Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione da Sitges 49] Let Me Make You A Martyr di Corey Asraf e John Swab

5/10 su 25 voti. Titolo originale: Let Me Make You a Martyr, uscita: 22-07-2016. Regista: John Swab.

[recensione da Sitges 49] Let Me Make You A Martyr di Corey Asraf e John Swab

16/10/2016 di Alessandro Gamma

L'opera d'esordio dei due registi non convince, troppo incerta sulla propria identità, nonostante le ottime prove dei protagonisti Mark Boone Junior e Marilyn Manson

Se uno come Troy Duffy dovesse realizzare un southern drama dal sapore gotico- criminale influenzato da Quentin Tarantino e David Gordon Green, il risultato sarebbe probabilmente vicino a quello di Let Me Make You A Martyr. Il film rappresenta il -a volte ambizioso, anche se per lo più senza direzione – esordio alla regia di Corey Asraf e John Swab che, nonostante la splendida fotografia di Jeff Melanson e un cast di talento, su cui spiccano in particolare il sempre grande Mark Boone Junior e il non di meno sorprendente Marilyn Manson, è un’opera tanto irrequieta quanto ostentata, ma in fin dei conti terribilmente noiosa, la quale passa più tempo a cercare di trovare la sua propria voce che a raccontare una storia coerente o almeno avvincente. Mai abbastanza sorprendente e / o abbastanza violento per avere un impatto duraturo e non abbastanza sottile per diventare stratificato e significativo, il risultato è goffo, grezzo e un po’ banale, rimanendo nel limbo di una specie di western moderno indefinito che non va al di là delle sue ispirazioni.

let-me-make-you-a-martyr-posterIn una stanza per gli interrogatori scarsamente illuminata, il delinquente da due soldi Drew Glass (Niko Nicotera) viene interrogato sugli eventi che hanno portato al suo arresto. ‘Queste cose di solito iniziano con un giro in macchina o una donna’, dice il poliziotto Charon (Michael Potts). Quale dei due è il caso stavolta? Entrambi, evidentemente. Tornato alla sua città natale nel sud dopo un’assenza di sei anni, Drew si ricongiunge subito con il padre adottivo Larry Glass (Boone), un boss del crimine locale e con la sorella adottiva June (Sam Quartin), una tossica dal cuore tenero. Riaccendendo l’amore che li aveva uniti in passato, Drew e June studiano un piano per uccidere il loro violento padre e fuggire insieme, lasciando poi per sempre le città in cui hanno vissuto troppo a lungo. Ma la notizia arriva facilmente alle orecchie di Larry, e lui non è uno che si fa uccidere facilmente. Larry allora riprende i contatti con qualcuno che non vede a oltre 20 anni: Pope (Manson), un killer abilissimo che vive lontano nei boschi, con la speranza che quest’ultimo riesca ad ammazzare i suoi figli prima che loro arrivino a lui. Ma questo compito non sarà naturalmente facile. Pope non ama avere a che fare con gli affari di famiglia, ma questo non vuol dire che non possa essere convinto spingendo sulle giuste corde. Con un killer ora sulle loro tracce, Drew e June si trovano presto impigliati nelle trame del loro padre adottivo.

Come un’oscura farsa dei Fratelli Coen messa in una friggitrice per troppo tempo, a Let Me Make You A Martyr mancano l’arguzia, il fascino e la visione per poter strutturare un racconto morale contorto e dall’anima malinconica. Risulta disordinato quando vuole semplicemente sviarti ed è noioso oltre la semplice noia, in particolare nelle tematiche e nel messaggio. La sceneggiatura frustrantemente deforme di Swab manca di una sua propria voce ferma, con la conseguenza di presentare dialoghi del tipo “Non si può combattere il destino; io vi dico che, se Dio è in questa stanza, è un tipo decisamente pazzo”, o in momenti che vogliono disperatamente attirare l’attenzione. Proprio come in The Boondock Saints di Duffy, Asraf e Swab hanno trascorso la maggior parte del loro debutto cercando di essere cool, invece che trovare davvero il modo di esserlo. Che si traduce poi in un film senza scopo e senza sicurezza, senza la forza di ergersi oltre ai propri pari o almeno di essere vagamente all’altezza dei film che hanno influenzato chiaramente i due registi.

manson let me make you martyrSe la scrittura di Swab lascia molto a desiderare, lui e Asraf, almeno, dimostrano di essere registi di talento, soprattutto nei momenti giusti. Pur senza uno script che li aiuti o li ispiri particolarmente, riescono a creare più di una manciata di momenti riusciti. Tuttavia la pellicola risulta un po’ troppo ‘educata’ per sfociare in qualcosa di estremo, o almeno di divertente, e allo stesso tempo è troppo sporca e trasandata per considerarsi vicino a un prodotto più sofisticato, così finisce per non riuscire a trovare il suo posto. E’ un qualcosa di diverso che sembra non rendersi conto di essere più della somma delle sue parti, fatto per cui non riesce a rendere compiutamente gli aspetti più affascinanti che lo contraddistinguono, ricadendo invece in risultato finale piuttosto sregolato.

