Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » [recensione] Attraction di Fedor Bondarchuk

5/10 su 151 voti. Titolo originale: Притяжение, uscita: 26-01-2017. Budget: $6,277,106. Regista: Fyodor Bondarchuk.

[recensione] Attraction di Fedor Bondarchuk

di Alessandro Gamma

Dalla Russia arriva un film di fantascienza che getta al vento le interessanti premesse e il sorprendente uso della CGI per colpa di una sceneggiatura lacunosa e improbabile

C’è il regista Fedor Bondarchuk (Stalingrad) dietro ad Attraction, nuovo ambizioso progetto sci-fi proveniente dalla Russia. Come accaduto per il suo precedente dittico costituito da Dark Planet e Dark Planet: Rebellion, l’idea alla base del film è eccellente e vengono poste alcune interessanti questioni sull’umanità e il suo futuro, e circa il controllo paranoico da parte dei militari su questo tipo di eventi ‘straordinari’. Quando si tratta della narrazione e della regia però, la situazione non è altrettanto piacevole. Se da una parte è ammirevole il lavoro svolto con gli effetti speciali (considerato il budget di 5.5 milioni di euro), lo stesso non si può dire per trama, dialoghi o il montaggio convulso. Il problema principale è, poste le attenuanti del genere, quanto la storia risulti piena di lacune. E’ oltremodo frustrante infatto cercare di dare una spiegazione a come quegli stessi sceneggiatori, che hanno avuto una brillante intuizione da portare sullo schermo, abbiano poi infarcito di sciocchezze le oltre 2 ore di durata soltanto per spiegare come andare dal punto A al punto B . La maggior parte di quanto accade non ha infatti alcun senso logico.

attraction Fedor Bondarchuk posterIl titolo russo – Притяжение / Prityazhenie – ha un doppio significato e può essere tradotto sia come “attrazione” (gli alieni sono attratti dalla controversa razza umana o l’attrazione tra la protagonista Irina Starshenbaum e l’extraterreste) che come “gravità” (l’astronave che sperimenta un guasto e viene attirata dalla gravità terrestre nella nostra atmosfera).

L’inizio è molto promettente, con una navicella aliena di forma sferica che sfreccia nel cielo inseguita e quindi colpita da un missile da alcuni caccia dell’aviazione, che la fanno così precipitare nel bel mezzo di una zona densamente popolata di Mosca. Il coinvolgimento dei militari è fin da subito deciso con l’allestimento di un quartier generale di emergenza sul campo e un perimetro di sicurezza creato attorno al luogo dell’incidente. Come detto, i primi minuti sono incoraggianti e ambiziosi – e pertanto impegnativi – per una storia sul primo contatto alieno nella storia della razza umana.

Invece, da questo punto in poi le cose vanno sempre peggio. La pellicola diventa un un incrocio tra Independence Day, K-PAX – Da un altro mondo e District 9, ma proprio perché queste citate sono opere molto diverse tra loro (un’epopea gonfia di azione, un dramma filosofico e un reality show allestito in una baraccopoli degradata con violenza di strada e abusi su alieni inermi) nessuno dovrebbe mai tentare di incrociarle. Ebbene, Attraction cerca di essere tutto quanto allo stesso tempo: la vicenda di un primo epocale incontro infusa di filosofia e ricca di sparatorie riempita di armamenti militari e CGI, che però è anche scontri tra gang di strada e storia d’amore tra scolaretti … E proprio per questo motivo – come intuibile – non ha successo in nessuno dei sottogeneri a cui si ispira.

Provando a elaborare meglio, dopo qualche minuto questo contatto extraterrestre si trasforma ‘inspiegabilmente’ (aka “i pochi soldi li abbiamo investiti all’inizio e alla fine”) in un film su bande liceali composte da adolescenti scapestrati e ribelli. Più ci si avvicina alla conclusione e più modesta e sciocca si fa l’azione. Alla luce di questo, avrebbe potuto quindi tranquillamente diventare l’impertinente avventura di una ragazza del liceo che litiga più volte al giorno col padre – un colonnello dell’Armata Rossa (che naturalmente è a capo delle operazioni sul campo) – mentre prova a gestire una coppia di fidanzati, uno dei quali ‘casualmente’ è un alieno mentre l’altro è un delinquente violento, ma dal cuore tenero che cerca di uccidere il povero visitatore.

attraction-russia-film-alieniSorpresi? Come detto, la storia- e i trailer – sono un pochino fuorvianti, senza contare i nonsense, tra i molti: la possibilità da parte dei protagonisti di entrare e uscire o camminare inosservati nella zona di sicurezza presumibilmente più sorvegliata della Russia e gironzolare intorno alla navicella schiantata, arrivando addirittura a portare senza problemi un’enorme tuta bio-meccanica al di fuori dell’area; la liceale che guida una Range Rover nella suddetta zona e trasporta via un alieno ferito per portarlo in una stanza d’ospedale senza controlli ed eseguire da sola una trasfusione di sangue utilizzando sofisticate apparecchiature; o ancora, la creatura da un altro mondo che assomiglia proprio al nostro vicino di casa, parla fluentemente russo, viene arrestato e la ragazza si reca tranquillamente dentro la stazione di polizia e lo fa uscire senza troppi convenevoli. E si potrebbe continuare. Ok, si tratta di un film di fantascienza, quindi alcune stranezze e voli pindarici possono pure starci, ma nella misura in cui si cerca almeno in qualche modo di dargli una spiegazione, anche raffazzonata. Qui però gli sceneggiatori non ci hanno nemmeno provato.

