Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Bill Murray sul Ghostbusters di Paul Feig: “Vi confido perché accettai il cameo nel film”

Bill Murray sul Ghostbusters di Paul Feig: “Vi confido perché accettai il cameo nel film”

15/05/2019 news di Redazione Il Cineocchio

L'attore 68enne ha anche parlato di un suo eventuale coinvolgimento nel Ghostbusters 3 di Jason Reitman in lavorazione

Giunto da poche ore al Festival di Cannes per presentare in anteprima mondiale I morti non muoiono di Jim Jarmusch, Bill Murray è stato inevitabilmente interrogato anche sul suo rapporto con la saga dei Ghostbusters, compresa la sua discussa partecipazione al recente reboot diretto da Paul Feig che così tante critiche si è attirato.

L’attore 68enne ha scelto di apparire nel film del 2016 per la sua amicizia con le co-star Kate McKinnon e Melissa McCarthy, che condividono le sue radici nello storico Saturday Night Live e hanno seguito una carriera simile alla sua:

Sono apparso in quel film solamente perché me lo hanno chiesto, e sapevo che se avessi risposto no, avrebbero scritto che non stavo sostenendo il film. Quindi mi sono detto, ‘OK, li appoggerò perché le sostengo come individui’. Così ho partecipato e sarei disposto a farlo anche per il prossimo.

ghostbusters - film 1984Il ‘prossimo’ è naturalmente l’annunciato Ghostbusters 3 di Jason Reitman, che uscirà nel 2020 e nel cui cast ci sono Finn Wolfhard (Stranger ThingsIT), Mckenna Grace (Captain Marvel) e Carrie Coon (Widows). A quanto sembra da queste parole però, Bill Murray non sarebbe ancora stato contattato per un ruolo nel film …

In ogni caso, la star ha riservato parole d’affetto per la saga iniziata nel lontano 1984 e sulla sua esperienza nel realizzare i primi due film:

Questo franchise ha pagato il college di mio figlio. Abbiamo creato questa cosa. Noi ne siamo i custodi. È una grande cosa ed è stato un film davvero divertente da realizzare. È un film vero che contiene alcune cose davvero divertenti. “

Parlando invece dei colleghi di set, Bill Murray ha concluso:

Sono persone meravigliose. Danny [Ackroyd], Ernie [Hudson], Harold [Ramis], Rick Moranis, Annie Potts – sono alcune delle persone più cool che ho conosciuto e hanno avuto delle carriere concrete. Trattano bene gli altri. Capiscono davvero cosa significhi essere un attore cinematografico. È una collaborazione completa. 

Nessun risentimento o malumori, come si era vociferato nel corso degli anni.

Nell’attesa di capire se Bill Murray ne farà parte, di seguito intanto trovate il teaser trailer di Ghostbusters 3, dedicato alla mitica automobile Ecto-1:

Fonte: IW

Alita l'angelo della battaglia film 2019 rosa salazar
Sci-Fi & Fantasy

Alita – Angelo della Battaglia | La recensione del film di Robert Rodriguez che adatta Yukito Kishiro

di Sabrina Crivelli

Rosa Salazar è una giovane cyborg senza memoria e dal grande cuore nella versione per il cinema semplicistica e visivamente brillante dell'omonimo manga supervisionata da James Cameron

Leggi
profondo Giuliano Giacomelli film
Sci-Fi & Fantasy

Profondo | La recensione del film scritto e diretto da Giuliano Giacomelli

di Francesco Chello

L’autore fa il suo esordio in solitaria con un'opera che, partendo da un presupposto di natura fantastica, racconta una interessante storia di riscatto e di introspezione

Leggi
wall-e pixar film 2008
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | WALL•E di Andrew Stanton: quando il silenzio è d’oro (per un po’ almeno)

di William Maga

Nel 2008 la Pixar portava nei cinema un film per metà quasi completamente muto, spingendo ogni oltre confine sperimentato prima la narrazione per sole immagini

Leggi
japan sinks 2020 serie anime netflix yuasa
Sci-Fi & Fantasy

Trailer per Japan Sinks: 2020, catastrofica serie anime di Masaaki Yuasa per Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Il regista di Devilman Crybaby torna sulle scene con l'adattamento del romanzo sci-fi di Sakyo Komatsu pubblicato nel 1973

Leggi
paranoia agent 2004 serie satoshi kon
Sci-Fi & Fantasy

Dossier | Paranoia Agent di Satoshi Kon: risvegliarsi dall’incubo della modernità

di William Maga

Nel 2004, il regista giapponese dirigeva un'opera attualissima e in anticipo sui tempi, capace di riflettere sulle paure della società

Leggi