Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione] Camera Obscura di Aaron B. Koontz

5/10 su 23 voti. Titolo originale: Camera Obscura, uscita: 09-06-2017. Regista: Aaron B. Koontz.

[recensione] Camera Obscura di Aaron B. Koontz

21/06/2017 recensione di Sabrina Crivelli

Intrigante debutto alla regia per un thriller che però non riesce a concretizzare appieno le suggestioni vagheggiate

Debutto alla regia di Aaron B. Koontz, Camera Obscura contiene molto potenziale, ha la capacità per buona parte del minutaggio di avvincere lo spettatore e risultare non prevedibile, ma in alcuni passaggi, in alcuni dettagli, come nel finale, resta troppo abbozzato, dando la sensazione così che la storia non sia portata del tutto a compimento.

Camera_Obscura_PosterProtagonista è Jack Zeller (Christopher Denham), reporter di guerra reduce da un’esperienza scioccante, la visione della morte di un bambino, che causa in lui terribili sensi di colpa (lo ha fotografato invece di aiutarlo) e una crisi esistenziale profonda. E’ tornato a casa già da mesi, ma l’uomo, nonostante le sedute di analisi e gli psicofarmaci, non riesce a tornare a una vita normale e fatica. Lo sostiene in questo duro momento la moglie, Claire (Nadja Bobyleva), agente immobiliare che gli trova un impiego presso il suo medesimo datore di lavoro e cerca di aiutarlo a superare il terribile disturbo post-traumatico da stress. Così, un giorno la donna ha la malaugurata idea di comprare al marito una vecchia macchina fotografica ad un’asta, speranzosa che possa riavvicinarlo alla sua vecchia passione, e così è.

Jack inizia a catturare i più disperati soggetti con l’occhio della camera, girando senza meta per le strade della città, ritrovando l’amore perduto per la precedente attività svolta, ma qualcosa di oscuro si cela dietro alla sua apparente ripresa psichica. Dopo aver portato le foto a sviluppare in un negozio dove si recava in periodo universitario, scopre che, alcune immagini sono miracolosamente venute in bianco e nero e pensa sia strana conseguenza dell’impressione della pellicola da parte dell’apparecchio datato, ma qualcosa di molto più inquietante accade: trova alcune istantanee dei luoghi degli scatti, al centro di essi coloro che ha inquadrato sono defunti, in una sorta di premonizione della loro morte con data e ora in nuce. Tra questi rientra anche l’amata consorte. L’uomo inizia dunque a contrastare tutti i possibili pericoli che minacciano la donna, prima cercando di tenerla lontana dagli scenari della sua presunta morte, poi “eliminando” fisicamente i suddetti.

Ne discende un delirio lucido, l’alternarsi ben equilibrato per gran parte del minutaggio tra quelle che dovrebbero essere le allucinazioni di Jack e la reale percezione che la macchina fotografica abbia un potere funesto, sia premonitrice del sonno eterno, peraltro dovuto a terribili crimini e sventure. Affine in tale meccanismo narrativo a Final Destination, quivi tuttavia non una premonizione del baratro, ma una sua sovrannaturale istantanea porta il protagonista ad avere all’apparenza gli strumenti per evitare il Tartaro, di cui s’intravede l’attimo di infausto passaggio; inoltre, come nella saga, una volta sventata una minaccia, ne segue subito un’altra, come se il Fato fosse ineluttabile, necessario.

D’altro canto anche l’idea di una macchina fotografica che permetta la premonizione degli eventi a venire non è inedita, era già negli anni ’60 al centro di un episodio di Ai confini della realtà, intitolato A Most Unusual Camera, il film di Aaron Koontz non inventa nulla, ma fonde diversi spunti e si limita a concentrarsi sul lato macabro del precedente modello. Lo stesso è possibile asserire del secondo nucleo narrativo: la componente allucinatoria. Essa infatti si fa strada, contemporaneamente alla controparte orrorifica, nelle sequenze quale vissuto distorsivo del reporter e lo spettatore rimane in siffatta maniera dubbioso se stia assistendo a eventi paranormali, oppure alla paranoica e psicotica lettura del mondo circostante da parte di un soggetto altamente disturbato. Meno caricato visivamente, ma concettualmente molto vicino, è allora Allucinazione perversa (Jacob’s Ladder) di Adrian Lyne, che similmente concretizzava nello svolgimento filmico gli effetti dalla DPTS che affliggeva il protagonista, incarnato da Tim Robbins.

