Home » Cinema » Horror & Thriller » 14 cose da sapere su Hereditary – Le Radici del Male di Ari Aster

Titolo originale: Hereditary, uscita: 04-06-2018. Budget: $10,000,000. Regista: Ari Aster.

14 cose da sapere su Hereditary – Le Radici del Male di Ari Aster

di Redazione Il Cineocchio

Curiosità, aneddoti e retroscena sull'horror con Toni Collette e Gabriel Byrne che ha esaltato la critica d'oltreoceano

Debutto cinematografico del regista Ari AsterHereditary – Le Radici del Male (la nostra recensione + la spiegazione dettagliata del finale) intende attraverso la scrupolosità e l’abilità visiva del suo regista trasformare un ‘comune’ dramma domestico in un horror operistico, rievocando alcuni classici del genere degli anni ‘60 e ‘70. Nel suo cast troviamo Toni Collette (Il Sesto Senso), Gabriel Byrne (I Soliti Sospetti), Alex Wolff (Jumanji – Benvenuti nella giungla), Ann Dowd e Milly Shapiro.

Questa la sinossi ufficiale:

Quando Ellen, la matriarca della famiglia Graham, muore, la famiglia di sua figlia comincia a scoprire segreti criptici e sempre più terrificanti sulla propria discendenza. Più rivelano, più si trovano a dover cercare di superare il sinistro destino che sembrano aver ereditato.

In attesa di vederlo nelle nostre sale, di seguito trovate curiosità e aneddoti sulla lavorazione di Hereditary – Le radici del Male in 14 cose da sapere:

1) Lo sceneggiatore e regista Ari Aster ha diretto alcuni cortometraggi (Munchausen, The Strange Thing About the Johnsons) incentrati sui rituali e sui traumi familiari. Attingendo proprio da queste sue esperienze ha quindi costruito questo film.

2) Il direttore della fotografia Pawel Pogorzelski era compagno di classe di Ari Aster ai tempi dell’American Film Institute Conservatory.

3) La colonna sonora è opera del sassofonista e compositore sperimentale Colin Stetson (che ha lavorato con musicisti come Arcade Fire, Bon Iver e Tom Waits).

4) Aster ha iniziato a immaginare Hereditary – Le Radici del Male dopo che la sua famiglia aveva attraversato una serie di difficoltà durate ininterrottamente per un periodo di tre anni. Ha raccontato: “La situazione era diventata davvero insostenibile, al punto che iniziammo a pensare di essere vittime di una maledizione. Quando si gira un film sulle ingiustizie della vita il genere horror è un terreno di gioco molto particolare. È una sorta di spazio perverso in cui le ingiustizie della vita vengono celebrate se non addirittura glorificate”.

5) Il regista ha apertamente dichiarato di essersi ispirato ai film Gente Comune di Robert Redford, Tempesta di Ghiaccio di Ang Lee e In the Bedroom di Todd Field (drammi feroci in cui generazioni di famiglie si confrontano con la morte, le malattie mentali e la violenza psicologica) e ad horror di culto degli anni ‘60 e ‘70 come Rosemary’s Baby di Roman Polanski, A Venezia… un Dicembre Rosso Shocking di Nicolas Roeg e Suspense (The Innocents) di Jack Clayton.

6) Ari Aster ha anche ammesso di aver preso ispirazione dai film di Mike Leigh, il quale secondo lui usa un metodo molto particolare con gli attori: “Dà vita a dei personaggi e a dei rapporti estremamente vividi e con cui è facile identificarsi. Ho fatto vedere il suo film Tutto o Niente alla troupe, per dare loro un’idea dello spirito che speravo di ottenere”.

7) Nella seconda parte, Hereditary – Le Radici del Male entra in una dimensione paranormale. “Volevo fare una mia versione della scena in cui Janet Leigh entra nella doccia”, ha spiegato Ari Aster riferendosi a Psycho di Alfred Hitchcock, descrivendo la sua narrazione in costante movimento.

8) Ari Aster aveva creato delle biografie e degli antefatti dettagliati per i suoi personaggi ancor prima di scrivere la sceneggiatura. Aveva anche preparato una che descriveva la sua visione specifica per la fotografia di Hereditary – Le Radici del Male, ben prima di ottenere i finanziamenti, di trovare le location e di iniziare le riprese. Era talmente appassionato e concentrato a dar vita alla sua visione che iniziò a contattare i potenziali collaboratori anni prima che il progetto ricevesse il via libero ufficiale dai produttori.

9) Durante la fase di pre-produzione, Ari Aster si rivolse a Steve Newburn, uno specialista degli effetti visivi di Toronto, le cui miniature di Team America: World Police lo avevano colpito molto. La principale area di specializzazione di Newburn sono il make up e le protesi; tra i film in cui ha lavorato più recentemente figurano Suicide Squad e la serie TV 12 Monkeys. Oltre a ideare le miniature di Annie Garham, i diorami e i loro intricati decori e contenuti, Newburn ha contribuito a realizzare gli effetti speciali del make-up e delle protesi, che hanno un ruolo centrale in alcuni momenti molto intensi della storia.

