Home » Cinema » Horror & Thriller » Intervista | Pupi Avati svela i retroscena della sceneggiatura di Salò e l’incontro con Pasolini

Titolo originale: Salò o le 120 giornate di Sodoma, uscita: 22-11-1975. Regista: Pier Paolo Pasolini.

Intervista | Pupi Avati svela i retroscena della sceneggiatura di Salò e l’incontro con Pasolini

14/10/2019 news di Redazione Il Cineocchio

Il regista bolognese ci ha raccontato come mai non risulta accreditato come autore del copione dello sconvolgente film del 1975, tra aneddoti simpatici e presagi di morte

pupi avati sitges 2019

Dopo averlo incontrato a Milano in occasione dell’evento Cinemarcord (il nostro video con gli aneddoti su La Casa dalle Finestre che Ridono, 8½ di Federico Fellini, Ugo Tognazzi e Katia Ricciarelli), abbiamo ritrovato Pupi Avati al Festival internazionale di Sitges, in Spagna, dove ha presentato la sua ultima fatica, il film Il Signor Diavolo (la recensione).

Nel corso dell’intervista, ci siamo concentrati sulla non troppo battuta esperienza del regista bolognese al fianco di Pier Paolo Pasolini per la stesura della sceneggiatura – dove non risulta ufficialmente accreditato – di Salò o le 120 giornate di Sodoma, film ‘maledetto’ del 1975 ispirato all’omonimo libro del marchese Donatien Alphonse François de Sade.

Salò o le 120 giornate di Sodoma film 1975 posterQuesto il dettagliato ricordo di tutta la vicenda da parte di Pupi Avati:

Il mio rapporto con Salò e l’incontro con Pier Paolo Pasolini è molto articolato e complesso. Tutto partì da un’idea di un press agent di Roma, Enrico Lucherini, di realizzare un film di genere boccaccesco, perché Pasolini aveva girato nel 1971 Il Decameron, che aveva avuto un grande successo commerciale. Pertanto, tutti si erano messi a cercare all’interno della letteratura trecentesca una qualche proposta suggestiva per realizzare altri film che avessero a che fare con sesso e violenza. Finirono per trovare poi qualcosa di allettante nel 1700, col marchese de Sade, che all’epoca era però all’indice. Questo tipo di libri, non potendo essere venduti pubblicamente, bisognava cercarli a Piazza della Repubblica, a Roma, tra le bancarelle, sotto le quali i venditori celavano appunto tali testi proibiti. Proprio lì comprammo una copia di Le centoventi giornate di Sodoma.

Il lucidissimo regista 80enne ha quindi proseguito, spiegando come è nata la prima stesura del film:

Cominciammo così a scriverne una sceneggiatura per un film che, inizialmente, avrebbe dovuto essere diretto da Vittorio De Sisti, un regista che aveva fatto opere commerciali in precedenza [Inghilterra Nuda, Fiorina la vacca]. Mentre stavamo scrivendo, ci accorgemmo però che si stavano toccando temi molto molto delicati, e che la censura quasi sicuramente avrebbe sequestrato un film del genere. Allora proposi a Cesare Lanza, il direttore della Euro International, che finanziava il film, di rivolgerci per la regia a Sergio Citti, del quale mi aveva molto colpito Storie Scellerate del 1973. Lanza accolse la mia proposta e portò il copione a Pier Paolo Pasolini, per chiedergli se potesse convincere Citti a dirigere il film. Pasolini lesse la sceneggiatura, ma non gli piacque.

Fu allora che conobbe Pier Paolo Pasolini giusto?

