Home » Cinema » Azione & Avventura » [recensione] Assassin’s Creed di Justin Kurzel

5/10 su 4332 voti. Titolo originale: Assassin's Creed, uscita: 21-12-2016. Budget: $125,000,000. Regista: Justin Kurzel.

[recensione] Assassin’s Creed di Justin Kurzel

di Alessandro Gamma

L'adattamento con Michael Fassbender della nota serie di videogiochi è assolutamente ridicolo, ma è anche il blockbuster più interessante in un anno in cui la maggior parti degli esponenti di questa categoria si sono rivelati decisamente insipidi

La Storia (si, con la ‘s’ maiuscola), elemento fondamentale per l’accattivante e folle vicenda alla base di Assassin’s Creed di Justin Kurzel (qui le 30 cose da sapere) ci dovrebbe mettere in guardia su questo (tipo di) film. Per prima cosa, il denso e cupo lungometraggio che si basa sulla popolare serie di videogiochi della Ubisoft è stato posticipato al periodo post-natalizio (almeno in Italia), un presagio decisamente funesto in un anno che ci ha regalato già due adattamenti non certo esaltanti come Warcraft – L’inizio e Ratchet & Clank. In secondo luogo, la lunatica trasposizione di Kurzel è raccontata in grande e imbottita di dollari per poter competere con altre saghe mostruose come Rogue One e Animali fantastici e dove trovarli – il che ci porta al consueto problema nella realizzazione di un’opera di questo genere, ovvero il diventare troppo costosa per permettersi di mettere in preventivo un qualsiasi tipo rischio.

assassin's creed locandinaMa Assassin’s Creed, in cui il monotono protagonista Michael Fassbender ripete piuttosto passivamente la storia del suo avo, si rifiuta di essere definito dal passato. Al contrario, questo bizzarro, incoerente e borderline action diventa il più interessante blockbuster del 2016, almeno guardando al modo altamente sfidante con cui approccia le aspettative derivanti dalla fonte videoludica. Pellicole fredda e strana, come spesso accade per quelle realizzate dai grandi studi americani da quando hanno cominciato ad attrezzare i propri prodotti per il pubblico cinese – prende in prestito tanto da Under the Skin quasi quanto da Matrix – illustra come il libero arbitrio possa farsi strada nel sistema dei franchise e come il disordine collegato all’elargizione di morte possa diventare l’unico modo per liberarsi dal determinismo tainiano imposto dalle proprie linee di sangue (Dario Argento aveva detto la sua in merito già nel 1971 con Il gatto a nove code).

Quel genere di film che si apre con un muro di parole riguardo un antico rancore e la violenza che questo rende possibile per il sollazzo di chi guarda (alla Star Wars per capirsi, anche se in maniera più contrita), Assassin’ s Creed comincia nel bel mezzo dell’Inquisizione spagnola, dove un uomo di nome Aguilar de Nerha (Fassbender, piacevolmente laconico) guida la confraternita segreta degli Assassini che trama per proteggere una reliquia chiamata “La Mela dell’Eden” dai rivali, i Cavalieri Templari. Stacco. Nel 2016, un criminale di nome Callum Lynch (di nuovo l’attore di origine tedesca, questa volta più ringhioso) si trova nel braccio della morte in Texas per aver ucciso un pappone. La sua esecuzione va come previsto, tranne che per la parte in cui deve morire; invece di dissolversi nell’oblio, l’uomo si risveglia in una struttura di ricerca di Madrid di proprietà delle misteriose Abstergo Industries, l’attuale incarnazione dei Templari.

Ok, qui è dove la faccenda si fa ridicola – basta prendere un bel respiro profondo e affronteremo questo Balzo della Fede insieme: la Abstergo, una società monolitica gestita da Alan Rikkin (Jeremy Irons) e diretta da sua figlia, Sophia (Marion Cotillard), ha destinato miliardi di dollari a un progetto segreto che prevede il rapimento dei discendenti degli Assassini e il collegarli a un enorme braccio meccanico chiamato Animus, che è un po’ come una versione VR super-intensa di ancestry.com. Attraverso un innesto nel sistema nervoso grazie a un congegno posto alla base della nuca si accede alla memoria genetica del soggetto, per poi proiettarla su un banco di foschia fluttuante tutt’intorno nella stanza, l’aggeggio ipertecnologico permette alla Abstergo di vedere la fine del 15° secolo attraverso gli occhi dei bis-bis-bis-bis-bis (ecc.) nonni dei loro prigionieri.

