Home » Cinema » Horror & Thriller » The Forest of Love | La recensione del film di Sion Sono (per Netflix)

6/10 su 11 voti. Titolo originale: 愛なき森で叫べ, uscita: 11-10-2019. Regista: Sion Sono.

The Forest of Love | La recensione del film di Sion Sono (per Netflix)

15/10/2019 recensione film di Francesco Chello

Il regista giapponese torna sulle scene con un'opera divisiva e a tratti estenuante, che ribadisce e rafforza la sua poetica e ne rilancia le ossessioni e i temi cardine

Tra le uscite Netflix dello scorso 11 ottobre c’è anche The Forest of Love, l’ultima fatica di Sion Sono (Suicide Club, Cold Fish). Trattasi di una produzione originale, con release in contemporanea in molti paesi del mondo. Soprattutto, è la prima volta sulla piattaforma per il regista nipponico, un binomio inedito e già di per sé interessante, un mezzo (come lo streaming) alla portata di tutti per un artista che non è per tutti. Intendiamoci, il ‘non per tutti’ non ha una connotazione elitaria che preveda chissà quale presunta competenza cinematografica da parte di chi scrive, si tratta di una semplice (ma specifica) questione di gusto dello spettatore, di una reazione di pancia. Perché è evidente che uno come Sion Sono tende a dividere, il suo particolare stile narrativo ha bisogno di un terreno ben predisposto per poter fiorire. E The Forest of Love non sfugge assolutamente a questa regola, anzi.

The Forest of Love (2019) film posterIl filmmaker ha completa libertà creativa e nessun paletto di sorta per un film di cui cura regia, sceneggiatura e montaggio. Insomma, più suo di così si muore (accoltellati …). Il 57enne di Toyokawa porta su Netflix il suo bagaglio di eccessi, violenza, stravaganza. Ed è chiaro che non gli interessa condurre lo spettatore in un’area di comfort, non lo ha fatto in passato e non inizia a farlo adesso, piuttosto sfida il fruitore a seguirlo in un percorso tutt’altro che agevole.

The Forest of Love è un tuffo in una spirale di morbosità, violenza, dolore. La storia si focalizza su sessualità, manipolazione e masochismo, tre elementi che si riveleranno strettamente legati tra loro al punto da formare un unico filo conduttore. La sessualità presentata nelle sue molteplici sfaccettature, come ad esempio quella repressa di Mitsuko (Eri Kamataki), che vede castigata la propria natura omosessuale al punto da detestarsi e cercare l’autopunizione, passando poi per i tabù della sua famiglia ancorata a valori e princìpi obsoleti (e bigotti) che Sion Sono attacca e ridicolizza in più di una circostanza radendone al suolo la presunta sacralità.

E ancora la sessualità libertina e disinibita di Taeko (Kyoko Hinami) o quella acerba di Shin (Shinnosuke Mitsushima) che, in un prologo evidentemente esplicito sul tema, si dichiara ancora vergine, innescando più o meno involontariamente un meccanismo follemente assurdo. Ma soprattutto la sessualità di Joe Murata (Kippei Shîna), che utilizza il sesso come veicolo di plagio nei confronti delle vittime femminili su cui, allo stesso tempo, sfoga i propri istinti sessuali più perversi. La manipolazione psicologica che spinge individui emotivamente fragili a cadere nella tela del soggetto dominante, sprofondando in una totale sottomissione che li porta a perdere il contatto con la realtà al punto da mettere in secondo piano persino la propria sopravvivenza. Manipolazione che trova suolo fertile nel masochismo, sia fisico che emotivo, un aspetto su cui Sion Sono sembra voler insistere. L’autolesionismo che porta, per svariate ragioni naturalmente soggettive, un gruppo di persone a legarsi a doppio filo a una situazione chiaramente distruttiva, sviluppando una dipendenza tossica. Quel paradossale dipendere dal proprio carnefice, il non riuscire a stare lontani dal dolore, il bisogno di soffrire per sentirsi vivi, nutrire il proprio malessere anziché tentare di liberarsene. Un male interiore che affligge la società odierna più di quanto non si pensi.

