Home » Cinema » Horror & Thriller » [recensione] Fender Bender di Mark Pavia

5/10 su 44 voti. Titolo originale: Fender Bender, uscita: 23-05-2016. Regista: Mark Pavia.

[recensione] Fender Bender di Mark Pavia

di Redazione Il Cineocchio

Il regista torna a dirigere un film dopo quasi 20 anni, ma il risultato è uno slasher sciapo e uguale a mille altri

Considerando che Fender Bender è il primo film co-prodotto da ChillerTV e Scream Factory, forse bisognerebbe essere un po’ più teneri nelle prossime righe. Ma anche no.

Da quanto si può vedere negli ultimi anni, i film dell’orrore sono molto facili da realizzare (da qui l’enorme quantità), ma incredibilmente difficili da differenziare (da qui l’enorme divario nella qualità all’interno del genere). Chiunque può ricreare delle morti sullo schermo, ma ci vuole abilità per evitare di finire dalle insidiose parti del già visto. Prendete Fender Bender come ultimo esempio, in cui il regista Mark Pavia – lontano dalle scene dal memorabile The Night Flier del 1997 – diluisce un’idea originale con stantii e triti elementi generici da slasher tipici di molte altre pellicole. Alcuni frangenti – per lo più gore – si elevano per qualche momento, ma il risultato della furia di questo misterioso e violento guidatore non è altro che un blando home invasion / slasher wannabe raccontato attraverso una voce debole e timida.

Fender_Bender_Mark_pavia_posterLa giovane Hilary (Makenzie Vega) ha appena ottenuto la patente e sta facendo un giro con la nuova macchina di sua madre. Fermandosi a un incrocio, viene tamponata da un uomo (Bill Sage), che suggerisce di scambiarsi le generalità per risolvere l’incidente senza coinvolgere la polizia. Nervosa e inesperta, Hilary scrive le informazioni necessarie e torna a casa con la cattiva notizia. Sconvolti, i genitori di Hilary decidono allora di non permetterle di seguirli nella vacanza in famiglia che avevano da tempo pianificato. Tutta sola, Hilary comincia a credere che qualcuno la sta osservando – ed è allora che riceve un messaggio sul cellulare dal sinistro guidatore incontrato la mattina. Il tamponamento potrebbe ora avere conseguenze mortali, sia per Hilary che per i due amici che ha chiamato per tenerle compagnia.

Fender Bender dovrebbe nelle intenzioni mandare su di giri i motori dello spettatore, ma in realtà sono ben pochi gli istanti dignitosi in mezzo a un mare di minuti scarsamente ispirati. Quando il killer si presenta in scena a inizio film, la sua peculiare maschera in pelle nera a tema automobilistico accende con una scossa di energia la fantasia. Ci troviamo davanti a un nuovo memorabile villain degno dei migliori slasher, il cui retrogusto BDSM instillerà profonda paura invece di una risata e una presa in giro? No, per nulla.

Tanto velocemente “l’autista” si presenta, quanto la mancanza di informazioni di fondo e un’assurda agilità alla Michael Myers lo rendono nient’altro che un mero imitatore seriale in pelle nera. Per non parlare del modus operandi, quantomeno foriero di numerose perplessità se non si stacca completamente il cervello (tamponare ignare ragazzine solo per ottenere i loro numeri e gli indirizzi di casa e senza che intervenga prima o poi la polizia o la compagnia di assicurazione? Mah). Alla maniera di A Prova di Morte, Sage incarna questo maniaco, che nutre ovviamente oscure intenzioni. Quando cala la notte, si trasforma in un killer silenzioso, la cui maschera con griglia e fanali è l’unico fattore che lo denota smaccatamente. Nessuna personalità eccentrica, nessun incontro memorabile e sicuramente nessuna impressione duratura in chi guarda. Certo lo spazio per un sequel ci sarebbe, ma se queste sono le premesse meglio fermarsi qui.

fender-bender-film-paviaIl problema con Fender Bender è che la regia di Pavia è scontata, prevedibile e forzatamente priva di guizzi. La fotografia poi non fa nulla per abbellire le riprese, anzi rende granuloso l’aspetto di intere scene sulla scorta di quella miriade di horror straight-to-DVD che riempiono i cestoni dei grandi magazzini a prezzi scontati. Hai a disposizione un killer che dà l’idea di essere l’incarnazione del Male, ma anche una storia che si trascina stancamente senza pericolo – e che certamente non fa paura. Sappiamo bene che il guidatore sta tornando per spiare Hilary, così come sappiamo che i suoi amici moriranno, e tuttavia non viene fatto nulla per rendere tale avventura almeno un po’ interessante.