ASSASSIN'S CREEDAlan e Sophia ovviamente tengono d’occhio tutto quello che accade, alla ricerca del minimo indizio su dove la Mela – un dispositivo ‘magico’ che rappresenta “il seme della prima disobbedienza dell’uomo” ed è dotato del potere fascistoide di eliminare il libero arbitrio umano – potrebbe ora essere nascosta. Impalando Callum sull’Animus, la Abstergo può così sfruttare le conoscenze di Aguilar de Nerha, un uomo la cui vita apparentemente consisteva in una costante scena d’azione frenetica dopo l’altra (per fortuna, ma inspiegabilmente, gli agili inseguimenti e prodezze da parkour del film non sono realizzati però in POV).

Potremmo andare avanti menzionando gli altri detenuti/ospiti con Callum, o il suo sordido rapporto con il padre (Brendan Gleeson), o come Charlotte Rampling finisca in qualche modo per diventare il grande cattivo del film pur comparendo al massimo in tutto 15 minuti (comunque siatene grati e non fate tante domande), ma è lecito affermare che l’adattamento per il grande schermo di Assassin’s Creed non ha abbandonato uno dei caratteristici marchi di fabbrica dei videogiochi alla base, ovvero quella sensazione di ‘cosa diavolo è appena successo??. Se non altro, Kurzel ha pienamente abbracciato tale filosofia, visto che il regista australiano, che ci ha regalato due opere indipendenti decisamente oscure come Snowtown e Macbeth, si è rifiutato di sacrificare un pezzo della sua integrità per il suo debutto sconsolatamente desolante con un grande studio. In una produzione di queste dimensioni, tale ostinazione riesce infatti a emergere con caparbia singolarità, ad esempio immergendo il film in un glaciale velo grigio così che la luce colpisca solo attraverso degli squarci, nell’inquadrare scene usa e getta nell’immobilità di un dipinto rinascimentale o uniformando il tutto con un inquietante commento musicale realizzato dal fratello Jed, che suona più vicino a Tim Hecker di quanto non faccia con Hans Zimmer.

La parte maggiormente inaspettata, e piacevole, è però la scelta di girare quasi metà del lungometraggio in lingua spagnola, anche se i videogiochi fornivano una spiegazione razionale a buon mercato del motivo per cui tutti conoscessero l’inglese nella Spagna del 15° secolo. E questa decisione paga brillanti dividendi: sapendo bene che Fassbender abbozza una fluidità forzata nelle battute in estraneo idioma, Kurzel rimuove la maggior parte dei dialoghi dalle porzioni in flashback, concentrandosi invece su salti, accoltellamenti e morte che scende inesorabile dall’alto. Questo aggiunge una carica primordiale alle sequenze cineticamente coreografate in cui Aguilar e Maria (un’impressionante assassina interpretata dalla greca Ariane Labed, già in The Lobster) scatenano l’inferno su decine di ignari Templari, e compensa almeno in parte la frequenza – ben poco necessaria – con cui Kurzel taglia sulle immagini di Callum che si agita in giro per l’Animus.

assassins-creedSarebbe probabilmente il caso di suggerire in modo chiaro che nulla di tutto questo è coerente in un qualsiasi modo (anche se rubacchia quel tanto che basta da Matrix per offrire un’idea più sfumata della battaglia tra determinismo e libero arbitrio), ma lo strano ritmo del film e l’altrettanto strana energia aggiungono una quanto meno innovativa struttura a una storia che in fondo si riduce al tipico viaggio dell’eroe.

Alla fine resta l’idea che l’universo di Assassin’s Creed avrebbe potuto – e forse dovuto – essere dipanato nella serialità televisiva. Con maggior spazio per respirare, più margine per le grandi rivelazioni e più tempo per spiegare effettivamente tutto ciò che sta succedendo in scena, la guerra in corso tra Assassini e Templari avrebbe potuto senza dubbio divenire più interessante e coinvolgente. Per il momento, non mollate i videogames. Raccontano una storia migliore di quella che trovate qui, anche senza il profluvio di premi Oscar impiegati.