Si. Pasolini disse a Lanza che gli sarebbe piaciuto leggere personalmente Le centoventi giornate di Sodoma di de Sade, ma che non riusciva a trovarlo in giro. Mi offrii così volontario per portargliene una copia. Mi recai in via Eufrate 9, suonai il campanello e venne ad aprirmi Pasolini. Lui mi chiese dove lo avessi preso e chi fossi. Gli risposi che era uno degli sceneggiatori che aveva bocciato. Dopo aver scoperto di essere un mio concittadino, mi invitò ad entrare in casa sua, fu molto gentile. Era una dimora semplice, come quella di un impiegato qualsiasi, e ci viveva con la madre e la nipote. Mi fece accomodare e cercai di impietosirlo, di piacergli, spiegandogli quanto significasse per me quella sceneggiatura. Fu allora che mi chiese se sarei stato disposto ad aiutarli qualora avessero deciso di riscriverla, visto che io avevo studiato a lungo de Sade. Naturalmente accettai. Da lì partì la collaborazione con Pasolini e Citti, con quest’ultimo che doveva essere sempre il regista. Due volte alla settimana andavo a queste riunioni a casa di Pier Paolo Pasolini e fu un’esperienza tremenda, tremenda. Lui mi diede un’edizione dei Meridiani tutta sottolineata di I fiori del male, così che potessi interpolare nel copione di Salò i versi di Charles Baudelaire. Lui diceva cosa voleva – lo sapeva perfettamente – e io scrivevo. Per me, che sono molto cattolico, fu incredibilmente difficile scrivere questa sceneggiatura, ma ero così onorato di fare un film con lui che sorvolai. Senza contare che mi pagavano molto bene e io avevo bisogno di soldi all’epoca.

Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975) filmPupi Avati rivela però anche qualche momento divertente della storia delle origini di Salò o le 120 giornate di Sodoma:

Fu divertente, perché nonostante parlassimo di coprofagia e di violenza estrema, nell’altra stanza della casa c’era la madre di Pier Paolo che ci chiedeva come avrebbe dovuto cucinare le melanzane per cena! [ride]

Tornando serio, il regista parla quindi delle intenzioni di Pier Paolo Pasolini:

Lui voleva fare un film definitivo, mortuario, come il Requim di Mozart. Quasi una premonizione. Tanto che pensai che volesse chiudere la sua carriera con Salò o le 120 giornate di Sodoma. Era un film eccessivo, andava oltre la dismisura. Per quanto lui fosse una persona carina e affettuosa, il film era molto negativo già sulla carta e nella sua testa. E fu l’ultimo film in effetti, che lui non vide nemmeno mai finito. Comunque, quando finimmo la stesura del copione, la Euro International fallì e questo pregiudicò la realizzazione del film ovviamente.

Poi cosa successe?

Un paio d’anni dopo, in un ristorante di Roma, avevo appena girato La mazurka del barone, della santa e del fico fiorone con Ugo Tognazzi e Paolo Villaggio, vidi a un tavolo Pier Paolo Pasolini con Laura Betti. Mi avvicinai per salutarli e gli chiese cosa stesse facendo in quel momento. Mi rispose che avrebbe dovuto girare un film sulla vita di San Paolo con Marlon Brando, che tuttavia non si sarebbe più fatto. Così gli proposi di dirigere Salò o le 120 giornate di Sodoma. Allora, gli riportai la vecchia sceneggiatura e la lasciai lì a casa sua. Non ne seppi più nulla per oltre un mese, fino a quando mi contattarono degli avvocati del produttore Alberto Grimaldi, dicendomi che volevano parlarmi. Mi recai allora in questo studio legale, dove mi spiegarono che Grimaldi avrebbe appunto voluto produrre Salò o le 120 giornate di Sodoma, solo che la sceneggiatura era finita dentro alla situazione fallimentare della Euro e quindi non avrebbero potuto usare quei credits, tra i quali figurava naturalmente il mio nome. Se fossi stato disposto a rinunciarvi, mi avrebbe pagato un’altra volta la sceneggiatura. Ovviamente accettai! [ride]

Pier Paolo Pasolini in Salò o le 120 giornate di Sodoma (1975) setRispetto alla sceneggiatura, ci sono differenze con il film visto poi al cinema?

Dunque, un giorno venne da me Walter Siti, colui che si è occupato dell’opera completa di Pasolini per i Meridiani, che mi portò la sceneggiatura usata sul set dalla segretaria di edizione e vidi che non era esattamente la mia. Infatti, notai che c’era un puntino dopo il numero della pagina, mentre io lo scrivevo – erroneamente – prima. Questo significa che venne certamente ribattuta. Scorrendola, comunque, era grossomodo la stessa, quindi i cambiamenti sono stati minimi su carta. Ricordiamo poi che Pier Paolo Pasolini, come tutti i registi, i cambiamenti più grossi li faceva sul set. Ad ogni modo, nonostante io non sia accreditato, tutti ormai sanno che il copione è mio. 

A margine dell’intervista, Pupi Avati ha risposto anche ad un altro grande mistero che lo riguarda, inerente al fantomatico documentario Un Gelato al Limòn, di cui non ci sono tracce:

Si, era incentrato su Paolo Conte. Lo seguii per una settimana ad Asti. Lo cerco disperatamente. Lo girai per la RAI, ma forse lo hanno cancellato.

