Home » Cinema » Azione & Avventura » 20 cose da sapere su Captain Marvel, il cinecomic con Brie Larson

Titolo originale: Captain Marvel , uscita: 06-03-2019. Budget: $152,000,000. Regista: Anna Boden.

20 cose da sapere su Captain Marvel, il cinecomic con Brie Larson

03/03/2019 cose da sapere di Redazione Il Cineocchio

Curiosità e aneddoti sulla lavorazione del film del MCU diretto a quattro mani da Anna Boden e Ryan Fleck, in cui troveremo anche Jude Law e Samuel L. Jackson

brie larson captain marvel film

Basato sull’omonima serie a fumetti della Casa delle Idee e pubblicata per la prima volta nel 1967 e ambientato in un periodo storico mai visto prima nell’Universo Cinematografico Marvel, Captain Marvel (la nostra recensione) vede l’attrice premio Oscar Brie Larson (Room, Kong: Skull Island) nel ruolo della protagonista Carol Danvers/Captain Marvel, affiancata da Samuel L. Jackson (Avengers: Age of Ultron, The Hateful Eight) nel consueto ruolo di Nick Fury, Ben Mendelsohn (Rogue One: A Star Wars Story) in quello di Talos, Annette Bening (American Beauty) come la Suprema Intelligenza, Clark Gregg (Agents of S.H.I.E.L.D.) nel ruolo dell’Agente Coulson e Jude Law (Animali Fantastici: I Crimini di Grindelwald) come Yon-Rogg.

captain marvel film posterQuesta la trama ufficiale:

Ambientato negli anni ‘90, Captain Marvel mette da parte lo schema tradizionale delle origin story e presenta al pubblico Carol Danvers già in possesso dei propri superpoteri. Dopo aver abbandonato la propria vita sulla Terra, Carol si unisce alla Starforce, il reparto d’elite intergalattico dei Kree, guidato dall’enigmatico comandante Yon-Rogg. Ma una volta terminato l’addestramento ed essere divenuta un importante membro della Starforce, si ritrova nuovamente sulla Terra con nuove domande sul proprio passato. Qui, attira presto l’attenzione di Nick Fury e i due dovranno lavorare insieme per sconfiggere un nemico formidabile, gli Skrull — i famigerati cattivi Marvel resi ancora più pericolosi dalle loro abilità di mutaforma — e il loro leader Talos, che sta guidando l’invasione della Terra.

Il cast del film – che è stato diretto a quattro mani da Anna Boden e Ryan Fleck (Mississippi GrindHalf Nelson) – ci sono anche Djimon Hounsou (Guardiani della Galassia) nel ruolo di Korath, Lee Pace (Guardiani della Galassia) nel ruolo di Ronan, Lashana Lynch, Gemma Chan, Rune Temte, Algenis Perez Soto, Mckenna Grace e Akira Akbar.

Se volete scoprire curiosità e aneddoti sulla lavorazione del film, non vi resta che leggere le seguenti 20 cose da sapere su Captain Marvel:

1) Il budget è stato di 152 milioni di dollari.

2) È il 21° film del MCU.

Samuel L. Jackson in Captain Marvel (2019)3) La miniserie a fumetti del 2014 di Captain Marvel firmata da Kelly Sue DeConnick, che ha rivisitato il personaggio, ha fornito l’ispirazione generale per il lungometraggio.

4) Brie Larson è stata l’unica candidata per il ruolo principale.

5) L’attrice e Samuel L. Jackson avevano già girato due film insieme (Kong: Skull Island e Unicorn Store).

6) Ben Mendelsohn ha paragonato gli Skrull agli AC/DC del mondo alieno.

7) Jude Law ha rivelato: “Quando mio padre era giovane, Captain Marvel era il suo personaggio preferito. Dunque lui mi ha raccontato tutto il suo percorso, dall’incarnazione maschile a quella femminile. E sapeva benissimo chi fosse il mio personaggio”.

8) Los Angeles è stata la città scelta come base per i 75 giorni di riprese. Tra le location effettivamente impiegate ci sono la Eastwood Power Station, lo Shaver Lake a Fresno, i deserti della Lucerne Valley e la Edwards Air Force Base.

9) Per le scene dentro a un videonoleggio Blockbuster è stato trovato un centro commerciale a North Hollywood completamente in disuso che era stato costruito negli anni ‘70 ed era molto attivo negli anni ‘80 e ‘90.

Jude Law, Lee Pace e Anna Boden in Captain Marvel (2019) set10) Lo scenografo Andy Nicholson ha affermato: !Il design ricurvo degli Skrull viene applicato anche agli interni delle loro navi. Gli interni della nave spaziale principale sono pieni di linee e curve organiche. E la nave è fatta principalmente di ceramica, con delle strutture costruite su uno scheletro. Abbiamo creato un linguaggio architettonico basato sulle lastre, gli scheletri e la struttura scheletrica. Le navi dei Kree hanno invece un aspetto spigoloso e metallico”.

11) Tra i set esterni, uno dei più grandi è quello del pianeta Torfa. Per creare questo mondo, Andy Nicholson ha utilizzato una cava di sabbia realmente esistente situata nella Simi Valley e l’ha trasformata in un’ambientazione dinamica. Lo scenografo ha detto: “La cava ci ha fornito un gigantesco spazio di 120 metri di lunghezza, per una larghezza di 48 metri e poi l’abbiamo riempito con centinaia di chili di sabbia“.

12) Brie Larson si è recata nelle basi aeree Nellis e Edwards e ha trascorso del tempo con diversi ufficiali, piloti e aviatori, tra cui il generale Jeannie M. Leavitt, che è stata la prima donna nel 1993 a diventare pilota da combattimento nell’Air Force degli Stati Uniti.

