Home » TV » Sci-Fi & Fantasy » Upload (stagione 1) | La recensione della serie spirituale sci-fi di Amazon con Robbie Amell

8/10 su 276 voti. Titolo originale: Upload , uscita: 01-05-2020. Stagioni: 1.

Upload (stagione 1) | La recensione della serie spirituale sci-fi di Amazon con Robbie Amell

14/05/2020 recensione serie tv di William Maga

Lo showrunner Greg Daniels (The Office US) orchestra uno show originale che affronta il tema dell'Aldilà fittizio, innestandolo in una cornice più ampia che riflette sul potere e le disparità

upload serie amazon 2020

Guardare la prima stagione della serie sci-fi Upload su Amazon Prime Video potrebbe provocare una sensazione di deja-vu. Un mondo in cui puoi caricare la tua coscienza dopo la morte su un mainframe che ti permetterà di “vivere” di nuovo? Sì, l’abbiamo visto prima (e, francamente, sviluppato meglio) in Black Mirror, nel memorabile episodio “San Junipero“. Uno sguardo a come una persona egoista inizi a migliorare se stessa nell’Aldilà attraverso nuove relazioni? Sì, quello suona un po ‘come The Good Place, un altro show che prestava maggior attenzione e un arco complessivo più soddisfacente di quello qui offerto. Quindi, perché preoccuparsi di guardare un’altra manciata di episodi (10 in totale) che riprendono, senza ‘migliorarle’ tematiche già viste altrove?

Ebbene, pur coi suoi problemi e l’andamento altalenante, Upload offre sufficiente materiale interessante per convincere lo spettatore a proseguire la visione fino alla fine (e magari chiederne ancora).

upload serie amazon 2020 posterLa serie segue le vicende di Nathan (un simpatico Robbie Amell), un giovane apparentemente senza scopo che si pensa soltanto al suo aspetto e personalità. Ha una fidanzata meravigliosa, ricca, ma insulsa, Ingrid (Allegra Edwards, che potrebbe facilmente diventare la star assoluta dello show se gli sceneggiatori di decidessero a capire cosa vogliono fare col suo personaggio). Lui e il suo migliore amico sono nel mezzo dello sviluppo di un nuovo mondo di ‘upload artificiale’ (un luogo in cui la gente può inviare la propria coscienza prima di morire), che avrà tutti i vantaggi dei migliori upload sul mercato, ma una frazione del prezzo.

Tutto sembra quindi essere al top per il protagonista, fino a quando la sua auto a guida autonoma, presumibilmente sicura e a prova di manomissione, si schianta, lasciandolo con gravi lesioni e una scelta: rischiare un intervento chirurgico o accettare un ‘caricamento’ dentro a Lake View, la più stilosa delle ‘zone’ disponibili – pagata interamente da Ingrid, dal momento che Nathan non ha i soldi per permettersi un tale lusso. Sotto pressione e con poco tempo per scegliere, Nathan accetta così l’upload e tutto ciò che esso comporta.

E’ allora che la faccenda inizia a farsi oscura. Se Upload fosse solamente la storia di un ragazzo morto di recente che cerca di navigare in un Aldilà virtuale, completo di una gamma colorata di altri ‘uploadati’, occupandosi parallelamente del fatto che la sua ragazza abbia essenzialmente in mano le redini del gioco, avrebbe potuto garantire sviluppi intriganti. L’idea che il denaro possa comprare la felicità eterna è una premessa abbastanza complessa da poterci in effetti costruire intorno uno show (Upload è sicuramente interessata alle barriere economiche in questo futuro poi non così lontano, mettendo in evidenza gli eccessi di Lake View rispetto al problema dei pagamenti mensili del ‘canone’, che non tutti quanti posso esattamente permettersi, col rischio che la vita ultraterrena di qualcuno sia in costante bilico) e i personaggi con cui Nathan si trova a interagire in quel locus amoenus sono invero piuttosto interessanti.

Senza contare che la relazione tra Nathan e Ingrid si trasforma presto in uno studio sulle dinamiche del potere, poiché la ragazza deve approvare tutti gli acquisti aggiuntivi che Nathan fa dentro a Lake View (il focus sul capitalismo ‘impazzito’ in questo futuro fa sorridere amaramente), creando un complesso elemento di ‘asservimento’ nella loro relazione romantica già burrascosa. Non puoi rompere una relazione con la persona che paga per la tua esistenza, giusto? Ah, e dal momento che esiste una tecnologia che consente alle persone in vita di interagire fisicamente con gli ‘Uploads’, beh, aggiungere sesso al bizzarro mix rende tutto ancora più cupo e complesso.

upload serie amazon 2020Comunque, Upload non è contenta di esplorare solo il lato tenebroso di un aldilà commercializzato, completo di un inquietante squilibrio di potere nella relazione centrale. No, abbiamo due ‘sottoserie’ aggiuntive che serpeggiano sotto la superficie. La più riuscita riguarda un classico rapporto ‘lo faranno / non lo faranno’ tra Nathan e l’ “Angelo custode” assegnatogli, Nora (Andy Allo, il cuore emotivo della serie). A Lake View, infatti, il customer service è cruciale per rendere felici i ricchi e i famosi ospiti – e paganti. Pertanto, a ciascun ‘uploadato’ viene assegnato un rappresentante del servizio clienti (o Angelo) perché soddisfi le sue esigenze al meglio. Gli ‘angeli’ non dovrebbero sviluppare relazioni personali con i loro Uploads, ma, naturalmente, la forte chimica di Nora e Nathan li porta a innamorarsi a vicenda, complicando ulteriormente la vita controllata da Ingrid dell’uomo.