Di seguito il trailer di Salò o le 120 giornate di Sodoma:

Paolo Bonacelli
Giorgio Cataldi
Umberto Paolo Quintavalle
Aldo Valletti
Hélène Surgère
Sonia Saviange
Sergio Fascetti
Bruno Musso
Franco Merli
Rinaldo Missaglia
Giuseppe Patruno
Guido Galletti
Efisio Etzi
Claudio Troccoli
Fabrizio Menichini
Maurizio Valaguzza
Ezio Manni
Caterina Boratto
Elsa De Giorgi
Graziella Aniceto
Giuliana Melis
Faridah Malik
Graziella Aniceto
Renata Moar
Dorit Henke
Antiniska Nemour
Benedetta Gaetani
Olga Andreis
Ines Pellegrini
Horror & Thriller

Motherless Brooklyn – I Segreti di una città | Recensione del film noir di – e con – Edward Norton

di William Maga

La star 50enne porta al cinema l'adattamento del romanzo di Jonathan Lethem, mantenendosi estremamente ligio agli stilemi del genere noir e catalizzando su di se tutta l'attenzione

Leggi
Horror & Thriller

Dove la terra trema | Recensione del film di Wash Westmoreland con Alicia Vikander (su Netflix)

di William Maga

Il regista dirige l'adattamento del romanzo di Susanna Jones, optando per uno 'studio del personaggio' piuttosto che su un thriller ossessivo in senso classico

Leggi
countdown film horror 2019
Horror & Thriller

Countdown | Recensione del film horror di Justin Dec con la App che predice l’ora della morte

di William Maga

Il regista pesca da Final Destination e da The Ring per costruire una malandata opera derivativa PG-13 che spaventa poco e diverte meno

Leggi
VERTIGO - LA DONNA CHE VISSE DUE VOLTE di Alfred Hitchcock
Horror & Thriller

Trailer per La donna che visse due volte: nei cinema l’edizione 4K del classico di Alfred Hitchcock

di Redazione Il Cineocchio

Il film del 1958 con Kim Novak e James Stewart è pronto a stupire nuovamente gli spettatori italiani dopo il restauro per i 60 anni

Leggi
curon serie netflix
Horror & Thriller

Curon: teaser, trama e cast per la serie mistery di Netflix girata sul Lago di Resia

di Redazione Il Cineocchio

L'evocativo campanile sommerso del XIV secolo fa da scenario allo show originale scritto da Ezio Abbate (Suburra - La serie)

Leggi
Horror & Thriller

Red band trailer per A Million Little Pieces: la rehab e irta di allucinazioni per Aaron Taylor-Johnson

di Redazione Il Cineocchio

Nell'adattamento del controverso romanzo di James Frey 'In un milione di piccoli pezzi' ci sono anche Giovanni Ribisi, Juliette Lewis e Charlie Hunnam

Leggi
stefano cardoselli Hellraiser Il Tributo
Horror & Thriller

Esclusivo | Stefano Cardoselli ci parla dei disegni per Hellraiser: Il Tributo, sequel di Schiavi dell’Inferno di Clive Barker

di Alessandro Gamma

L'artista toscano ha realizzato 6 illustrazioni a colori per l'edizione da collezione a tiratura limitata della novella scritta da Mark Alan Miller

Leggi
Horror & Thriller

Dossier | Sarah Connor e Laurie Strode: la riscossa delle eroine che invecchiano ma non mollano

di Sabrina Crivelli

Superati i 60 anni, Linda Hamilton e Jamie Lee Curtis sono ritornate sulle scene per i nuovi capitoli di Terminator e di Halloween, le saghe che hanno lanciato le rispettive carriere, per dimostrare che l'età non è un limite per chi nasce final girl

Leggi
shining versione estesa + annabelle 3 home video
Horror & Thriller

Recensione home video | Shining – Versione Estesa 4K (BD) + Annabelle 3 (DVD)

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni del classico di Stanley Kubrick del 1980 più lungo di 25 minuti e dell'horror sulla bambola malefica diretto da Gary Dauberman

