Home » Cinema » Horror & Thriller » Riflessione | Il Mostro di Frankenstein di Eugenio Testa: primo horror italiano o clamoroso peplum?

6,5/10 su 10 voti. Titolo originale: Il Mostro di Frankenstein, uscita: 01-01-1921. Regista: Eugenio Testa.

Riflessione | Il Mostro di Frankenstein di Eugenio Testa: primo horror italiano o clamoroso peplum?

21/06/2018 di Sabrina Crivelli

Come l'adattamento nostrano del 1920 del classico di Mary Shelley potrebbe essere connesso con il filone incentrato sul Sansone incarnato da Luciano Albertini

Film perduto rimasto nella storia come il primo horror italiano, Il mostro di Frankenstein di Eugenio Testa è anche il terzo adattamento in assoluto del romanzo di Mary Shelley Frankenstein, o il Prometeo moderno (1816). La pellicola, di cui però non si ha più traccia alcuna, uscì nel 1920, quando già il cinema italiano si era costruito una fama a livello mondiale grazie ai Peplum, quali Quo Vadis (1913) di Enrico Guazzoni, Gli ultimi giorni di Pompei di Eleuterio Ridolfi (1913) e Cabiria di Giovanni Pastrone, e ai drammi d’impronta teatrale, come Assunta Spina (1915) di Francesca Bertini (che incarnava anche la protagonista) e Gustavo Serena. Tuttavia, mentre la produzione in costume era assai diffusi nella cinematografia nostrana sin da principio, assai meno coltivato era il fantastico in tutte le sue declinazioni. Certo, vi sono alcuni casi come Le avventure straordinarissime di Saturnino Farandola (1913), antesignano del viaggio fantascientifico e tratto dal francese Viaggi straordinarissimi di Saturnino Farandola (Voyages très extraordinaires de Saturin Farandoul) di Albert Robida del 1879, che nel panorama filmico muto del Belpaese rimane altresì una vera e propria rarità.

Tornando invece al nostro Il mostro di Frankenstein, che anticipa di più di un trentennio I vampiri di Riccardo Freda e Mario Bava (1956) – conosciuto dai più come il primo horror italiano – , poche sono le notizie a noi pervenute, mentre non esistono più copie in circolazione da anni. Eppure la sua storia è assai più interessante e complessa di quella di un’intrigante opera smarrita nei meandri della storia… Ma procediamo con ordine. Sappiamo anzitutto che fu prodotto dalla Albertini Cinematografica e che il copione non originale fu scritto da Giovanni Drovetti, intellettuale poliedrico nato a Sesto San Giovanni nel 1879, il quale si dedicò a poesia, saggistica e teatro, con qualche sporadica incursione nella nascente Settima Arte. Oltre al sopracitato film scrisse anche il soggetto della commedia Champagne caprice (1919) diretta da Achille Consalvi. Ci sono stati tramandati inoltre i nomi dei protagonisti di Il mostro di Frankenstein: Luciano Albertini (alias Francesco Vespignani) vestiva i panni dell’eroico Sansone, mentre Umberto Guarracino incarnava il terrificante mostro; al loro fianco si ricordano anche Linda Albertini e Aldo Mezzanotte. Oltre ai componenti del cast, le tracce a noi rimaste consistono in una foto di scena e un pugno di locandine, che ne documentano la proficua distribuzione tra il 1922 e il 1926 all’interno del territorio italiano. Non solo, a quanto pare l’horror ante litteram ebbe un seguito internazionale, in particolare approdò in Egitto, in Belgio e in Francia, dove arrivò con il titolo di Le Monstre.

A sopravvivere fu anche la trama, che viene riportata da Mereghetti:

Uno scienziato riesce a fabbricare un uomo con una formula chimica di sua invenzione, ma la creatura (Guarracino) si ribella al suo creatore e commette ogni sorta di disastri fino a quando sarà ridotto all’impotenza da Sansone (Albertini). (Mereghetti 1994: I, 131)

