Home » Cinema » Horror & Thriller » Il Mostro di St. Pauli | La recensione del film di Fatih Akin sul serial killer Fritz Honka

7/10 su 89 voti. Titolo originale: Der goldene Handschuh, uscita: 21-02-2019. Regista: Fatih Akin.

Il Mostro di St. Pauli | La recensione del film di Fatih Akin sul serial killer Fritz Honka

19/01/2020 recensione film di William Maga

Jonas Dassler è lo straordinario protagonista della raggelante ricostruzione degli omicidi che sconvolsero Amburgo negli anni '70, un'opera disperata che colpisce duro lo spettatore dal primo all'ultimo minuto

Forse ricorderete che lo scorso anno ci furono accese polemiche – almeno negli Stati Uniti – quando venne annunciato che il bel Zac Efron era stato scritturato per vestire i panni del famigerato omicida Ted Bundy nel film Extremely Wicked, Shockingly Evil and Vile di Joe Berlinger (la recensione), sostenendo che il regista stesse in quel modo rendendo in qualche modo ‘romantica’ e meno raccapricciante la  figura del ‘killer delle studentesse’. Un rischio che non corre minimamente Il Mostro di St. Pauli, adattamento per il cinema del pluripremiato romanzo di Heinz Strunk del 2016 Der Goldene Handschuh sull’omicida seriale tedesco Fritz Honka. Interpretato con grottesca – e assolutamente sorprendente – verisimiglianza da Jonas Dassler (Opera senza autore) non c’è nulla di lontanamente ‘piacevole’ in lui: un naso deforme, un’andatura trascinata, una mascella cadente e un occhio disallineato; insomma, il perfetto ritratto dell’uomo responsabile della morte di almeno quattro donne ad Amburgo tra il 1970 e il 1975.

Il Mostro di St. Pauli - Fatih Akin posterMa questo non è l’unico aspetto di quei crimini che il regista e sceneggiatore Fatih Akin (La sposa turca, Soul Kitchen) ricrea perfettamente nel suo lungometraggio. La città che descrive è infatti un sudicio e squallido coacervo di reietti e disperati, ubriaconi, perditempo, prostitute part-time, veterani delle SS che si nascondono e uno strano adolescente con gli occhiali (Tristan Göbel) in cerca di brividi salaci in giro per locali sordidi, come il ‘Guanto d’Oro’ del titolo – il ritrovo prescelto di Fritz Honka.

Fatih Akin non cerca mai di spiegare le ‘origini’ del serial killer. È soltanto un essere umano della peggior specie, che dice e fa cose terribili, un perverso alcolizzato dagli scatti violenti (verbali e fisici) facili, un degenerato miserabile che si accompagna a soggetti che potrebbero essere altrettanto cattivi e maligni. ‘Il Mostro di St. Pauli’ non è un predatore: piuttosto, grazie a una performance scioccante e spaventosa, Jonas Dassler (cercate qual è il suo vero aspetto per capire la clamorosa trasformazione del 23enne) lo mostra come uno sciacallo rabbioso e spregevole, che ‘si getta’ contro gli altri.

Nemmeno le sue vittime vengono rese romantiche: non ci sono squillo di lusso dietro alle vetrine della Reeperbahn; sono creature patetiche, emarginate della società, che accettano di seguire Fritz Honka perché, in fondo, è l’unico che mostra loro una qualche attenzione, e il suo disgustoso aspetto fisico o il temperamento imprevedibile sono senz’altro meglio di un’altra notte per le fredde strade di Amburgo o in un appartamento vuoto. È una mossa audace averle rese così imperfette, così poco piacevoli o simpatetiche, ma è un costante promemoria da parte de Il Mostro di St. Pauli che gli omicidi non sono una colpa delle vittime.

Tuttavia, pur non raggiungendo l’orribile brutalità dell’angosciante Schramm di Jörg Buttgereit o la raggelante autoconsapevolezza di Henry, pioggia di sangue di John McNaughton, la rigorosa dedizione ai fatti di cronaca da parte di Fatih Akin rende l’intera esperienza di Il Mostro di St. Pauli (quasi 2 ore) disperatamente dura, atmosfere marce acuite peraltro da una colonna sonora dissonante in modo straniante. Potrebbe essere questa la sua intenzione – anche se la storia è intersecata da una fantasiosa sottotrama che coinvolge l’ossessione di Fritz Honka per una bionda studentessa (Greta Sophie Schmidt).

Insomma, questo lungo assalto alle viscere dello spettatore, dal primo brutale assassinio nel prologo al macabro quanto comico arresto dell’omicida, è una visione difficile da raccomandare a chi cerchi un biopic all’americana ‘classico’. Per tutti gli altri, sarà un’esperienza difficilmente trascurabile nel medio-lungo periodo.