Leggi
l'immortale film marco d'amore 2019
Horror & Thriller

Full trailer per L’immortale – Il Film, spin-off di Gomorra sul redivivo Ciro Di Marzio

di Redazione Il Cineocchio

Questa volta Marco D'Amore ha fatto tutto da solo, scrivendo la sceneggiatura, recitando e firmando la sua prima regia

Leggi
sono solo fantasmi film 2019
Horror & Thriller

Sono Solo Fantasmi | Recensione del film di – e con – Christian De Sica

di Alessandro Gamma

Carlo Buccirosso e Gianmarco Tognazzi sono i comprimari di un'opera che sotto il becero velo del fu cinepanettone nasconde un inaspettato omaggio alla figura paterna di Vittorio De Sica

Leggi
buffy l'urlo
Horror & Thriller

Sarah Michelle Gellar su Buffy: “Vi rivelo i miei 3 episodi favoriti della serie”

di Redazione Il Cineocchio

L'interprete della 'cacciatrice' nell'amato show di Joss Whedon ha ricordato anche i momenti più complicati del lavoro sul set

Leggi
Horror & Thriller

Recensione libro + Intervista | L’occhio del testimone – Il cinema di Lucio Fulci di Michele Romagnoli

di Alessandro Gamma

Un volume che ripercorre i retroscena di oltre 30 anni di cinema italiano popolare raccontati con onestà e disillusione dal 'terrorista di generi' che li ha affrontati e plasmati in modo indelebile coi suoi film

Leggi
stomach castle freak abrakadabra dvd
Horror & Thriller

Recensione DVD | Stomach + Castle Freak + Abrakadabra

di Redazione Il Cineocchio

Esaminiamo da vicino le edizioni italiane del viscerale horror di Alex Visani, del film di Stuart Gordon del 1995 e dell'omaggio al giallo anni '70 di Luciano e Nicolás Onetti

Leggi
Horror & Thriller

Trailer per Fantasy Island: la magica Fantasilandia trasforma i desideri in incubi di morte

di Redazione Il Cineocchio

Il film di Jeff Wadlow prodotto dalla Blumhouse stravolge l'assunto alla base della serie anni '80 con Ricardo Montalbán, portando Maggie Q, Lucy Hale e Michael Rooker su un'isola piena di trappole letali

Leggi
Depeche Mode: Spirits in the Forest

Depeche Mode: Spirits in the Forest

21-11-2019

Aspromonte - La terra degli ultimi

Aspromonte - La terra degli ultimi

21-11-2019

Countdown

Countdown

21-11-2019

RECENSIONE

Cetto c'è, senzadubbiamente

Cetto c'è, senzadubbiamente

21-11-2019

The Lodge

The Lodge

21-11-2019

RECENSIONE

Light of My Life

Light of My Life

21-11-2019

RECENSIONE

L'ufficiale e la spia

L'ufficiale e la spia

21-11-2019

RECENSIONE

Citizen Rosi

Citizen Rosi

18-11-2019

The Report

The Report

18-11-2019

Come se non ci fosse un domani

Come se non ci fosse un domani

14-11-2019

Sono solo fantasmi

Sono solo fantasmi

14-11-2019

RECENSIONE

Gamberetti per tutti

Gamberetti per tutti

14-11-2019

The Bra - Il reggipetto

The Bra - Il reggipetto

14-11-2019

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

Ailo - Un'avventura tra i ghiacci

14-11-2019

Pupazzi alla riscossa

Pupazzi alla riscossa

14-11-2019

Le Mans '66 - La grande sfida

Le Mans '66 - La grande sfida

14-11-2019

Zombieland - Doppio colpo

Zombieland - Doppio colpo

14-11-2019

RECENSIONE

Gli uomini d'oro

Gli uomini d'oro

07-11-2019

La belle époque

La belle époque

07-11-2019

Le ragazze di Wall Street - Business Is Business

Le ragazze di Wall Street - Business Is Business

07-11-2019

La famosa invasione degli orsi in Sicilia

La famosa invasione degli orsi in Sicilia

07-11-2019

Attraverso i miei occhi

Attraverso i miei occhi

07-11-2019

Motherless Brooklyn - I segreti di una città

Motherless Brooklyn - I segreti di una città

07-11-2019

RECENSIONE

Parasite

Parasite

07-11-2019

RECENSIONE

Una canzone per mio padre

Una canzone per mio padre

07-11-2019

Deep - Un'avventura in fondo al mare

Deep - Un'avventura in fondo al mare

07-11-2019