Affine dunque all’originale letterario nel punti cardine della narrazione, Il mostro di Frankenstein vedeva quindi il Barone Von Frankenstein – ossia lo scienziato- , il quale era alla ricerca della formula per dare la vita alla materia morta. Dopo vari tentativi, questi metteva insieme le parti di più cadaveri creando un corpo che poi riusciva ad animare: la creatura però si rivelava una vera e propria calamità. Non si tratta altresì dell’adattamento fedele del classico letterario; anzi, fatto singolare, compare nello svolgimento una vera e propria icona del coevo cinema italiano, Sansone, personaggio di matrice classica e prototipo del forzuto che male si abbinava al gotigheggiante testo di Mary Shelley, di tutt’altra natura. Interessante dunque è interrogarsi sul motivo per cui un elemento all’apparenza tanto stridente sia stato inserito e una delle ipotesi più credibili è che lo strano abbinamento sia da ricercarsi nella coeva filmografia italiana, nella fattispecie in quella legata all’Antica Roma. L’origine sta nel successo conquistato da Maciste, capostipite dei nerboruti paladini, che fece la sua comparsa poco più di un lustro prima, nel 1914 in Cabiria, in cui era impersonato da Bartolomeo Pagano. Grazie al successo del film di Pastrone, il tipo divenne ricorrente nel sottogenere con numerosi cloni, fu declinato in molteplici maniere, interpretato da innumerevoli attori e fu una figura centrale in molti altri Peplum. Simbolo inoltre di italianità, era costruita su di lui una consistente propaganda bellica che inneggiava alle virili virtù del maschio italico durante la Prima Guerra Mondiale e sotto l’ascesa del fascismo. Sansone, come Maciste, era al centro di tale filone, in cui un personaggio mitologico dalle origini latine affrontava vicissitudini e temibili nemici, mettendo in mostra le proprie straordinarie doti.

Luciano Albertini, prima di Il mostro di Frankenstein, aveva incarnato Sansone in una nutrita serie di film inaugurata da Sansone contro i Filistei del 1918, a cui erano seguiti nell’ordine Sansone e la ladra di atleti di Amedeo Mustacchi (1919), Sansone muto (1919), I figli di Sansonia (1920) e Sansone burlone tutti per la regia di Filippo Costamagna (1920), Sansonette amazzone dell’aria (1920), Sansonette danzatrice della prateria e Sansonette e i quattro arlecchini di Giovanni Pezzinga (1920), Sansone e i rettili umani di Amedeo Mustacchi (1920), in ultimo Sansone l’acrobata del Kolossal di Adriano Giovannetti (1920). E’ lecito pensare per diversi motivi che Il mostro di Frankenstein facesse parte proprio di tale saga. Anzitutto, il paladino classico sembrava – almeno stando alle fonti a cui abbiamo accesso – essere investito nel film di Testa del solito ruolo di salvatore degli indifesi. Non solo, l’eroe come sempre era interpretato da Albertini, che in questo caso era anche il produttore con la sua Albertini Film (fondata nel 1920). Era peraltro presente anche la moglie, Linda Albertini, in molti capitoli della saga comparsa come Sansonette. Non abbiamo purtroppo alcuna certezza, poiché impossibile è visionare la pellicola. Eppure non è così folle domandarsi se il primo horror del cinema nostrano fosse in verità un Peplum con un mostruoso antagonista, una sorta di estroso mash-up, o di avventura fantastica del beneamato eroe. Altro indizio che supporta in maniera piuttosto palese tale ipotesi è che, come potete vedere nella locandina sovrastante, viene chiaramente citata come protagonista Sansonia, la stessa di  I figli di Sansonia del 1920 e che più volte era stata interpretata da Linda Albertini, anche in questo caso nel cast (benché non sia possibile risalere con certezza a chi incarnasse, è piuttosto ovvio fare supposizioni).

Molte sono in conclusione le incognite legate a Il mostro di Frankenstein di Eugenio Testa. Tuttavia non esiste nessuna certezza, ma solo qualche ipotesi, dacché d’improvviso tutte le sue copie svanirono nel nulla lasciandosi solo alle spalle qualche poster e un’unica immagine che catturava il mostro interpretato da Umberto Guarracino. Una delle teorie possibili a riguardo è che la censura, particolarmente stringente negli anni ’20 in Italia, abbia ritenuto il film ineducativo o troppo scioccante – in alcune scene o in toto – e abbia così deciso di tagliarne via via sempre più sequenze finché non ne rimase nulla, o di eliminare direttamente tutte le copie in circolazione. All’estero, in qualche magazzino parigino o in qualche cantina belga, potrebbe essere però ancora nascosto un esemplare esistente, che speriamo sempre un giorno riaffiori …

