Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione Sitges 51 | 7 sconosciuti a El Royale di Drew Goddard

6/10 su 271 voti. Titolo originale: Bad Times at the El Royale, uscita: 04-10-2018. Regista: Drew Goddard.

Recensione Sitges 51 | 7 sconosciuti a El Royale di Drew Goddard

di Sabrina Crivelli

Il regista dell'arguto 'Quella Casa nel Bosco' torna dietro alla mdp per un thriller alla Tarantino dal sapore 60s, che gioca con gli stereotipi ma finisce per essere troppo derivativo

Quando dopo più di un lustro, il regista di Quella casa nel bosco, Drew Goddard, ha annunciato il ritorno sulle scene con 7 sconosciuti a El Royale (Bad Times at the El Royale), l’interesse e le aspettative dei fan dell’acuto horror del 2012 non hanno tardato a diffondersi. Purtroppo però, il nuovo film non riesce ad eguagliare per sagacia il predecessore, che riusciva ad affrontare con una prospettiva inedita e assai ironica gli stereotipi del genere. A scanso di ogni possibile fraintendimento, ciò non vuol dire che si tratti, in assoluto, di qualcosa di mal riuscito, semplicemente delude se comparato a quanto venuto prima, anche se si tratta di qualcosa di completamente differente.

7 sconosciuti a El Royale si apre con un breve quanto misterioso preambolo: un uomo arriva in una camera d’albergo, lo osserviamo mentre scolla la moquette e sposta i mobili, poi nasconde qualcosa sotto le assi del pavimento e rimette tutto al suo posto. D’improvviso bussano alla porta, lui apre e … Stacco. Sono passati diversi anni, siamo alla fine degli anni 1960, una donna di colore, Darlene Sweet (Cynthia Erivo) arriva all’hotel El Royal, s’imbatte in un prete, Padre Daniel Flynn (Jeff Bridges), e insieme entrano nella hall dell’albergo, dove incontrano il fastidioso, quanto logorroico, Laramie Seymour Sullivan (Jon Hamm). Dopo diversi minuti d’attesa e qualche tazza di caffé finalmente si manifesta l’addetto all’accoglienza degli ospiti, Miles Miller (Lewis Pullman), che è anche responsabile del bar e – probabilmente – unico impiegato della struttura. Mentre questi è intento ad assegnare le stanze agli ospiti, sopraggiunge una hippie di nome Emily Summerspring (Dakota Johnson), dal fare assai scontroso. Sin dall’apertura è palese: tutti i personaggi celano oscuri trascorsi che li hanno condotti in quel luogo e un segreto, in alcuni casi addirittura un’identità nascosta. Dove sta andando Darlene? Padre Flynn è davvero un religioso? Cosa nascondono Laramie e Emily?

Ancora una volta, seppur in modo meno efficace, Drew Goddard (lui stesso autore della sceneggiatura) gioca con le aspettative del pubblico, con molteplici colpi di scena, inversioni di rotta e rivelazioni sui protagonisti. I diversi punti di vista si incrociano e sono gradualmente convogliati in un unico momento clou, un omicidio; al contempo, la storia è divisa in diversi capitoli, collocati ognuno in una specifica stanza e dedicato al retroscena del rispettivo inquilino. Ciascuno di essi aggiunge così un tassello per svelare il mistero dietro alle sue peculiari azioni e porta un passo più vicini all’epilogo, che prevede l’arrivo di un inaspettato e sexy ‘deus ex machina’ (Chris Hemsworth) direttamente da uno dei flashback, il quale però, invece che salvare la situazione, porta alla sua degenerazione. E’ un gioco di specchi (in tutti i sensi …), un racconto labirintico in cui nulla è ciò che sembra e anche i crimini peggiori potrebbero celare buone intenzioni. Infine, a incrementare l’incertezza ci sono le circostanze che concernono l’albergo del titolo, struttura di lusso letteralmente costruita sopra confine tra California e Nevada caduta poi in disgrazia, in cui si sono consumati diversi crimini e non solo.

7 sconosciuti a El Royale è indubbiamente ben congegnato, la macchina narrativa e i molteplici passaggi si incastrano perfettamente tra loro, eppure, come anticipato, manca quella folgorante originalità sfoggiata in precedenza. Al contrario, qui la sensazione è di essere di fronte a un eccessivamente lungo (oltre 140′) rimaneggiamento di modelli celebri, uniti tra loro per creare un racconto ritmato e coinvolgente, ma sicuramente non inedito. Sembra, anzi, che l’impalcatura diegetica unitaria e costruita per digressioni di Rashomon (sono peraltro presentati 4 ospiti dell’albergo, come i 4 testimoni del film di Akira Kurosawa) sia stata fusa con l’atmosfera da giallo e con l’idea alla base di Dieci piccoli indiani, per poi essere collocata nella location e declinata nella struttura a episodi di Four Rooms (ma Drew Goddard ha guardato certamente anche ad altri lavori di Quentin Tarantino, come l’ingombrante Pulp Fiction e il recente The Hateful Eight) di cui viene richiamato parecchio anche lo humor, specialmente nella prima parte (poi un tono più serio e drammatico prende il sopravvento). Miles in particolare risente dell’influsso del farsesco fattorino Ted (interpretato da Tim Roth), che però aveva tutt’un altro potenziale comico. D’altra parte, del cult antologico non sono sfortunatamente replicati né la verve dei dialoghi, né la fantasia nell’ideare i singoli episodi e neppure l’accuratezza nel tratteggiare in pochi tocchi e pochi minuti i personaggi in maniera indimenticabile.

