Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Un oscuro scrutare | Tetsuo di Shin’ya Tsukamoto: carne e metallo

6/10 su 204 voti. Titolo originale: 鉄男, uscita: 01-07-1989. Regista: Shinya Tsukamoto.

Un oscuro scrutare | Tetsuo di Shin’ya Tsukamoto: carne e metallo

07/12/2017 recensione di Lorenzo Di Giuseppe

Un film denso e stratificato, che pone il corpo come progetto solido ma incompiuto, grazie alla visionarietà di un regista geniale

Tetsuo (鉄男; Tetsuo, The Iron Man nella versione internazionale, 1989) è un film diretto, scritto, prodotto, interpretato, fotografato e montato da Tsukamoto Shin’ya (o Shin’ya Tsukamoto). Girato con un budget bassissimo, quasi misero, amplia le idee di un precedente mediometraggio dello stesso Tsukamoto, Le avventure del ragazzo del palo elettrico (Denchu kozo no boken, 1987), che narrava di un ragazzo sulla cui schiena cresce appunto un palo elettrico e vincitore del Gran premio al PiaFF (importante Festival di Tokyo che è spazio di confronto e sponsorizzazione per giovani cineasti), cosa che spinse il regista giapponese a una produzione totalmente indipendente.

Tetsuo si apre con un uomo (Tsukamoto Shin’ya), senza nome, che inserisce una barra di metallo dentro una ferita che ha nella coscia. Poco dopo, accortosi di un’infezione gravissima, corre in strada, ma viene investito da una macchina. I due passeggeri, un salaryman giapponese (Taguchi Tomorowo) e la sua fidanzata (Fujiwara Kei), vogliono nascondere il corpo in un bosco, ma dopo essersi fermati notano che l’uomo li osserva, quindi decidono di confondergli i ricordi compiendo un rapporto sessuale. La vendetta dell’uomo però non tarda ad arrivare: un mattino il salaryman si sveglia e nota di avere uno spillo di metallo che gli spunta dalla guancia. Da qui le vicende si dipaneranno in maniera assurda e schizofrenica fino al finale pre-apocalittico.

C’è da dire subito una cosa: Tsukamoto distrugge la linearità narrativa, spezzettando il racconto in varie sequenze più o meno autonome, che scorrono sul binario comune della fusione tra carne e metallo. Avendo un numero limitatissimo di dialoghi, le immagini riescono a dire tutto o quasi, colpendo più volte lo spettatore allo stomaco e innestandogli, è proprio il caso di dirlo, un senso di inquietudine e repulsione lungo tutto il minutaggio, iscrivendo la pellicola nel filone del cyberpunk-horror. Partiamo dal lato tecnico. Il film è girato in bianco e nero, un bianco e nero grezzo ma ovviamente d’impatto, reso alla perfezione da un’illuminazione espressionista: luci che tagliano in due stanze, corridoi e volti a indicare la scissione interna e esterna dell’individuo dalla realtà delle cose.

Il montaggio è rapido, sincopato mentre le inquadrature si fanno instabili e i movimenti di macchina frenetici, caratteristiche della regia che Tsukamoto amplierà poi in tutte le sue pellicole successive. Interessanti sono anche gli accelerati, utilizzati spesso per “aumentare l’adrenalina” dell’occhio, e qualche breve sequenza in stop motion, un mix che dimostra come il regista giapponese possa cimentarsi con qualsiasi tecnica cinematografica uscendone da maestro. I temi principali del lungometraggio sono anche la colonna portante della filosofia di Tsukamoto e ritorneranno ciclicamente nella sua filmografia.

La riduzione dell’uomo a ingranaggio è quello più evidente. La società giapponese, dell’annichilimento costante dell’individuo sul posto di lavoro, ne ha fatto un marchio di fabbrica, per usare un gioco di parole. Il singolo si muove quasi sempre per un Bene superiore, che sia l’azienda o il Paese. L’autore spinge al limite la sua visione già di per sè negativa, facendo trasformare materialmente il tipico impiegato d’ufficio in un uomo metallico, che prima si disgusta e poi fa di tutto per disgustare, per tagliare i ponti con l’Altro, per chiudere il proprio cerchio e isolarsi nella propria insoddisfazione ma alla fine goderne.

