è così anche per questa creatura, e ha senso. La creatura è anche una sorta di test per i protagonisti, se lo passano diventano persone migliori, ma se falliscono la creatura le uccide praticamente. Mi è sembrato logico, tutto quello che dà piacere può anche dare grandi dispiaceri. Ad esempio, il personaggio di Angel è molto egoista. Deve recitare un ruolo che non è il suo perchè glielo impone la società, ma questa cosa lo rende molto arrabbiato, tratta male la moglie e lo rende un padre pessimo, ma allo stesso tempo deve soddisfare le sue pulsioni. In una società molto repressa che non permette di essere ciò che si è, questa violenza esplode. Il Messico è un posto dove le donne sono trattate molto male e vengono uccise, basta che guardate su Google. E’ un posto dove questa cosa ribolle sotto la superficie, alla luce del sole ma nascosta, quindi in qualche modo la risposta diventa questa creatura.

Visto che sei così attento alle vicende più ‘terrene’, come mai la prima sequenza è ambientata nello spazio?

Per me lo spazio siamo noi. Siamo tutti fatti di stelle, letteralmente. C’è qualcosa nel meteorite che si schianta all’inizio… non doveva essere qualcosa di magico o fantasy. Volevo far capire che c’è qualcosa là fuori, c’è vita oltre la Terra, e in qualche modo potrebbe succedere davvero. E’ per questo che la coppia nella baita si prende cura in qualche modo della creatura, perchè sanno che se gli scienziati la scoprissero succederebbe qualcosa come in Arrival [ride].

la-region-salvaje-veneziaInserire un elemento ‘extraterrestre’ rappresenta una svolta per la tua cinematografia? 

Ho sentito il bisogno di andare da qualche altra parte dopo tre film molto attaccati alla realtà, ma sempre rimanendo nel mio territorio, senza andare a Hollywood. Volevo rimanere nel mio mondo ma sperimentare altro. Mi piacciono molti altri film e generi, gli horror e così via, e vorrei provarli con la stessa libertà che ho avuto nel mio paese, senza star e questo mi piace molto, il non dover realizzare prodotti per venderli per forza. Troppa pressione ancora prima che il film esca e con molte persone che ti dicono cosa fare. Meno sono i soldi, maggiore è la libertà.

Come pensi verrà accolto il tuo film in patria?

E’ molto difficile distribuire un film in qualsiasi paese. Il mio ultimo film, Heli, è stato accolto molto bene ed è stato capito, e penso che anche La Region Salvaje verrà capito in Messico, più che qui. A Venezia, e in Europa, non è facile rapportarsi agli argomenti trattati nel film per ragioni culturali. L’unità familiare per esempio è diversa. Spero vada bene, ho provato a realizzare una storia attraente, con elementi melodrammatici, qualcosa che possa catturare l’attenzione, anche attraverso la creatura.

Una curiosità finale: l’idea della forma della creatura e delle implicazioni sessuali ti è venuta magari perchè sei un fan degli hentai giapponesi?

Sinceramente non ho mai sentito questa parola e non conosco questo genere.

Non ci resta che lasciarvi con il trailer di La Region Salvaje:

Sci-Fi & Fantasy

Riflessione | Apocalittici e doppi: il lascito di Philip K. Dick

di William Maga

Nei racconti dello scrittore scomparso nel 1982 l'uomo vive in un presente già devastato dal futuro. Dai replicanti di Blade Runner ai ricordi di Atto di forza: nessun eroe, solo 'duplicati'

Leggi
sam neill punto di non ritorno
Sci-Fi & Fantasy

Video | Sam Neill su Punto di Non Ritorno: “Film diverso da quello che girammo; infernali le 8 ore di trucco”

di Alessandro Gamma

Il protagonista del film di Paul W.S. Anderson del 1997 ha parlato della director's cut 'impossibile del fanta-horror e delle difficoltà patite sul set

Leggi
Emma Roberts in Paradise Hills (2019) film
Sci-Fi & Fantasy

Paradise Hills | Recensione del film con Emma Roberts e Milla Jovovich (Sitges 52)

di Sabrina Crivelli

La regista spagnola Alice Waddington esordisce con un fanta-thriller che affascina molto nella curatissima estetica, preoccupandosi pochissimo della sostanza della sceneggiatura

Leggi
the tomorrow war film 2020
Sci-Fi & Fantasy

The Tomorrow War: Chris Pratt soldato contro gli alieni nella prima immagine; la trama

di Redazione Il Cineocchio

Ci saranno Yvonne Strahovski e J.K. Simmons al fianco dell'attore nell'action sci-fi diretto da Chris McKay

Leggi
tony wolf spazio wow milano
Sci-Fi & Fantasy

Video | Visita alla mostra ‘Lupus in fabula’ dedicata a Tony Wolf (Spazio WOW)

di Alessandro Gamma

Un viaggio tra le oltre 100 coloratissime - e dettagliatissime - illustrazioni dell'artista, alla (ri)scoperta del 'misterioso' e prolificissimo Antonio Lupatelli

Leggi
Cappella di Bethléem, dove i gargoyle sono Gremlins e Goldrake (5)
Sci-Fi & Fantasy

Il ‘non’ mistero della cappella di Bethléem, dove tra i gargoyle ci sono i Gremlins e Goldrake

di Redazione Il Cineocchio

Il curioso caso dell'edificio sacro situato nella regione della Loira Atlantica, in Francia, dove tra i pinnacoli fanno capolino anche insospettabili mostri della cultura pop cinematografica e televisiva

