Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » David Fincher: “Per lo Xenomorfo di Alien 3, H. R. Giger si ispirò a Michelle Pfeiffer”

Titolo originale: Alien³ , uscita: 22-05-1992. Budget: $50,000,000. Regista: David Fincher.

David Fincher: “Per lo Xenomorfo di Alien 3, H. R. Giger si ispirò a Michelle Pfeiffer”

28/11/2017 news di Redazione Il Cineocchio

Il regista ha ricordato il restyling a cui aveva pensato insieme all'artista svizzero per la nota creatura, che tuttavia alla fine venne scartato

Gli artisti si sa, spesso trovano ispirazione nei posti più inaspettati. Tom Woodruff Jr. e Alec Gillis della Amalgamated Dynamics, che in precedenza avevano lavorato su Aliens  – Scontro Finale, sono gli artisti accreditati responsabili degli effetti per le creature di Alien 3di David Fincher (1992), che garantirono loro anche una nomination all’Oscar. Prima che i due salissero a bordo però, era stato incaricato lo stesso H. R. Giger di ridisegnare lo spaventoso Xenomorfo da lui ideato un decennio prima.

Un recente articolo ha ora scavato in profondità nel processo di progettazione degli alieni di Alien 3, sottolineando sostanzialmente che sia Giger che Woodruff / Gillis stavano lavorando sul nuovo design delle creature contemporaneamente, con il progetto degli ultimi preferito alla fine. L’artista svizzero non fu molto contento della decisione, visto che oltretutto non gli venne riconosciuto alcun credito.

La cosa più interessante del pezzo è tuttavia un piccolo assaggio del design che Giger aveva pensato per lo Xenomorfo principale del film, che mostrava una bocca ispirata a una nota star di Hollywood:

[David] Fincher aveva specificamente richiesto che l’Alien avesse le labbra ispirate a quelle di Michelle Pfeiffer – più voluttuose e femminili. Il regista ha ricordato: “Gli abbiamo dato le labbra di Michelle Pfeiffer. E’ questo il modello su cui sono basate. Ha sempre avuto queste piccole labbra sottili, e dissi a Giger, ‘Rendiamolo una donna quando si getta contro Ripley.’ E così aveva questi grandi e deliziose labbra di collagene.” Giger volle che la nuova creatura fosse ‘più sensuale’ invece che ripugnante. “Le labbra e il mento sul mio nuovo modello sono più proporzionate e danno alla creatura un aspetto più erotico”, affermò l’artista. “Quando la bocca è chiusa sembra molto voluttuosa, bellissima.”

Purtroppo di questa curiosa idea non resta che un modello ricostruito (e visibile nell’immagine di apertura), ma il design di Woodruff / Gillis, pur non essendo altrettanto “voluttuoso”, resta senz’altro sufficientemente memorabile.

Di seguito il trailer di Alien 3:

Fonte: ML

Altre notizie su Alien³:

sogno sandman gaiman
Sci-Fi & Fantasy

Neil Gaiman su Sandman (serie Netflix): “Vi dico perché si fa proprio ora; le concept art mi esaltano”

di Redazione Il Cineocchio

Lo scrittore e creatore del capolavoro a fumetti ha parlato dei motivi della lunga gestazione della versione live action e del materiale che gli stanno sottoponendo che prefigura quanto vedremo sul piccolo schermo

Leggi
eva green 300 - L'alba di un impero (2014)
Sci-Fi & Fantasy

30 cose da sapere sull’attrice Eva Green

di Redazione Il Cineocchio

Tutto ciò che dovete conoscere sull'interprete di origini francesi

Leggi
Sci-Fi & Fantasy

Damon Lindelof su Lost: “Previste 3 stagioni; le ABC fece di testa sua. Vi racconto come andarono le cose”

di Redazione Il Cineocchio

Lo sceneggiatore racconta i contrasti coi vertici della rete e i motivi per i quali la popolare serie peggiorò a vista d'occhio dopo il terzo ciclo di episodi

Leggi
navigator film 1986 disney
Sci-Fi & Fantasy

Riflessione | Navigator di Randal Kleiser: viaggiando nello spaziotempo dei sentimenti

di William Maga

Nel 1986 il giovane Joey Cramer era il protagonista di un'avventura sci-fi poco apprezzata al tempo, ma capace di diventare un classico

Leggi
cursed serie netflix 2020
Sci-Fi & Fantasy

Full trailer per Cursed (serie Netflix): Nimue sovverte i ruoli del ciclo arturiano

di Redazione Il Cineocchio

Katherine Langford è la futura Dama del Lago nella trasposizione del romanzo fantasy di Tom Wheeler e Frank Miller

Leggi