Di seguito il trailer italiano di Il Mostro di St. Pauli:

Jonas Dassler
Hark Bohm
Margarethe Tiesel
Marc Hosemann
Katja Studt
Philipp Baltus
Uwe Rohde
Martina Eitner-Acheampong
Jessica Kosmalla
Barbara Krabbe
il giorno degli zombi film 1985
Horror & Thriller

Il giorno degli zombi: SyFy dà l’ok alla serie prequel del classico di George A. Romero

di Redazione Il Cineocchio

A 35 anni dal film con Joseph Pilato, la rete mette in cantiere uno show che andrà alle origini dell'epidemia

Leggi
Horror & Thriller

Leatherface – Il massacro ha inizio | La recensione del film di Alexandre Bustillo e Julien Maury

di William Maga

I due registi francesi vanno alle origini di Non Aprite Quella Porta puntando forte sulla violenza grafica, dimenticandosi che in principio però c'era ben altro rispetto agli shock

Leggi
Christian Bale e Jared Leto in American Psycho (2000)
Horror & Thriller

American Psycho di Mary Harron: guida all’interpretazione del film e del finale

di Sabrina Crivelli

Cerchiamo di capire se il Patrick Bateman di Christian Bale sia davvero un serial killer oppure si sia immaginato tutto nell'adattamento del 2000 del romanzo di Bret Easton Ellis

Leggi
candyman film 2020
Horror & Thriller

Trailer per Candyman: non pronunciate il suo nome 5 volte o ve ne pentirete

di Redazione Il Cineocchio

A oltre 20 anni dal terzo film della saga, il produttore Jordan Peele riporta sulle scene il boogeyman con l'uncino, nel sequel spirituale con Yahya Abdul-Mateen II

Leggi
cursed films serie shudder 2020
Horror & Thriller

Trailer per Cursed Films, serie che esplora le voci dietro a 5 classici maledetti

di Redazione Il Cineocchio

Il documentario di Shudder vaglierà, attraverso testimonianze dirette, le dicerie relative alle lavorazioni di L'Esorcista, Omen, Poltergeist, il film di Ai Confini della Realtà e Il Corvo

Leggi
Il talento del calabrone

Il talento del calabrone

05-03-2020

Cambio tutto!

Cambio tutto!

05-03-2020

L'uomo invisibile

L'uomo invisibile

05-03-2020

Amiche in affari

Amiche in affari

05-03-2020

Sola al mio matrimonio

Sola al mio matrimonio

05-03-2020

Honey Boy

Honey Boy

05-03-2020

Buñuel - Nel labirinto delle tartarughe

Buñuel - Nel labirinto delle tartarughe

05-03-2020

Onward - Oltre la magia

Onward - Oltre la magia

05-03-2020

Un amico straordinario

Un amico straordinario

05-03-2020

Marianne e Leonard. Parole d'amore

Marianne e Leonard. Parole d'amore

03-03-2020

They Shall Not Grow Old - Per sempre giovani

They Shall Not Grow Old - Per sempre giovani

02-03-2020

La partita

La partita

27-02-2020

Lupin III: The First

Lupin III: The First

27-02-2020

Volevo nascondermi

Volevo nascondermi

27-02-2020

Non si scherza col fuoco

Non si scherza col fuoco

27-02-2020

Dopo il matrimonio

Dopo il matrimonio

27-02-2020

La Gomera - L'isola dei fischi

La Gomera - L'isola dei fischi

27-02-2020

Doppio sospetto

Doppio sospetto

27-02-2020

The Grudge

The Grudge

27-02-2020

RECENSIONE

Arctic - Un'avventura glaciale

Arctic - Un'avventura glaciale

27-02-2020

Si vive una volta sola

Si vive una volta sola

26-02-2020

Permette? Alberto Sordi

Permette? Alberto Sordi

24-02-2020

Lourdes

Lourdes

24-02-2020

Lontano lontano

Lontano lontano

20-02-2020

La mia banda suona il pop

La mia banda suona il pop

20-02-2020

Criminali come noi

Criminali come noi

20-02-2020

L'hotel degli amori smarriti

L'hotel degli amori smarriti

20-02-2020

Cattive acque

Cattive acque

20-02-2020

Cats

Cats

20-02-2020

Il richiamo della foresta

Il richiamo della foresta

20-02-2020

Era mio figlio

Era mio figlio

20-02-2020

Bad Boys for Life

Bad Boys for Life

20-02-2020

RECENSIONE