Home » Cinema » Horror & Thriller » Meir Zarchi ha terminato il sequel del suo I Spit On Your Grave (aka Non violentate Jennifer)

Meir Zarchi ha terminato il sequel del suo I Spit On Your Grave (aka Non violentate Jennifer)

12/11/2015 news di Redazione Il Cineocchio

Il regista di origine israeliana è tornato sul set assieme a Camille Keaton per girare il seguito ufficiale del suo 'rape&revenge' di culto del 1978

Mentre la Anchor Bay continua a distribuire i seguiti del remake del 2010, il regista dell’originale I spit on your grave (in Italia, Non violentate Jennifer) Meir Zarchi ha terminato le riprese del suo personale sequel.

Trentasette anni dopo l’uscita del controverso classico di culto del 1978 I Spit On Your Grave, Camille Keaton si è è riunita a Zarchi per riprendere il suo ruolo di Jennifer Hills in un nuovo capitolo, I Spit On Your Grave: Deja Vu.

Il film è l’unico seguito che condivide i personaggi e la continuity con l’originale cinematografico del 1978 Day of the Woman a.k.a. I Spit On Your Grave.

Questa la trama ufficiae:

Dopo il brutale stupro, Jennifer ha scritto un racconto best seller del suo calvario e del controverso processo in cui è stata accusata di aver piegato la Legge e aver spietatamente ucciso i suoi assalitori. Nella piccola città dove lo stupro e la vendetta hanno avuto luogo i parenti dei quattro stupratori uccisi sono però furiosi, poichè il giudice ha dichiarato non colpevole la ragazza, e così decidono di farsi giustizia con le proprie mani. 

La storia di I Spit On Your Grave si ispira all’esperienza diretta di Meir Zarchi, che un giorno incontrò la vittima adolescente di uno stupro e immaginò come una donna in questa situazione potrebbe pianificare la propria vendetta.

In questo nuovo capitolo, Jennifer Hills sarà affiancata dalla figlia Christy (Jamie Bernadette) e da numerosi nuovi personaggi, tra cui Maria Olsen, che interpreta il ruolo della moglie di Johnny, il benzinaio castrato da Jennifer, Jim Tavare, che sarà Herman, il cui figlio Matthew è stato impiccato da Jennifer, e poi Jonathan Peacy, Jeremy Ferdman, Holgie Forrester, Roy Allen e Alexandra Kenworthy.

“Ho sempre sperato che Camille Keaton ritornasse per continuare la saga di Jennifer Hills”, ha detto Zarchi. “Tornare a lavorare con Camille sul sequel è stata un’esperienza surreale, quasi un deja-vu“.

Prodotto da Terry Zarchi e Jan O’Connell, I Spit On Your Grave: Deja Vu è attualmente in fase di post-produzione.

Qui sotto potete vedere alcune immagini dal set

Camille-Keaton-In-I-Spit-On-Your-Grave-Deja-Vu1-1024x574

Meir-Zarchi-Jamie-Bernadette-on-the-set-of-ISOYG-Deja-Vu-1024x576

Terry-Zarchi-Producer-Meir-Zarchi-Director-and-Pedja-Radenkovich-DP-1024x847

Fonte: BD

The toll main
Horror & Thriller

The Toll | La recensione del film horror di Michael Nader (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Jordan Hayes e Max Topplin sono i protagonisti di un'opera che gioca con gli stereotipi del genere, divertendosi a spiazzare con le aspettative del pubblico

Leggi
Post Mortem-3
Horror & Thriller

Post Mortem | La recensione del film horror di Péter Bergendy (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Un'ambientazione ungherese primo novecentesca molto suggestiva viene sprecata da una regia che opta per effetti speciali bizzarri e da una sceneggiatura troppo vaga

Leggi
lockdown all'italiana film ezio greggio 2020
Azione & Avventura

Lockdown all’italiana | La recensione del film (poco comico) di Enrico Vanzina

di Giovanni Mottola

Il regista, qui all'esordio dietro alla mdp, rivendica giustamente il diritto alla commedia, ma non ne assolve al dovere, realizzando un'opera che non fa ridere mai

Leggi
the haunting of bly manor serie 2020 fantasma
Horror & Thriller

The Haunting of Bly Manor: un video svela tutti i fantasmi nascosti negli episodi

di Redazione Il Cineocchio

Anche per la seconda stagione dello show di Netflix, Mike Flanagan ha celato in bella vista molti spettri

Leggi
the banishing film 2020 horror
Horror & Thriller

The Banishing | La recensione del film horror di Christopher Smith (Sitges 53)

di Sabrina Crivelli

Il regista inglese si cimenta con la ghost story con diligenza, ma seguendo un po' troppo strade già battute

Leggi