Home » Cinema » Horror & Thriller » The End? L’Inferno Fuori | La recensione del film di zombie (in ascensore) di Daniele Misischia

5/10 su 213 voti. Titolo originale: In un giorno la fine , uscita: 14-08-2018. Regista: Daniele Misischia.

The End? L’Inferno Fuori | La recensione del film di zombie (in ascensore) di Daniele Misischia

29/05/2020 recensione film di Alessandro Gamma

Il regista romano ci dimostra che un horror ambientato in uno spazio piuttosto ristretto può intrattenere ben oltre le apparentemente semplici premesse

roja in un giorno la fine misischia end

Tutti sappiamo bene quanto sia in affanno l’horror in Italia, da molti anni ormai. Immaginate allora quanto possa essere complesso non solo riuscire a portare un nuovo film appartenente a questo genere nelle sale, ma presentarne addirittura uno ambientato quasi esclusivamente all’interno di un ascensore bloccato dentro l’edificio di una grossa azienda, con sostanzialmente un solo personaggio in scena intrappolato e assediato da infetti che hanno perso completamente la ragione e che sono in cerca di sangue e carne umana. Eppure è quello che è riuscito a fare – con la supervisione dei Manetti Bros. – il romano Daniele Misischia (Il Giorno dell’Odio) con il suo THE END? L’Inferno Fuori (già In Un Giorno la Fine), passato dal BIFFF di Bruxelles nel 2018 dopo la presentazione al FrightFest di Londra e alla Festa del Cinema di Roma l’anno prima.

Claudio Verona (Alessandro Roja) è l’incarnazione vivente del giovane uomo d’affari in carriera borioso e senza scrupoli, che non permette a niente e nessuno di mettergli i bastoni tra le ruote e scombinare la sua tabella di marcia verso i piani alti. Per delineare il soggetto in questione, basti vedere come all’inizio di un’importantissima giornata di lavoro, prima distrugga i sogni del suo giovane autista, che gli chiede consigli su come mettere a frutto la sua laurea in economia, poi faccia il lascivo con una giovane tirocinante, promettendole un brillante futuro nel suo staff. Quando però prendendo l’ascensore insieme a una collega con cui in precedenza ha avuto un’avventura extra coniugale (Euridice Axen), lei gli mostra cosa pensi del suo rinnovato interesse verso di lei, colpendolo dove fa più male e lasciandolo dolorante all’interno, la situazione comincia a prendere una brutta piega.

Poco dopo infatti, l’ascensore si blocca improvvisamente tra due piani, deciso a non muoversi ulteriormente. Stando alle parche notizie raccolte sui Social Media e al telefono, all’esterno dell’edificio, nelle strade di Roma, si sta intanto diffondendo il panico, quando quello che inizialmente sembrava un attacco terroristico si rivela invece una possibile epidemia causata da un virus che inizia a trasformare le persone in esseri violenti che attaccano freneticamente tutti gli altri intorno. Non ci vuole molto prima che anche i colleghi di Claudio comincino a perire uno dopo l’altro e presto l’uomo si ritrova intrappolato in una gabbia d’acciaio che potrebbe rivelarsi la sua unica salvezza, ma forse anche la sua tomba.

Con un concept del genere, la mente dell’appassionato corre subito a precedenti titoli come L’ascensore di Dick Maas, The Elevator di Arthur Boorman e Nigel Dick, Event 15 di Matthew Thompson e Devil di John Erick Dowdle, pellicole ambientate proprio dentro un ascensore, oppure a In linea con l’assassinoBuried – Sepolto, che mettono in scena situazioni altrettanto claustrofobiche, ma in altro contesto. Come però noterete, nessuno di questi è stato declinato allo zombie movie, un sottogenere ancora floridissimo oltre che fiore all’occhiello della produzione italiana fino a metà degli anni ’90 (qui al make-up non c’è Giannetto De Rossi, ma il comunque esperto di non morti Carlo Diamantini).