Un altro tema fondamentale è il rapporto tra dolore e esistenza. L’uomo che si vede all’inizio, che possiamo chiamare Feticista del Metallo, e che poi tornerà alla fine, è simbolo di quello stato di pensiero per cui provare dolore sia l’unico modo per sentirsi vivi, per sentirsi realmente facenti parte di un mondo ormai solamente materialistico. Alla vista della ferita marcia, ormai infettata dai vermi, l’uomo impazzisce; mentre alla fine del film, quando avrà imparato a gestire il metallo, e quindi la sofferenza, sarà virtualmente invincibile, pronto a tutto.

Questa tematica va di pari passo con quella della riscoperta del corpo come elemento fondante della vita umana, mostrato anche dalle sequenze più d’impatto del film, come la mutazione del membro del salaryman in una trivella, oppure la visione allucinatoria dello stesso, in cui viene brutalmente abusato dalla fidanzata per mezzo di un tubo d’acciaio serpentino che pare avere vita propria. L’incomunicabilità è un altro dei temi che spicca, soprattutto nel rapporto tra i personaggi, che non riescono a comunicare se non attraverso la fisicità e le sue pulsioni più estreme, da quelle sessuali a quelle violente. Memorabile la scena in cui il salaryman, sentendo un telefono squillare, risponde: dall’altro capo risuona una voce femminile. I due non faranno altro che ripetere “moshi moshi” (pronto?) per qualche decina di secondi, che però sembrano interminabili, enfatizzando la tragica situazione di dialogo interrotto.

Il finale di Tetsuo, come già accennato, pre-apocalittico, conferma la visione negativa e fatalista della società e dell’uomo di Tsukamoto: dopo un cruento scontro, i due uomini, entrambi ormai straripanti metallo da tutti i pori, si fondono in un solo essere, puntando ora alla distruzione e alla conquista del mondo. Tutto ciò sottolinea ancora una volta, definitivamente, la necessità di accettare il dolore: un dolore che deve essere uno dei fondamenti della vita per crescere e superare tutte le altre difficoltà, anche in una società malata e decadente.

Di seguito il trailer internazionale:

Tomoro Taguchi
Kei Fujiwara
Nobu Kanaoka
Shinya Tsukamoto
Naomasa Musaka
Renji Ishibashi
The Dark Crystal Age of Resistance (2)
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per la serie Dark Crystal: la Resistenza, solo una debole speranza per il mondo di Thra

di Redazione Il Cineocchio

C'è Netflix dietro al prequel originale del rivoluzionario fantasy di Frank Oz e Jim Henson del 1982, che potrà contare su un cast di doppiatori all star

Leggi
robocop 1987 film
Sci-Fi & Fantasy

Neill Blomkamp: “Ho chiuso con RoboCop Returns; faccio un horror”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista sudafricano a sorpresa si tira fuori dall'ambizioso progetto, spiegandone i motivi con un tweet

Leggi
nel fantastico mondo di oz 1985 film fairuza balk
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Nel fantastico mondo di OZ: quando la Disney sfornava cupe fiabe live action

di Sabrina Crivelli

Nel 1985 usciva il sequel apocrifo diretto da Walter Murch al classico del 1939, un insuccesso al botteghino che ha saputo guadagnarsi in VHS lo status di cult, regalando bellissimi incubi a una generazione di ragazzini

Leggi
Carnival Row
Sci-Fi & Fantasy

Carnival Row: Orlando Bloom e Cara Delevingne legati da un amore pericoloso nel trailer della serie fantasy

di Redazione Il Cineocchio

Dopo anni di tira e molla e rinvii, lo show originale dai toni dark degli Amazon Studios ambientato in epoca vittoriana è finalmente pronto a debuttare

Leggi
stay puft man ghostbusters
Sci-Fi & Fantasy

Ghostbusters 3: le foto dal set anticipano il ritorno dello Stay Puft Man?

di Redazione Il Cineocchio

Nelle immagini del nuovo film diretto da Jason Reitman intravvediamo anche Paul Rudd e un'ammaccatissima Ecto-1

