Home » Cinema » Horror & Thriller » Thanksgiving di Eli Roth: che punto siamo con il lungometraggio?

Titolo originale: Grindhouse, uscita: 06-04-2007. Budget: $67,000,000. Regista: Rob Zombie.

Thanksgiving di Eli Roth: che punto siamo con il lungometraggio?

23/11/2017 trailer news di Redazione Il Cineocchio

Il progetto scaturito dal fake trailer di Grindhouse sembrava pronto a prendere il largo, ma poi qualcosa si è inceppato

Oggi negli Stati Uniti è l’atteso giorno del Ringraziamento, ma nelle menti degli appassionati di cinema horror la ricorrenza non può che far che ripensare a un annoso quesito: che ne è stato dello slasher Thanksgiving di Eli Roth di cui si era vociferato alcuni anni fa?

Era l’aprile del 2007 e gli spettatori americani attendevano l’inizio di Grindhouse di Robert Rodriguez e Quentin Tarantino (uscito da quelle parti in versione integrale, comprensiva dei due segmenti A prova di Morte e Planet Terror) in una sala cinematografica immersa nell’oscurità. Poco prima dei titoli di testa, ecco partire una serie di eccentrici e gustosissimi fake trailer, tra cui quello di Werewolf Women of the SS con Udo Kier, Sheri Moon e perfino Nicolas Cage (!!), scritto e diretto da Rob Zombie, e il misterioso Don’t di Edgar Wright, “basato sull’omonimo terrificante best seller”. Forse però, più di tutti un ultimo filmato aveva acceso l’interesse del pubblico in sala: quello in stile anni ’80 diretto appunto da Roth e intitolato Thanksgiving. Se il finto trailer di un film che in realtà non era mai stato girato aveva destato clamore, in origine è però davvero esistito un progetto legato alla realizzazione di un lungometraggio del suddetto e ambientato nell’iconico giorno del Ringraziamento. A parlarne è stato il regista stesso che, ancora una decade addietro, appena finito di girare Hostel: Part II, aveva rivelato a Cinema Blend:

Ho lavorato alla sceneggiatura con il mio co-sceneggiatore, Jeff Rendell, che interpreta il pellegrino nel trailer. E sono io che imito la voce di Jeff [nella narrazione]. Ma Jeff ci sta lavorando. Gli ho detto che l’accordo è che deve lavorare allo script, mentre io sto promuovendo L’Ultimo Esorcismo e, appena avrò finito a metà settembre, lui volerà in California, ci siederemo e tireremo fuori un copione.

Poi però Grindhouse si è rivelato un mezzo flop al box-office e di conseguenza anche Thanksgiving è stato accantonato nel giro di un solo weekend. Gli sviluppi del film sono stati piuttosto nebulosi, ma le ultime informazioni ad esso relative risalgono a un anno fa, quando rispondendo a una domanda su Reddit AMA, Roth ha detto:

Ho una bozza di cui non sono del tutto felice. Voglio lavorarci ancora un po’ sopra affinché il film sia all’altezza del trailer. Abbiamo risolto la storia e l’immaginario, quindi ora si tratta di far funzionare le uccisioni.

Sembrava allora che la maggioranza dei problemi fossero risolti e che gran parte del lavoro preliminare fosse stata ultimata, ma poi è seguito il silenzio, nessuna novità, il nulla totale … Certo è che l’ansia da prestazione rispetto a Thanksgiving è tutt’altro che trascurabile, anzi, ancora ai tempi, Roth aveva dichiarato a RollingStone:

Non importa quanti film girerò nella mia vita, quel trailer da due minuti e mezzo è quello per cui sarò ricordato: ‘Eli Roth – lui aveva un ragazzo che copulava con un tacchino con una testa decapitata sopra’.

O forse i copyright legati a Thanksgiving, come quelli di Don’t e di Werewolf Women of the S.S. erano legati alla tristemente celebre Weinstein Company che ora, con tutto quello che è successo nelle passate settimane, si troverà costretta a venderne i diritti a qualche altro produttore …

In attesa che le nostre aspettative vengano – si spera – ripagate, potete farvi un’idea della trama, a grandi linee, seguendo quanto riportato in una intervista del regista a Rolling Stone ancora nel lontano 2007:

Un ragazzo che si innamora di un tacchino, ma poi suo padre uccide l’animale e allora il figlio uccide la sua famiglia e finisce in un istituto psichiatrico, ma poi torna a casa e si vendica della sua città.

Chi, dopo aver letto questa sinossi, non vorrebbe vedere questo film?! Di seguito trovate intanto i 3 trailer in uno di Grindhouse e il making-of del trailer di Thanksgiving:

Kurt Russell
Zoë Bell
Rosario Dawson
Vanessa Ferlito
Sydney Tamiia Poitier
Tracie Thoms
Rose McGowan
Jordan Ladd
Mary Elizabeth Winstead
Quentin Tarantino
cabin fever film 2002
Horror & Thriller

Dossier | Cabin Fever di Eli Roth: una raccapricciante favola ammonitrice

di William Maga

Cerchiamo di capire come il film d'esordio del regista del 2002 in realtà nasconda, al di là delle apparenze da body horror, un prezioso insegnamento sulla natura umana

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Gates of Darkness: Tobin Bell esorcizza un ragazzo emo

di Redazione Il Cineocchio

Nell'horror demoniaco diretto da Don E. FauntLeRoy c'è anche Adrienne Barbeau

Leggi
Il Marchio del Demonio film 2020 horror
Horror & Thriller

Il Marchio del Demonio | La recensione del film di Diego Cohen

di William Maga

Lumi Cavazos e Eduardo Noriega sono gli incolpevoli protagonisti di un horror demoniaco pieno di cliché e tecnicamente maldestro, che cita a sproposito H. P. Lovecraft

Leggi
Horror & Thriller

Suburbicon | La recensione del film di George Clooney

di Teresa Scarale

La perfezione solo formale di un racconto nero in cui le tinte pastello dell’involucro esaltano la pece dell’animo umano. Julianne Moore nel consueto splendore. Matt Damon perfetta patata da contorno. Il tocco dei Coen rende la vita (troppo) facile al regista.

Leggi
28 settimane dopo imogen
Horror & Thriller

Imogen Poots su 28 Mesi Dopo: “Pronta a partecipare; è stato il mio primo amore”

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice del primo sequel del 2007 sarebbe entusiasta di prender parte al nuovo film, e ha spiegato le ragioni della sua affezione al franchise

Leggi