Diversamente, in 7 sconosciuti a El Royale i protagonisti sono decisamente stereotipati, tipi americani come l’hippie, il prete, la cantante blues (salvata dalla bellissima voce di Cynthia Erivo più che dal copione), il commesso viaggiatore sbruffone, il fattorino factotum, ognuno è legato un ruolo prototipico e ad una serie di tratti predeterminati, ma quasi nessuno è ciò che dice di essere, o come appare. Il meccanismo è quindi simile a quello utilizzato in Quella casa nel bosco, vengono mostrati una serie di elementi convenzionali – in questo caso nella caratterizzazioni degli ospiti – per poi infrangere le aspettative che suscitano e mostrare una diversa verità. La coerenza sussiste, ma si perdono per la strada le sfumature. Non c’è in questo caso alcuna profondità nel delineare le psicologie, le vicende di ciascuno. Alcuni di loro, come Darlene e Padre Flynn ottengono un miglior trattamento, seppur non particolarmente soddisfacente, ma altri, come Laramie e Emily sono solo latamente abbozzati, meri ingranaggi dello sviluppo diegetico e nulla più. Nella fattispecie, nel flashback concernente la misteriosa ragazza incarnata da Dakota Johnson (la cui performance è la meno entusiasmante del mazzo) mancano parecchi passaggi e ne vengono messi in scena solo alcuni salienti – nemmeno in modo tanto memorabile; ancor più a uno spettro del passato suo e della sorella (Cailee Spaeny), essenziale per la trama, non viene data la giusta consistenza.

In conclusione, di 7 sconosciuti a El Royale – che arriverà nei nostri cinema il 25 ottobre – si apprezzano indubbiamente la capacità affabulatoria e la luccicante messa in scena (la superficie insomma) e affascinante è la minuziosa ricostruzione architettonica d’epoca, con gli interni dai toni dell’ocra e del rosso con tocchi di blu e di rosa (i set costruiti da Hamish Purdy e i costumi di Danny Glicker potrebbero finire giustamente tra le prossime nomination agli Oscar), ma se si scava al di sotto della patina dorata dello stile di Drew Goddard per cercare qualcosa di consistente si finirà per rimanere a mani vuote.

Di seguito trovate il trailer ufficiale italiano:

Jungle Virgin Force + Il Mostro Delle Yucca Flats + Snowbeast + L'Attacco Delle Sanguisughe Giganti dvd
Horror & Thriller

Recensione DVD | Jungle Virgin Force + Il Mostro Delle Yucca Flats + Snowbeast + L’Attacco Delle Sanguisughe Giganti

di
Redazione Il Cineocchio

Scopriamo da vicino le edizioni italiane del folle horror indonesiano, del monster movie con Tor Johnson, del creature-feature scritto da Joseph Stefano e del film prodotto da Roger Corman

Leggi
la notte dei demoni 1988 film
Horror & Thriller

Il trailer di The Party’s Just Begun! esplora la saga di La Notte dei Demoni

di
Redazione Il Cineocchio

Presto un documentario che esaminerà i 4 film della saga horror iniziata nel 1988 da Kevin S. Tenney, con interviste e materiale inedito

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di The Intruder, Dennis Quaid alza l’ascia contro una coppia di sposini

di
Redazione Il Cineocchio

Nel thriller di Deon Taylor, l'attore impazzisce alla maniera di Jack Torrance e se la prende con Michael Ealy e Meaghan Good

Leggi
Mia Wasikowska piercing film
Horror & Thriller

Nel trailer di Piercing, Mia Wasikowska è una escort con tendenze sadomasochiste

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista del disturbante The Eyes of My Mother torna sulle scene con l'adattamento di un romanzo di Ryu Murakami in cui troviamo anche Christoper Abbott

Leggi
true blood poster serie
Horror & Thriller

Alan Ball su True Blood: “Scartammo Jennifer Lawrence al provino”

di
Redazione Il Cineocchio

Il creatore della serie fanta-horror non solo ha rivelato il retroscena e discusso le motivazioni, ma ha menzionato anche due altri nomi celebri - futuri candidati all'Oscar - che vennero chiamati a leggere le parti principali

Leggi
Horror & Thriller

Io sono Valentina Nappi in DVD a tiratura limitata, con il corto Queen Kong

di
Redazione Il Cineocchio

Arriva sul mercato italiano il cofanetto che raccoglie i due lavori dell'attrice hard con la regista Monica Stambrini