Proprio alla fine tuttavia, Bondarchuk decide di premiare chi non è uscito a metà del primo tempo, riuscendo a toccare i tasti giusti e traghettando la vicenda verso un finale visivamente fulgido e anche emotivo, salvandolo da un completo disastro grazie a una visita all’interno dell’astronave e ad alcuni dialoghi che finalmente hanno un senso, ma che non risollevano comunque il giudizio complessivo su quanto visto fino a quel momento.

In definitiva, Attraction ha il solo pregio di avere alla base un’idea interessante ed effetti speciali più che dignitosi. Tutto il resto va dal mediocre al deludente (considerate le premesse promozionali). Vale la pena dargli un’occhiata solo se siete fan oltranzisti della fantascienza o siete curiosi verso una cinematografia, quella russa, che negli ultimi tempi sta provando a sollevare l’asticella delle proprie produzioni per cercare un posto all’interno del cinema di seria A. La strada è quella giusta, ma il cammino è ancora lungo.

Di seguito il trailer ufficiale:

Sci-Fi & Fantasy

Intervista esclusiva | Shinya Tsukamoto: “Ho delle idee per un film di mostri; Shin Godzilla parla di Fukushima”

di
Alessandro Gamma

Abbiamo fatto quattro chiacchiere con il regista giapponese, parlando del suo rapporto coi kaijū eiga, della visione giapponese e di quella americana sul genere, del finale del film di Shinji Higuchi e Hideaki Anno e di animazione

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Nel trailer di Prospect, Pedro Pascal è a caccia di gemme su una pericolosa luna aliena

di
Redazione Il Cineocchio

L'attore cileno protagonista del debutto alla regia di Zeek Earl e Chris Caldwell, che hanno esteso il loro premiatissimo cortometraggio sci-fi del 2014

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Warwick Davis su Willow: “Ho parlato del sequel con George Lucas e Kathleen Kennedy”

di
Redazione Il Cineocchio

Il protagonista del classico per famiglie del 1988 ha rivelato di aver discusso anche con lo sceneggiatore Jon Kasdan dei possibili sviluppi della trama

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Evangeline Lilly su Real Steel 2: “Non ci sarà mai un sequel; avevo scritto la mia versione”

di
Redazione Il Cineocchio

La protagonista con Hugh Jackman del film sci-fi di Shawn Levy del 2011 ha spiegato perchè i fan possono mettersi il cuore in pace

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

30 cose da sapere su 28 Giorni Dopo di Danny Boyle

di
Redazione Il Cineocchio

Qualche curiosità sull'horror post-apocalittico inglese del 2002 interpretato da Cillian Murphy, Naomie Harris e Brendan Gleeson

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Nel trailer di Captive State, John Goodman è un collaborazionista degli alieni invasori

di
Redazione Il Cineocchio

Tra i protagonisti del nuovo distopico film sci-fi diretto da Rupert Wyatt troviamo anche Ashton Sanders e Vera Farmiga

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Shane Black su The Predator: “Vi spiego perchè Arnold Schwarzenegger non è nel film”

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista del quarto capitolo della saga fanta-horror ha rivelato le ragioni per cui i fan dovranno aspettare ancora prima di rivedere sullo schermo Dutch Schaefer

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Brian Henson su The Dark Crystal: Age Of Resistance: “Una serie prequel dallo spirito anni ’80, che non tangerà il film originale”

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista e produttore ha rotto il silenzio intorno al nuovo progetto finanziato da Netflix e parlato dell'approccio adottato

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Nick Castle su Giochi Stellari: “Finalmente pronti per il sequel; vi svelo i dettagli della prima bozza”

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista del piccolo cult sci-fi del 1984 ha parlato dei problemi di diritti degli anni passati e del ruolo che vorrebbe rivestire nel nuovo film

Leggi
Titolo Data Regista

Guardians Of The Tomb (Blu-Ray)

02/08

Kimble Rendall

I Segreti Di Wind River (Blu-Ray)

02/08

Taylor Sheridan

Virtual Revolution (Blu-Ray)

02/08

Guy-Roger Duvert

A Quiet Place - Un Posto Tranquillo (Blu-Ray)

10/08

John Krasinski

The Scythian - I Lupi Di Ares (Blu-Ray

10/08

Rustam Mosafir

Bunker Of The Dead (Blu-Ray)

10/08

Matthias Olof Eich

Dead Within (Blu-Ray)

10/08

Ben Wagner

Dementia (Blu-Ray)

10/08

Mike Testin

Don'T Grow Up (Blu-Ray)

10/08

Thierry Poiraud

Downrange - (Limited Edition) (Blu-Ray + Booklet)

10/08

Ryûhei Kitamura

Wax - Il Museo Delle Cere (Blu-Ray)

10/08

Víctor Matellano