Home » Cinema » Azione & Avventura » Babyteeth | La recensione del film d’esordio di Shannon Murphy (Venezia 76)

7/10 su 6 voti. Titolo originale: Babyteeth, uscita: 04-09-2019. Regista: Shannon Murphy.

Babyteeth | La recensione del film d’esordio di Shannon Murphy (Venezia 76)

06/09/2019 recensione di Teresa Scarale

A metà fra Beverly Hills 90210 e Colpa delle stelle, l'opera prima della regista australiana è il diminutivo di un film. Un ritrito drammino adolescenziale dai colorini pastello e dalla fotografia slavata, suddiviso in rosei capitoletti come fossero post di Instagram

Babyteeth film 2019 shannon Murphy

Milla Finlay (Eliza Scanlen) è una solitaria quindicenne australiana in gonnella scozzese la quale si trova a dover affrontare cicli di chemio per un male incurabile. La sua unica gioia risiede nel cambiarsi parrucche e nelle lezioni di violino da colui che fu il fidanzato della madre ex pianista e tossicodipendente “leggera”. Leggera come la noia che pervade tutto l’ambiente australo-borghese e benestante di Babyteeth dell’esordiente al lungometraggio Shannon Murphy (la serie Offspring), presentato in concorso alla 76a Mostra del Cinema di Venezia. Ambiente in cui è fin troppo palese che farà il suo ingresso il “ragazzaccio”. Che in questo caso specifico risponde al nome di Moses, la cui madre bionda non lo fa dormire in casa nemmeno il giorno di Natale e il cui fratellino lo schifa, anche se poi si troverà anche lui a casa di Milla a mangiare la torta della ragazza il giorno del suo compleanno. Nel film non è ben chiaro se Moses sia solo un consumatore di robina o se anche la spacci. Fatto sta che si tratta di un punto per cui è facilmente “lavorabile”, e il padre di Milla, psicologo, ne approfitterà.

babyteeth film posterIl primo incontro fra il “dentino da latte” Milla e Moses lascerebbe sperare (almeno) per uno sviluppo da manga giapponese. Purtroppo però, non siamo né dalle parti di Orange Road né di Paradise Kiss. Ad ogni modo, basterà questo incontro sulla banchina della stazione per far dire a Milla di “aver trovato un ragazzo” e per farle puntare i piedi contro i genitori.

Sia chiaro: la debolezza del film non sta nella storia che racconta, e nemmeno nella modalità post it prescelta per raccontarlo. Sta nella scelta di essersi arresa a un approccio superficiale, slabbrato, trito e ritrito, il cui finale è prevedibile già dai primi fotogrammi, quando appare la vicina di casa incinta. A cosa servirà mai il personaggio di una donna in gravidanza in un film in cui c’è qualcuno rischia seriamente la vita? La vicina è meritevole però di strappare qualche risata al pubblico, nella sua verve stralunata e schietta. È a lei che si devono i pochi momenti godibili del film. Dei tanti risvolti che si sarebbero potuti approfondire infatti, non se ne indaga uno.

E la sceneggiatura è rovinata da salti e incongruenze, le quali si riflettono irrimediabilmente sulla coerenza del lavoro attoriale di alcuni. Forse il personaggio che più fa le spese di una sceneggiatura approssimativa è quello della madre, del quale non viene spiegato nulla, nemmeno come si disintossichi magicamente da un frame all’altro. Il personaggio più armonico di Babyteeth è forse quello del padre, cui fa da ottima spalla comica (si, c’è anche la “linea comica”) la vicina incinta.

“Desideravo trovare un linguaggio cinematografico in grado di rispecchiare il particolare tono di irriverenza e sentimentalismo del brillante copione di Rita Kalnejais. Sono stata ispirata dalla sfida di armonizzare questa dualità di umorismo e dolore in ogni fotogramma del film. Non ci potevano essere mezze misure nel mio approccio per rappresentare in modo autentico la protagonista, che a quindici anni si trova sul punto di sentirsi più viva che mai, ma allo stesso tempo deve fare bruscamente i conti con la sua mortalità”. Così la regista australiana Shannon Murphy. Peccato che il risultato sia quello di una pellicola scolorita e vacua, la cui presenza al Festival lascia interdetti: sarebbe bastato relegarle un posto in una sezione di Netflix.