Di  seguito il trailer ufficiale italiano di Assassin’s Creed, nei nostri cinema dal 4 gennaio:

Michael Fassbender
Marion Cotillard
Michael Kenneth Williams
Ariane Labed
Brendan Gleeson
Jeremy Irons
Brian Gleeson
Callum Turner
Matias Varela
Denis Ménochet
Octavia Selena Alexandru
Hovik Keuchkerian
Coco König
Carlos Bardem
Crystal Clarke
Charlotte Rampling
Khalid Abdalla
Essie Davis
Javier Gutiérrez
Michelle H. Lin
Julio Jordán
Rufus Wright
Angus Brown
Kemaal Deen-Ellis
Aaron Monaghan
Thomas Camilleri
Marysia S. Peres
Gabriel Andreu
James Sobol Kelly
Jeff Mash
Yuric Allison
Joe Kennard
Gertrude Thoma
Juan Pablo Shuk
Iain Batchelor
Dacio Caballero
Emma Clay
Flor Ferraco
Graham Curry
Louis Dulanto-Sime
Malcolm Ellul
Dino Fazzani
Lee Nicholas Harris
Bruce Johnson
Jem Kai Olsen
Mohammed Ali
Jade Clarke
Alexander Cooper
Ty Hurley
Matthew Leonhart
Simon Manley
Juan Carlos Martínez Antuña
Martyn Mayger
Stephen McDade
Anthony Milton
Ross Moneypenny
Jassie Mortimer
Cali Nelle
Emeson Nwolie
Massimo Portelli
Jonathan Pyatt
Mike Ray
Jonathan Ronin
Steve Saunders
Jasper Schellekens
Rahji Shrinarine
Clem So
Clyde Vassallo
Sean Vassallo
Roberto Vivancos
Roberto Vivancos
Abi Whetton
Christopher Whitlow
Cerys Wrigley-Moss
Azione & Avventura

Il trailer di They Shall Not Grow Old ci porta nella Grande Guerra a colori con Peter Jackson

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha scavato negli archivi della BBC, restaurando e colorizzando i materiali girati all'epoca per un'esperienza immersiva e autentica attraverso gli occhi e le voci dei soldati britannici

Leggi
Azione & Avventura

Danny Trejo su Machete Kills in Space: “Robert Rodriguez ci sta lavorando”

di Redazione Il Cineocchio

Il protagonista è tornato ad aggiornare i fan sul terzo capitolo della saga, provando a rimanere fiducioso

Leggi
Azione & Avventura

Recensione | Robin Hood – L’origine della Leggenda di Otto Bathurst

di William Maga

Taron Egerton è lo sventurato protagonista di una rilettura insulsamente revisionista, tanto assurda quanto spudoratamente pressapochista, delle prime avventure del principe dei ladri

Leggi
Azione & Avventura

Sylvester Stallone su Rocky IV: “Vi racconto perchè scelsi Dolph Lundgren”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista e protagonista del film del 1985 ha ricordato perchè decise di puntare su uno sconosciuto per il ruolo di Ivan Drago

Leggi
Once Upon a Deadpool film
Azione & Avventura

Trailer per Once Upon a Deadpool: “PG-13, ma 8 scene nuove e contro il cancro”

di Redazione Il Cineocchio

La nuova versione natalizia e benefica di Deadpool 2 vedrà tra i protagonisti anche Fred Savage e renderà omaggio a La Storia Fantastica

Leggi
jason momoa aquaman film
Azione & Avventura

Nel trailer finale, Aquaman impugna il tridente per unificare Atlantide

di Redazione Il Cineocchio

Affiancato della rossa Amber Heard, l'eroe DC dovrà assumersi le proprie responsabilità e contrastare la sete di potere del malvagio Patrick Wilson

Leggi
The Mortal Remains ballata buster scruggs coen
Azione & Avventura

La ballata di Buster Scruggs: spieghiamo The Mortal Remains e l’alone di morte del film dei Coen

di Redazione Il Cineocchio

Nell'ultimo segmento, i due registi si cimentano col soprannaturale e l'Aldilà, coinvolgendo Brendan Gleeson e Jonjo O'Neill

Leggi
La ballata di Buster Scruggs coen netflix
Azione & Avventura

Recensione | La ballata di Buster Scruggs di Joel e Ethan Coen

di William Maga

I due fratelli si divertono a decostruire i canoni del genere western, imbastendo sei storie brevi capaci di sovvertire il mito americano della frontiera

