Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione Sitges 50] Il Sacrificio del Cervo Sacro di Yorgos Lanthimos

6/10 su 1301 voti. Titolo originale: The Killing of a Sacred Deer, uscita: 20-10-2017. Regista: Yorgos Lanthimos.

[recensione Sitges 50] Il Sacrificio del Cervo Sacro di Yorgos Lanthimos

07/10/2017 di Sabrina Crivelli

Il regista greco ci immerge in angosce ancestrali, concretizzando un'arcana minaccia che pervade il reale in cui si muovono Colin Farrell e Nicole Kidman

Yorgos Lanthimos è senza dubbio capace di creare inquietanti suggestioni che proiettano nel filmico angosce ancestrali, cristallizzate in un’immagine limpida, freddamente perfetta, e in dialoghi banali e paradossali allo stesso tempo. Lo fece con il bellissimo e distopico The Lobster nel 2015, replica oggi con l’altrettanto ansiogeno e minuzioso Il Sacrificio del Cervo Sacro (The Killing of a Sacred Deer), che di molto si discosta dalla pellicola antecedente per ambientazione, allora avveniristica e latamente fantascientifica, qui attuale e realistica, ma ne mantiene il medesimo senso di latente e ineffabile minaccia.

The Killing of a Sacred Deer posterCome la misteriosa trasformazione che nel precedente lavoro toccava a coloro che non riuscivano a trovare un partner, anche in Il Sacrificio del Cervo Sacro un’arcana malia è il perno centrale della narrazione, densa di inquietudine, che però stavolta s’incentra su una famiglia all’apparenza normale. La vita di Steven Murphy (Colin Farrell), un chirurgo di primo acchito irreprensibile, sembra infatti realizzata da ogni punti di vista, professionale e soprattutto personale, con l’incantevole e sagace moglie Anna (Nicole Kidman), un’oftalmologa, e due figli esemplari, Kim (Raffey Cassidy) e Bob (Sunny Suljic). La quotidianità sembra felice, almeno in superficie, seppur paia sottendere una certa freddezza nei rapporti che sin da subito ci vengono presentati tra i vari personaggi: quasi un approccio chirurgico alla vita domestica, aleggia un’affabile anaffettività in ogni gesto e in ogni parola. Cede l’armonia, sin troppo affettata, del focolare, quando il capofamiglia introduce ai suoi cari un adolescente problematico, Martin (Barry Keoghan), il cui padre si scopre essere stazio un suo paziente, deceduto sul tavolo operatorio. Ne consegue una sinistra successione di eventi inspiegabili: prima Bob, poi Kim non riescono più a muovere le gambe, vengono escluse tutte le cause fisiologiche, sembra una paralisi di origine psicosomantica, poi succede l’inappetenza; tutto è inspiegabile con la logica o la scienza e i molti luminari interpellati brancolano nel buio.

The Killing of a Sacred DeerTutto è ammantato da una incipiente ambiguità. La narrazione potrebbe addirittura definirsi metafisica, quale bivalenza tra riconoscibile ed enigma, tra verisimile e misterico, come se nel tessuto del rassicurante mondo che conosciamo siano occultate mille ombre, remote vestigia di oscuri poteri, di terribili maledizioni. L’ermetismo di Lanthimos è certo palese nell’inintellegibilità delle cause dei fatti, come delle motivazioni dei personaggio. Così lo spettatore non cessa mai d’interrogarsi sulle azioni di Steven, che, terribilmente razionale e volitivo in ogni aspetto della sua esistenza, è fin troppo illogicamente conciliante nel suo rapporto con Martin, la cui remissività è all’opposto una forma passivo aggressiva per affermare la sua volontà con un’assiduità via via sempre più irritante. Rimane imperscrutabile, ancor prima, la cagione di tanta sollecitudine verso quello che dovrebbe essere uno sconosciuto; ancor più, visto che questi è terribilmente invadente con il dottore, che invece sembra in più passaggi incapace di particolare trasporto emotivo, perfino i suoi stessi figli. Molto abile è Farrell a portare sullo schermo la complessa psicologia del personaggio, mantenendosi sempre algido e imperscrutabile.