Leggi
Amy Adams in Animali Notturni (2016)
Horror & Thriller

Animali Notturni: spieghiamo il doppio finale del noir di Tom Ford

di
Redazione Il Cineocchio

Cerchiamo di far luce sugli ultimi istanti del film per capire cosa abbia voluto dire il regista col comportamento dei due protagonisti interpretati da Jake Gyllenhaal e Amy Adams

Leggi
Horror & Thriller

Recensione | The Farm di Hans Stjernswärd

di
William Maga

Ennesimo horror rurale che, invece di illustrare il suo originale messaggio animalista, decide di puntare sui soliti cliché abusati e su scelte di sceneggiatura incomprensibili

Leggi
cam film netflix Madeline Brewer
Horror & Thriller

Decifriamo il finale di CAM coi creatori Daniel Goldhaber e Isa Mazzei

di
Redazione Il Cineocchio

Il sexy thriller ambientato nel mondo delle camgirl sul pericolo del furto di identità lascia più di un dubbio negli spettatori. Scopriamo insieme qual è il significato del film con Madeline Brewer distribuito da Netflix

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di The Informer, Joel Kinnaman va in prigione conteso da mafia e FBI

di
Redazione Il Cineocchio

Nell'adattamento del romanzo crime Tre Secondi troveremo anche Rosamund Pike, Clive Owen, Common e Ana de Armas

Leggi
Отрыв 2018 film break
Horror & Thriller

Il trailer di Break ci blocca dentro una funicolare sopra un precipizio

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista russo Tigran Saakyan esordisce dietro alla mdp con un thriller che abbandona i suoi protagonisti sospesi nel vuoto alla vigilia di Capodanno

Leggi
Madeline Brewer in Cam (2018) film
Horror & Thriller

Recensione | CAM di Daniel Goldhaber

di
William Maga

L'esordio del regista è una sexy e angosciante discesa nella follia paranoica della camgirl Madeline Brewer, dove la brama di follower porta allo smarrimento del vero io

Leggi
pascal laugier sitges 2018
Horror & Thriller

Intervista esclusiva | Pascal Laugier su Hellraiser: “William Burroughs e S&M nella mia sceneggiatura scartata”

di
Alessandro Gamma

Il regista ci ha parlato dei progetti per il suo reboot poi saltato, del rapporto coi fratelli Weinstein e della fedeltà all'opera di Clive Barker

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di Burning Shadow un uomo incontra il suo doppelgänger

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista e sceneggiatore Alex Nahon debutta al lungometraggio con un film fanta-horror che intende omaggiare il genio di David Lynch e David Cronenberg

Leggi
ant head video david lynch formiche
Horror & Thriller

Cortometraggio | Formaggio e formiche in Ant Head di David Lynch

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista di Missoula regala ai suoi fan un bizzarro mix di immagini e musica in un video che presenta Thought Gang, album realizzato con Angelo Badalamenti

Leggi
Il vizio della speranza

Il vizio della speranza

T. originale: Il Vizio della speranza

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 0 su 1 voti
Upgrade

Upgrade

T. originale: Upgrade

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 7 su 658 voti

RECENSIONE

Morto tra una settimana... O ti ridiamo i soldi

Morto tra una settimana... O ti ridiamo i soldi

T. originale: Dead in a Week (Or Your Money Back)

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 6 su 2 voti
Ralph Spacca Internet

Ralph Spacca Internet

T. originale: Ralph Breaks the Internet

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 9 su 3 voti
Robin Hood - L'origine della leggenda

Robin Hood - L'origine della leggenda

T. originale: Robin Hood

Data di uscita: 22-11-2018

Voto medio: 6 su 3 voti
Almost Nothing - Cern: La Scoperta Del Futuro

Almost Nothing - Cern: La Scoperta Del Futuro

T. originale: Almost Nothing - Cern: Experimental City

Data di uscita: 18-11-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Red Land (Rosso Istria)

Red Land (Rosso Istria)

T. originale: Red Land (Rosso Istria)

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 0 su 0 voti
Cosa fai a Capodanno?

Cosa fai a Capodanno?

T. originale: Cosa fai a Capodanno?

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 6 su 2 voti
Summer

Summer

T. originale: Лето

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 8 su 24 voti
Keepers

Keepers

T. originale: Keepers

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 1 su 1 voti

RECENSIONE

Red Zone - 22 Miglia di Fuoco

Red Zone - 22 Miglia di Fuoco

T. originale: Mile 22

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 5 su 360 voti

RECENSIONE

Animali Fantastici - I crimini di Grindelwald

Animali Fantastici - I crimini di Grindelwald

T. originale: Fantastic Beasts: The Crimes of Grindelwald

Data di uscita: 15-11-2018

Voto medio: 7 su 741 voti

RECENSIONE

Bernini

Bernini

T. originale: Bernini

Data di uscita: 12-11-2018

Voto medio: 6 su 1 voti