Home » Cinema » Horror & Thriller » Recensione dal BIFFF 36 – Downrange di Ryûhei Kitamura

5/10 su 139 voti. Titolo originale: Downrange, uscita: 25-05-2018. Regista: Ryûhei Kitamura.

Recensione dal BIFFF 36 – Downrange di Ryûhei Kitamura

09/04/2018 recensione film di William Maga

Il regista giapponese torna sulle scene ribadendo il suo marchio di fabbrica: splatter estremo e trama ridotta all'osso, per un risultato capace di esaltare gli amanti del cinema indie con pochi fronzoli

Ryûhei Kitamura è noto al pubblico occidentale probabilmente soprattutto per Prossima fermata: l’inferno del 2008 e No One Lives del 2012, entrambi film disperati e piuttosto sanguinari. E il regista giapponese ha deciso di continuare su questa strada, portando ora sugli schermi Downrange, in cui un misterioso cecchino decide di accanirsi su un gruppetto di studenti universitari di passaggio, intrappolandoli sotto una pioggia di proiettili di grosso calibro dietro al loro fuoristrada lungo il ciglio di una strada di campagna isolata.

La trama è grosso modo tutta qui. Downrange è uno scenario più che una storia ‘tipica’. Ed è anche simile nel concept ad altri film, come In linea con l’assassino e il recente The Wall. L’attenzione si concentra sulle vittime e le loro psicologie, mentre il cattivo della situazione resta anonimo. Soprattutto, l’ultima fatica di Ryuhei Kitamura è pensata più o meno esplicitamente per gli appassionati dello splatter estremo, che esplode a sprazzi implacabile e brutale. Potrebbe anche bastare no? Sano divertimento per cacciatori di crani spappolati e ferite aperte da cauterizzare con martelli roventi.

La vicenda è ridotta all’osso dallo sceneggiatore Joey O’Bryan, riducendosi alla gita verso una destinazione ignota di sei ragazzi (tre maschi e tre femmine), che non sanno però molto l’uno degli altri. Sappiamo soltanto che Jodi (Kelly Connaire) deve andare alla festa di compleanno a sorpresa di sua sorella. Una gomma forata improvvisamente li costringe a fermarsi per sostituirla e ad approfondire la conoscenza reciproca. Non si tratta di una foratura comune. Un cecchino (Aion Boyd) ha deciso di prendere di mira il loro veicolo. Nei successivi 80 minuti, tutti quanti – circa … – provano a rimanere al riparo e a pensare a come uscirne indenni. Molto poco viene rivelato dell’implacabile tiratore scelto, delle sue motivazioni o se invece sia un passatempo ‘regolare’ per lui. Alcuni mazzi di fiori e una croce, a lato della strada, suggerirebbero che questa non è la prima volta.

Come detto, la trama è riconducibile più a un’ambientazione, che a una storia in senso classico. Quasi l’intero film è girato attraverso gli occhi delle vittime, tipologie di personaggi abbastanza stereotipati. Il killer viene mostrato solo in alcune brevi sequenze (mimetizzato tra i fitti rami di un albero in lontananza) e comunque quando è già passata la prima ora. Non c’è vera interazione tra il cecchino e le sue prede. Gli scambi vengono tutti comunicati attraverso il foro di uscita della canna del suo fucile. Quindi, la trama è davvero bloccata in folle, almeno fino a quando gli amici rimasti riescono infine a contrattaccare. In ogni caso, Ryuhei Kitamura introduce in questa situazione apparentemente stagnante alcuni sviluppi interessanti – e doverosi. Un’altra macchina si getta a tutta velocità nella mischia, con risultati altamente spettacolari ( e disastrosi …). Inoltre, a un certo punto si palesa persino l’inattesa polizia, ma l’aiuto che fornisce non è esattamente quello che dovrebbe … Gli spettatori non dovrebbero poi aspettarsi chissà quale rivelazione clamorosa alla fine, è bene dirlo. Guardando Downrange, non può poi non tornare facilmente alla mente il thriller del 2002 di Joel Schumacher. Anche qui infatti, i protagonisti sono assolutamente vulnerabili. Non ci sono molti modi per proteggersi dal proiettile di un cecchino, specialmente quando non lo si aspetta. Inoltre, in entrambe le pellicole i personaggi sono bloccati in un preciso luogo o un ambiente. Non c’è alcun altro posto dove andare, a meno che il tiratore non permetta loro di muoversi. Il film di guerra del 2017 diretto da Doug Liman manteneva invece similmente l’assassino fuori dallo schermo, aumentando così la tensione attraverso il non detto. E il mistero, all’interno del Downrange, non viene mai svelato. L’identità del personaggio forse più importante è tenuta per sempre nell’ombra. Tuttavia, c’è una differenza centrale tra questi due titoli precedenti e quello di Kitamura. In In linea con l’assassino e il recente The Wall, l’assassino parla con le sue vittime e le tormenta attraverso il dialogo. Qui no. C’è solamente un lungo ed estenuante silenzio tra il paziente cecchino (che non intende certo rivelare la propria posizione) e il prossimo destinato alla morte.

