Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione | Hereditary – Le Radici del Male di Ari Aster

7/10 su 2039 voti. Titolo originale: Hereditary, uscita: 04-06-2018. Budget: $10,000,000. Regista: Ari Aster.

Recensione | Hereditary – Le Radici del Male di Ari Aster

13/07/2018 di Sabrina Crivelli

Il regista esordisce con un horror stratificato e denso di presagi, che declina la nemesi storica classica al demoniaco in modo inedito

Film assai stratificato, ma al contempo non ermetico come un’opera lynchana, Hereditary – Le Radici del Male (la spiegazione dettagliata del finale e l’approfondimento sul demone Paimon e la sua mitologia) di Ari Aster fonde numerosissime suggestioni, dalla demonologia alla tragedia classica, dalle influenze filmiche al dramma familiare, declinando l’horror a un’auspicabile e ormai per nulla comune articolazione di immagini e contenuti. Ancor più, stupefacente è il fatto che l’horror costituisca il suo lungometraggio di debutto, la cui tecnica è davvero notevole, fin nel minimo dettaglio di regia, fotografia e sceneggiatura. Indiscutibile è l’influsso di taluni predecessori, ma si sa, in ogni epoca il cinema è sempre stato un po’ come il palinsesto di Santa Maria Antiqua a Roma, strato sopra strato si sommano le epoche, le estetiche, la storia stessa insomma … Un pubblico più forbito e/o preparato potrà immediatamente riconoscere un meccanismo narrativo assai affine al Kill List di Ben Wheatley,oppure nelle sequenze alcuni tratti in comune con A Venezia… un dicembre rosso shocking (Don’t Look Now) e Rosemary’s Baby (ascendente riconosciuto da Aster stesso), ma ogni fonte viene rimaneggiata con maestria, per dar vita a qualcosa di diverso e decisamente coinvolgente.

Soffermandoci dunque su Hereditary, in primis c’è la trama, che in uno sviluppo lineare, in un crescendo, dipana un’infinita moltitudine di particolari cui prestare attenzione, tutti funzionali al gran finale. La narrazione si apre con un triste evento, i Graham affrontano il lutto per la beneamata (ma assai problematica) nonna, Annie (Toni Collette), il marito Steve (Gabriel Byrne) e i figli Peter (Alex Wolff) e Charlie (Milly Shapiro). La protagonista, in particolare, vive una serie di sentimenti contraddittori; da un lato pensa di dover provare dolore, naturale reazione alla perdita di un consanguineo, dall’altra invece non riesce del tutto a sentire un vero legame con una genitrice con cui ha trascorsi tutt’altro che limpidi. Anzi, le due hanno condiviso insieme una serie di tragedie, tra cui il suicidio del padre e del fratello in sinistri e inspiegabili frangenti. Poco dopo il funerale, segue un secondo terribile evento, che sprofonda Annie in una completa disperazione. Una sconosciuta incontrata a un gruppo di sostegno e una seduta spiritica di famiglia potrebbero rappresentare un appiglio per la donna, ma l’entità con cui si trova a comunicare è ben differente da quella che avrebbe desiderato contattare … e assai più pericolosa e imprevedibile.

Moderna e originale rilettura del – sovente – assai ritrito genere di possessione demoniaca, Hereditary approccia anzitutto il sottogenere da un punto di vista inedito e piuttosto stimolante: quello del dramma familiare declinato al principio classico di nemesi storica, di ereditarietà della colpa o del retaggio degli antenati, che il titolo stesso richiama, ma che in questo caso non ha possibile catarsi (come accadeva in Le Eumenidi di Eschilo). Sin da principio, in più di una sequenze ambientata in classe viene menzionata l’inevitabilità della Τύχη (la sorte), citando prima Eracle e poi Ifigenia come esempi di eroi tragici che fronteggiano un inevitabile destino. Horror assai sfaccettato, la tradizione greco-antica non è certo l’unica prospettiva con cui è possibile guardare la poliedrica narrazione, ma costituisce lo scheletro che ne determina la struttura e i tempi. Così a un prologo (il discorso funebre di Annie) che presenta i fatti, seguono i 3 atti in cui è suddiviso lo sviluppo, separati tra loro da due momenti topici, un incidente e la seduta spiritica; in ultimo c’è lo scioccante esodo (il finale), che con un’immagine ad effetto e piuttosto terrificante rappresenta una degna chiusura alle premesse.

