Home » Cinema » Horror & Thriller » Sto pensando di finirla qui: Charlie Kaufman spiega il film e il finale passo per passo

Titolo originale: I'm Thinking of Ending Things , uscita: 28-08-2020. Regista: Charlie Kaufman.

Sto pensando di finirla qui: Charlie Kaufman spiega il film e il finale passo per passo

16/09/2020 news di Redazione Il Cineocchio

Dai maiali parlanti ai balletti, passando per cene imbarazzanti e invecchiamenti approssimativi, il regista racconta i punti 'oscuri' del suo libero adattamento per Netflix del romanzo di Iain Reid

sto pensando di finirla qui film netflix set

Charlie Kaufman non è un fan delle spiegazioni che aiutino il suo pubblico a capire i suoi film, preferendo che ciascuno si faccia la propria personale idea di come sono andate le cose.

Tuttavia, la sua ultima fatica prodotta da Netflix, ispirata – molto liberamente – all’omonimo romanzo di Iain Reid del 2016, Sto pensando di finirla qui (la recensione), è probabilmente quello che più di tutti gli altri richiede un approfondimento ‘guidato’, avendo messo in scena la storia intrisa di dettagli di una singola mente tormentata e avendola disseminata di così tanti riferimenti che praticamente richiederebbe un masterclass in semiotica per analizzarli tutti.

Questa la trama ufficiale:

Nonostante i dubbi sul loro rapporto, una giovane donna (Jessie Buckley) parte in viaggio con il suo nuovo ragazzo (Jesse Plemons) alla volta della fattoria di famiglia. Bloccata alla fattoria durante una tempesta di neve con la madre (Toni Collette) e il padre (David Thewlis) di Jake, la ragazza comincia a mettere in discussione tutto quello che sapeva o credeva di aver capito del suo compagno, di se stessa e del mondo.

Nello specifico, il climax conclusivo di Sto pensando di finirla qui segna un enorme cambiamento rispetto alla svolta psicologica del libro di Iain Reid, molto letterale nello spiegare i momenti che l’hanno preceduta. Charlie Kaufman sceglie invece di inondare Sto pensando di finirla qui di significanti ambigui fino alla scena finale: “Non so se si è trattato di un’epifania o di un tracrollo con Il ladro di orchidee, ma da allora ho scoperto di avere più successo con gli adattamenti quando mi permetto farci qualunque cosa abbia un senso per me. Se non permetto che ciò accada, allora finisco a realizzare qualcosa che mi sembra morto.”

Nel corso di un Q&A (occhio agli spoiler ovviamente), Charlie Kaufman ha risposto punto per punto a tutti i possibili dubbi su Sto pensando di finirla qui, spiegandone e analizzandone i lati più oscuri e poco chiari. Riportiamo in breve le sue molte risposte.

sto pensando di finirla qui film 2020 netflix kaufmanPerché sembra che Jake possa sentire i pensieri di Lucy?

Alla fine del romanzo di Iain Reid, viene rivelato che Jake e la sua fidanzata senza nome sono la stessa persona – il solitario bidello del liceo, che l’ha inventata come sua fantasia. Immaginate Psycho che incontra Fight Club. Non ci vuole molto perché Sto pensando di finirla qui arrivi a implicare la stessa cosa. A un certo punto del film, non è nemmeno chiaro se il nome di Lucy sia Lucy (la chiama infatti “Ames”. Amy?). Jake l’ha ‘costruita’ attraverso i libri, i film e gli incontri di passaggio che hanno plasmato la sua isolata visione del mondo.

Quindi Lucy è il personaggio principale, ma non esiste?

Lei è un ‘dispositivo’, ma volevo che fosse in grado di staccarsi da questo aspetto. Non volevo che fosse un twist. Sentivo che non avrebbe funzionato in un film a quel punto della storia. A mio avviso, sarebbe stato un uso improprio di qualsiasi attrice non darle qualcosa da interpretare che fosse reale. A causa del dispositivo utilizzato nel libro, non sarebbe stato necessario, ma io avevo invece bisogno che fosse lì.

