Horror & Thriller

[recensione] Peelers di Sevé Schelenz

di

Un lungo susseguirsi di spogliarelli e un tocco di gore per un b-movie con poco senso e fin troppa trivialità

Il trash estremo può assurgere a categoria estetica? Se il triviale ha invaso ormai da decadi il piccolo e il grande schermo, South Park o Ted ne incarnano perfettamente il potenziale nascosto, fino a quanto si può spingere nello scurrile un copione pur mantenendo un certo fascino demenziale? Ebbene, ne testa i limiti massimi Peelers di Sevé Schelenz.

peelersIl tono generale è immediato, si può desumere sin dalla sinossi: Blue Jean (Wren Walker), proprietaria di uno strip club sta per chiudere la sua attività e lasciare la piccola cittadina sperduta nel nulla, dove vive con il figlio. Purtroppo per lei, l’ultima notte di lavoro si rivela molto più movimentata di quanto si aspettasse; un gruppo di minatori, credendo di aver trovato un giacimento di petrolio, si reca infatti nel suo locale per festeggiare, ma in realtà ha rivenuto un liquido nero ben più insidioso. Uno di loro, ferito a una gamba, si sente male, si reca in bagno e inizia a rigettare l’atra sostanza con un flusso tanto copioso da surclassare Linda Blair in L’Esorcista. Subito dopo i suoi compagni iniziano a manifestare i medesimi sintomi, uno alla volta, a tutti poi si tingono gli occhi di nero, un po’ alla indemoniato stile I bambini dagli occhi neri, infine presi dal un raptus degno del kinghiano The Cell brandiscono ogni oggetto contundente sulla loro via e accoltellare tutti. Non esattamente zombificati, o comunque sia senzienti ad un certo grado (uno degli infetti guida addirittura una motocicletta a un certo punto), farfugliano parole a caso con vocine che ricordano La Casa di Sam Raimi e tagliare teste e arti a tutto ciò in cui si imbattono.

Perplime dunque la natura del morbo, gli effetti su chi lo contrae, ancor più il metodo di contagio, che è abbozzato in un flashback sul finale, ma d’altro canto da questo tipo di film non si pretende certo una impeccabile impalcatura diegetica. L’obbiettivo è d’altra parte differente: il susseguirsi di eventi non più di tanto approfonditi, inseguimenti e squartamenti che consistono in ultimo acchito in una serie di spunti per mostrare parecchi nudi femminili e una discreta dose di sangue e interiora. Il duplice fulcro su cui si incentra la trama di Peelers, più nello specifico la priorità assoluta per il lato discinto, se non fosse già chiaro dall’ambientazione e dal soggetto, è palesato dalla lunga e particolareggiata ouverture con i titoli di testa. Un interminabile spogliarello, tinto da un filtro rossastro che concretizza l’idea di luci rosse, è ripreso in maniera certosina, con dovizia di particolari e primissimi piani sulle grazie della ballerina, prosperosa quanto rifatta, che ondeggia sinuosa. La scena è procrastinata fino al parossismo, sembra che lo striptease non debba finire più. Ebbene, il preambolo di numerosi numeri, dove una ad una le dipendenti del club mostrano le loro abilità e peculiarità di cui non tutti vorrebbero essere spettatori. Una vestita da neonato termina la sua performance con quella che definiremmo una “golden shower”, un’altra con un microfono affiancato al proprio deretano da voce a rumori intestinali (vedere immagine in apertura), insomma si tratta un campionario che potrebbe far tentennare anche gli estimatori delle pratiche più inusuali.

PeelersMoltissimo spogliarello, dunque, e parecchi nudi, per la prima mezz’ora non vediamo altro, sembra quasi di assistere a uno di quei cine-varietà in chiave però moderna, senza veli, ammantata di un gusto per lo squallido e che indulge in parecchi dettagli ripugnanti. Il gore arriva solo dopo una forse troppo lunga attesa. Ci sono, è vero, fotogrammi succulenti per chi ama il genere, corpi squartati a metà con organi esposti e ancora palpitanti, lo spettacolino privato di una bionda in penombra con due clienti che finisce con una testa mozzata che spruzza sangue, un petto sbudellato e la ballerina morta. Tuttavia, anche visto l’argomento, la proporzione tra sangue e seni al vento propende nettamente per questi ultimi in termini di minutaggio, mentre tutto il resto abbozzato, cliché e noia. Le psicologie e i dialoghi sono pressoché scandalosi, ma ciò in fondo potrebbe essere nella norma, al contrario non lo è la totale mancanza di suspense, stiamo comunque seguendo dei killer infetti, ma non c’è un momento capace di suscitare la benché minima trepidazione.

