Home » Cinema » Horror & Thriller » Suicide Tourist | La recensione del film di Jonas Alexander Arnby con Nikolaj Coster-Waldau (Sitges 52)

6,5/10 su 10 voti. Titolo originale: Selvmordsturisten, uscita: 21-11-2019. Regista: Jonas Alexander Arnby.

Suicide Tourist | La recensione del film di Jonas Alexander Arnby con Nikolaj Coster-Waldau (Sitges 52)

21/10/2019 recensione film di Sabrina Crivelli

Il regista danese torna dietro alla mdp per affrontare il delicato tema del suicidio assistito immergendo il protagonista in un impianto irrisolto, a metà tra l'autoriale e il mistery

Nikolaj Coster-Waldau in Suicide Tourist - Selvmordsturisten (2019) main.jpg

Il giudizio che ciascuno si forma su un film dipende, spesso, non solo dall’opera stessa, ma anche dalle aspettative e dal contesto in cui si vede. Tale premessa non è casuale, ma è essenziale per motivare il nostro giudizio riguardo al danese Suicide Tourist (Selvmordsturisten), nostra prima visione all’interno della 52° edizione del Festival Internazionale del cinema fantastico della Catalogna. Diretto da Jonas Alexander Arnby (al suo secondo lungometraggio dopo When Animals Dream) e scritto da Rasmus Birch, si tratta di un dramma che riflette sulla tragedia della morte e della malattia con una buona dose di prosasticità, assai più adatto a un pubblico più avvezzo al cinema estremamente intellettualoide di Venezia che non a chi cerchi una visione riferibile al cinema di genere.

Le sua stessa trama ufficiale risulta forviante, creando aspettative che non possono che essere disilluse. Il tema trattato, il suicidio assistito, è in effetti di incredibile attualità in Italia negli ultimi tempi, vista anche la recente sentenza della Corte d’Appello sul caso di Marco Cappato e Dj Fabo. Ciò non toglie che, in tal senso, preferibile è allora un film che si concentri sul delicato argomento in maniera più concreta, come Marco Bellocchio aveva fatto nel 2012 con La Bella Addormentata. Fatto singolare, esiste anche un dolorosissimo docu-film del 2010 pressoché con lo stesso titolo internazionale, The Suicide Tourist (2010) di John Zaritsky.

Nikolaj Coster-Waldau in Suicide Tourist - Selvmordsturisten (2019) posterTornando invece al più recente Suicide Tourist di Arnby, partendo dalla trama ufficiale ci aspetteremmo – come anticipato – una sorta di thriller, incentrato su un’oscura struttura, l’Hotel Aurora, in cui Max (Nikolaj Coster-Waldau), un uomo in preda a una profonda crisi esistenziale, si reca per indagare sul marito di una donna scomparso da tempo senza lasciare tracce. Il luogo, situato in una non definita landa danese e circondato da boschi e da cascate, è ammantato dal mistero e le attività che svolgono hanno indubbiamente qualcosa di sinistro; d’altronde ciò non stupisce poi tanto, visto che fornisce assistenza nel suo ultimo viaggio a chi ha deciso di togliersi la vita, nonché la possibilità di assecondare il più possibile le sue volontà e le sue fantasie durante il doloroso processo.

Tuttavia, viene insinuato il dubbio che ci sia qualcosa d’altro sotto alla superficie. Stando a questo preambolo, ci si aspetterebbe uno sviluppo denso di tensione, in cui elementi sinistri e verità da tempo tenute nascoste emergano lentamente, mentre il protagonista scava nelle attività svolte dalla ‘losca’ Aurora. Ebbene, forse qualche elemento è pur presente, ma in linea di massima il cuore del film è sicuramente un altro – e ciò ovviamente lascia forse un tantino delusi -.

Suicide Tourist è infatti pressoché interamente all’insegna di un mesto esistenzialismo, concentrandosi principalmente sulle implicazioni emotive della scelta di sottoporsi a eutanasia – sebbene nel modo più civile e indolore possibile – sul soggetto e su chi lo circonda. A ciò si somma una peculiarità stilistica della cinematografia danese alta (amata da alcuni, da altri meno): essere incredibilmente lento e concettuoso. Avete presente Gertrud di Carl Theodor Dreyer? Se il soggetto trattato è (ovviamente) differente, il modo in cui viene affrontato è su per giù lo stesso. Ogni aspetto di Suicide Tourist è sottotono. La componente drammatica, sicuramente preponderante, è messa in scena in maniera quasi apatica. Lo stesso protagonista, affronta con un’inespressività estrema la tragedia che gli si para davanti, immotivata e inevitabile. Il suo rapporto con la moglie che gli sta amorevolmente vicino, i suoi slanci verso di lei, i momenti più bui e gli accessi di disperazione, tutto è approcciato in maniera quasi del tutto inespressiva.

