Horror & Thriller

[recensione] La Forma della Voce di Naoko Yamada

di

La regista giapponese affronta temi come la disabilità e la depressione con verosimiglianza e sensibilità rare, in un adattamento animato duro ma vitale

Shoya è un ragazzo delle superiori tormentato da ricordi del suo passato. Quando frequentava le elementari, ha infatti preso di mira una compagna non udente da poco giunta nella sua classe, al punto da costringerla a trasferirsi in un’altra scuola. Ora, cresciuto e pentito per le sue azioni, è afflitto dal senso di colpa e dal disgusto per sé stesso. Nel tentativo quindi di tentare di fare ammenda in qualche modo, decide di provare a rintracciare Shoko, la ragazzina con cui si era comportato in modo così crudele.

La Forma Della Voce POSTERLa forma della voce (Koe no katachi) di Naoko Yamada (Tamako love story), basato sull’acclamato shōnen A Silent Voice scritto e disegnato da Yoshitoki Ōima (premiato come “miglior manga esordiente” in Giappone nel 2008), prende il là in maniera piuttosto inusuale e audace, in quanto il personaggio principale (e quindi quello con cui tendenzialmente si identificherà lo spettatore) è un bullo. E non uno qualsiasi come spesso si vede nei film, che si accanisce sui compagni cicciottelli o nerd: il fatto che il suo bersaglio sia così vulnerabile lo rende ancora più crudele. Nelle prime sequenze, come pure più avanti, LFDV non si trattiene affatto. La rappresentazione del bullismo è puntuale e spesso difficile da sostenere. In opposizione, Shoko è dipinta – in tutti i sensi – in maniera così dolce e pura di cuore che è quasi come se Shoya stesse tirando calci a un cucciolo. Onestamente, nemmeno i compagni di classe di Shoya – maschi e femmine – sono molto migliori di lui, unendosi alle angherie o voltando la testa dall’altra parte. È facile quindi capire perché qualcuno potrebbe trovarlo un ostacolo non semplice da superare per affrontare, o proseguire, la visione. Tuttavia, protagonisti perfetti non offrirebbero alcuno spunto su cui lavorare.

Il Shoya più grande è pieno di rammarico e di sensi di colpa per il suo passato, che l’hanno immerso in una depressione profonda. Col tempo, riuscendo a stringere amicizie, prima con un altro disagiato, poi con Shoko e altri compagni di classe, inizierà a trovare una sorta di redenzione. Tuttavia, la pellicola animata non indica affatto questa come una soluzione facile. Ci vuole tempo, e viene presentata in modo credibile. La vita è talvolta disordinata, così come pure le relazioni, e LFDV non si vergogna certo di affermarlo. E non sono soltanto i pessimi comportamenti dei ragazzini a essere denudati, ma anche gli adulti – insegnanti e genitori -, sono raffigurati con tutti i loro pregi e i difetti. Non ci troviamo decisamente di fronte alla classica rappresentazione idealizzata da anime della vita nei licei giapponesi e una tale brutale onestà circa le difficoltà della quotidianità raramente si è vista al cinema.

La Forma Della Voce (5)Un’altra cosa che si vede decisamente poco è un personaggio principale affetto da disabilità. Anche se a volte il modo in cui Shoko viene trattata dai suoi coetanei (e occasionalmente dagli adulti) è sconvolgente, la sua invalidità viene raffigurata con grande sensibilità. Il film mostra infatti una descrizione estremamente dettagliata (e presumibilmente accurata) del linguaggio dei segni giapponese e l’attrice scelta per il doppiaggio di Shoko, Saori Hayami, è artefice di un lavoro impressionante (o almeno sembra così alle orecchie di un occidentale). Anche la rappresentazione della depressione – tema caro almeno quanto il bullismo in Giappone – è affrontata con note di vera autenticità e senza sconti. In linea inoltre con la storia raccontata è la scelta di non far convergere tutto alla fine in modo ordinato, perché la vita non è affatto così lineare ed è un ulteriore sollievo che il lungometraggio non abbia bisogno di sconfinare in territori troppo romantici per blandire il pubblico. Se è vero che qualche accenno è presente, sarebbe sembrato senza dubbio oltremodo forzato e facile da perseguire il tipico finale tutto cuoricini e sentimentalismo da cartolina in pieno stile hollywoodiano. Ma qui siamo in Giappone, forse l’unico paese al mondo dove si possono produrre opere del genere.

Dal punto di vista tecnico, il film è semplicemente incredibile. La Kyoto Animation è conosciuta per le animazioni estremamente piacevoli allo sguardo e con un budget rispettabile a disposizione con cui giocare, state pur sicuri che il risultato non vi deluderà. L’occhio della Yamada per piccoli dettagli è di quelli che ha pochi pari nel settore, in Giappone o altrove. Si vedono sottili tocchi disegnati che molti studi di animazione considererebbero inutili, ma che aggiungono ancor più credibilità ai personaggi. La regista crea anche scene estremamente cinematografiche, giocando con elementi come la messa a fuoco che raramente vengono toccati nell’animazione 2D. Viene fatto ricorso poi a un lavoro creativo della mdp, che regala alla pellicola alcune angolazioni di ripresa probabilmente mai viste prima (inclusa una sequenza “girata” su iPad), oltre a un uso delle luci e dell’illuminazione tra i più straordinari mai mostrati nel genere.

