Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Nel trailer finale di Macchine Mortali, le città predatrici governano il mondo

Titolo originale: Mortal Engines , uscita: 27-11-2018. Budget: $100,000,000. Regista: Christian Rivers.

Nel trailer finale di Macchine Mortali, le città predatrici governano il mondo

09/10/2018 news di Redazione Il Cineocchio

Il regista Christian Rivers esordisce al lungometraggio sotto la supervisione di Peter Jackson nell'adattamento del romanzo fantasy di Philip Reeve con Hugo Weaving e Hera Hilmar

macchine mortali film

A oltre un anno dal primo assaggio, Universal Pictures ha diffuso oggi il poster e il final trailer (anche in italiano) di Macchine Mortali (Mortal Engines), adattamento dell’omonimo romanzo fantasy per ragazzi scritto da Philip Reeve e pubblicato nel 2001, che è stato diretto dall’esordiente Christian Rivers (già alla regia di un segmento di Minutes Past Midnight) e prodotto da Peter Jackson, Fran Walsh e Philippa Boyens (trilogie de Lo HobbitIl Signore degli Anelli), i quali hanno firmato anche la sceneggiatura.

Questa la sinossi ufficiale:

Migliaia di anni dopo la distruzione del mondo civilizzato a causa di un cataclisma, la razza umana si è adattata e si è evoluta con un nuovo stile di vita. Gigantesche città in movimento vagano per la Terra, prendendo brutalmente di mira le più piccole città trazioniste. Tom Natsworthy (Robert Sheehan) — proveniente da una classe inferiore della grande città trazionista di Londra — si ritrova a dover combattere per la sopravvivenza dopo essersi imbattuto in Hester Shaw (Hera Hilmar), una pericolosa fuggitiva. I due opposti, i cui sentieri non avrebbero mai dovuto incontrarsi, sigleranno un’alleanza destinata a cambiare il corso del futuro.

Nel cast del film – costato oltre 100 milioni di dollari e i cui effetti speciali sono stati curati dai prestigiosi WETA – troviamo anche Hugo Weaving (Matrix), Jihae, Ronan Raftery, Leila George, Patrick Malahide e Stephen Lang (Avatar). Il libro, il cui titolo richiama un verso dell’Otello di William Shakespeare, è il primo di una saga in quattro parti (solo i primi due volumi sono recuperabili dalla nostre parti però …).

Di seguito il final trailer italiano e inglese (per meglio apprezzare le voci originali) di Macchine Mortali, che uscirà nei nostri cinema il 13 dicembre e che anticipa un coming of age che ha tutte le carte in regola per diventare il primo capitolo di un nuovo prosperoso franchise, anche se le premesse sembrano piuttosto confuse:

Fonte: YouTube

LEGGI LA RECENSIONE

Altre notizie su Mortal Engines:

The Head serie amazon 2020
Sci-Fi & Fantasy

The Head: trailer e data di uscita (su Amazon) per la serie fanta-horror ambientata al Polo Sud

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono i fratelli Àlex e David Pastor dietro alla sceneggiatura della co-produzione tra Spagna e Giappone. che vede tra i protagonisti John Lynch

Leggi
ritorno al futuro 1985 doc
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Ritorno al Futuro (1985): scopriamo la prima sceneggiatura del film, diversissima da quella vista al cinema

di Redazione Il Cineocchio

I clamorosi dettagli dello script sono stati rivelati dall'attore Jon Cryer, che nel 1984 partecipò ai provini per il ruolo di Marty McFly

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

High Life: trailer italiano e data di uscita per il film sci-fi con Robert Pattinson e Mia Goth

di Redazione Il Cineocchio

Nel film di fantascienza - e primo in lingua inglese - della regista Claire Denis c'è anche Juliette Binoche

Leggi
the witcher serie netflix geralt
Sci-Fi & Fantasy

The Witcher: Blood Origin, trama e dettagli per la miniserie prequel (su Netflix)

di Redazione Il Cineocchio

Lo scrittore Andrzej Sapkowski è direttamente coinvolto nella realizzazione dello show, che espanderà l'universo collegato a Geralt di Rivia

Leggi
japan sinks 2020 serie netflix anime
Sci-Fi & Fantasy

Japan Sinks: 2020 | La recensione della serie animata di Masaaki Yuasa (su Netflix)

di William Maga

C'è il regista di Devilman Crybaby dietro alla trasposizione - aggiornata - del romanzo catastrofico Sakyo Komatsu pubblicato nel 1973, un'opera quanto mai attuale, in grado di far riflettere e commuovere

Leggi