La sensazione è ancor più forte, tra l’altro, in quelle sequenze in cui si cerca di stemperare un po’ la – implicita – pesantezza del discorso con dei momenti contraddistinti da venature di black humor. Che siano grotteschi tentativi di suicidio o battute ciniche, il risultato per qualche motivo non riesce. Sulla carta, la comicità nera ci sarebbe anche, ma quando prende forma su video è come se si spegnesse ogni verve, ogni stimolo, quasi si volesse mantenere costante il tono monocorde che domina l’insieme evitando slanci eccessivi.

Nikolaj Coster-Waldau in Suicide Tourist - Selvmordsturisten (2019)Sia nel pianto che nel riso, non aiuta poi Nikolaj Coster-Waldau, che non sembra avere una particolare dote per concretizzare le complesse sfumature dell’animo umano e gli stati che attraversa il suo articolato personaggio. Insomma, è un ruolo assai distante dal Jaime Lannister della serie Il trono di spade, che l’ha reso famoso (e costituirebbe una prova difficile per qualsiasi attore). Certo, non lo aiuta né una sceneggiatura all’insegna del lirismo spento e riflessivo, né tanto meno lo stile di regia di Jonas Alexander Arnby, che non ha particolari guizzi, a eccezione fatta per una sequenza ‘psichedelica’ in cui sembra di essere d’improvviso passati ad Allucinazione perversa di Adrian Lyne.

E qui veniamo alla nota più dolente: la promessa tradita. Se come ritratto intimistico del travaglio profondo di un uomo, o come in un uomo in profonda meditazione sul suicidio assistito, Suicide Tourist potrebbe anche soddisfare. Qualora, però, si cerchi la suspense del thriller, questa è del tutto assente, a parte per un paio di scene e qualche tocco qua e là (dei ‘pazienti recalcitranti’, dei medici un po’ troppo insistenti ed ambigui, delle stanze e zone segrete…). Tale componente non è tuttavia portata a compimento in alcun modo, la minaccia vagheggiata non è altro che la ovvia conseguenza di ciò per cui gli ospiti stessi della struttura hanno firmato inizialmente.

L’unico problema è – semmai – l’impossibilità di avere ripensamenti, che a quanto pare non sono previsti (ma non si capisce bene per qual motivo)! Ciò costituisce, però, solamente una parentesi marginale (come i radi momenti psichedelici), che poco pesa nell’economia generale del discorso e che stride anzi un poco con il registro generale amaro e altamente patetico. E, comunque sia, è sostanzialmente un’altra delle possibili reazioni alla morte in quella fenomenologia del suicidio che rappresenta il vero centro di Suicide Tourist.

Di seguito trovate il trailer danese originale:

Nikolaj Coster-Waldau
Sonja Richter
Kate Ashfield
Robert Aramayo
Jan Bijvoet
Slimane Dazi
Johanna Wokalek
Vibeke Hastrup
Kaya Wilkins
Anders Mossling
Peder Thomas Pedersen
Lorraine Hilton
Solbjørg Højfeldt
Christine Albeck Børge
Per Egil Aske
Tuva Novotny
Horror & Thriller

Trailer per Apparition: Mena Suvari risucchiata dall’oscurità con un’App che collega vivi e morti

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice coinvolta nelle terribili vicende dell'infestatissimo Preston Castle nel film di Waymon Boone

Leggi
bud spencer terence hill moto
Horror & Thriller

Dossier | Il Don Chisciotte mai girato con Bud Spencer e Terence Hill (regia di Monicelli)

di Redazione Il Cineocchio

Nel 1993, i due popolarissimi attori erano pronti a tornare a fare coppia nel film che avrebbe aggiornato alla loro maniera il celebre romanzo di Miguel de Cervantes, ma poi il progetto venne abbandonato

Leggi
andy serkis il canto di natale 2019
Horror & Thriller

Trailer per la miniserie A Christmas Carol: il Canto di Natale si fa horror con Guy Pearce e Andy Serkis

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono Ridley Scott e Tom Hardy tra i produttori esecutivi della versione dark del classico di Charles Dickens

Leggi
al pacino hunters serie amazon 2020
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray 4K | Fog + Il Signore del Male + Essi Vivono + 1997: Fuga da New York

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane delle edizione in altissima definizione dei quattro classici diretti da John Carpenter

Leggi
tom waits renfield dracula 1992
Horror & Thriller

Renfield: Dexter Fletcher alla regia del film sul servitore di Dracula

di Redazione Il Cineocchio

La Universal cambia traiettoria per il Dark Universe, pescando da un'idea originale di Robert Kirkman