10) Aster ha preferito non introdurre nulla di troppo sinistro nella casa dei Graham: “Giacché questo film ricade nel genere cinematografico delle case infestate dagli spiriti, volevo evitare quei cliché. Niente pavimenti scricchiolanti, niente muri rovinati o architettura gotica“. Abbiamo cercato di trovare una casa vera, ma sarebbe costata di più che costruirla di sana pianta. Se avessimo girato in una casa vera avrei dovuto demolire i muri per ricavarmi lo spazio necessario per girare il film nel modo in cui volevo. Avendo pianificato l’azione delle scene sin dall’inizio è stato impossibile trovare una location“.

11) Sulla casa, Ari Aster ha detto: “Ci sono molte scene dove le stanze sono create in modo da sembrare delle miniature, e viceversa. Tutto questo potevamo ottenerlo solo potendo rimuovere muri e soffitti.”

12) Ai casting, Toni Collette è stata scelta per prima, Gabriel Byrne per ultimo.

13) Del rapporto sul set con Byrne, Ari Aster ha detto: “Ho visto Crocevia della Morte un milione di volte quando avevo 15 anni, perciò è stato davvero surreale poter lavorare con Gabriel. Non so se la gente lo sappia, ma lui è un appassionato cinefilo. Tra una scena e l’altra non facevamo altro che parlare di Michael Powell, di Giorgio Pressburger e del cinema polacco.”

14) E’ costato circa 10 milioni di dollari.

Di seguito il trailer italiano di Hereditary – Le radici del male, nei nostri cinema dal 25 luglio:

Horror & Thriller

Nel trailer red band di Disposition, psicofarmaci e depressione portano a terribili visioni di morte

di
Redazione Il Cineocchio

Sara Malakul Lane è la tormentata protagonista del thriller che segna il ritorno dietro alla mdp di Eric Thirteen dopo 12 anni

Leggi
Horror & Thriller

Intervista esclusiva | Walter Fasano su Suspiria (2018): “Prima versione di quasi 4 ore; tagliato un personaggio”

di
Alessandro Gamma

Abbiamo parlato con il montatore di fiducia di Luca Guadagnino, che ci ha rivelato alcune delle sequenze eliminate dal film, del suo approccio al remake e delle sue esperienze precedenti al fianco di Dario Argento

Leggi
Horror & Thriller

Recensione | I Think We’re Alone Now di Reed Morano

di
William Maga

Peter Dinklage ed Elle Fanning si aggirano solitari in un mondo apparentemente deserto in dramma post-apocalittico dove ordine e caos collidono

Leggi
Horror & Thriller

Recensione Venezia 75 | Suspiria di Luca Guadagnino

di
William Maga

Il regista siciliano fa proprio il classico di Dario Argento del 1977, immergendolo in un contesto storico estremamente significativo e rielaborandone l'estetica e i temi, per un risultato complesso e ambizioso

Leggi
Horror & Thriller

Ne trailer di CarousHELL, l’unicorno di una giostra si anima e inizia una strage

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista Steve Rudzinski gioca la carta dell'horror demenziale per il suo ritorno sulle scene

Leggi
Horror & Thriller

Il full trailer della stagione 2 di Lore va alle origini di sei nuove leggende da brividi

di
Redazione Il Cineocchio

Anche Doug Bradley e Jürgen Prochnow tra i protagonisti dei racconti pensati dallo showrunner Sean Crouch, ispirati anche alle gesta di Elizabeth Bathory e Burke e Hare 

Leggi
Horror & Thriller

Il trailer di The Oath ricorda che parlare di politica al Ringraziamento è molto pericoloso

di
Redazione Il Cineocchio

Ike Barinholtz esordisce dietro alla mdp con una dark comedy che intende riflettere sulla situazione americana attuale, a un passo dalla rovina

Leggi
Horror & Thriller

Il trailer di Thriller rivela lo slasher intriso di blaxploitation della Blumhouse

di
Redazione Il Cineocchio

Dallas Jackson esordisce in regia provando a dare una rinfrescata al sottogenere, affidandosi - tra gli altri - a RZA

Leggi
Titolo Data Regista

Ghost Stories - (Limited Edition) (Blu-Ray+Booklet)

07/09

Jeremy Dyson, Andy Nyman

L'Isola Dei Cani (Blu-Ray)

13/09

Wes Anderson

The Strangers - Prey At Night (Blu-Ray)

13/09

Johannes Roberts

Ready Player One (Blu-Ray)

13/09

Steven Spielberg

La Truffa Dei Logan (Blu-Ray)

13/09

Steven Soderbergh

Manhunt (Blu-Ray)

20/09

John Woo

The Carpenter'S House (Dvd)

21/09

Brace Beltempo

Creepy Tales Of Pizza And Gore (Dvd)

21/09

Lorenzo Fassina

Mad In Italy (Dvd)

21/09

Paolo Fazzini

Milza Man (Dvd)

21/09

Vincenzo Campisi, Antonio Vezzari, Arturo Volpes