Kyoko Hinami in The Forest of Love (2019)Tre elementi, quindi, che danno vita in The Forest of Love a un contesto putrido in cui può sguazzare allegramente il già citato Joe Murata, personaggio cardine attorno al quale ruotano le varie vicende, portato in scena con convinzione da Kippei Shiina. Il suo personaggio è un predatore, sia sessuale che della psiche, viscido, mitomane, lucido nel perpetrare la propria follia, in continua ricerca di vittime emotivamente deboli e instabili da soggiogare e circuire (con una facilità quasi fumettosa), di cui approfittare economicamente e sessualmente e su cui sfogare le proprie deliranti perversioni. Joe Murata trova la propria ‘carne da macello’ in un gruppo variegato di malcapitati, ognuno con le proprie debolezze di cui potersi servire. In primis la problematica e sfortunata Mitsuko, che funge da causa scatenante coinvolgendo nel vortice sia gli amici che la propria famiglia con risultati devastanti. Passando per Shin, lo sfigato di turno che evolverà in qualcosa di più buio e pericoloso (rivelandosi determinante per la trama), e i suoi compagni di sventura, in fissa col sogno del cinema – attraverso il quale, Sion Sono inserisce una critica più o meno velata su questo mondo e le ossessioni a cui può portare (il cinema è vita, la vita è cinema).

Una moltitudine di personaggi che, insieme alle proprie situazioni personali, Sion Sono sceglie di approfondire in maniera piuttosto ampia, prendendosi il tempo che ritiene necessario. Ed è lì che qualcosa va storto, perché se da un lato è apprezzabile il fatto che il regista presenti vari tasselli che puntualmente si vanno a collocare al posto giusto in corso d’opera, dall’altro c’è da dire che il giro che sceglie di fare è un po’ troppo largo. Sion Sono parte da lontano, probabilmente troppo lontano, considerando che le due ore e mezza di durata, per quanto il ritmo non sia farraginoso, rappresentano un arco di tempo troppo corposo per una storia di questo tipo. Determinate situazioni si rivelano ridondanti, c’è un ripetersi di alcuni incastri e avvenimenti a volte superfluo, 151 minuti alla lunga si sentono. Il finale di The Forest of Love cerca di capovolgere le carte in tavola, il colpo di scena sulle identità è sicuramente efficace, anche se non particolarmente sconvolgente, il gioco delle visioni (che caratterizzano l’intero racconto, con puntuali inserti onirici) chiude il cerchio con coerenza.

sion sono The Forest of Love (2019)Lo stile narrativo, chiaramente, è quello sopra le righe del regista giapponese e qui molto dipende anche dal vostro palato – e ritorniamo al discorso iniziale su Sion Sono ed il suo essere divisivo. Gli eccessi ci sono, sarebbe strano il contrario, alcuni dei quali un po’ troppo insistiti, quasi gratuiti. Il racconto vive un’alternanza di tono, dal dramma più intenso a momenti di leggerezza pressoché molesti. The Forest of Love propone sequenze dal forte impatto emotivo, che si avvicendano con altre caratterizzate da umorismo grottesco. Una rotazione che non sempre funziona, specie nei segmenti più leggeri e in certi atteggiamenti surreali dei protagonisti. L’atmosfera malata è il fulcro, con la violenza che ricopre un ruolo chiave; c’è comprensibilmente una componente gore con diverse scene che si fanno notare (penso ai vari smembramenti, ad esempio), ma a colpire di più sono i momenti di fragilità emotiva (come il suicidio quasi collettivo delle studentesse) e le torture fisiche e psicologiche a cui vengono sottoposte le vittime di Murata, un campionario che annovera elettroshock, soffocamenti e umiliazioni di ogni sorta, circostanze che lasciano maggiormente il segno rispetto ai momenti sanguinosamente più espliciti. Sotto il profilo tecnico, il film è curato, Sion Sono piazza diverse intuizioni visive, una fotografia pulita, effetti speciali tradizionali che rendono realistiche ferite, tagli, budella e quant’altro. Fosse stato per me, forse avrei evitato di infilarci ben due canzoncine (eseguite per intero) ai limiti del sopportabile.