Leggi
Bill Skarsgård in It Capitolo 2 (2019) pennywise
Horror & Thriller

Gary Dauberman su Pennywise: “Spazio per lo spin-off sulle origini; da valutare l’interesse del pubblico”

di Redazione Il Cineocchio

Lo sceneggiatore del nuovo adattamento di IT ad opera di Andy Muschietti lascia intendere che potremmo veder esplorato il misterioso passato del mostruoso clown danzante

Leggi
christina ricci
Horror & Thriller

Yellowjackets (serie survival cannibalica): Juliette Lewis e Christina Ricci nel cast, Karyn Kusama in regia

di Redazione Il Cineocchio

Lo show abbandonerà alcune giovani calciatrici in mezzo alle distese desolate dell'Ontario dopo un incidente aereo

Leggi
leatherface non aprite quella porta 1974
Horror & Thriller

Non Aprite Quella Porta: Fede Alvarez produce il reboot; c’è lo sceneggiatore

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 8 film nell'arco di 45 anni, Leatherface e la sua motosega sono ancora lontani dalla pensione

Leggi
v-wars serie netflix 2019
Horror & Thriller

Trailer per V Wars, serie Netflix coi vampiri e Ian Somerhalder

di Redazione Il Cineocchio

Il primo tomo della saga fanta-horror scritta da Jonathan Maberry arriva sul piccolo schermo dopo una discreta attesa

Leggi
zombieland doppio colpo film Zoey Deutch
Horror & Thriller

Ruben Fleischer: “Sogno lo spin-off di Zombieland con Zoey Deutch”

di Redazione Il Cineocchio

La svampita Madison ha fatto breccia nel cuore del regista e degli spettatori

Leggi
L'inquilino del terzo piano (1976) Isabelle Adjani e Roman Polanski
Horror & Thriller

Recensione story | L’inquilino del terzo piano di Roman Polanski

di William Maga

Nel 1976 il filmmaker dirigeva - e interpretava, accanto a Isabelle Adjani e Melvyn Douglas - un thriller psicologico capace di serpeggiare negli anfratti della paranoia e negli anditi dell'assurdo

Leggi
la bambola assassina 2019 + the field guide to evil bluray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | La Bambola Assassina (2019) + The Field Guide to Evil

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni del reboot diretto da Lars Klevberg con Aubrey Plaza e dell'antologia a tema folk horror con registi di mezzo mondo

Leggi
Creatures film 2020
Horror & Thriller

Poster e trama per Creatures, horror natalizio con mostri artigianali

di Redazione Il Cineocchio

A curare gli effetti pratici del film di Tony Jopia ci saranno gli esperti già dietro alla serie Dark Crystal: la resistenza

Leggi
bill murray zombieland 2
Horror & Thriller

Zombieland – Doppio Colpo: nella prima sceneggiatura la reunion dei 4 storici Ghosbusters

di Redazione Il Cineocchio

Gli altri acchiappafantasmi Dan Aykroyd, Harold Ramis ed Ernie Hudson avrebbero dovuto incontrare Bill Murray nel sequel diretto da Ruben Fleischer, ma le condizioni sono poi cambiate

Leggi
Midway

Midway

27-11-2019

RECENSIONE

Frozen II - Il segreto di Arendelle

Frozen II - Il segreto di Arendelle

27-11-2019

I racconti di Parvana

I racconti di Parvana

25-11-2019

Santa Sangre

Santa Sangre

25-11-2019

Prinzessin Emmy

Prinzessin Emmy

24-11-2019

Depeche Mode: Spirits in the Forest

Depeche Mode: Spirits in the Forest

21-11-2019

Aspromonte - La terra degli ultimi

Aspromonte - La terra degli ultimi

21-11-2019

Countdown

Countdown

21-11-2019

RECENSIONE

Cetto c'è, senzadubbiamente

Cetto c'è, senzadubbiamente

21-11-2019

The Lodge

The Lodge

21-11-2019

RECENSIONE

Light of My Life

Light of My Life

21-11-2019

RECENSIONE

L'ufficiale e la spia

L'ufficiale e la spia

21-11-2019

RECENSIONE

Citizen Rosi

Citizen Rosi

18-11-2019

The Report

The Report

18-11-2019

Come se non ci fosse un domani

Come se non ci fosse un domani

14-11-2019

Sono solo fantasmi

Sono solo fantasmi

14-11-2019

RECENSIONE

Gamberetti per tutti

Gamberetti per tutti

14-11-2019

The Bra - Il reggipetto

The Bra - Il reggipetto

14-11-2019

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

14-11-2019

Pupazzi alla riscossa

Pupazzi alla riscossa

14-11-2019

Le Mans '66 - La grande sfida

Le Mans '66 - La grande sfida

14-11-2019

Zombieland - Doppio colpo

Zombieland - Doppio colpo

14-11-2019

RECENSIONE