Per fortuna di Asraf e Swab, i due possono contare sull’aiuto di un grande cast per raddrizzare un po’ le cose. Boone, come accennato prima, è quello che fa davvero pesare la sua burbera personalità e l’aria pericolosa, sia che si trovi in scena o meno. Ed è anche attraverso i dolorosi occhi luccicanti di Nicotera che più tardi veniamo risucchiati dalle sue motivazioni e da ciò che ha vissuto. Allo stesso modo, la performance profondamente sentita della Quartin spesso compensa agli occhi dello spettatore la depravazione del suo personaggio, anche se i suoi demoni giungono presto a tormentarla. E l’adorabile Gracie Grenier, nei panni della struggente e innocente Rooney, non solo ricorda molto la Carrie Henn di Aliens, ma restituisce anche la stessa simpatia emotiva, nonostante una prova del tutto muta.

let-me-make-you-a-martyrTuttavia, è probabile che sia la prestazione di Manson quella che rimarrà nella memoria della gente, nel bene o nel male. Se il musicista è ben lungi dall’essere un attore esperto, riesce comunque a lasciare una traccia indelebile nel film con la sua presenza. Si tratta di una prova istintiva, come ci si aspetterebbe dalla personalità del performer, che con la giusta sceneggiatura avrebbe potuto senza dubbio diventare molto più da brividi di quello che è. Il musicista appare soltanto in quattro o cinque scene, ma risulta un sicario incredibilmente credibile nella sua impassibilità. Non che renda il debutto di Swab e Asraf necessariamente migliore o peggiore, ma di sicuro gli dà un tocco distintivo, che è più che benvenuto.

In definitiva  Let Me Make You A Martyr lascia sempre ben evidenti le sue influenze anni ’90, ma non sa proprio come proseguire dopo averle svelate. Vuole essere un drama adulto, meditabondo, vizioso, audace e maturo, ma non è altrettanto intelligente e tagliente come vorrebbe suggerire. E i segni di qualcosa di più riflessivo sparsi qua e là non fanno che rendere più frustrante la visione, vedendo poi che non portano da nessuna parte. La promessa c’è, ma prima di tutto Asraf e Swam dovranno riuscire a togliersi dalla propria strada.

Niko Nicotera
Sam Quartin
Mark Boone Junior
Marilyn Manson
Michael Potts
glass film m. night shyamalan 2019
Horror & Thriller

Glass: la spiegazione del finale e i 3 colpi di scena che frantumano il film di M. Night Shyamalan

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo l'atto finale del film che conclude la trilogia supereroistica iniziata nel 2000, provando a capire perché questa volta nessuno dei twist tipici del regista funzioni davvero

Leggi
the last heroes d'antona film
Horror & Thriller

Teaser trailer per The Last Heroes, fanta-horror di Roberto D’Antona tra Joe Dante e Stephen King

di Redazione Il Cineocchio

A pochi mesi da Fino all'Inferno, il prolifico regista - e attore - torna sulle scene con un nuovo progetto, che verrà pienamente svelato al Cartoomics 2019

Leggi
Painkillers film Mischa Barton
Horror & Thriller

Nel trailer di Painkillers, Mischa Barton è ghiotta di sangue umano

di Redazione Il Cineocchio

Nel secondo lungometraggio della regista Roxy Shih troviamo anche l'altra starlette prestata all'horror Madeline Zima

Leggi
The Good Exorcist film
Horror & Thriller

Il trailer di The Good Exorcist rivela l’horror da 7.000 dollari prodotto da Robert Rodriguez

di Redazione Il Cineocchio

Il film girato da Josh Stifter è il risultato di un progetto legato alla serie 'Rebel Without a Crew'

Leggi
Horror & Thriller

Il trailer di Ánimas ci sprofonda in un’oscura allucinazione spagnola

di Redazione Il Cineocchio

Netflix distribuirà in esclusiva l'horror psicologico dai toni psichedelici diretto a quattro mani da Laura Alvea e Jose Ortuño

Leggi
Tommy Jarvis venerdì 13
Horror & Thriller

Ryan Turek su Venerdì 13: “Puntare su Tommy Jarvis per un reboot di successo”

di Redazione Il Cineocchio

Il produttore del recente Halloween di David Gordon Green ha suggerito la formula che potrebbe rilanciare a dovere la saga con Jason Voorhees, ferma dal 2009 e gravata da battaglie legali

Leggi
CRY FOR THE BAD MAN film Camille Keaton
Horror & Thriller

Nel trailer di Cry for the Bad Man, Camille Keaton imbraccia il fucile contro i teppisti

di Redazione Il Cineocchio

La star di Non violentate Jennifer torna sulle scene per l'home invasion diretto da Samuel Farmer che presto comincerà il giro dei festival di settori

Leggi
Once Upon a Time in Hollywood (2019) quentin tarantino set
Horror & Thriller