La library di Netflix, pertanto, si arricchisce di un film indubbiamente particolare. Contenutisticamente interessante, narrativamente intrigante, stilisticamente stravagante, fedele all’eccentricità del suo autore. Non tutto funziona bene o in egual misura, gli sbalzi di tono sono intermittenti, l’arco narrativo pretende troppo dallo spettatore dal punto di vista della durata – e ritrovarselo in lingua originale con sottotitoli potrebbe non aiutare la fluidità di un minutaggio così lungo (ma quest’ultimo è un parametro prettamente soggettivo, ovviamente non imputabile al film). Qualcosa mi dice che anche The Forest of Love finirà per dividere, chi conosce e apprezza il cinema di Sono troverà pane per i propri denti, chi lo detesta farà meglio a tenersene alla larga, chi vi si avvicina per la prima volta avrà vissuto, nel bene o nel male, un’esperienza singolare.

Di seguito il trailer internazionale di The Forest of Love, nel catalogo di Netflix dall’11 ottobre:

Kippei Shiina
Shinnosuke Mitsushima
Denden
Kyoko Hinami
Sei Matobu
Eri Kamataki
Young Dais
Natsuki Kawamura
Yuzuka Nakaya
Dai Hasegawa
Chiho Fujii
Tsukino Yamamoto
Manaka Kinoshita
Miyu Kinoshita
Yuki Nagashima
Gaku Sano
Takato Yonemoto
Nana Mizoguchi
Nami Uehara
Sho Yakumaru
Fûsaku Tani
Shin Shimizu
Hideyuki Kobashi
Yuki Ashida
Cyborg Kaori
Hajime Tsukumo
bud spencer terence hill moto
Horror & Thriller

Dossier | Il Don Chisciotte mai girato con Bud Spencer e Terence Hill (regia di Monicelli)

di Redazione Il Cineocchio

Nel 1993, i due popolarissimi attori erano pronti a tornare a fare coppia nel film che avrebbe aggiornato alla loro maniera il celebre romanzo di Miguel de Cervantes, ma poi il progetto venne abbandonato

Leggi
andy serkis il canto di natale 2019
Horror & Thriller

Trailer per la miniserie A Christmas Carol: il Canto di Natale si fa horror con Guy Pearce e Andy Serkis

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono Ridley Scott e Tom Hardy tra i produttori esecutivi della versione dark del classico di Charles Dickens

Leggi
al pacino hunters serie amazon 2020
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray 4K | Fog + Il Signore del Male + Essi Vivono + 1997: Fuga da New York

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane delle edizione in altissima definizione dei quattro classici diretti da John Carpenter

Leggi
tom waits renfield dracula 1992
Horror & Thriller

Renfield: Dexter Fletcher alla regia del film sul servitore di Dracula

di Redazione Il Cineocchio

La Universal cambia traiettoria per il Dark Universe, pescando da un'idea originale di Robert Kirkman

Leggi
Bill Skarsgård in It Capitolo 2 (2019) pennywise
Horror & Thriller

Gary Dauberman su Pennywise: “Spazio per lo spin-off sulle origini; da valutare l’interesse del pubblico”

di Redazione Il Cineocchio

Lo sceneggiatore del nuovo adattamento di IT ad opera di Andy Muschietti lascia intendere che potremmo veder esplorato il misterioso passato del mostruoso clown danzante

Leggi
christina ricci
Horror & Thriller

Yellowjackets (serie survival cannibalica): Juliette Lewis e Christina Ricci nel cast, Karyn Kusama in regia

di Redazione Il Cineocchio

Lo show abbandonerà alcune giovani calciatrici in mezzo alle distese desolate dell'Ontario dopo un incidente aereo

Leggi
leatherface non aprite quella porta 1974
Horror & Thriller

Non Aprite Quella Porta: Fede Alvarez produce il reboot; c’è lo sceneggiatore

di Redazione Il Cineocchio

Dopo 8 film nell'arco di 45 anni, Leatherface e la sua motosega sono ancora lontani dalla pensione