Leggi
ultraman
Sci-Fi & Fantasy

Shin Ultraman: Hideaki Anno e Shinji Higuchi insieme per un film sul supereroe

di Redazione Il Cineocchio

I due registi di Shin Godzilla tornano a collaborare per il nuovo film live action dedicato al celebre paladino giapponese

Leggi
Il Trono di Spade 8x06 - The Iron Throne
Sci-Fi & Fantasy

Il Trono di Spade? Solo un “muto spettatore” dell’ira di Drogon, che vuole bruciare il mondo

di Redazione Il Cineocchio

Il copione recentemente diffuso online mette in nuova luce uno dei passaggi più intensi del finale della serie HBO

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Trailer e data di uscita per Kin, sci-fi thriller con James Franco e Dennis Quaid

di Redazione Il Cineocchio

I fratelli Jonathan e Josh Baker sviluppano per il grande schermo un loro cortometraggio, in cui troviamo anche Zoe Kravitz e Carrie Coon

Leggi
Dungeons & Dragons
Sci-Fi & Fantasy

Dungeons & Dragons: Jonathan Goldstein e John Francis Daley dirigeranno il film

di Redazione Il Cineocchio

Non è invece trapelata alcuna indiscrezione sulla trama e sul cast del nuovo adattamento per il grande schermo del celebre gioco di ruolo fantasy

Leggi
Rutger Hauer- Giochi di morte principale
Sci-Fi & Fantasy

Giochi di Morte e Detective Stone: due piccoli classici con Rutger Hauer da riscoprire

di Francesco Chello

Ricordiamo l'attore olandese pescando due film 'minori' della sua sottovalutata cinematografia

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Stranger Things: i Duffer rivelano in un video tutti i film citati nelle 3 stagioni

di Redazione Il Cineocchio

Da La cosa ad Aliens, da I Goonies a Risky Business, il duo dietro alla serie Netflix ci svela i molteplici riferimenti cinematografici

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Mike Mignola su Hellboy 3: “Guillermo del Toro voleva farne un fumetto, ma mi opposi”

di Redazione Il Cineocchio

Dopo il flop di The Golden Army, il 'papà' di Red si oppose fermamente all'idea del regista messicano su come concludere almeno su carta la sua trilogia

Leggi
Gemini Man
Sci-Fi & Fantasy

Nuovo trailer e data d’uscita italiana per Gemini Man, con un doppio Will Smith

di Redazione Il Cineocchio

Nel rimandatissimo fanta-thriller diretto da Ange Lee ci sono anche Clive Owen e Mary Elizabeth Winstead

Leggi
Guida galattica per autostoppisti film
Sci-Fi & Fantasy

Guida galattica per gli autostoppisti: Carlton Cuse scrive la serie TV per Hulu

di Redazione Il Cineocchio

Lo sceneggiatore sta adattando nuovamente per la TV la saga sci-fi umoristica scritta da Douglas Adams

Leggi
The Worst Planet on Earth cortometraggio
Sci-Fi & Fantasy

Cortometraggio | The Worst Planet on Earth: la magia incontra il surreale (produce Sam Raimi)

di Redazione Il Cineocchio

Olivia Newton e Michael Muyunda sono i protagonisti di uno scanzonato viaggio fanta-avventuroso tra creature assurde dopo che l'umanità si è estinta

Leggi
Il signor Diavolo

Il signor Diavolo

22-08-2019

RECENSIONE

La rivincita delle sfigate

La rivincita delle sfigate

22-08-2019

Charlie Says

Charlie Says

22-08-2019

RECENSIONE

Il re leone

Il re leone

21-08-2019

The Nest (Il nido)

The Nest (Il nido)

15-08-2019

RECENSIONE

Diamantino - Il calciatore più forte del mondo

Diamantino - Il calciatore più forte del mondo

15-08-2019

Crawl - Intrappolati

Crawl - Intrappolati

15-08-2019

RECENSIONE

Kin

Kin

15-08-2019

The Quake - Il terremoto del secolo

The Quake - Il terremoto del secolo

08-08-2019

RECENSIONE

Goldstone - Dove i mondi si scontrano

Goldstone - Dove i mondi si scontrano

08-08-2019

Fast & Furious - Hobbs & Shaw

Fast & Furious - Hobbs & Shaw

08-08-2019