Questo non significa comunque che sia una persona reale …

Vero. Ma ha un preciso potere rappresentativo mentre Jake fa i conti con l’impossibilità della sua illusione. Mi piaceva molto l’idea che, anche nella sua fantasia, Jake non potesse avere ciò che vuole. Immaginerà questa cosa, ma poi immaginerà anche come potrà non funzionare, come lei si annoierà con lui, come penserà che non sia abbastanza intelligente o abbastanza interessante.

A un certo punto, Jake guarda la scena finale di una storia d’amore hollywoodiana diretta da Robert Zemeckis. Perché proprio Zemeckis?

A volte qualcosa è divertente solo perché è divertente, e credo che sarebbe plausibile che Robert Zemeckis abbia realizzato un film così, anche se improbabile. Non credo che Zemeckis abbia mai fatto – o che girerebbe mai – un film come questo. È più simile a un film di Nancy Meyers. Lui non era previsto nella sceneggiatura originale. La sua roba è generalmente più ‘impegnata’, ma è possibile, quindi questo scherzo in qualche modo fa centro.

Venendo alla bizzarra cena, perché i genitori continuano a mutare di aspetto?

Jake sta praticamente vivendo le molte fasi della vita dei suoi genitori, un processo reso complesso dall’idea di presentare ai suoi la sua nuova ragazza. Dove può collocare Lucy in quella linea temporale? Non riesce a trovare il momento perfetto, perché Lucy non esiste. Per quanto lui voglia restare a casa con lei, alla fine se ne vanno, su sua insistenza.

sto pensando di finirla qui film 2020 netflixInizia così un altro lungo viaggio in macchina. E … era forse un’imitazione della famosa critica cinematografica americana Pauline Kael?

Mentre sono in macchina la discussione si posta su Una moglie di John Cassavetes. Discutendo del film e dell’interpretazione di Gena Rowlands, Lucy si trasforma fondamentalmente in Pauline Kael, ripetendo una sua storica recensione alla lettera, imitandola. Mi è sempre piaciuta, sono cresciuto con lei leggendo le sue recensioni e pensando che fosse più intelligente di me. Anche questo va verso l’idea che Jake non sia in grado di ottenere tutto ciò che desidera. Aveva questa opinione su quel film e poi ha fallito. È un’esperienza che ho provato io stesso – l’idea che ti piace qualcosa, e poi leggi qualcosa scritto da qualcuno che ammiri davvero e ti senti un idiota per aver apprezzato quella cosa in prima istanza.

Cos’è il Tulsey Town Ice Cream?

Le tre ragazze della gelateria sono tutti riferimenti a donne che Jake ha visto in passato. E poi c’era l’idea che ci fossero state molte generazioni di ragazzi delle scuole superiori che avevano lavorato lì e con cui lui aveva interagito nel corso degli anni e coi quali aveva avuto dei problemi. È una tappa da sogno nella sua psiche, nel suo passato. Nel libro, la coppia si ferma in un Dairy Queen [una catena di ristorante esistente negli USA], ma non siamo stati in grado di ottenere i diritti per utilizzarlo, quindi ho dovuto modificarlo. Ma penso che abbia funzionato meglio, perché è più misterioso e perché è più ‘locale’.

Parliamo di quella sequenza di ballo nei corridoi

Dopo aver parcheggiato davanti liceo, Jake corre dentro. Quando Lucy lo segue, ha un caloroso incontro con il bidello, suggerendo che il personaggio ha finalmente accettato di doversi separare dalla sua fantasia. Elaborando questa idea, Lucy e Jake si vedono l’un l’altro in un corridoio, dove vengono sostituiti da un paio di ballerini che indossano i loro stessi vestiti. Nei minuti successivi, si impegnano in una vivace coreografia modellata su un momento simile presente nel musical Oklahoma! Ci sono alcune cose in Oklahoma! che sembravano davvero tematicamente parallele alla storia che stavamo raccontando. Ne sono sempre stato incuriosito, perché è così inquietante e mi è piaciuta l’idea dell’aspetto dei doppelgänger in questa sequenza. In altre parole, Jake ha fatto finta di essere qualcun altro e utilizza la struttura narrativa di Oklahoma! per eliminare quell’illusione.

E poi c’è il maiale animato parlante …

Un doppio riferimento alla pubblicità del Tulsey Town Ice Cream vista in giovinezza e al maiale divorato dai vermi menzionato all’inizio del film. L’innocenza dell’animale e il trauma scaturito dalla vista dallo stesso morente. Da adulto, Jake è venuto a patti con questo squilibrio fondamentale del suo universo.