Linda Albertini
Luciano Albertini
Umberto Guarracino
Aldo Mezzanotte
Chloë Sevigny e Kristen Stewart in Lizzie (2018)
Horror & Thriller

Recensione | Lizzie di Craig William Macneill

di William Maga

Kristen Stewart e Chloë Sevigny sono al centro di un biopic troppo libero e sciatto che prova a spruzzare di thriller una vicenda che ormai da tempo non ha più nulla di nuovo da dire

Leggi
Horror & Thriller

Il trailer di Pledge offre il sogno di una confraternita a costo di sevizie e umiliazioni

di Redazione Il Cineocchio

Il regista Daniel Robbins descrive in maniera coraggiosa e terribile le prove che devono superare alcuni ragazzi per essere accolti nell'elite degli studenti universitari

Leggi
Horror & Thriller

Guardate il trailer di Llamageddon e noleggiate il film per solo 1 milione di dollari!

di Redazione Il Cineocchio

Il fanta-horror low budget diretto da Howie Dewin sta facendo parlare di sé per la folle cifra che bisogna sborsare per vederlo su Amazon

Leggi
Virginia Madsen e Tony Todd in Candyman (1992)
Horror & Thriller

Tony Todd sul nuovo Candyman: “Sentimenti contrastanti; ho dei suggerimenti utili”

di Redazione Il Cineocchio

Lo storico interprete del boogeyman uncinato ha detto la sua sul sequel diretto da Nia DaCosta che uscirà nel 2020 e parlato dell'importanza socio-culturale del personaggio

Leggi
The Standoff at Sparrow Creek film James Badge Dale 
Horror & Thriller

Nel trailer di The Standoff at Sparrow Creek, James Badge Dale interroga nell’ombra i compagni di milizia

di Redazione Il Cineocchio

L'attore è protagonista al fianco di Brian Geraghty, Patrick Fischler e Chris Mulkey del thriller d'esordio di Henry Dunham

Leggi
don mancini chucky bambola
Horror & Thriller

Don Mancini: “Ferito dal reboot di La Bambola Assassina; c’è la mia vita in ballo”

di Redazione Il Cineocchio

Il creatore di Chucky e della saga horror ha approfondito i suoi sentimenti circa l'improvviso rifacimento a opera della MGM, da lui decisamente non approvato per modi e conseguenze

Leggi
frankenstein 1910 film
Horror & Thriller

Video | La versione restaurata del Frankenstein del 1910

di Redazione Il Cineocchio

Il Congresso degli Stati Uniti ha restaurato e musicato il cortometraggio di J. Searle Dawley, prima trasposizione assoluta del romanzo di Mary Shelley

Leggi
edward mani di forbice Johnny Depp
Horror & Thriller

Johnny Depp su Edward mani di forbice: “Tom Hanks fu il mio incubo”

di Redazione Il Cineocchio

In un'intervista del 1999 riemersa ora, il protagonista del classico di Tim Burton raccontava un curioso aneddoto vissuto sul set 10 anni prima

Leggi
You Might Be the Killer film Alyson Hannigan
Horror & Thriller

Nel trailer di You Might Be the Killer, Alyson Hannigan è un’esperta di slasher

di Redazione Il Cineocchio

Dopo quattro anni di assenza, il regista Brett Simmons torna sulle scene con un meta-horror in cui c'è anche Fran Kranz

Leggi
Horror & Thriller

M. Night Shyamalan su I Racconti della Cripta: “Il revival è morto, troppi problemi di diritti”

di Redazione Il Cineocchio

A un anno dall'annuncio del presidente di TNT, anche il regista e showrunner conferma che non rivedremo in TV lo Zio Tibia

Leggi
blob rob zombie 2009
Horror & Thriller

Alex Horley mostra 5 concept art per il remake di Blob di Rob Zombie mai realizzato

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 10 anni, l'artista ha ripescato dal cassetto dei lavori mai pubblicati alcuni disegni per il film che il regista avrebbe dovuto dirigere ma che poi venne accantonato

Leggi
DJ Jazzy Jeff & The Fresh Prince - A Nightmare On My Street will smith 1988
Horror & Thriller