Once Upon a Time in Hollywood: video dal set del film di Quentin Tarantino

di Redazione Il Cineocchio

Primo fugace sguardo al look dei protagonisti e all'ambientazione del thriller ambientato nella Los Angeles di fine anni '60 con Leonardo DiCaprio, Brad Pitt e Margot Robbie

Leggi
Beneath the Leaves film doug jones
Horror & Thriller

Nel trailer di Beneath the Leaves, Doug Jones è un killer di bambini

di Redazione Il Cineocchio

A 20 anni da Mimic, l'attore ritrova sul set Mira Sorvino per il thriller di debutto del regista Adam Marino

Leggi
Among the Shadows film Lindsay Lohan
Horror & Thriller

Nel trailer di Among the Shadows, Lindsay Lohan è a caccia di lupi mannari

di Redazione Il Cineocchio

La travagliata attrice torna all'horror - low budget -al fianco di Charlotte Beckett per il secondo lungometraggio di Tiago Mesquita

Leggi
Bruce Willis and M. Night Shyamalan in Glass (2019)
Horror & Thriller

M. Night Shyamalan su Glass: “Nessun pericolo di sequel; non sono tagliato per i cinecomic”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista e sceneggiatore ha parlato del futuro della sua personalissima trilogia sui supereroi con James McAvoy, Samuel L. Jackson e Bruce Willis, spegnendo le voci di eventuali ulteriori sviluppi

Leggi
Siempre Bruja (2019) strega per sempre netflix
Horror & Thriller

Nel trailer della serie Strega per sempre, Netflix cerca la magia in Colombia

di Redazione Il Cineocchio

La piattaforma streaming amplia il suo pacchetto di show originali spostandosi nell'esotico paese sudamericano e affidandosi alla giovane star locale Angely Gaviria

Leggi
Conversazioni con un killer Il caso Bundy netflix
Horror & Thriller

Conversazioni con un killer: Il caso Bundy, trailer per la docu-serie di Netflix

di Redazione Il Cineocchio

In attesa del film 'Extremely Wicked, Shockingly Evil and Vile', il regista Joe Berlinger ha deciso di raccontare la figura del noto serial killer americano attraverso documenti e registrazioni inedite

Leggi
harpoon film 2019
Horror & Thriller

Il teaser di Harpoon anticipa una gita in alto mare che sfocia nel sangue

di Redazione Il Cineocchio

I protagonisti della commedia horror scritta e diretta da Rob Grant sono Munro Chambers, Emily Tyra e Christopher Gray

Leggi
A Haunting at Silver Falls 2 film
Horror & Thriller

Nel trailer di A Haunting at Silver Falls 2 gli spettri si alleano coi galeotti

di Redazione Il Cineocchio

Sulla scorta dell'entusiasmo raccolto online dal primo film, il regista Teo Konuralp ha girato il sequel dell'horror a basso budget del 2013, in cui troviamo ancora una volta Jade Ramsey

Leggi
La favorita

La favorita

T. originale: The Favourite

Data di uscita: 24-01-2019

Voto medio: 7 su 201 voti

RECENSIONE

M.I.A. - La cattiva ragazza della musica

M.I.A. - La cattiva ragazza della musica

T. originale: Matangi / Maya / M.I.A.

Data di uscita: 20-01-2019

Voto medio: 8 su 8 voti
L'agenzia dei bugiardi

L'agenzia dei bugiardi

T. originale: L'agenzia dei bugiardi

Data di uscita: 17-01-2019

Voto medio: 0 su 0 voti
Mia e il leone bianco

Mia e il leone bianco

T. originale: Mia et le lion blanc

Data di uscita: 17-01-2019

Voto medio: 7 su 35 voti
La Douleur

La Douleur

T. originale: La Douleur

Data di uscita: 17-01-2019

Voto medio: 6 su 41 voti
Maria Regina di Scozia

Maria Regina di Scozia

T. originale: Mary Queen of Scots

Data di uscita: 17-01-2019

Voto medio: 6 su 32 voti
Glass

Glass

T. originale: Glass

Data di uscita: 17-01-2019

Voto medio: 7 su 170 voti

RECENSIONE

Attenti al gorilla

Attenti al gorilla

T. originale: Attenti al gorilla

Data di uscita: 10-01-2019

Voto medio: 5 su 2 voti
Non ci resta che il crimine

Non ci resta che il crimine

T. originale: Non ci resta che il crimine

Data di uscita: 10-01-2019

Voto medio: 6 su 23 voti

RECENSIONE

Una notte di 12 anni

Una notte di 12 anni

T. originale: La noche de 12 años

Data di uscita: 10-01-2019

Voto medio: 8 su 33 voti
City of Lies - L'ora della verità

City of Lies - L'ora della verità

T. originale: City of Lies

Data di uscita: 10-01-2019

Voto medio: 6 su 19 voti
Benvenuti a Marwen

Benvenuti a Marwen

T. originale: Welcome to Marwen

Data di uscita: 10-01-2019

Voto medio: 6 su 85 voti

RECENSIONE