Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione | Hereditary – Le Radici del Male di Ari Aster

7/10 su 2629 voti. Titolo originale: Hereditary, uscita: 07-06-2018. Budget: $10,000,000. Regista: Ari Aster.

Recensione | Hereditary – Le Radici del Male di Ari Aster

13/07/2018 recensione di Sabrina Crivelli

Il regista esordisce con un horror stratificato e denso di presagi, che declina la nemesi storica classica al demoniaco in modo inedito

Film assai stratificato, ma al contempo non ermetico come un’opera lynchana, Hereditary – Le Radici del Male (la spiegazione dettagliata del finale e l’approfondimento sul demone Paimon e la sua mitologia) di Ari Aster fonde numerosissime suggestioni, dalla demonologia alla tragedia classica, dalle influenze filmiche al dramma familiare, declinando l’horror a un’auspicabile e ormai per nulla comune articolazione di immagini e contenuti. Ancor più, stupefacente è il fatto che l’horror costituisca il suo lungometraggio di debutto, la cui tecnica è davvero notevole, fin nel minimo dettaglio di regia, fotografia e sceneggiatura. Indiscutibile è l’influsso di taluni predecessori, ma si sa, in ogni epoca il cinema è sempre stato un po’ come il palinsesto di Santa Maria Antiqua a Roma, strato sopra strato si sommano le epoche, le estetiche, la storia stessa insomma … Un pubblico più forbito e/o preparato potrà immediatamente riconoscere un meccanismo narrativo assai affine al Kill List di Ben Wheatley,oppure nelle sequenze alcuni tratti in comune con A Venezia… un dicembre rosso shocking (Don’t Look Now) e Rosemary’s Baby (ascendente riconosciuto da Aster stesso), ma ogni fonte viene rimaneggiata con maestria, per dar vita a qualcosa di diverso e decisamente coinvolgente.

Soffermandoci dunque su Hereditary, in primis c’è la trama, che in uno sviluppo lineare, in un crescendo, dipana un’infinita moltitudine di particolari cui prestare attenzione, tutti funzionali al gran finale. La narrazione si apre con un triste evento, i Graham affrontano il lutto per la beneamata (ma assai problematica) nonna, Annie (Toni Collette), il marito Steve (Gabriel Byrne) e i figli Peter (Alex Wolff) e Charlie (Milly Shapiro). La protagonista, in particolare, vive una serie di sentimenti contraddittori; da un lato pensa di dover provare dolore, naturale reazione alla perdita di un consanguineo, dall’altra invece non riesce del tutto a sentire un vero legame con una genitrice con cui ha trascorsi tutt’altro che limpidi.

Anzi, le due hanno condiviso insieme una serie di tragedie, tra cui il suicidio del padre e del fratello in sinistri e inspiegabili frangenti. Poco dopo il funerale, segue un secondo terribile evento, che sprofonda Annie in una completa disperazione. Una sconosciuta incontrata a un gruppo di sostegno e una seduta spiritica di famiglia potrebbero rappresentare un appiglio per la donna, ma l’entità con cui si trova a comunicare è ben differente da quella che avrebbe desiderato contattare … e assai più pericolosa e imprevedibile.

Moderna e originale rilettura del – sovente – assai ritrito genere di possessione demoniaca, Hereditary approccia anzitutto il sottogenere da un punto di vista inedito e piuttosto stimolante: quello del dramma familiare declinato al principio classico di nemesi storica, di ereditarietà della colpa o del retaggio degli antenati, che il titolo stesso richiama, ma che in questo caso non ha possibile catarsi (come accadeva in Le Eumenidi di Eschilo). Sin da principio, in più di una sequenze ambientata in classe viene menzionata l’inevitabilità della Τύχη (la sorte), citando prima Eracle e poi Ifigenia come esempi di eroi tragici che fronteggiano un inevitabile destino. Horror assai sfaccettato, la tradizione greco-antica non è certo l’unica prospettiva con cui è possibile guardare la poliedrica narrazione, ma costituisce lo scheletro che ne determina la struttura e i tempi. Così a un prologo (il discorso funebre di Annie) che presenta i fatti, seguono i 3 atti in cui è suddiviso lo sviluppo, separati tra loro da due momenti topici, un incidente e la seduta spiritica; in ultimo c’è lo scioccante esodo (il finale), che con un’immagine ad effetto e piuttosto terrificante rappresenta una degna chiusura alle premesse.

Film del terrore – si potrebbe dire – classicista, c’è però molto di più in Hereditary dell’interessante matrice. Quello drammatico è solo un raffinato scheletro per edificare poi una narrazione minuziosa, in cui ogni dettaglio è avvisaglia di una verità arcana celata in bella vista. Pregio indiscutibile dell’opera prima di Ari Aster è difatti la capacità di inserire nel fotogramma, come nei dialoghi o nelle azioni dei personaggi, indicatori essenziali del mistero che ammanta la famiglia Graham. Silloge di indizi rivelatori, un simbolo su un palo della luce che richiama quello su una collana, uno schiocco peculiare emesso da uno dei protagonisti, quasi un tic, un libro ritrovato in soffitta, o un’affermazione sibillina, rimandano tutti sapientemente ad altro.