THE END? L’Inferno Fuori, sia per il non eclatante budget che per la volontà di provare a raccontare una storia diversa, preferisce tuttavia ricercare il lato umano e personale della vicenda, raccontando non senza ironia e sprazzi di humor un episodio singolo e confinato che si innesta in una trama molto più ampia, che però rimane fuori dal quadro (se non all’udito, almeno alla vista). La sceneggiatura scritta da Misischia con Cristiano Ciccotti affronta l’impatto che l’Apocalisse avrebbe su una singola persona, lasciando perdere i soliti ‘eroi per caso’ tutti pistole e battute salaci.

Concentrandosi su un uomo soltanto, il non certo esemplare Claudio Verona, il film prova nei suoi 100′ a spostare in qualche modo il tifo del pubblico verso il suo improbabile protagonista, nel primo atto gretto ed egoista, poi pian piano sempre più umano nelle sue reazioni disperate e quasi commovente nel collaborare per uscirne vivo, dopo aver capito i suoi sbagli. Un ruolo non facile per Alessandro Roja (Magnifica Presenza), che se la cava tutto sommato bene, considerato che il rischio di overacting poteva essere altissimo in una pellicola che gli chiedeva di passare nell’arco di pochi minuti da una situazione di vita ‘usuale’ ad una ai limiti dell’incredibile. Interessante è quindi la dicotomia tra l’essere intrappolato all’interno dell’ascensore bloccato, contemporaneamente in pericolo e al sicuro perchè nessuno può entrare, e il volersene ritornare a casa per riabbracciare la moglie (Carolina Crescentini), con la consapevolezza di trovarsi tuttavia nel posto più sicuro della città.

La lotta emotiva che scaturisce lentamente dalla cognizione di essere, in ultima analisi, impotente nell’aiutare chiunque abbia bisogno di lui nell’edificio è assolutamente centrale nella crescita del personaggio, nonché il motore quasi unico dell’azione. Se è vero infatti che non mancano i momenti più movimentati e splatter, garantiti dagli sporadici attacchi improvvisi dei mutati / infetti, quello che accade al di fuori della prigione di metallo è lasciato totalmente all’immaginazione dello spettatore, attraverso i racconti delle voci e i rumori che arrivano via via da telefoni, walkie-talkie e interfono.

In definitiva, THE END? L’Inferno Fuori dimostra che scommettere ogni tanto sull’horror all’italiana scontrandosi con inspiegabili pregiudizi potrebbe non essere una decisione tanto bislacca (in questo caso a monte ci sono Rai Cinema e 01 Distribution). In un panorama nazionale come quello attuale, accogliere ogni nuova proposta con almeno un po’ di fiducia dovrebbe essere la regola. E poi, il finale nella Roma desolata che strizza l’occhio al preambolo di un noto film di Danny Boyle basterebbe da solo a chiedere fin da ora a gran voce un sequel a stretto giro.

Di seguito il trailer ufficiale del film:

relic film 2020 robyn
Horror & Thriller

Relic | La recensione del film horror di Natalie Erika James con Emily Mortimer

di William Maga

Ci sono anche Bella Heathcote e Robyn Niven nell'esordio della regista australiana, opera intimista e 'diversamente' spaventosa

Leggi
Horror & Thriller

Lin Shaye su Insidious 5: “Non credo si farà; ho chiuso con la saga”

di Redazione Il Cineocchio

La 76enne attrice si è mostrata molto meno positiva che in passato riguarda al possibile nuovo capitolo

Leggi
scarface pacino film de palma
Horror & Thriller

Luca Guadagnino su Scarface: “Vi spiego perché lo faccio e perché sarà diverso dagli altri due film”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista prova a ribattere alle critiche, raccontando come mai la sua storia non sarà un semplice remake

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Random Acts of Violence: un fumettista è perseguitato da un fan killer

di Redazione Il Cineocchio

L'attore Jay Baruchel esordisce dietro alla mdp con un horror che adatta il fumetto di Jimmy Palmiotti

Leggi
slaxx film horror 2020
Horror & Thriller

Trailer per Slaxx: un paio di jeans si anima e inizia a uccidere tutti

di Redazione Il Cineocchio

C'è Romane Denis al centro della horror comedy che prova a varcare i confini dell'assurdo del genere

Leggi