camera obscuraSeppur dunque la filiazione risulti etero originata, i due emisferi risultanti non sono scontati, come non lo è la sentenza finale. Sarà follia o paranormale? Il quesito è mantenuto vivo dagli elementi a disposizione di chi guarda: da una parte le immagini di cadaveri sono visibili da terzi (un amico di Jack), quindi esistono davvero, dall’altra però sussistono anche gli incubi ad occhi aperti, ne è perfetto esempio la scena in cui il protagonista è persuaso che la moglie sia aggredita da una entità, la vasca da bagno si riempia di sangue, lo specchio si frantumi, lei si ustioni la mano sulla maniglia incandescente, ma quando accorre in suo aiuto, tutto è svanito e la donna lo guarda stupita; era tutto nella sua mente.

Ad acuire ulteriormente la sensazione che il fantasmatico e il delirante si compenetrino, c’è il montaggio di alcuni spezzoni, la sincopata alternanza d’immagini connotata da repentini salti temporali, calcatamente innaturale e resa ancor più straniante dalle note sintetiche del sound track. Infine Denham, con una interpretazione credibile e mai troppo manierista, riesce bene a impersonare un personaggio affetto da psicosi. Purtroppo però la sospensione eccessiva non paga, alcuni dettagli sono abbozzati tanto da dar vita a qualche incoerenza e tutte le suggestioni messe in scena non sono mai portati a degna conclusione, tutto rimane lì, estremamente fumoso.

Prima prova tutt’altro che esecrabile, Camera Obscura è il promettente debutto, la premonizione forse di interessanti e più maturi lavori e certo Koontz è da seguire con attenzione per il futuro.

Di seguito il trailer originale:

Christopher Denham
Nadja Bobyleva
Chase Williamson
Noah Segan
Catherine Curtin
Gretchen Lodge
Horror & Thriller

Lars Klevberg su La Bambola Assassina: “Ho cambiato un’uccisione per motivi legali”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista del reboot con Aubrey Plaza ha rivelato anche come è nata - casualmente - la citazione diretta di Non Aprite Quella Porta - Parte 2

Leggi
miles teller too old to die young 2019
Horror & Thriller

Too Old to Die Young (ep. 1-10) | La recensione della serie Amazon di Nicolas Winding Refn

di Sabrina Crivelli

Il regista danese firma un'opera radicale, dilatatissima e anti-commerciale, una summa del suo cinema da cui non potrà tornare indietro

Leggi
The Terror Infamy serie AMC
Horror & Thriller

Trailer per The Terror: Infamy, la stagione 2 della serie horror storica introduce i mutaforma

di Redazione Il Cineocchio

Cambio di scenario e di epoca per lo show antologico di AMC, che continuerà però a mescolare storia e soprannaturale; nel cast anche George Takei

Leggi
luz film Tilman Singer
Horror & Thriller

Full trailer per Luz: un tuffo in 16mm nell’horror degli anni ’70

di Redazione Il Cineocchio

Il tedesco Tilman Singer esordisce alla regia con un sentito omaggio alla cinematografia 'di genere' italiana e spagnola

Leggi
the nest il nido film Roberto De Feo
Horror & Thriller

Trailer per The Nest (Il Nido), horror d’esordio di Roberto De Feo

di Redazione Il Cineocchio

Il regista pugliese si è affidato a Francesca Cavallin per il suo mistery thriller famigliare

Leggi
la bambola assassina 2019 film chucky buddi
Horror & Thriller

La Bambola Assassina 2019 | La recensione del reboot di Lars Klevberg

di Alessandro Gamma

Il film con Aubrey Plaza azzera e aggiorna la storica saga slasher secondo quelli che sono i moderni standard hollywoodiani, cercando equilibrio tra il passato e il presente