La Forma Della Voce (10)A stridere un po’ sono però proprio i character design, piuttosto convenzionali e per questo in netto contrasto con il modo decisamente ‘non-anime’ in cui i protagonisti agiscono e con la loro visione ben poco rosea della vita. Rimandano alle classiche estati adolescenziali prefette e memorabili, quasi da sogno, ma non è affatto ciò che viene raccontato.

In conclusione, se si riesce a superare l’approccio iniziale con un protagonista tanto profondamente sgradevole e i ritmi abbastanza languidi non spaventano (130 minuti complessivi), allora LFDV sarà un’esperienza estremamente gratificante. L’animazione mozzafiato e la narrazione ricca e matura assicurano che questo sarà un film che non dimenticherete tanto in fretta, per molte ragioni. Con questo film, la Yamada indubbiamente si è ritagliata uno spazio importante tra le voci più eccitanti oggi al lavoro nell’animazione. Non resta che vedere se riuscirà a ripetersi.

Di seguito il trailer italiano di La Forma della Voce, che sarà nei cinema solo per le giornate del 24 e 25 ottobre:

Horror & Thriller

Intervista esclusiva | M. De Angelis e G. Ioannis: “Con la Thunder Video cerchiamo un tempo perduto, tra nostalgia e feticismo”

di
Alessandro Gamma

Shockproof e Home Movies uniscono le forze per una nuova realtà dell'home video che intende portare agli appassionati titoli anni '80 di genere sconosciuti e introvabili, a cominciare da Psychos in Love

Leggi
Horror & Thriller

Una festa cittadina istiga all’omicidio in maschera nel trailer di Hurt

di
Redazione Il Cineocchio

Emily Van Raay esordisce al cinema nell'horror dai risvolti politici diretto da Sonny Mallhi e prodotto dalla Blumhouse

Leggi
Horror & Thriller

Poster, trailer italiano e data di uscita per Mr Long, crime thriller di SABU

di
Redazione Il Cineocchio

Chang Chen interpreta un killer professionista amante della buona cucina, che lavora a cavallo tra Giappone e Taiwan

Leggi
Horror & Thriller

Un parco divertimenti dell’orrore diventa un vero incubo nel trailer di Hell Fest

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista Gregory Plotkin sprofonda le protagoniste Amy Forsyth, Reign Edwards e Bex Taylor-Klaus in una notte di Halloween ben più letale del previsto

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di Cynthia, Sid Haig è sulle tracce di una vorace neonata mutante

di
Redazione Il Cineocchio

Nella horror comedy diretta da Devon Downs e Kenny Gage, l'attore incrocerà Bill Moseley e Scout Taylor-Compton

Leggi
Horror & Thriller

Abbey Lee sposina con un orrendo segreto nel trailer di Elizabeth Harvest

di
Redazione Il Cineocchio

Sebastian Gutierrez rielabora in chiave macabra la fiaba di Barbablù, coinvolgendo anche Carla Gugino e Ciarán Hinds

Leggi
Horror & Thriller

Nel red band trailer di Assassination Nation la provincia USA è violenta e scabrosa

di
Redazione Il Cineocchio

Suki Waterhouse, Bill Skarsgard e Bella Thorne sono i sanguinari e folli protagonisti del thriller di Sam Levinson

Leggi
Horror & Thriller

Recensione story | Il Profumo della Signora in Nero di Francesco Barilli

di
Sabrina Crivelli

Mimsy Farmer è la disturbata protagonista del sottovalutato thriller psicologico del 1974, memorabile anche per il truce e inaspettato finale

Leggi
Horror & Thriller

Il trailer di Good Manners ci porta in Brasile, tra lupi mannari e gravidanze anomale

di
Redazione Il Cineocchio

I registi Juliana Rojas e Marco Dutra rinnovano il loro sodalizio e tornano a collaborare per un horror dalle forti implicazioni sociali

Leggi
Titolo Data Regista

Limehouse Golem - Mistero Sul Tamigi (Blu-Ray)

14/06

Juan Carlos Medina

Contracted: Phase 1 + Phase 2 (Limited Edition) (2 Blu-Ray+Booklet)

14/06

Eric England

Slumber - Il Demone Del Sonno (Limited Edition) (Blu-Ray+Booklet)

14/06

Jonathan Hopkins

Cold War 2 (Blu-Ray)

14/06

Lok Man Leung, Kim-Ching Luk

Diggers (Dvd)

04/07

Tikhon Kornev

Il Giustiziere Della Notte (2018) (Blu-Ray)

04/07

Eli Roth

Osiride - Il Nono Pianeta (Blu-Ray)

05/07

Shane Abbess

Pacific Rim - La Rivolta (Blu-Ray)

05/07

Steven S. DeKnight