Poi ci sono, trovata geniale, le miniature (costruite dall’esperto Steve Newburn) che Annie crea per lavoro e che racchiudono la realtà stessa, perfino i fatti più inquietanti, fornendo un ulteriore strumento narrativo. In ultimo, ci sono i segni del demoniaco, che non viene come al solito raffigurato con il consueto repertorio di levitazioni, mobilio che si muove ed occhi riversi, ma è assai più impalpabile, è una forza che pervade la stanza con la sua presenza concretizzandosi come soffio, come riverbero luminoso azzurrastro che si rifrange repentino sulle pareti, infine come sagoma quasi impercettibile a un angolo della stanza che osserva da lontano silente. Ovvio, ci sono anche manifestazioni più concrete e tradizionali. Memorabile è quella che tange uno dei personaggi principali che, posseduto da un’oscura forza, fluttua sotto la porta chiusa della soffitta e con spaventosa foga batte forte la testa per entrare e raggiungere la sua terrorizzata vittima. D’altro canto la suddetta non è l’unica immagine agghiacciante dell’horror, ma ve ne sono più d’una, tra cui una testa mozzata sull’asfalto e ricoperta di formiche.

La tensione s’incrementa graduale lungo lo svolgimento di Hereditary. E’ un climax, il cui principio è lento, di tono fortemente drammatico e in cui sono solo forniti alcuni vaghi elementi, lasciando lo spettatore stranito e confuso davanti a un Kammerspiel post-contemporaneo con una nota in nero. Poi, in una caduta libera che aumenta la propria velocità di minuto in minuto, fatti sempre più foschi e inquietanti travolgono chi guarda, in un’inevitabile deriva verso la tenebra che sfocia in un finale tanto imprevisto quanto agghiacciante. Il senso d’angoscia e di terrore sono poi acuiti dall’abile performance di due interpreti femminili fondamentali e complementari.

Da una parte, la giovane Milly Shapiro dà forma a un personaggio silenzioso, ambiguo e caratterizzato da sguardi e gesti evocativi, in un sapiente minimalismo espressivo. Dall’altra Toni Collette porta sullo schermo una psicologia controversa, una donna eccentrica ed emotiva, con scatti di collera e dilanianti sensi di colpa, rendendola con felice e marcato manierismo. Gli altri due ruoli principali sono altrettanto ben interpretati e funzionali alle due suddette: Gabriel Byrne è controparte posata e sarcastica della moglie isterica, Alex Wolff il figlio vessato e perfetto capro espiatorio sotto molteplici punti di vista. A completare il tutto vi sono geniali escamotage nella regia e nel montaggio, nei movimenti di macchina, con stacchi repentini tra due sequenze in cui il medesimo soggetto, Peter, è seduto sul letto immerso nel buio e subito dopo è in classe, di giorno, nella stessa posizione, oppure nell’overture in cui la replica della stanza in miniatura si anima per divenire quella reale.

Eccezionale debutto che tradisce una notevole cultura cinematografica e letteraria, accompagnata da un’inventiva non indifferente, Hereditary è un horror che non si ferma al banale spavento, come molti prodotti che approdano nei nostri cinema da troppo tempo ormai, ma scava a fondo nelle radici stesse del male suggestionando lo spettatore sottopelle.

Di seguito trovate il trailer italiano del film, nelle nostre sale a partire dal 25 luglio:

Toni Collette
Gabriel Byrne
Alex Wolff
Ann Dowd
Milly Shapiro
Mallory Bechtel
Brock McKinney
Zachary Arthur
Austin R. Grant
Gabriel Monroe Eckert
Mark Blockovich
Morgan Lund
Jake Brown
Christy Summerhays
Heidi Méndez
Jarrod Phillips
Moises L. Tovar
Bus Riley
Harrison Neil
BriAnn Rachele
David Stanley
zombie tidal wave film 2019
Horror & Thriller

Trailer per Zombie Tidal Wave: Ian Ziering affronta uno tsunami di non morti

di Redazione Il Cineocchio

La star ritrova il regista Anthony C. Ferrante per quella che sembra destinata a diventare la saga di SyFy che prenderà il posto di Sharknado

Leggi
Horror & Thriller

Robert Eggers su The Witch: “A causa del film, la Polonia mi considerò persona non gradita”

di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha rivelato che la promozione un po' troppo blasfema del folk horror del 2015 scatenò un grosso malinteso con le autorità locali

Leggi
critters attack film 2019
Horror & Thriller

Critters Attack! | La recensione del quinto film della saga diretto da Bobby Miller

di William Maga

C'è anche il cammeo di Dee Wallace nella lettera d'amore straight-to-video che riporta sullo schermo i terribili extraroditori dopo quasi 30 anni di assenza

Leggi
Serenity - L'isola dell'inganno film 2019
Horror & Thriller

Serenity – L’isola dell’inganno | La recensione del film con Matthew McConaughey e Anne Hathaway

di Giovanni Mottola

Steven Knight gira un thriller 'marinaresco' che fa acqua da tutte le parti: più che di meta-cinema, trattasi di cinema a metà