Ryuhei Kitamura, più di tutto, sa tuttavia come giocare con i suoi fan. Il regista è ben conosciuto – e apprezzato – per il suo gusto visivo altamente gore e anche questa volta non toglie certo il piede dall’acceleratore (anche perchè non ha il problema di un grosso studio alle spalle in produzione). Gli effetti speciali pratici, realizzati dal team leader Matthew Gabriel Wagner e dal make-up artist Jungeun Lee, sono tutti credibili e profondamente gustosi. Un personaggio viene praticamente decapitato da un proiettile. Altri perdono un occhio o parti delle braccia e delle mani. Cervella e sangue inondano l’asfalto, dettagli macabri e viscosi abbondano e ci sono citazioni più o meno dirette al remake di Non Aprite Quella Porta di Marcus Nispel e a Full Metal Jacket di Stanley Kubrick. Downrange – pur non disdegnando qualche momento più intimo e drammatico tra i ragazzi, uniti nella situazione disperata e pronti anche a gesti estremi – predilige senza sforzi il suo lato più smaccatamente esagerato, aggiungendo apprezzabili intuizioni (i telefoni cellulari qui hanno campo e vengono usati con intelligenza) e una dose minima e inaspettata di grottesco – o comunque di dark humor – negli ultimi momenti.

Presentato in anteprima mondiale al Toronto International Film Festival e ora al BIFFF di Bruxelles, è probabile che gli appassionati di film horror indipendenti (il budget si aggira intorno a 1.2 milioni di dollari) dovranno attendere ancora un po’ per vedere in home video o almeno in streaming – magari sulla sempre attenta Netflix – Downrange. La trama richiede una certa pazienza mentre si insinua sullo schermo, ma nel frattempo, un intero assortimento di scenari sanguinolenti farà a intervalli regolari la sua devastante comparsa, mentre i protagonisti lottano strenuamente per schivare le pallottole del cecchino. Un intreccio estremizzato e senza apparente motivazione – siamo pur sempre in un horror di Kitamura -, ma non per questo meno coinvolgente, che lentamente sviluppa un sadico gioco del gatto col topo in un paesaggio assolato.

Di seguito il trailer originale di Downrange :

Jason Tobias
Graham Skipper
Stephanie Pearson
Alexa Yeames
Kelly Connaire
Rod Hernandez
Anthony Kirlew
Aion Boyd
Eric Matuschek
Ikumi Yoshimatsu
antlers film cooper
Horror & Thriller

Trailer finale per Antlers, monster movie con Keri Russell prodotto da Guillermo del Toro

di Redazione Il Cineocchio

Nel film horror scritto da Nick Antosca e diretto da Scott Cooper (Il fuoco della vendetta) c'è anche Jesse Plemons

Leggi
the lodge film severin fiala 2019
Horror & Thriller

Trailer italiano e data d’uscita per The Lodge, snervante horror innevato con Riley Keough

di Redazione Il Cineocchio

I registi Severin Fiala e Veronika Franz (Goodnight Mommy) tornano sulle scene con un film acclamato al Sundance, tra i cui protagonisti c'è anche Alicia Silverstone

Leggi
the grudge film 2020 pesce
Horror & Thriller

Trailer red band per The Grudge: Nicolas Pesce rilancia la maledizione col suo reboot

di Redazione Il Cineocchio

A 10 anni dall'ultimo film, la saga horror nata nel 2004 riparte da zero con Lin Shaye, John Cho e Demian Bichir

Leggi
ammazzavampiri film 1985 holland
Horror & Thriller

Recensione story | Ammazzavampiri di Tom Holland

di Sabrina Crivelli

Nel 1985 usciva nei cinema il film con Chris Sarandon, William Ragsdale e Amanda Bearse, dissacrante horror comedy che rileggeva il mito dei succhiasangue

Leggi
the conjuring 3 film
Horror & Thriller

Trama per The Conjuring: The Devil Made Me Do It, terzo film della saga horror

di Redazione Il Cineocchio

Patrick Wilson e Vera Farmiga saranno alle prese con uno dei casi più sconvolgenti della carriera paranormale dei coniugi Warren