Riemerge Nightmare on My Street di Will Smith, videoclip perduto per la soundtrack di Nightmare 4

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 30 anni è stato ritrovato e diffuso il video girato da The Fresh Prince e DJ Jazzy Jeff per la colonna sonora dell'horror diretto da Renny Harlin nel 1988, mai pubblicato e che si pensava distrutto

Leggi
the antithesis sangue misto lilith's hell blu-ray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Lilith’s Hell + The Antithesis + Sangue Misto

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo le edizioni dell'horror esorcistico di Vincenzo Petrarolo, del giallo soprannaturale di Francesco Mirabelli e dell'antologia curata da Davide Scovazzo

Leggi
Warwick Davis in Leprechaun (1993)
Horror & Thriller

Warwick Davis su Leprechaun: “Ho mollato l’horror perchè ora è sbagliato”

di Redazione Il Cineocchio

L'attore britannico, storico volto del malefico folletto nella saga iniziata nel 1993, ha spiegato perchè non ha partecipato agli ultimi due capitoli

Leggi
Jessica Rothe ancora auguri per la tua morte
Horror & Thriller

Nel trailer di Ancora Auguri Per La Tua Morte il loop killer coinvolge tutti

di Redazione Il Cineocchio

Nello slasher di Christopher Landon, la protagonista Jessica Rothe dovrà questa volta trovare il modo di salvare anche i suoi amici

Leggi
Il testimone invisibile

Il testimone invisibile

T. originale: Il testimone invisibile

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Capri-Revolution

Capri-Revolution

T. originale: Capri-Revolution

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 0 su 2 voti
Lontano da qui

Lontano da qui

T. originale: The Kindergarten Teacher

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 7 su 40 voti
Un piccolo favore

Un piccolo favore

T. originale: A Simple Favor

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 6 su 383 voti
Macchine mortali

Macchine mortali

T. originale: Mortal Engines

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 6 su 16 voti
La donna elettrica

La donna elettrica

T. originale: Kona fer í stríð

Data di uscita: 13-12-2018

Voto medio: 7 su 30 voti
Natale a 5 stelle

Natale a 5 stelle

T. originale: Natale a cinque stelle

Data di uscita: 07-12-2018

Voto medio: 5 su 4 voti
Santiago, Italia

Santiago, Italia

T. originale: Santiago, Italia

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 6 su 1 voti
La prima pietra

La prima pietra

T. originale: La prima pietra

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Sulle sue spalle

Sulle sue spalle

T. originale: On Her Shoulders

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 0 su 1 voti
La casa delle bambole - Ghostland

La casa delle bambole - Ghostland

T. originale: Ghostland

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 383 voti

RECENSIONE

Non ci resta che vincere

Non ci resta che vincere

T. originale: Campeones

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 137 voti
Colette

Colette

T. originale: Colette

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 6 su 23 voti
Alpha - Un'amicizia forte come la vita

Alpha - Un'amicizia forte come la vita

T. originale: Alpha

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 5 su 654 voti
Il castello di vetro

Il castello di vetro

T. originale: The Glass Castle

Data di uscita: 06-12-2018

Voto medio: 7 su 269 voti
Isabelle

Isabelle

T. originale: Isabelle

Data di uscita: 29-11-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Ovunque proteggimi

Ovunque proteggimi

T. originale: Ovunque Proteggimi

Data di uscita: 29-11-2018

Voto medio: 10 su 1 voti
Ride

Ride

T. originale: Ride

Data di uscita: 29-11-2018

Voto medio: 5 su 2 voti
Se son rose

Se son rose

T. originale: Se son rose

Data di uscita: 29-11-2018

Voto medio: 6 su 15 voti
Un giorno all'improvviso

Un giorno all'improvviso

T. originale: Un Giorno all'improvviso

Data di uscita: 29-11-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
La Promessa dell'Alba

La Promessa dell'Alba

T. originale: La Promesse de l'aube

Data di uscita: 29-11-2018

Voto medio: 7 su 172 voti
Bohemian Rhapsody

Bohemian Rhapsody

T. originale: Bohemian Rhapsody

Data di uscita: 29-11-2018

Voto medio: 8 su 2054 voti
Il Grinch

Il Grinch

T. originale: The Grinch

Data di uscita: 29-11-2018

Voto medio: 6 su 299 voti