Leggi
it - capitolo 2 pennywise film
Horror & Thriller

Trailer finale per IT Capitolo Due: i ‘perdenti’ tornano a Derry per il confronto decisivo con Pennywise

di Redazione Il Cineocchio

Toccherà agli adulti James McAvoy, Jessica Chastain e Bill Hader sconfiggere una volta per tutte il clown danzante nella seconda parte dell'horror diretto da Andrés Muschietti

Leggi
Frankie Muniz in The Black String (2018) film
Mindhunter stagione 2 manson
Horror & Thriller

Mindhunter stagione 2: data di uscita e 10 immagini (c’è anche Charles Manson)

di Redazione Il Cineocchio

Nei nuovi episodi della serie Netflix, Jonathan Groff, Holt McCallany e Anna Torv si ritroveranno faccia a faccia con altri famosissimi serial killer

Leggi
Florence Pugh in Midsommar (2019)
Horror & Thriller

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati: esaminiamo la simbologia (rune, riti, dipinti) del folk horror di Ari Aster

di Redazione Il Cineocchio

Spiegazione e vademecum dell'iconografia e dell'immaginario celati in bella vista nel film con Florence Pugh

Leggi
adoration film du welz
Horror & Thriller

Poster e trama per Adoration, il nuovo thriller di Fabrice du Welz

di Redazione Il Cineocchio

A 15 anni da Calvaire, il regista belga chiude la sua 'trilogia delle Ardenne'

Leggi
feedback film Pedro C. Alonso
Horror & Thriller

Trailer per Feedback: la vita di Eddie Marsan viene distrutta in diretta radiofonica

di Redazione Il Cineocchio

C'è la mano di Jaume Collet-Serra dietro all'esordio nell'horror del regista spagnolo Pedro C. Alonso, a cui han preso parte anche Paul Anderson e Ivana Baquero

Leggi
Isabelle Grill in Midsommar (2019) film ari aster
Horror & Thriller

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati: guida all’interpretazione del film di Ari Aster

di Redazione Il Cineocchio

Cerchiamo di dare una spiegazione razionale e ragionata a ciò che accade, prima e sul finale, nel folk horror con Florence Pugh

Leggi
Florence Pugh in Midsommar (2019) film
Horror & Thriller

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati: Ari Aster chiarisce alcuni punti poco chiari

di Redazione Il Cineocchio

Il regista e sceneggiatore del folk horror con Florence Pugh ha personalmente precisato alcuni passaggi che potrebbero aver generato disorientamento negli spettatori

Leggi
Midsommar (2019) ari aster film
Horror & Thriller

Midsommar – Il Villaggio dei Dannati | La recensione del sabba di Ari Aster

di Raffaele Picchio

Al secondo film, il regista di Hereditary prosegue nel suo cammino rituale giocando a carte scoperte e alzando ulteriormente le ambizioni, uscendone comunque a testa alta con un'opera respingente ma affascinante, grottesca e complessa che non accetta mezze posizioni

Leggi
night hunter film
Horror & Thriller

Trailer per Night Hunter: Henry Cavill e Alexandra Daddario sulle tracce di un serial killer con personalità multipla

di Redazione Il Cineocchio

L'inglese David Raymond esordisce in regia con un thriller che vede protagonisti anche Ben Kingsley e Nathan Fillion

Leggi
casa vera the conjuring Harrisville, Rhode Island
Horror & Thriller

The Conjuring: la casa infestata indagata dai Warren sarà presto visitabile

di Redazione Il Cineocchio

I nuovi proprietari della fattoria stregata resa celebre dall'horror di James Wan stanno provvedendo ai restauri e contano di aprirla al pubblico entro fine anno, confermando che succedono ancora fatti inspiegabili al suo interno

Leggi
Passpartù: Operazione Doppiozero

Passpartù: Operazione Doppiozero

18-07-2019

Vita segreta di Maria Capasso

Vita segreta di Maria Capasso

18-07-2019

Il mangiatore di pietre

Il mangiatore di pietre

18-07-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

18-07-2019

Birba - Micio Combinaguai

Birba - Micio Combinaguai

18-07-2019

Skate Kitchen

Skate Kitchen

18-07-2019

Serenity - L'Isola dell'Inganno

Serenity - L'Isola dell'Inganno

18-07-2019

RECENSIONE

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

Edison - L'uomo che illuminò il mondo

18-07-2019

Raccolto amaro

Raccolto amaro

18-07-2019

Welcome Home

Welcome Home

11-07-2019

RECENSIONE

Il mostro di St. Pauli

Il mostro di St. Pauli

11-07-2019

Domino

Domino

11-07-2019

RECENSIONE

Powidoki - Il ritratto negato

Powidoki - Il ritratto negato

11-07-2019

G.A.I.A.

G.A.I.A.

10-07-2019

Spider-Man - Far From Home

Spider-Man - Far From Home

10-07-2019

RECENSIONE