Leggi
Ian Somerhalder in V-Wars serie netflix 2019
Horror & Thriller

V Wars (Stagione 1) | Recensione della serie Netflix con Ian Somerhalder

di William Maga

La saga horror dello scrittore Jonathan Maberry arriva sul piccolo schermo in una trasposizione modesta, che apre troppe sottotrame senza chiuderle e si crogiola nei cliché del genere

Leggi
Horror & Thriller

Dead Trigger | Recensione del film di zombi con Dolph Lundgren

di Francesco Chello

Il biondo attore svedese è lo svogliato protagonista dell'adattamento poverissimo e mediocre dell'omonimo fortunato videogioco survival horror

Leggi
Horror & Thriller

Insidious: L’ultima chiave | La recensione del film horror di Adam Robitel

di Sabrina Crivelli

Lin Shaye è - ancora una volta - la protagonista di questo quarto capitolo prequel, che punta su cliché ampiamente abusati e su una trama piuttosto raffazzonata

Leggi
io sono leggenda matheson libro
Horror & Thriller

Riflessione | Richard Matheson e Io Sono Leggenda: la fascinazione dell’umanità per la pandemia

di Redazione Il Cineocchio

Sessantacinque anni fa, nel 1954, veniva dato alle stampe il romanzo fanta-horror che avrebbe dato vita a svariati lungometraggi, confermando nel tempo la sua assoluta attualità. Ma l'atavica paura là descritta è ricorrente nel corso della Storia

Leggi
train to busan film
Horror & Thriller

Peninsula: concept art e trama per il sequel di Train to Busan

di Redazione Il Cineocchio

Dopo il clamoroso successo nel 2016, il regista sudcoreano Yeon Sang-ho promette un film più disperato e feroce

Leggi
the outsider serie 2020 hbo Ben Mendelsohn
Horror & Thriller

Full trailer per The Outsider, serie HBO che adatta ‘benissimo’ il romanzo (secondo Stephen King)

di Redazione Il Cineocchio

Ben Mendelsohn e Jason Bateman guidano il cast dell'adattamento TV del recentissimo romanzo poliziesco / soprannaturale del prolifico scrittore del Maine

Leggi
Horror & Thriller

Dark Skies – Oscure Presenze | La recensione del film di Scott Stewart

di Francesco Chello

Josh Hamilton e Keri Russell sono i protagonisti di un prodotto dal budget contenuto ma ben orchestrato e teso, che mescola sapientemente angosce terrene e classico schema da fanta-horror

Leggi
Damballa Bond The Chucky Effect
Horror & Thriller

La Bambola Assassina: The Last Christmas Story e Damballa Bond sono i corti approvati da Don Mancini

di Redazione Il Cineocchio

C'è il regista messicano Rod Schneider dietro alla duplice lettera d'amore per la saga slasher nata nel 1988

Leggi
locke and key fumetto
Horror & Thriller

Locke and Key: poster, cast e data di uscita per la serie Netflix tratta dal fumetto di Joe Hill

di Redazione Il Cineocchio

C'è Carlton Cuse alla guida dell'adattamento in live action con protagonisti Darby Stanchfield e Jackson Robert Scott

Leggi
messiah serie netflix 2020
Horror & Thriller

Trailer per Messiah (serie Netflix): Michelle Monaghan alle prese con il nuovo Salvatore dell’umanità

di Redazione Il Cineocchio

L'attrice dovrà capire se Mehdi Dehbi è davvero il figlio di Dio o un impostore nello show originale diretto da James McTeigue e Kate Woods

Leggi
Escher - Viaggio nell'Infinito

Escher - Viaggio nell'Infinito

16-12-2019

Il primo Natale

Il primo Natale

12-12-2019

Black Christmas

Black Christmas

12-12-2019

Nancy

Nancy

12-12-2019

Che fine ha fatto Bernadette?

Che fine ha fatto Bernadette?

12-12-2019

ചോല

ചോല

06-12-2019

Lontano lontano

Lontano lontano

05-12-2019

L'immortale

L'immortale

05-12-2019

Qualcosa di meraviglioso

Qualcosa di meraviglioso

05-12-2019

I passi leggeri

I passi leggeri

05-12-2019

Cena con delitto - Knives Out

Cena con delitto - Knives Out

05-12-2019

RECENSIONE

Il paradiso probabilmente

Il paradiso probabilmente

05-12-2019

L'Inganno perfetto

L'Inganno perfetto

05-12-2019

Western Stars

Western Stars

02-12-2019

I figli del mare

I figli del mare

02-12-2019

RECENSIONE