“Il linguaggio del film presenta dei momenti di rottura resi stilisticamente attraverso testi, musica e l’abbattimento della quarta parete: questo ci consente di muoverci al passo veloce di Milla. L’adolescente si innamora di Moses: lo vede come vede un’opportunità per spingersi oltre i limiti in modo estremo. Mano a mano che ci addentriamo nelle vite dei genitori della ragazza, scopriamo le disfunzioni e le complicate tensioni che li caratterizzano mentre affrontano il loro incubo peggiore. Entrambi vengono così spogliati fino a mettere in luce la loro natura più cruda. Spero che gli spettatori abbiano un’esperienza viscerale, profonda, nel guardare Babyteeth, che li spinga a desiderare e celebrare le loro relazioni”.

No, gli spettatori non hanno un’esperienza viscerale e profonda: soccombono sotto il peso della banalità mentre si ricordano Beverly Hills 90210 o Colpa delle stelle, o anche Io dopo di te. Questo esordio non aggancia le viscere di chi guarda nemmeno per un istante, tanto è scialba e pretenziosa. Semmai è un utile stretching per il diaframma, grazie a qualche ampio, liberatorio sbadiglio.

Di seguito il trailer internazionale di Babyteeth:

Ben Mendelsohn
Essie Davis
Eliza Scanlen
Andrea Demetriades
Emily Barclay
Toby Wallace
Arka Das
Charles Grounds
Priscilla Doueihy
Jack Yabsley
Zack Grech
Quentin Yung
Renee Billing
Georgina Symes
Jaga Yap
Michelle Lotters
Eugene Gilfedder
Tyrone Mafohla
Edward Lau
Sora Wakaki
Justin Smith
Azione & Avventura

Cortometraggio | Jurassic World – Battle at Big Rock: notte di terrore al campeggio in balìa dell’Allosauro

di Redazione Il Cineocchio

André Holland e Natalie Martinez sotto attacco negli 8 minuti diretti da Colin Trevorrow che ci rivelano cos'è successo dopo gli eventi di Il Regno Distrutto

Leggi
Azione & Avventura

Trailer esteso per Watchmen (la serie): un esercito di Rorschach è sul punto di scatenare il caos

di Redazione Il Cineocchio

Nello show originale supervisionato da Damon Lindelof, che ci riporta nell'universo distopico creato da Alan Moore oltre 30 anni fa, troviamo Jeremy Irons e Don Johnson

Leggi
Sylvester stallone rambo 1982
Azione & Avventura

Dossier | Rambo Saga: First Blood, tutto inizia nel 1982 (Parte I)

di Francesco Chello

Oltre 35 anni fa, Sylvester Stallone portava nei cinema il primo film dedicato a un altro eroe problematico, un reietto con cui empatizzare simbolo delle ferite lasciate aperte dalla guerra del Vietnam

Leggi
Jesus Rolls – Quintana è tornato film 2019
Azione & Avventura

Data di uscita e immagini per Jesus Rolls – Quintana è tornato, spin-off di Il Grande Lebowski

di Redazione Il Cineocchio

A 20 anni dal film dei fratelli Coen, John Turturro riprende il suo personaggio, circondandosi di star del calibro di Susan Sarandon e Christopher Walken

Leggi
Vincent D'Onofrio, R. Lee Ermey, Matthew Modine e Arliss Howard in Full Metal Jacket (1987)
Azione & Avventura

Recensione story | Full Metal Jacket di Stanley Kubrick

di William Maga

Nel 1987, il regista raccontava in modo lucidissimo e scioccante le brutalità della guerra (non solo del Vietnam)

Leggi
rutger hauer furia cieca
Azione & Avventura

Wanted, Furia Cieca, Sotto Massima Sorveglianza: Rutger Hauer in tre film solo all’apparenza minori

di Francesco Chello

Ripercorriamo tre titoli spesso dimenticati - o comunque non abbastanza celebrati - interpretati dall'attore olandese a cavallo tra la fine degli anni '80 e l'inizio dei '90, ricchi di spunti interessanti

Leggi
first love film miike 2019
Azione & Avventura

Full trailer per First Love, thriller surreale di Takashi Miike tra yakuza e boxe

di Redazione Il Cineocchio

L'ultima fatica del prolifico regista giapponese vede protagonisti Masataka Kubota, Jun Murakami e Shôta Sometani