Film del terrore – si potrebbe dire – classicista, c’è però molto di più in Hereditary dell’interessante matrice. Quello drammatico è solo un raffinato scheletro per edificare poi una narrazione minuziosa, in cui ogni dettaglio è avvisaglia di una verità arcana celata in bella vista. Pregio indiscutibile dell’opera prima di Ari Aster è difatti la capacità di inserire nel fotogramma, come nei dialoghi o nelle azioni dei personaggi, indicatori essenziali del mistero che ammanta la famiglia Graham. Silloge di indizi rivelatori, un simbolo su un palo della luce che richiama quello su una collana, uno schiocco peculiare emesso da uno dei protagonisti, quasi un tic, un libro ritrovato in soffitta, o un’affermazione sibillina, rimandano tutti sapientemente ad altro. Poi ci sono, trovata geniale, le miniature (costruite dall’esperto Steve Newburn) che Annie crea per lavoro e che racchiudono la realtà stessa, perfino i fatti più inquietanti, fornendo un ulteriore strumento narrativo. In ultimo, ci sono i segni del demoniaco, che non viene come al solito raffigurato con il consueto repertorio di levitazioni, mobilio che si muove ed occhi riversi, ma è assai più impalpabile, è una forza che pervade la stanza con la sua presenza concretizzandosi come soffio, come riverbero luminoso azzurrastro che si rifrange repentino sulle pareti, infine come sagoma quasi impercettibile a un angolo della stanza che osserva da lontano silente. Ovvio, ci sono anche manifestazioni più concrete e tradizionali. Memorabile è quella che tange uno dei personaggi principali che, posseduto da un’oscura forza, fluttua sotto la porta chiusa della soffitta e con spaventosa foga batte forte la testa per entrare e raggiungere la sua terrorizzata vittima. D’altro canto la suddetta non è l’unica immagine agghiacciante dell’horror, ma ve ne sono più d’una, tra cui una testa mozzata sull’asfalto e ricoperta di formiche.

La tensione s’incrementa graduale lungo lo svolgimento di Hereditary. E’ un climax, il cui principio è lento, di tono fortemente drammatico e in cui sono solo forniti alcuni vaghi elementi, lasciando lo spettatore stranito e confuso davanti a un Kammerspiel post-contemporaneo con una nota in nero. Poi, in una caduta libera che aumenta la propria velocità di minuto in minuto, fatti sempre più foschi e inquietanti travolgono chi guarda, in un’inevitabile deriva verso la tenebra che sfocia in un finale tanto imprevisto quanto agghiacciante. Il senso d’angoscia e di terrore sono poi acuiti dall’abile performance di due interpreti femminili fondamentali e complementari. Da una parte, la giovane Milly Shapiro dà forma a un personaggio silenzioso, ambiguo e caratterizzato da sguardi e gesti evocativi, in un sapiente minimalismo espressivo. Dall’altra Toni Collette porta sullo schermo una psicologia controversa, una donna eccentrica ed emotiva, con scatti di collera e dilanianti sensi di colpa, rendendola con felice e marcato manierismo. Gli altri due ruoli principali sono altrettanto ben interpretati e funzionali alle due suddette: Gabriel Byrne è controparte posata e sarcastica della moglie isterica, Alex Wolff il figlio vessato e perfetto capro espiatorio sotto molteplici punti di vista. A completare il tutto vi sono geniali escamotage nella regia e nel montaggio, nei movimenti di macchina, con stacchi repentini tra due sequenze in cui il medesimo soggetto, Peter, è seduto sul letto immerso nel buio e subito dopo è in classe, di giorno, nella stessa posizione, oppure nell’overture in cui la replica della stanza in miniatura si anima per divenire quella reale.

Eccezionale debutto che tradisce una notevole cultura cinematografica e letteraria, accompagnata da un’inventiva non indifferente, Hereditary è un horror che non si ferma al banale spavento, come molti prodotti che approdano nei nostri cinema da troppo tempo ormai, ma scava a fondo nelle radici stesse del male suggestionando lo spettatore sottopelle.