Altrettanto indecifrabile è Martin, sospeso tra un fosco fascino, maniere urbane e eccessi socialmente inaccettabili. Parte del suo essere profondamene inquietante è proprio questa sua duplice parvenza e da estremamente servizievole in principio diviene progressivamente sempre più intimidatorio e non solo … Nell’estrema ordinarietà del ragazzo è racchiuso un potere maligno ed immenso, ma non ci viene dato sapere quale. Incredibilmente riuscita nel difficilissimo compito è allora la performance di Keoghan. Decisamente ambiguo è altresì lo sviluppo della diegesi, che rimbalza indistintamente tra medicina e forze occulte, ma non viene fornita alcuna chiave di lettura, nemmeno sul finale, aperto e paradossale, lasciando chi guarda sgomento; d’altro canto il regista greco non è avvezzo a risposte edificanti o possibili catarsi.

The Killing of a Sacred Deer nicole kidmanAl mistero si accompagna poi un’idea di colpa di matrice classica per cui l’adolescente è, per qualche arcana ragione, latore di una crudele e forzosa espiazione. Secondo un principio impietoso di ereditarietà  tipico degli antichi greci, a scontare le nefandezze dei padri possono essere perfino i figli innocenti, che si trovano a dover estinguere un’immeritata quanto terribile punizione, ossia una perentoria legge del taglione. Un congiunto per un congiunto. L’ipocrita superbia che impediva a Steven di ammettere un imperdonabile errore, vanità che peraltro è suo tratto distintivo per buona parte del film, lo conduce a un destino terrificante, a una scelta paradossale, quasi veterotestamentaria, o tragica in senso teatrale: un sacrifico purificatore, come d’Isacco o d’Ifigenia, a cui rimanda il titolo stesso; d’altronde l’Ifigenia è perfino citata in un dialogo nelle sequenze in relazione alla resa scolastica di Kim, fornendo una chiave di lettura tra le righe. La hybris è punita quanto il misfatto, con la più terrificante delle scelte.

The Killing of a Sacred Deer 3Allegorico e sibillino, il messaggio contenuto in Il Sacrificio del Cervo Sacro sfida ancora una volta il razionalismo post-contemporaneo, concretizzando incubi atavici nel copione, ovvero nello scambio di battute in cui le parole prescindono il significato in più foschi rimandi, ma anche definendo la fotografia, alcuni aspetti del girato e la scelta dell’apparato sonoro e musicale. Nell’emisfero visivo vige una chiarezza, una trasparenza straniante, addirittura accecante in molti esterni, come in alcuni interni, in particolare della casa dei Murphy e dell’ospedale; a ciò si aggiunge l’utilizzo costante di campi lunghi e lunghissimi, peraltro in cui l’occhio della camera da presa riprende il soggetto da prospettive inusuali, come quella obliqua che inquadrea la sala gremita di medici dove Steven sta tenendo un discorso o quella aerea con cui è catturato il momento in cui Bob cade a terra privo di sensi ai piedi delle scale mobili. Infine le musiche sono sovente sinfonie di archi che stridono alternate a suoni sintetici e alla voce di Kim, che si esercita per il coro in cui canta. Tali scelte estetiche e sonore acuiscono il senso di détournement già trasmesso dalla diegesi.

Un crudele eppur garbato carnefice, che nell’aspetto modesto, addirittura imbelle, occulta la sua natura ben più pericolosa incombe sull’uomo comune, il membro rispettato della società, e sui suoi cari, e non ricorre ai meschini mezzi dell’uomo, ma a qualche imponderabile potere, che prescinde da lui, rimandando quasi a un dio arcaico e vendicativo. Ciò che atterrisce allora di Il Sacrificio del Cervo Sacro, nei cinema italiani dal 28 giugno 2018, è la mancanza di un senso, è l’horror vacui che ci si palesa davanti, sono le connaturate fobie junghiane che ci si parano innanzi ai nostri occhi e un fotogramma dietro l’altro divorano i nostri pensieri.