Leggi
Azione & Avventura

Diario da Venezia 76 | Giorno 8: Il marciapiede sinistro di Via Veneto

di Giovanni Mottola

Al Lido è tempo di documentari sul nostro bel cinema che fu. Si parte con Mondo Sexy e si finisce con Life as a B movie: Piero Vivarelli. Non c'è tempo per Chiara Ferragni

Leggi
Antonio Banderas e Gary Oldman in The Laundromat (2019)
Azione & Avventura

The Laundromat | La recensione del film di Steven Soderbergh sui Panama Papers (Venezia 76)

di William Maga

Il regista firma per Netflix un lungometraggio che affronta con leggerezza - forse eccessiva - la 'più grande fuga di notizie della storia', facendo leva su un cast d'eccezione che vanta Meryl Streep, Gary Oldman e Antonio Banderas

Leggi
weathering with you film 2019
Azione & Avventura

Trailer e data d’uscita per Weathering With You, il nuovo film di Makoto Shinkai che gioca col meteo

di Redazione Il Cineocchio

Dopo il successo di Your Name del 2017, il regista giapponese torna sulle scene con una nuova storia dai contorni fantastici che coinvolge due adolescenti

Leggi
Joaquin Phoenix in Joker (2019) film
Azione & Avventura

Joker | La recensione del film di Todd Phillips sul pagliaccio principe del crimine (Venezia 76)

di William Maga

Il regista abbandona i trascorsi comici per un'opera problematica e ambigua, lontanissima da qualsiasi cinecomic e sorretta da un'interpretazione memorabile di Joaquin Phoenix

Leggi
Bad Boys for Life film will smith
Azione & Avventura

Trailer per Bad Boys for Life: Will Smith e Martin Lawrence di nuovo insieme contro il crimine di Miami

di Redazione Il Cineocchio

I due attori si ritrovano dopo 15 anni per il terzo e ultimo capitolo della saga, diretto a quattro mani da Adil El Arbi e Bilall Fallah

Leggi
muro ippoliti venezia 76
Azione & Avventura

Diario da Venezia 76 | Giorno 7: Il muro delle critiche piange, Julie Andrews foriera di aneddoti

di Giovanni Mottola

L'attrice 83enne racconta raggiante alcuni simpatici episodi della sua lunga carriera; intorno, non brillano About Endlessness di Roy Andersson e Guest Of Honour di Atom Egoyan

Leggi
ema pablo larrain film
Azione & Avventura

Ema | La recensione del film di Pablo Larraín (Venezia 76)

di Teresa Scarale

Il regista cileno si conferma una delle cineprese più solide del cinema contemporaneo, capace di padroneggiare effetti visivi à la Gaspar Noé (ma senza 'effetto nausea') e storie dal sapore almodovariano, ma prive del retrogusto amaro della sconfitta

Leggi
venezia 76 2019
Azione & Avventura

Diario da Venezia 76 | Giorno 6: Pochi fan per Yonfan (e per Rami Malek), tanti per Martin Eden

di Giovanni Mottola

L'animazione di No. 7 Cherry Lane non lascia il segno, al contrario del film con Luca Marinelli. Intanto Julie Andrews ritira il Leone d'Oro alla carriera

Leggi
Selfie di famiglia

Selfie di famiglia

19-09-2019

Burning - L'amore brucia

Burning - L'amore brucia

19-09-2019

Eat Local - A cena con i vampiri

Eat Local - A cena con i vampiri

19-09-2019

RECENSIONE

C’era una volta a... Hollywood

C’era una volta a... Hollywood

18-09-2019

RECENSIONE

Chiara Ferragni - Unposted

Chiara Ferragni - Unposted

17-09-2019

Tutta un'altra vita

Tutta un'altra vita

12-09-2019

La vita invisibile di Eurídice Gusmão

La vita invisibile di Eurídice Gusmão

12-09-2019

Grandi bugie tra amici

Grandi bugie tra amici

12-09-2019

E poi c'è Katherine

E poi c'è Katherine

12-09-2019

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

Good Boys - Quei cattivi ragazzi

12-09-2019

Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre

Angry Birds 2 - Nemici amici per sempre

12-09-2019

Apollo 11

Apollo 11

09-09-2019