Leggi
v-wars serie netflix 2019
Horror & Thriller

Trailer per V Wars, serie Netflix coi vampiri e Ian Somerhalder

di Redazione Il Cineocchio

Il primo tomo della saga fanta-horror scritta da Jonathan Maberry arriva sul piccolo schermo dopo una discreta attesa

Leggi
zombieland doppio colpo film Zoey Deutch
Horror & Thriller

Ruben Fleischer: “Sogno lo spin-off di Zombieland con Zoey Deutch”

di Redazione Il Cineocchio

La svampita Madison ha fatto breccia nel cuore del regista e degli spettatori

Leggi
L'inquilino del terzo piano (1976) Isabelle Adjani e Roman Polanski
Horror & Thriller

Recensione story | L’inquilino del terzo piano di Roman Polanski

di William Maga

Nel 1976 il filmmaker dirigeva - e interpretava, accanto a Isabelle Adjani e Melvyn Douglas - un thriller psicologico capace di serpeggiare negli anfratti della paranoia e negli anditi dell'assurdo

Leggi
la bambola assassina 2019 + the field guide to evil bluray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | La Bambola Assassina (2019) + The Field Guide to Evil

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni del reboot diretto da Lars Klevberg con Aubrey Plaza e dell'antologia a tema folk horror con registi di mezzo mondo

Leggi
Creatures film 2020
Horror & Thriller

Poster e trama per Creatures, horror natalizio con mostri artigianali

di Redazione Il Cineocchio

A curare gli effetti pratici del film di Tony Jopia ci saranno gli esperti già dietro alla serie Dark Crystal: la resistenza

Leggi
bill murray zombieland 2
Horror & Thriller

Zombieland – Doppio Colpo: nella prima sceneggiatura la reunion dei 4 storici Ghosbusters

di Redazione Il Cineocchio

Gli altri acchiappafantasmi Dan Aykroyd, Harold Ramis ed Ernie Hudson avrebbero dovuto incontrare Bill Murray nel sequel diretto da Ruben Fleischer, ma le condizioni sono poi cambiate

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per The Confession Killer, docu-serie di Netflix sul controverso omicida Henry Lee Lucas

di Redazione Il Cineocchio

I registi Robert Kenner e Taki Oldham ripercorrono le vicende giudiziarie del notissimo omicida seriale, scavando tra contraddizioni e falle del sistema giudiziario americano

Leggi
Midway

Midway

27-11-2019

RECENSIONE

Frozen II - Il segreto di Arendelle

Frozen II - Il segreto di Arendelle

27-11-2019

I racconti di Parvana

I racconti di Parvana

25-11-2019

Santa Sangre

Santa Sangre

25-11-2019

Prinzessin Emmy

Prinzessin Emmy

24-11-2019

Depeche Mode: Spirits in the Forest

Depeche Mode: Spirits in the Forest

21-11-2019

Aspromonte - La terra degli ultimi

Aspromonte - La terra degli ultimi

21-11-2019

Countdown

Countdown

21-11-2019

RECENSIONE

Cetto c'è, senzadubbiamente

Cetto c'è, senzadubbiamente

21-11-2019

The Lodge

The Lodge

21-11-2019

RECENSIONE

Light of My Life

Light of My Life

21-11-2019

RECENSIONE

L'ufficiale e la spia

L'ufficiale e la spia

21-11-2019

RECENSIONE

Citizen Rosi

Citizen Rosi

18-11-2019

The Report

The Report

18-11-2019

Come se non ci fosse un domani

Come se non ci fosse un domani

14-11-2019

Sono solo fantasmi

Sono solo fantasmi

14-11-2019

RECENSIONE

Gamberetti per tutti

Gamberetti per tutti

14-11-2019

The Bra - Il reggipetto

The Bra - Il reggipetto

14-11-2019

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

14-11-2019

Pupazzi alla riscossa

Pupazzi alla riscossa

14-11-2019

Le Mans '66 - La grande sfida

Le Mans '66 - La grande sfida

14-11-2019

Zombieland - Doppio colpo

Zombieland - Doppio colpo

14-11-2019

RECENSIONE