Leggi
Backtrace film sylvester stallone
Azione & Avventura

Nel trailer di Backtrace, Sylvester Stallone insegue un rapinatore senza memoria

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Matthew Modine e Ryan Guzman nell'action thriller low budget diretto da Brian A. Miller

Leggi
sky scrappers corto oswald coniglio disney
Azione & Avventura

Ritrovato dopo 90 anni Neck ‘n’ Neck, corto animato di Oswald il coniglio fortunato

di Redazione Il Cineocchio

Il breve film con il personaggio precursore di Topolino, datato 1928, si credeva perduto per sempre

Leggi
Sylvester Stallone in Rambo III (1988)
Azione & Avventura

David Morrell su Rambo: “Vi dico perchè saltò la serie TV; pensammo a un quinto film sentimentale”

di Redazione Il Cineocchio

Il papà letterario del personaggio ha ricordato gli stravolgimenti pensati dalla Fox e le lunghe chiacchierate con Sylvester Stallone in merito a un possibile capitolo meno violento

Leggi
Natalie Portman e Jean Reno film Léon (1994)
Azione & Avventura

Léon 2: ovvero come il sequel, Mathilda, è diventato Colombiana

di Redazione Il Cineocchio

Ripercorriamo la storia dietro all'action di Olivier Megaton con Zoe Saldana inizialmente pensato da Luc Besson come seguito del classico del 1994

Leggi
godzilla film
Azione & Avventura

Trama ufficiale e cast completo per Godzilla vs. Kong; al via le riprese

di Redazione Il Cineocchio

Toccherà al regista Adam Wingard mettere in scena l'atteso devastante scontro tra i due mostri nel nuovo film che amplierà ulteriormente il MonsterVerse

Leggi
vittorio giardino milano 2018
Azione & Avventura

Intervista esclusiva | Vittorio Giardino, da un romanzo sperimentale alle trasposizioni impossibili dei suoi fumetti

di Alessandro Gamma

Abbiamo incontrato il papà di Jonas Fink e Max Fridman, soffermandoci sul suo grande amore per il cinema e su progetti futuri un po' 'complicati'

Leggi
Escape from Death Block 13 (2018)
Azione & Avventura

Poster per Escape from Death Block 13, con Robert Bronzi incarcerato e rabbioso

di Redazione Il Cineocchio

L'attore sosia di Charles Bronson va sotto copertura nell'action carcerario scritto e diretto dall'esperto di VFX Gary Jones

Leggi
Il vizio della speranza

Il vizio della speranza

T. originale: Il Vizio della speranza

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 0 su 1 voti
Upgrade

Upgrade

T. originale: Upgrade

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 7 su 658 voti

RECENSIONE

Morto tra una settimana... O ti ridiamo i soldi

Morto tra una settimana... O ti ridiamo i soldi

T. originale: Dead in a Week (Or Your Money Back)

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 6 su 2 voti
Ralph Spacca Internet

Ralph Spacca Internet

T. originale: Ralph Breaks the Internet

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 9 su 3 voti
Robin Hood - L'origine della leggenda

Robin Hood - L'origine della leggenda

T. originale: Robin Hood

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 6 su 3 voti

RECENSIONE

Almost Nothing - Cern: La Scoperta Del Futuro

Almost Nothing - Cern: La Scoperta Del Futuro

T. originale: Almost Nothing - Cern: Experimental City

Data di uscita: 18-11-2018

Voto medio: 0 su 1 voti
Red Land (Rosso Istria)

Red Land (Rosso Istria)

T. originale: Red Land (Rosso Istria)

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Cosa fai a Capodanno?

Cosa fai a Capodanno?

T. originale: Cosa fai a Capodanno?

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 6 su 2 voti
Summer

Summer

T. originale: Лето

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 8 su 24 voti
Keepers

Keepers

T. originale: Keepers

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 1 su 1 voti

RECENSIONE

Red Zone - 22 Miglia di Fuoco

Red Zone - 22 Miglia di Fuoco

T. originale: Mile 22

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 5 su 364 voti

RECENSIONE

Animali Fantastici - I crimini di Grindelwald

Animali Fantastici - I crimini di Grindelwald

T. originale: Fantastic Beasts: The Crimes of Grindelwald

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 7 su 846 voti

RECENSIONE

Bernini

Bernini

T. originale: Bernini

Data di uscita: 12-11-2018

Voto medio: 6 su 1 voti