Leggi
Karl Urban in Dredd (2012) film
Sci-Fi & Fantasy

Rivisti Oggi | Dredd – Il Giudice dell’Apocalisse di Pete Travis (o Alex Garland?)

di Francesco Chello

Dopo 7 anni di 'oblio', il film con Karl Urban nei panni del poliziotto più severo e temuto di Mega-City One trova finalmente una distribuzione italiana

Leggi
l'orrore di dunwich h. p. lovecraft libro
Sci-Fi & Fantasy

Elijah Wood: “Faccio il film di L’orrore di Dunwich; penso a una trilogia su H. P. Lovecraft”

di Redazione Il Cineocchio

Dopo Il colore venuto dallo spazio, il regista Richard Stanley potrebbe dirigere anche il nuovo ambizioso progetto

Leggi
color out of space film stanley
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Color Out of Space: Nicolas Cage vittima dell’ineffabile colore venuto dallo spazio

di Redazione Il Cineocchio

Richard Stanley torna in regia dopo una lunghissima assenza per adattare il noto racconto fanta-horror del 1927 di H. P. Lovecraft

Leggi
terminator destino oscuro linda hamilton film
Sci-Fi & Fantasy

Tim Miller sul ruolo di John Connor in Destino Oscuro: “Vi spiego quella decisione; due ottimi motivi”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista parla della controversa scena di apertura del sesto capitolo della saga di Terminator, raccontando quanto fosse necessaria per la trama e per Sarah

Leggi
tenet film nolan 2020
Sci-Fi & Fantasy

Teaser trailer per Tenet: spionaggio e viaggi nel tempo nel film di Christopher Nolan

di Redazione Il Cineocchio

Tra i protagonisti del misteriosissimo progetto da 225 milioni di dollari ci sono John David Washington, Robert Pattinson, Michael Caine e Kenneth Branagh

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

La La Land | La recensione del film di Damien Chazelle

di Teresa Scarale

Emma Stone e Ryan Gosling sono i protagonisti di una struggente storia d'amore a tempo di jazz. E le stelle di Los Angeles stanno a guardare

Leggi
His Dark Materials queste oscure materie serie HBO 2019
Sci-Fi & Fantasy

Trailer preview per Queste Oscure Materie: James McAvoy alle prese coi daimon nella serie HBO

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Dafne Keen, Lin-Manuel Miranda e Ruth Wilson nell'adattamento TV della trilogia fantasy scritta da Philip Pullman

Leggi
roland emmerich independence rigenerazione set
Sci-Fi & Fantasy

Roland Emmerich: “Sbagliai a fare Independence Day: Rigenerazione; il no di Will Smith stravolse i piani”

di Redazione Il Cineocchio

A tre anni dall'uscita, il regista è tornato sul film, assumendosi parte delle colpe dell'insuccesso

Leggi
Linda Hamilton e Tim Miller in Terminator Destino Oscuro
Sci-Fi & Fantasy

Tim Miller su Terminator – Destino Oscuro: “Costretto a inserire la frase ‘I’ll be back’ nel film”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista del sesto capitolo della saga ha raccontato della sua iniziale riluttanza ad usare la nota battuta e di come sia poi stata 'rielaborata' per provare a fare qualcosa di diverso

Leggi
Depeche Mode: Spirits in the Forest

Depeche Mode: Spirits in the Forest

21-11-2019

Aspromonte - La terra degli ultimi

Aspromonte - La terra degli ultimi

21-11-2019

Countdown

Countdown

21-11-2019

RECENSIONE

Cetto c'è, senzadubbiamente

Cetto c'è, senzadubbiamente

21-11-2019

The Lodge

The Lodge

21-11-2019

RECENSIONE

Light of My Life

Light of My Life

21-11-2019

RECENSIONE

L'ufficiale e la spia

L'ufficiale e la spia

21-11-2019

RECENSIONE

Citizen Rosi

Citizen Rosi

18-11-2019

The Report

The Report

18-11-2019

Come se non ci fosse un domani

Come se non ci fosse un domani

14-11-2019

Sono solo fantasmi

Sono solo fantasmi

14-11-2019

RECENSIONE

Gamberetti per tutti

Gamberetti per tutti

14-11-2019

The Bra - Il reggipetto

The Bra - Il reggipetto

14-11-2019

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

14-11-2019

Pupazzi alla riscossa

Pupazzi alla riscossa

14-11-2019

Le Mans '66 - La grande sfida

Le Mans '66 - La grande sfida

14-11-2019

Zombieland - Doppio colpo

Zombieland - Doppio colpo

14-11-2019

RECENSIONE

Gli uomini d'oro

Gli uomini d'oro

07-11-2019

La belle époque

La belle époque

07-11-2019

Le ragazze di Wall Street - Business Is Business

Le ragazze di Wall Street - Business Is Business

07-11-2019

La famosa invasione degli orsi in Sicilia

La famosa invasione degli orsi in Sicilia

07-11-2019

Attraverso i miei occhi

Attraverso i miei occhi

07-11-2019

Motherless Brooklyn - I segreti di una città

Motherless Brooklyn - I segreti di una città

07-11-2019

RECENSIONE

Parasite

Parasite

07-11-2019

RECENSIONE

Una canzone per mio padre

Una canzone per mio padre

07-11-2019

Deep - Un'avventura in fondo al mare

Deep - Un'avventura in fondo al mare

07-11-2019