Di seguito il trailer originale:

Colin Farrell
Nicole Kidman
Alicia Silverstone
Bill Camp
Raffey Cassidy
Barry Keoghan
Sunny Suljic
Denise Dal Vera
William Cross
Kenneth Meyer
Richard Doone
Anita Farmer Bergman
Lea Hutton Beasmore
Jerry Pope
Rachael McAdams
Megan Chelf Fisher
Michelle Poole
William Willet
Charles Poole
Dylan Keith Adams
Josephine Elle
Amy Clark
Barry G. Bernson
John W. Harden
Nathaniel Sizemore
Bryant Bentley
Dori Lucas
Shuo Chen
Steven Schraub
Joanne Popolin
Aaron Pullins IV
George W. Ellerman
Jennifer Henson
Brian Lamont
Brian D. Schroeder
Gary Maloney
Margot Westermen
Derek Polen
Michael D Overman
Sammy Geroulis
K.D. Richardson
Michelle Dobrozsi
Charles P. Chambers
Herb Caillouet
Drew Logan
Michael Trester
Ming Wang
halloween 2018 blu-ray green
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Halloween di David Gordon Green

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino l'edizione italiana dell'horror che torna alle origini della saga, mettendo in scena lo scontro finale tra Jamie Lee Curtis e l'inarrestabile Michael Myers

Leggi
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: Netflix svela la serie sequel di Hill House; Mike Flanagan al timone

di Redazione Il Cineocchio

A sorpresa, lo show rivelazione del 2018 proseguirà in forma antologica; questa volta il regista adatterà il romanzo horror 'Il Giro di Vite' di Henry James

Leggi
the order serie netflix 2019
Horror & Thriller

Trailer per The Order, serie Netflix con magia oscura, lupi mannari e sette universitarie

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono Jake Manley e Sarah Grey al centro del nuovo show originale soprannaturale della piattaforma di streaming, che prova a cavalcare il successo del recente Le terrificanti avventure di Sabrina

Leggi
Lars Klevberg polaroid cortometraggio 2015
Horror & Thriller

Cortometraggio | Polaroid è l’horror che ha aperto a Lars Klevberg le porte di Hollywood

di Redazione Il Cineocchio

Il regista norvegese ha reso disponibile in forma integrale per i fan il suo lavoro del 2015, che gli è valso un contratto con un grande studio, diventando un lungometraggio

Leggi
Every Time I Die film
Horror & Thriller

Trailer per Every Time I Die: la coscienza si sposta tra i corpi in cerca di un killer

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Robi Michael esordisce al lungometraggio per il cinema con un fanta-horror dalle molte influenze, in bilico tra l'onirico e il soprannaturale

Leggi
mandy + the domestics blu-ray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Mandy di Panos Cosmatos + The Domestics di Mike P. Nelson

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane dello psichedelico action horror con Nicolas Cage e del viaggio nella post-apocalisse di Kate Bosworth e Tyler Hoechlin

Leggi
Ragazzi perduti (1987) film
Horror & Thriller

Ragazzi Perduti, la serie TV: c’è la trama – con colpo di scena – del pilot

di Redazione Il Cineocchio

Il classico del 1987 procede spedito verso l'adattamento per il piccolo schermo, supervisionato da Rob Thomas ed Heather Mitchell

Leggi
boo! film 2019 luke jaden
Horror & Thriller

Il trailer di Boo! ricorda che gli scherzi non vanno sottovalutati, pena un demone in casa

di Redazione Il Cineocchio

Il giovane Luke Jaden torna alla regia per un horror dalle premesse leggere che vede protagonisti Jaden Piner, Jill Marie Jones e Aurora Perrineau

Leggi
cry havoc film
Horror & Thriller

Nel trailer di Cry Havoc, Robert Bronzi affronta un serial killer dai modi brutali

di Redazione Il Cineocchio

A due anni dal primo film, toccherà ora al sosia di Charles Bronson provare a fermare l'implacabile boogeyman mascherato nel film diretto da Rene Perez

Leggi
Il COLPEVOLE - The Guilty film
Horror & Thriller

Il colpevole – The Guilty | La recensione controcorrente del thriller danese al telefono

di Sabrina Crivelli

Il thriller di debutto del danese Gustav Möller costruisce la suspense solamente sulla parola, azzerando l'azione e l'approfondimento della psicologia del protagonista