L’arco narrativo di Nora potrebbe facilmente occupare una serie a sé stante. La vita dietro le quinte di ciò che serve per rendere felici alcuni di questi ‘uploadati’ è certo affascinante e i rappresentanti del servizio clienti hanno condizioni di lavoro tutt’altro che ideali e non fanno molti soldi (l’ironia del la situazione è chiara e nota). Il padre di Nora è cronicamente malato e rifiuta di accettare un upload (poiché sua madre è morta diversi anni fa senza un upload, lui non vuole esistere in un mondo senza di lei – è tutto abbastanza bello e offre un contrappunto alla cultura del ‘caricamento’, che è breve ma molto interessante). E lei è disillusa a comprare la mancanza di interazione umana reale nel mondo reale. Con il costante spingere e tirare tra i momenti a Lake View e la vita vera di Nora, Upload inizia presto a piegarsi sotto il peso di portare avanti queste due trame.

Robbie Amell in Upload (2020) serieMa aspettate, c’è di più! Ricordate come l’automobile di Nathan abbia deciso di ‘impazzire’ e ucciderlo? Ebbene, sembra che a qualcuno non piacesse il fatto che stesse creando un Aldilà ‘alternativo’ che sarebbe stato conveniente per tutti e avrebbe avuto gli stessi benefit di Lake View, han deciso di farlo fuori. Il mistero della dipartita di Nathan attraversa tutta la stagione, ma è chiaro che Greg Daniels (showrunner del The Office americano) e gli sceneggiatori non fossero così interessati a risolverlo. A conti fatti, Upload potrebbe facilmente fare a meno di questo pezzo di storia, e spesso appare forzato ogni riferimento a essa, specie quando lo spettatore vorrebbe solamente passare più tempo in una delle altre versioni di Upload. In una serie già bella pregna di argomenti, inserire un’ulteriore sottotrama lasciata peraltro a metà non aiuta a focalizzarsi.

In definitiva, vale la pena guardare Upload? Tutto sommato, il periodo di clausura forzato che stiamo vivendo grazie al coronavirus in questo caso viene incontro ad Amazon, garantendo agli abbonati del tempo extra per affrontare anche quei prodotti che – in tempi normali – si metterebbero nella lista delle cose non prioritarie da vedere in binge watching. La recitazione è generalmente solida (in particolare Andy Allo ruba la scena a tutti) e ci sono alcune idee interessanti che vibrano all’interno della serie che, ci si augura, verranno esplorate meglio nell’auspicabile seconda stagione (oltre alla struttura a classi sociali di Lake View, abbiamo un ragazzo che cerca disperatamente di poter davvero crescere, ci sono mercati neri da esplorare e l’idea che Upload stia terminando per sempre la loro esistenza artificiale che assomiglia molto al principio della pistola di Chekhov).

Abbiamo già visto altrove questo tipo di storia (come quasi tutto ormai …) e, con un po’ più di attenzione e raffinatezza, Upload potrebbe davvero crescere molto bene. Considerato il passato di Greg Daniels, e la sua verve satirica e pungente, concedergli un po’ di fiducia è pertanto il minimo che si possa fare, visto che le basi ci sono tutte.

Il trailer di Upload, nel catalogo di Amazon Prime Video dall’1 maggio:

The Head serie amazon 2020
Sci-Fi & Fantasy

The Head: trailer e data di uscita (su Amazon) per la serie fanta-horror ambientata al Polo Sud

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono i fratelli Àlex e David Pastor dietro alla sceneggiatura della co-produzione tra Spagna e Giappone. che vede tra i protagonisti John Lynch

Leggi
ritorno al futuro 1985 doc
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Ritorno al Futuro (1985): scopriamo la prima sceneggiatura del film, diversissima da quella vista al cinema

di Redazione Il Cineocchio

I clamorosi dettagli dello script sono stati rivelati dall'attore Jon Cryer, che nel 1984 partecipò ai provini per il ruolo di Marty McFly

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

High Life: trailer italiano e data di uscita per il film sci-fi con Robert Pattinson e Mia Goth

di Redazione Il Cineocchio

Nel film di fantascienza - e primo in lingua inglese - della regista Claire Denis c'è anche Juliette Binoche

Leggi
the witcher serie netflix geralt
Sci-Fi & Fantasy

The Witcher: Blood Origin, trama e dettagli per la miniserie prequel (su Netflix)

di Redazione Il Cineocchio

Lo scrittore Andrzej Sapkowski è direttamente coinvolto nella realizzazione dello show, che espanderà l'universo collegato a Geralt di Rivia

Leggi
japan sinks 2020 serie netflix anime
Sci-Fi & Fantasy

Japan Sinks: 2020 | La recensione della serie animata di Masaaki Yuasa (su Netflix)

di William Maga

C'è il regista di Devilman Crybaby dietro alla trasposizione - aggiornata - del romanzo catastrofico Sakyo Komatsu pubblicato nel 1973, un'opera quanto mai attuale, in grado di far riflettere e commuovere

Leggi