Venendo alle uccisioni ‘raccapriccianti’, SPOILER quella della biondissima Dre Davis diventa facilmente l’apice in mezzo alle misere coltellate che elargisce qua e là Fender Bender. Il suo personaggio, Rachel, ha la sfortunata fortuna di essere scoperta dal “driver” (dopo aver provato a combatterci), sopravvivere alla caduta da una finestra del secondo piano, ma non a evitare alla fine di essere investita come un riccio che attraversa la carreggiata. FINE SPOILER Mentre agli altri vengono destinate normali – e ben poco sanguinose – uccisioni ‘di taglio’ (con un coltello che non è certo quello di Rambo peraltro …), questo è l’unico momento in cui Pavia mostra quanto crudele potrebbe essere la sua visione orrorifica – un breve scorcio che non può però far dimenticare la totalità del suo incubo disincantato. A onore del vero, uno dei pochi punti di forza della pellicola è che si evita un finale oltremodo telefonato. Senza dire molto altro, il film sembra voler sottolineare, in modo palese o occulto, che è poco saggio rivelare le vostre informazioni personali anche dopo un innocuo incidente d’auto, e che se lo fai, sei responsabile di quello che potrebbe potenzialmente accadere.

L’ex bambina prodigio Makenzie Vega potrebbe diventare una futura stella del genere – nonostante debba qui fare i conti con performance di supporto ben poco ispirate -, ma non può elevare Fender Bender al di sopra del nulla fatto a slasher che abbiamo già visto un trilione di volte in passato (per dirne uno di non troppo tempo fa, Most Likely To Die). Come detto in apertura, è facile fare un film (slasher) – ma per farne uno buono ci vogliono abilità, tempo e istinto omicida. Se l’ambizione è chiaramente presente, questa finisce per essere solamente un’altra tacca sulla cintura per le punizioni di ogni fan dell’horror. Si arriva fino alla fine (dura 87′ scarsi), ma non c’è molto che varrà la pena di ricordare, o peggio, di cui aver paura, una volta che la bandiera a scacchi sventola sul traguardo.

Di seguito il trailer ufficiale di Fender Bender:

Horror & Thriller

Trailer e data di debutto per Eli Roth’s History of Horror, serie limitata che fa il punto sul genere

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista ha deciso di intervistare gli esponenti più importanti del settore - tra cui Stephen King, Quentin Tarantino, Jordan Peele, Jason Blum e Robert Englund - per capire l'importanza dei film del terrore e la loro influenza sulla società nei decenni

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer di I’ll Take Your Dead, i cadaveri cercano vendetta sui membri di una banda criminale

di
Redazione Il Cineocchio

Il canadese Chad Archibald torna sulle scene con un revenge thriller che sfocia nell'horror puro, scritto dal fidato Jayme LaForest

Leggi
Horror & Thriller

Il full trailer di Channel Zero: The Dream Door apre una porta verso l’orrore puro

di
Redazione Il Cineocchio

Lo showrunner Nick Antosca ha trovato un nuovo raccapricciante racconto creepypasta a cui attingere per i nuovi episodi della quarta stagione della sua serie antologica horror, nei quali troveremo anche Barbara Crampton

Leggi
Horror & Thriller

Nel trailer red band di Disposition, psicofarmaci e depressione portano a terribili visioni di morte

di
Redazione Il Cineocchio

Sara Malakul Lane è la tormentata protagonista del thriller che segna il ritorno dietro alla mdp di Eric Thirteen dopo 12 anni

Leggi
Horror & Thriller

Intervista esclusiva | Walter Fasano su Suspiria (2018): “Prima versione di quasi 4 ore; tagliato un personaggio”

di
Alessandro Gamma

Abbiamo parlato con il montatore di fiducia di Luca Guadagnino, che ci ha rivelato alcune delle sequenze eliminate dal film, del suo approccio al remake e delle sue esperienze precedenti al fianco di Dario Argento

Leggi
Horror & Thriller

Recensione | I Think We’re Alone Now di Reed Morano

di
William Maga

Peter Dinklage ed Elle Fanning si aggirano solitari in un mondo apparentemente deserto in dramma post-apocalittico dove ordine e caos collidono

Leggi
Horror & Thriller

Recensione Venezia 75 | Suspiria di Luca Guadagnino

di
William Maga

Il regista siciliano fa proprio il classico di Dario Argento del 1977, immergendolo in un contesto storico estremamente significativo e rielaborandone l'estetica e i temi, per un risultato complesso e ambizioso

Leggi
Horror & Thriller

Ne trailer di CarousHELL, l’unicorno di una giostra si anima e inizia una strage

di
Redazione Il Cineocchio

Il regista Steve Rudzinski gioca la carta dell'horror demenziale per il suo ritorno sulle scene

Leggi
Titolo Data Regista

Ghost Stories - (Limited Edition) (Blu-Ray+Booklet)

07/09

Jeremy Dyson, Andy Nyman

L'Isola Dei Cani (Blu-Ray)

13/09

Wes Anderson

The Strangers - Prey At Night (Blu-Ray)

13/09

Johannes Roberts

Ready Player One (Blu-Ray)

13/09

Steven Spielberg

La Truffa Dei Logan (Blu-Ray)

13/09

Steven Soderbergh

Manhunt (Blu-Ray)

20/09

John Woo

The Carpenter'S House (Dvd)

21/09

Brace Beltempo

Creepy Tales Of Pizza And Gore (Dvd)

21/09

Lorenzo Fassina

Mad In Italy (Dvd)

21/09

Paolo Fazzini

Milza Man (Dvd)

21/09

Vincenzo Campisi, Antonio Vezzari, Arturo Volpes