13) La protagonista ha anche vissuto una vera e propria esperienza di volo all’interno della cabina di pilotaggio di un vero jet da combattimento F-16. Ha ricordato: “Il viaggio di ritorno è stato un po’ accidentato e c’erano un po’ di turbolenze piuttosto brutte sulle montagne. Ho vomitato tantissimo! Sono arrivata a un’accelerazione gravitazionale di 6.9 G e penso che una cosa del genere non mi capiterà mai più”.

Brie Larson e Jeannie Leavitt captain marvel14) La costumista Sanja Hays e la sua squadra han dovuto creare diverse versioni della tuta di Captain Marvel: una era la cosiddetta Hero suit o Beauty suit, utilizzata nei primi piani e nei momenti più eroici; c’era poi una versione con una parte superiore più corta, così da permettere a Brie Larson di sedersi più facilmente, mentre per le scene di volo è stata creata una tuta con delle spalle soffici e dei materiali più morbidi al posto delle parti rigide, come per esempio l’armatura sul petto, i guanti e la cintura. In totale, sono state realizzate 8 tute, principalmente in pelle, con delle speciali rifiniture blu madreperlacee che scintillavano quando venivano illuminate.

15) La gatta Goose è un soriano ed è stata interpretata da svariati felini nel film, principalmente veri. Il produttore Jonathan Schwartz ha spiegata: “Abbiamo provinato diversi gatti e alla fine ne abbiamo scelto uno di nome Reggie. Reggie lavorava con una squadra composta da altri tre gatti – Archie, Gonzo e Rizzo – ognuno dei quali era specializzato in trucchetti e interpretazioni differenti”.

16) Reggie, che aveva un talento particolare per le espressioni del muso, era il gatto principale. Archie, Gonzo e Rizzo lo sostituivano quando era stanco o quando i filmmaker avevano bisogno di un trucchetto particolare che uno degli altri tre gatti era in grado di eseguire.

17) Quando i gatti non collaboravano o gli attori non si sentivano a proprio agio accanto a loro, i filmmaker hanno utilizzato un pupazzo imbottito creato appositamente per il film dalla Legacy Effects. E quando il pupazzo non dava il risultato sperato ricorrevano al piano B, creando un gatto in CGI estremamente realistico. In sostanza, il personaggio di Goose è stato creato con una combinazione di gatti reali ed effetti visivi.

Captain Marvel (2019) gatto goose18) Per prepararsi al ruolo, Brie Larson per cinque giorni a settimana ha svolto da due a quattro ore di allenamento, praticando una combinazione di pugilato, kick-boxing, judo, lotta libera e un po’ di jiu-jitsu. In totale l’attrice si è allenata per nove mesi prima ancora che iniziassero le riprese di Captain Marvel e alla fine è arrivata a sollevare 100 kg in stacco da terra e 180 kg con hip thrust, riuscendo persino a trascinare una Jeep lungo una strada.

19) Il visual effects supervisor Christopher Townsend ha raccontato come sono stati ringiovaniti di ben 24 anni Samuel L. Jackson e Clark Gregg: “Il processo di ringiovanimento viene svolto letteralmente fotogramma per fotogramma e bisogna essere dei grandi artisti per riuscirci. Diversi artisti sono stati seduti di fronte a un computer per mesi, cercando di perfezionare questi look senza rovinare le interpretazioni degli attori, che è la cosa fondamentale. Se tiri troppo indietro le guance, se sollevi la bocca in modo particolare o se apri troppo gli occhi dei personaggi, le loro reazioni diventano molto diverse da ciò che gli attori hanno fatto sul set.”

20) Gli Skrull sono interpretati principalmente da attori con un make-up prostetico molto pesante, ma Christopher Townsend e la sua squadra sono riusciti a mescolare molto bene il trucco e gli effetti visivi.

Di seguito il full trailer italiano e quello internazionale (per meglio apprezzare le voci originali) – e più sotto i primi teaser – di Captain Marvel, che uscirà nei nostri cinema il 6 marzo:

LEGGI LA RECENSIONE

Altre notizie su Captain Marvel:

the umbrella academy stagione 2 netflix 2020
Azione & Avventura

Teaser per The Umbrella Academy, stagione 2: si va nel passato per evitare la fine del mondo

di Redazione Il Cineocchio

I membri dello scombinato gruppo di antieroi con Ellen Page e Tom Hopper dovrà ritrovarsi nel tempo e salvare il mondo

Leggi
Azione & Avventura

Trailer per Transformers: War For Cybertron Trilogy, inizia l’assedio nella serie animata di Netflix

di Redazione Il Cineocchio

Gli storici nemici Autobot e i Decepticon si affrontano nella battaglia decisiva in 6 nuovi episodi

Leggi
Sope Dirisu in Gangs of London (2020)
Azione & Avventura

Gangs of London (stagione 1) | La recensione della serie ideata da Gareth Evans

di William Maga

Il regista di The Raid si sposta sul piccolo schermo per un prodotto violentissimo e cupo in 9 episodi. Con lui i colleghi Corin Hardy e Xavier Gens. Tra i protagonisti Sope Dirisu e Joe Cole

Leggi
Woody Harrelson in Rampart (2011)
Azione & Avventura

Dossier | To protect and serve: il poliziesco americano contemporaneo, da Training Day a Codice 999 (Parte III)

di Paolo Gilli

Si conclude il nostro giro di pattuglia per le strade degli Stati Uniti, soffermandosi sui titoli più recenti

Leggi
free-state-jones-matthew
Azione & Avventura

Free State of Jones | La recensione del film di Gary Ross

di Martina Morini

Mattew McConaughey è il protagonista assoluto di un racconto più attuale che mai della continua lotta per l’uguaglianza e i diritti civili

Leggi