Di seguito trovate il trailer italiano del film, nelle nostre sale a partire dal 25 luglio:

Toni Collette
Gabriel Byrne
Alex Wolff
Ann Dowd
Milly Shapiro
Mallory Bechtel
Brock McKinney
Zachary Arthur
Austin R. Grant
Gabriel Monroe Eckert
Mark Blockovich
Morgan Lund
Jake Brown
Christy Summerhays
Heidi Méndez
Jarrod Phillips
Moises L. Tovar
Bus Riley
picnic ad hanging rock film serie blu-ray
Horror & Thriller

Recensione Blu-ray | Picnic ad Hanging Rock, il film e la miniserie TV

di Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane del primo adattamento del romanzo di Joan Lindsay diretto nel 1975 per il cinema da Peter Weir e della trasposizione del 2018 per la TV con Natalie Dormer

Leggi
Horror & Thriller

Il trailer di Starfish immerge Virginia Gardner nell’orrore cosmico della fine del mondo

di Redazione Il Cineocchio

Il regista A.T. White torna dietro alla mdp dopo 6 anni per un fanta-horror imbevuto di misteri, mostri ed elaborazione del lutto

Leggi
auguri per la tua morte killer maschera
Horror & Thriller

Christopher Landon su Auguri per la tua Morte: “Pensai a una maschera diversa per il killer”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista dello slasher del 2017 ha rivelato l'iniziale 'ballottaggio', spiegando perché poi ha optato per il bebè

Leggi
The Field Guide to Evil film
Horror & Thriller

Trailer per The Field Guide to Evil: 8 storie del folclore dark per 8 registi horror

di Redazione Il Cineocchio

Tra i nomi coinvolti ci sono Veronika Franz e Severin Fiala, Peter Strickland, Agnieszka Smoczynska e Can Evrenol

Leggi
octavia spencer ma film 2019 horror
Horror & Thriller

Nel trailer di Ma, Octavia Spencer organizza feste a base di musica, alcol e omicidi

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono anche Juliette Lewis e Luke Evans nell'horror 'sbucato dal nulla' diretto da Tate Taylor e prodotto dalla Blumhouse

Leggi
glenn close attrazione fatale film
Horror & Thriller

Glenn Close su Attrazione Fatale: “Ho in mente il remake; approccio diverso ad Alex”

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice ha rivelato il suo progetto, che mirerebbe a raccontare in modo completamente differente il ben più problematico e sfaccettato personaggio da lei interpretato nel 1987

Leggi
Horror & Thriller

Nick Antosca sulla serie TV di Chucky: “Storia nuova, ma nel canone della saga de La Bambola Assassina”

di Redazione Il Cineocchio

Lo showrunner ha svelato qualche dettaglio sulla versione televisiva dello storico franchise horror, parlando del tono che verrà adottato e del coinvolgimento di alcuni volti noti

Leggi
allucinazione perversa 1990
Horror & Thriller

Jeff Buhler sul remake di Allucinazione Perversa: “Ho cambiato il colpo di scena”

di Redazione Il Cineocchio

Lo sceneggiatore ha parlato dell'approccio adottato da lui e dal regista David M. Rosenthalal nei confronti del classico del 1990, teso a mantenerne lo spirito originale

Leggi
zombi cina censura
Horror & Thriller

Dossier | Perché la Cina vieta i film con gli zombi (e altri mostri) al cinema

di Redazione Il Cineocchio

Cerchiamo di capire come mai nel popoloso paese asiatico non possono essere distribuiti nelle sale i titoli coi non morti o con altre creature tipiche del folclore horror occidentale

Leggi
pingu la cosa thingu
Horror & Thriller

Pingu incontra La Cosa per il corto Thingu, quando la claymation si fa horror

di Redazione Il Cineocchio

Ci sono le mani di Lee Hardcastle dietro l'improbabile mash-up tra le vicende del simpatico pinguino e le atmosfere tese del film di John Carpenter

Leggi
Pet Graveyard film 2019
Horror & Thriller

Nel trailer di Pet Graveyard, la Morte miete vittime aiutata da un gatto ‘ritornato’

di Redazione Il Cineocchio

La regista Rebecca J. Matthews esordisce dietro alla mdp con un mockbuster che prova a sfruttare il clamore mediatico suscitato dal nuovo adattamento di Pet Sematary

