Home » TV » Horror & Thriller » Mike Flanagan su Hill House: “Pensai a un finale molto più crudele; ho dovuto tagliare le origini della casa”

8/10 su 803 voti. Titolo originale: The Haunting of Hill House , uscita: 12-10-2018. Stagioni: 1.

Mike Flanagan su Hill House: “Pensai a un finale molto più crudele; ho dovuto tagliare le origini della casa”

04/11/2018 recensione serie tv di Redazione Il Cineocchio

Il regista e showrunner della serie horror di Netflix ha rivelato quelle che erano le sue iniziali intenzioni per la conclusione e di come abbia dovuto fare a meno di un segmento per lui importante

Henry Thomas in The Haunting of Hill House (2018)

Attenzione agli SPOILER. Per uno spettacolo che tratta di morte e orrore, Hill House (The Haunting of Hill House, la recensione) di Netflix ha un finale decisamente speranzoso, con i ragazzi Crain sopravvissuti che riescono a lasciare quella prigione che è la magione infestata del titolo e continuano le loro vite … presumibilmente più felici che mai. Nell’ultimissima scena, la famiglia riunita celebra il 2° anniversario di sobrietà dalle droghe di Luke (Oliver Jackson-Cohen), suggerendo che abbia finalmente sconfitto i suoi demoni nel modo in cui sua sorella gemella non era stata capace di fare. E’ un momento felice e forse inaspettato per molti, eppure lo showrunner Mike Flanagan inizialmente aveva pensato a un colpo di coda che sarebbe stato tutto tranne che leggero.

Dentro a Hill House c’è una stanza ‘speciale’ chiusa da una misteriosa porta rossa che funge da santuario per ciascuno dei membri della famiglia, assumendo forme diverse per ciascuno di loro. Per Luke è una casa sull’albero, mentre per Theo (Kate Siegel) è un posto dove può praticare la danza. L’unico elemento che collega ognuna di queste stanze è una finestra rettangolare sulla parete in fondo, un piccolo indizio visivo messo da Mike Flanagan che astutamente lascia intendere che tali spazi non fossero del tutto reali, come pensavano invece i Crain, ma piuttosto un’illusione.

Ebbene, dopo aver rivelato di aver nascosto in bella vista ben 43 fantasmi lungo i 10 episodi della serie (il video che li scova tutti), in una recente intervista, Mike Flanagan ha spiegato di aver assaporato l’idea di aggiungere quella stessa finestrella sullo sfondo della sequenza finale sopra menzionata in cui i fratelli e i loro compagni festeggiano Luke, che avrebbe a quel punto suggerito che la famiglia non sarebbe mai veramente fuggita da Hill House.

Alla domanda se dobbiamo ‘fidarci’ davvero del finale dello show, visto che all’inizio della 1×10 viene lasciato intendere che tutto ciò che vede Steven (Michiel Huisman) non sia reale, il regista ha risposto:

Pensavamo che Steven avrebbe invertito la vasectomia e che ora si sarebbe impegnato ad avere una famiglia. Ma, um … Una cosa che posso dire è che abbiamo discusso a lungo, per molto tempo prima di mettere la finestra della Stanza Rossa, quella strana finestra verticale, sullo sfondo di quella scena. E alla fine ho deciso di non farlo. Era troppo crudele. Ma ci sono stati molti discorsi sul fatto che questa serenità potrebbe non essere reale. Nella versione con cui abbiamo concluso, penso che sia assolutamente reale. Ci siamo impegnati a seguire questa idea. Ma il sospetto che hai avuto era esattamente quello su cui ci siamo bloccati, e questo mi rende molto felice. [ride]

Mike Flanagan ha pois spiegato perchè non è stato approfondito il discorso su come Hill House sia diventata in primo luogo una casa infestata:

Avevamo un’intera storia sulla Hill House che eravamo pronti a girare. Avremmo aperto diversi episodi della serie con questo tipo racconto storico, suddiviso per l’intera stagione, che avrebbe mostrato agli spettatori la costruzione di Hill House, la storia della famiglia Hill, che fossero tutti quanti. E volevamo davvero girarlo. Abbiamo scritto tutto, ed era stato programmato per le riprese. Si è trattato soltanto di una di quelle cose per le quali eravamo a corto di tempo e di risorse, e qualcosa ha dovuto essere tolto. Questa è l’unica cosa che avrei voluto rimanesse, guardare visivamente Hill House prendere vita e conoscere meglio i suoi fantasmi. Scoprire chi fossero prima di incontrarli come spettri. Ma, in fondo, c’è anche qualcosa di bello nel non sapere nulla. Che ci sia anche qualche ambiguità.

Di seguito il video di Hill House, nel catalogo di Netflix dal 12 ottobre, che rivela tutti i 43 fantasmi disseminati lungo i 10 episodi della serie:

Fonte: Thrillist

The Postcard Killings film 2020
Horror & Thriller

The Postcard Killings | La recensione del film Danis Tanovic (su Amazon Prime)

di William Maga

Jeffrey Dean Morgan e Famke Janssen sono i protagonisti di un thriller che sciupa le buone prove del cast e la fotografia con un regia pochissimo ispirata e una sceneggiatura colabrodo

Leggi
The Call (2020) film bell shaye
sam neill il seme della follia
Horror & Thriller

Riflessione | Il Seme della Follia di John Carpenter: un lovecraftiano monito all’umanità

di Sirio Alessio Giuliani

Nel 1994, il regista realizzava il suo film-manifesto, uno spietato e ironico ritratto della società contemporanea (attualissimo ancora oggi) in cui l’orrore cosmico di H. P. Lovecraft incontrava le atmosfere del surrealismo

Leggi
Harvey Stephens il presagio 1976
Horror & Thriller

Il Presagio (1976): com’è nata la scena finale col diabolico Damien che sorride

di Redazione Il Cineocchio

È il regista Richard Donner a raccontare come lavorò col piccolo Harvey Stephens per ottenere quello scioccante risultato

Leggi
Il Giorno Sbagliato film 2020 russell crowe
Horror & Thriller

Il Giorno Sbagliato | La recensione del film di Derrick Borte con Russell Crowe guidatore rabbioso

di William Maga

L'attore premio Oscar è un comune cittadino che perde la testa e dà il via a una giornata di terrore nel road thriller R-Rated

Leggi