Se in conclusione volete vedervi qualche donnina, alcune anche avvenente, togliersi “costumi di scena” che incarnino una gamma di prototipi antropologici da peepshow, con alcune uscite dense di un estro fin troppo scabroso a cui si aggiunge qua e là un tocco truculento, allora Peelers è il film che state cercando! Ricordate però che può risultare eccessivamente sopra le righe e illogico perfino per chi è avvezzo ai più bizzarri b movies…

Di seguito il trailer ufficiale di Peelers:

Horror & Thriller

James McAvoy e M. Night Shyamalan su Glass: “Altri sequel? Magari! Anzi no …”

di
Redazione Il Cineocchio

Il protagonista e il regista dell'atteso film che 'fonderà' Unbreakable e Split hanno mostrato reazioni contrastanti sul futuro del possibile universo cinematografico

Leggi
Horror & Thriller

Recensione | La Fine di David M. Rosenthal 

di
William Maga

Netflix distribuisce in esclusiva l'ennesimo disaster movie mediocre, che oltre a crogiolarsi nei cliché e a non avere una direzione precisa, usufruisce anche di un finale da denuncia

Leggi
Horror & Thriller

Bill Murray: “Sono in The Dead Don’t Die, film di zombi di Jim Jarmush”

di
Redazione Il Cineocchio

Diffuse anche le prime foto rubate dal segretissimo set dei co-protagonisti Adam Driver, Selena Gomez, Chloë Sevigny e Austin Butler

Leggi
Horror & Thriller

Il trailer di Pledge dimostra che entrare in una confraternita è un incubo

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista Daniel Robbins descrive in maniera coraggiosa e terribile le prove che devono superare un gruppo di ragazzi per essere accolti nell'elite degli studenti universitari

Leggi
Horror & Thriller

Cattolicesimo e profane leggende irlandesi nel trailer di Don’t Leave Home

di
Redazione Il Cineocchio

Michael Tully torna in regia per un thriller dai tocchi soprannaturali che mescola tradizione e arte

Leggi
Horror & Thriller

Recensione | Hereditary – Le Radici del Male di Ari Aster

di
Sabrina Crivelli

Il regista esordisce con un horror stratificato e denso di presagi, che declina la nemesi storica classica al demoniaco in modo inedito

Leggi
Horror & Thriller

Bambole demoniache e possessioni nel trailer di Sabrina, horror indonesiano di Rocky Soraya

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista e produttore prova a dimostrare che c'è creatività anche lontano da Hollywood sdoganando al pubblico il pericoloso 'gioco della matita'

Leggi
Horror & Thriller

Neve Campbell su Scream 5: “Difficile senza Wes Craven, però …”

di
Redazione Il Cineocchio

La protagonista dei quattro capitoli della saga horror ha parlato della possibilità di tornare ancora una volta a interpretare Sidney Prescott al cinema

Leggi
Horror & Thriller

Il trailer della docu-serie My Worst Nightmare prospetta notti insonni e ansia

di
Redazione Il Cineocchio

Nel corso della prima stagione, verranno approfondite varie tipologie di incubi ricorrenti, cercando anche di capirne i motivi

Leggi
Titolo Data Regista

Limehouse Golem - Mistero Sul Tamigi (Blu-Ray)

14/06

Juan Carlos Medina

Contracted: Phase 1 + Phase 2 (Limited Edition) (2 Blu-Ray+Booklet)

14/06

Eric England

Slumber - Il Demone Del Sonno (Limited Edition) (Blu-Ray+Booklet)

14/06

Jonathan Hopkins

Cold War 2 (Blu-Ray)

14/06

Lok Man Leung, Kim-Ching Luk

Diggers (Dvd)

04/07

Tikhon Kornev

Il Giustiziere Della Notte (2018) (Blu-Ray)

04/07

Eli Roth

Osiride - Il Nono Pianeta (Blu-Ray)

05/07

Shane Abbess

Pacific Rim - La Rivolta (Blu-Ray)

05/07

Steven S. DeKnight