Leggi
La Llorona - Le lacrime del male film
Horror & Thriller

Nel full trailer di La Llorona – Le lacrime del male, la ‘donna che piange’ cerca bambini da portar via

di Redazione Il Cineocchio

Il film di debutto del regista Michael Chaves - prodotto da James Wan - intende lanciare una nuova icona horror, con la quale dovrà vedersela Linda Cardellini

Leggi
the hole in the ground film 2019
Horror & Thriller

The Hole in the Ground | La recensione del film di Lee Cronin

di Sabrina Crivelli

Il regista debutta con un horror angosciante ma irrisolto, sospeso tra le atmosfere di Babadook, Goodnight Mommy e The Tommyknockers

Leggi
Gabriele Lavia in Zeder (1983) film
Horror & Thriller

Tra le pieghe del tempo | Pupi Avati nel 1984 su Zeder: “La paura di Dario Argento è standard; non guardate da soli il mio film!”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista e sceneggiatore raccontava come i suoi film mirassero a colpire in modo diverso gli spettatori rispetto al più 'classico' collega, suggerendo comunque di approcciarsi con cautela alla sua ultima fatica

Leggi
NOS4A2 zachary quinto amc serie
Horror & Thriller

Primo teaser per NOS4A2, serie horror AMC con Zachary Quinto

di Redazione Il Cineocchio

L'attore è un vampiro che si nutre della vitalità dei ragazzini nell'adattamento per la TV del best seller di Joe Hill

Leggi
The Front Runner - Il vizio del potere

The Front Runner - Il vizio del potere

T. originale: The Front Runner

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 5 su 42 voti
Parlami di te

Parlami di te

T. originale: Un Homme Pressé

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 7 su 41 voti
Un uomo tranquillo

Un uomo tranquillo

T. originale: Cold Pursuit

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 5 su 41 voti

RECENSIONE

Copia originale

Copia originale

T. originale: Can You Ever Forgive Me?

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 7 su 133 voti
Quello che veramente importa

Quello che veramente importa

T. originale: The Healer

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 6 su 99 voti
The Lego Movie 2: Una nuova avventura

The Lego Movie 2: Una nuova avventura

T. originale: The Lego Movie 2: The Second Part

Data di uscita: 21-02-2019

Voto medio: 6 su 103 voti
Westwood. Punk, Icona, Attivista

Westwood. Punk, Icona, Attivista

T. originale: Westwood: Punk, Icon, Activist

Data di uscita: 20-02-2019

Voto medio: 6 su 5 voti
Ex-Otago - Siamo come Genova

Ex-Otago - Siamo come Genova

T. originale: Ex-Otago. Siamo come Genova

Data di uscita: 18-02-2019

Voto medio: 0 su 0 voti
Mamma + Mamma

Mamma + Mamma

T. originale: Mamma + Mamma

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 0 su 0 voti
Un'avventura

Un'avventura

T. originale: Un'avventura

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 1 voti
La paranza dei bambini

La paranza dei bambini

T. originale: La paranza dei bambini

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 7 su 10 voti
Rex - Un Cucciolo a Palazzo

Rex - Un Cucciolo a Palazzo

T. originale: The Queen's Corgi

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 8 su 3 voti
Ognuno ha diritto ad amare - Touch Me Not

Ognuno ha diritto ad amare - Touch Me Not

T. originale: Touch Me Not

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 5 voti
Un valzer tra gli scaffali

Un valzer tra gli scaffali

T. originale: In den Gängen

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 7 su 28 voti
La vita in un attimo

La vita in un attimo

T. originale: Life Itself

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 65 voti
Holmes & Watson

Holmes & Watson

T. originale: Holmes & Watson

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 4 su 55 voti
Alita - Angelo della battaglia

Alita - Angelo della battaglia

T. originale: Alita: Battle Angel

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 6 su 427 voti

RECENSIONE

Crucifixion - Il male è stato invocato

Crucifixion - Il male è stato invocato

T. originale: The Crucifixion

Data di uscita: 14-02-2019

Voto medio: 5 su 154 voti

RECENSIONE