Leggi
Sadako Hideo Nakata film 2019
Horror & Thriller

Teaser e poster per Sadako, nuovo film della saga di The Ring diretto da Hideo Nakata

di Redazione Il Cineocchio

A tre anni dalla resa dei conti in La Battaglia dei Demoni, la ragazza demone proverà ancora una volta a uscire dal pozzo e maledire qualche malcapitato

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di White Chamber, Shauna Macdonald viene torturata per un esperimento

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Oded Fehr e Amrita Acharia tra gli sfortunati protagonisti del thriller diretto da Paul Raschid

Leggi
We Summon the Darkness alexandra daddario film
Horror & Thriller

Nella prima immagine di We Summon the Darkness, Alexandra Daddario è una satanista omicida

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice dagli occhi di ghiaccio vaga per i concerti metal negli Stati Uniti degli anni '80 in cerca di vittime nell'horror diretto da Marc Meyers

Leggi
picnic ad hanging rock film serie blu-ray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Picnic ad Hanging Rock, il film e la miniserie TV

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane del primo adattamento del romanzo di Joan Lindsay diretto nel 1975 per il cinema da Peter Weir e della trasposizione del 2018 per la TV con Natalie Dormer

Leggi
Horror & Thriller

Il trailer di Starfish immerge Virginia Gardner nell’orrore cosmico della fine del mondo

di Redazione Il Cineocchio

Il regista A.T. White torna dietro alla mdp dopo 6 anni per un fanta-horror imbevuto di misteri, mostri ed elaborazione del lutto

Leggi
Modalità aereo

Modalità aereo

T. originale: Modalità aereo

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 10 su 4 voti
The Front Runner - Il vizio del potere

The Front Runner - Il vizio del potere

T. originale: The Front Runner

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 5 su 47 voti
Parlami di te

Parlami di te

T. originale: Un Homme Pressé

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 7 su 41 voti
Un uomo tranquillo

Un uomo tranquillo

T. originale: Cold Pursuit

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 5 su 73 voti

RECENSIONE

Copia originale

Copia originale

T. originale: Can You Ever Forgive Me?

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 7 su 185 voti
Quello che veramente importa

Quello che veramente importa

T. originale: The Healer

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 6 su 99 voti
The Lego Movie 2: Una nuova avventura

The Lego Movie 2: Una nuova avventura

T. originale: The Lego Movie 2: The Second Part

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 6 su 139 voti
Westwood. Punk, Icona, Attivista

Westwood. Punk, Icona, Attivista

T. originale: Westwood: Punk, Icon, Activist

Data di uscita: 20-02-2019

Voto medio: 6 su 5 voti
Leonardo - Cinquecento

Leonardo - Cinquecento

T. originale: Leonardo Cinquecento

Data di uscita: 18-02-2019

Voto medio: 6 su 1 voti
Ex-Otago - Siamo come Genova

Ex-Otago - Siamo come Genova

T. originale: Ex-Otago. Siamo come Genova

Data di uscita: 18-02-2019

Voto medio: 0 su 0 voti
Mamma + Mamma

Mamma + Mamma

T. originale: Mamma + Mamma

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 2 su 1 voti
Un'avventura

Un'avventura

T. originale: Un'avventura

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 5 su 3 voti
La paranza dei bambini

La paranza dei bambini

T. originale: La paranza dei bambini

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 7 su 28 voti
Rex - Un Cucciolo a Palazzo

Rex - Un Cucciolo a Palazzo

T. originale: Corgi

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 7 su 4 voti
Ognuno ha diritto ad amare - Touch Me Not

Ognuno ha diritto ad amare - Touch Me Not

T. originale: Touch Me Not

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 5 voti
Un valzer tra gli scaffali

Un valzer tra gli scaffali

T. originale: In den Gängen

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 7 su 28 voti
La vita in un attimo

La vita in un attimo

T. originale: Life Itself

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 66 voti
Holmes & Watson

Holmes & Watson

T. originale: Holmes & Watson

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 4 su 55 voti
Alita - Angelo della battaglia

Alita - Angelo della battaglia

T. originale: Alita: Battle Angel

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 650 voti

RECENSIONE

Crucifixion - Il male è stato invocato

Crucifixion - Il male è stato invocato

T. originale: The Crucifixion

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 5 su 163 voti

RECENSIONE