Leggi
Katie Featherston in Paranormal Activity (2007)
Horror & Thriller

Paranormal Activity 7: Paramount e Blumhouse insieme per il nuovo film

di Redazione Il Cineocchio

Dopo quattro anni di pausa, Hollywood ripesca dal cassetto la fortunatissima saga horror girata in stile falso documentario

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Scrawl, l’horror svanito nel nulla con Daisy Ridley prima della fama

di Redazione Il Cineocchio

Dopo cinque anni di oblio assoluto, i fan dell'attrice possono finalmente vedere il film diretto da Peter Hearn

Leggi
Sharon Stone in Benedizione Mortale 1981 film
Horror & Thriller

Recensione story | Benedizione Mortale di Wes Craven

di William Maga

Nel 1981 il regista girava un horror rurale atipico e ricco di suggestioni, interpretato da Ernest Borgnine e da una giovanissima Sharon Stone

Leggi
serenity Matthew McConaughey film
Horror & Thriller

Trailer per Serenity – L’isola dell’inganno: Matthew McConaughey è coinvolto in un omicidio in alto mare

di Redazione Il Cineocchio

Steven Knight torna dietro alla mdp per un intricato thriller hitchcockiano in cui troviamo anche Anne Hathaway e Jason Clarke

Leggi
Jim Jarmusch i morti non muoiono set
Horror & Thriller

Jim Jarmusch su I Morti Non Muoiono: “Vi spiego le mie intenzioni, dal tono al messaggio a George Romero”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista parla apertamente della sua zombie comedy, rivelando i motivi delle sue scelte e ribattendo alle critiche sulla scarsa originalità del film

Leggi
amityville horror casa defeo
Horror & Thriller

Casey La Scala: “Giro Amityville 1974, prequel della saga con Ronald DeFeo Jr.”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista e sceneggiatore presenta l'ennesimo film della saga horror, che proverà a esplorare nuovi territori

Leggi
Ready or Not film 2019 Samara Weaving
Horror & Thriller

Trailer per Ready or Not: il gioco del nascondino è mortale per Samara Weaving

di Redazione Il Cineocchio

Nella dark comedy diretta da Matt Bettinelli-Olpin e Tyler Gillett ci sono anche Adam Brody e Andie MacDowell

Leggi
I Guerrieri della Palude Silenziosa di Walter Hill
Horror & Thriller

Recensione Story | I Guerrieri della Palude Silenziosa di Walter Hill

di William Maga

Incompreso in patria e uscito con ben due anni di ritardo in Italia, il thriller del 1981 - ancora oggi inedito in home video nel nostro paese - confermava il grande talento del regista e la sua vena caustica

Leggi
Frankenstein Junior 1974 film gene wilder
Horror & Thriller

Dossier | Frankenstein Junior di Mel Brooks: una pioggia di risate lunga 45 anni

di Francesco Chello

Usciva nel 1974 il film con Gene Wilder, Marty Feldman e Peter Boyle, omaggio ai classici di mostri della Universal divenuto a suo volta un classico senza tempo

Leggi
Ma

Ma

27-06-2019

La mia vita con John F. Donovan

La mia vita con John F. Donovan

27-06-2019

Toy Story 4

Toy Story 4

26-06-2019

RECENSIONE

Lucania - Terra Sangue e Magia

Lucania - Terra Sangue e Magia

20-06-2019

Sir - Cenerentola a Mumbai

Sir - Cenerentola a Mumbai

20-06-2019

La prima vacanza non si scorda mai

La prima vacanza non si scorda mai

20-06-2019

Anna

Anna

20-06-2019

Arrivederci professore

Arrivederci professore

20-06-2019

Rapina a Stoccolma

Rapina a Stoccolma

20-06-2019

RECENSIONE

The Elevator

The Elevator

20-06-2019

La bambola assassina

La bambola assassina

19-06-2019

RECENSIONE

Christo - Walking on water

Christo - Walking on water

16-06-2019

Shelter: Addio all'Eden

Shelter: Addio all'Eden

14-06-2019