Nell’ultima scena di Sto pensando di finirla qui, tutti sono vecchi. Ma sembra un po ‘… finta

Vediamo in precedenza una scena in cui il custode ha trovato un libro di make-up in bagno mentre stava pulendo, perché qualcuno si era chiaramente truccato in questa stanza, riservata ai ragazzi o alle ragazze. Tale espediente consente a Jake di far invecchiare tutti nella sua testa insieme a lui, ricordandoci l’artificio in gioco. Tutte le persone che sono tra il pubblico, ad eccezione dei personaggi del film, sono le comparse che hanno interpretato i ragazzi delle superiori nel resto del film. Quindi sono tutti dei giovani con addosso il trucco da anziani.

sto pensando di finirla qui netflix film 2020Quello che sentiamo … è il discorso di chiusura di A Beautiful Mind?

Sì. Quando Jake accetta il suo premio, recita il discorso sentimentale per il Premio Nobel pronunciato dall’economista John Nash (Russell Crowe) alla fine del film vincitore dell’Oscar diretto da Ron Howard. Ma è una cosa di cui non mi sento a mio agio a parlare, perché arriva alla polpa di ciò di cui parla il mio film. Sto pensando di finirla qui racconta dell’esperienza di qualcuno che assorbe le cose che vede e di come diventino parte della sua psiche. Quindi, questo era su per giù il modo in cui questa persona avrebbe potuto crearci sopra una fantasia. Comunque, non ho mai parlato direttamente con Ron Howard in vita mia. Suppongo che ci abbiano semplicemente concesso il permesso di usare il discorso.

E poi Jake canta …

Immerso in un set che sembra una riproduzione della camera da letto della sua infanzia, Jake intona una versione malinconica della canzone Lonely Room da Oklahoma!, in cui Jud dichiara la sua intenzione di sposare Laurey. Il personaggio di Jud sembrava paragonabile in qualche modo a Jake. Seduto in un set costruito coi frammenti che definiscono la sua vita, l’uomo è diventato il protagonista della sua stessa storia e allo stesso tempo è divenuto limitato da essa.

E questo è tutto, giusto?

Non proprio. Quell’ultima immagine dell’auto incrostata di neve del custode suggerisce essenzialmente che il bidello Jake sia morto lì, nel cuore della notte. È una bella e tragica conclusione della storia di un uomo che affronta i fallimenti della sua vita mentre lascia il suo corpo. Mi auguro che il pubblico resti durante i titoli di coda, che elencano molti dei riferimenti di Sto pensando di finirla qui. È una cosa intenzionale, il modo in cui va a finire. Non penso che il mio film nasconda molte cose allo spettatore. Il modo in cui l’ho presentato avrebbe probabilmente portato a comprenderlo. Quello che vedete è ciò che stava attraversando Jake. O lo cogli oppure no.

Che dite, è una spiegazione soddisfacente?

Di seguito il trailer internazionale (con sottotitoli italiani) di Sto pensando di finirla qui, nel catalogo di Netflix dal 4 settembre:

Fonte: IW

LEGGI LA RECENSIONE

Altre notizie su I'm Thinking of Ending Things:

Love and Monsters film 2020
Horror & Thriller

Trailer per Love and Monsters: creature giganti di ogni tipo han preso il controllo del pianeta

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono Dylan O'Brien e Michael Rooker tra i protagonisti del fanta-horror diretto da Michael Matthews, che si ispira a Mad Max, Zombieland e John Hughes

Leggi
fargo serie stagione 4 chris rock
Horror & Thriller

Sneak peek per Fargo, stagione 4: Chris Rock è il boss della mafia nera di Kansas City

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Jason Schwartzman e Timothy Olyphant nei nuovi episodi della serie antologica crime creata da Noah Hawley

Leggi
el practicante film 2020
Horror & Thriller

Trailer per Anonymous Animals: umanoidi con teste di animali seviziano prigionieri umani

di Redazione Il Cineocchio

Il regista francese Baptiste Rouveure esordisce al lungometraggio con un fanta-horror che porta all'estremo il concetto di teriomorfismo

Leggi