Home » Cinema » Sci-Fi & Fantasy » Dossier: Azione Mutante (1993) di Alex de la Iglesia, dalla Spagna con dissacrazione

7/10 su 169 voti. Titolo originale: Peur sur la ville , uscita: 09-04-1975. Regista: Henri Verneuil.

Dossier: Azione Mutante (1993) di Alex de la Iglesia, dalla Spagna con dissacrazione

10/09/2021 recensione film di Marco Tedesco

Spalleggiato dal produttore Pedro Almodovar, il regista spagnolo esordiva con una fanta-dark comedy sopra le righe ed entusiasta, imperfetta ma capace di rivelare al mondo il suo talento

azione mutante film 1993 Frédérique Feder

Come chi lo segue dagli esordi saprà bene, il produttore di questo splatterama spagnolo del 1993, Pedro Almodovar, ha da sempre cercato di mescolare commedia e perversità. E nel giovane regista Alex de la Iglesia trovava un collega propenso all’utilizzo della medesima dissacrante formula cinematografica, con uno spiccato gusto per la fantascienza più sanguinaria e grottesca. Il risultato è, appunto, Azione Mutante (Accion Mutante), dark comedy futuristica e post-apocalittica – è ambientata nel 2012 – ricca di stile, trovate, citazioni e risate oltraggiose, che mutua il titolo da un’omonima organizzazione terroristica formata da un simpatico branco di freaks e di squilibrati.

Stanchi di essere cittadini di quarta classe, questi anti-eroi si aggirano intorno ai resti bruciati della civiltà a bordo di un camioncino dei gelati (accompagnati dalla musica di Mission: Impossible …) e guidano incursioni omicide ai danni della classe dominante, gli aristocratici ricchi e di bell’aspetto, seminando il terrore nei cuori delle élite alla moda e all’ultimo grido.

Azionemutante.jpgLa loro nuova missione: irrompere con le cattive a un favoloso matrimonio e rapire la sposina, Patricia Orujo (Frederique Feder). Tutto va piuttosto bene (ok, molte persone vengono malamente massacrate, ma cosa sarà mai!?) e la sventurata giovane in abito bianco chiazzato di sangue diventa presto un passeggero riluttante sulla loro nave spaziale bisunta e sudicia – la sua bocca chiusa con punti metallici (ahi) per farla stare zitta.

Ma la lealtà è volubile nel futuro prossimo, e così il prepotente leader dei mutanti, Ramon (Antonio Resines), inizia lentamente a sbaragliare la sua squadra di assassini scombinati con l’aiuto dell’enorme e affamato “gatto” mutante che si muoverebbe nella stiva della nave.

La recitazione generale in Azione Mutante è adeguatamente varia ed eventuale, con Frederique Feder che spicca nel mazzo, adorabile anche quando è ricoperto di sangue rappreso, mentre Alex de la Iglesia e soci hanno fatto tesoro del discreto budget a disposizione (2.5 milioni di dollari) per rievocare lo squallore degli ambienti di Blade Runner incrociandoli con l’umorismo demenziale e ‘schifoso’ di un film della Troma.

Ad esempio, cosa succede se ci sono due gemelli siamesi (Juan Viadas e Álex Angulo) e uno di loro muore? Perché non impagliarne il cadavere e trascinarlo in giro per il resto del film come se nulla fosse? E aspettate di fare la conoscenza di una famiglia nomade di maschi consanguinei così feroci (e due volte più stupidi …) di quelli che si potrebbero vedere in un sequel di Non Aprite Quella Porta – dal momento che non hanno mai visto una vera donna dal vivo, eiaculano nei loro pantaloncini nel momento in cui incontrano la sexy Patrica.

Poi, una volta che Ramon e il suo ostaggio arrivano sul pianeta desertico di Axturia, la “Sindrome di Stoccolma” colpisce inesorabile, e la ragazza finisce per innamora improvvisamente di quel delinquente senza scrupoli.

Insomma, Azione Mutante è denso caos colorato, satira di grana non troppo fina sui mass media e sull’alta società, infarcito di fantastici effetti speciali (dalla stessa squadra che aveva lavorato a Delicatessen).

Forse c’è un po’ troppo dentro, perché l’esordiente – ed entusiasta – Alex de la Iglesia sceglie di cambiare marcia alla narrazione così spesso che il quadro più ampio spesso si perde. Tuttavia non si arrende mai, e con la sua maniacale energia e il suo senso dell’umorismo esagerato sospinge il film verso un finale turpemente demenziale. È un’imperfetta e ingorda corsa sfrenata di 100 minuti, quindi mettetevi in linea a unitivi alla conga di Azione Mutante, non fate gli snob, o potreste pentirvene!

Di seguito trovate il trailer internazionale di Azione Mutante: